Iscriviti alla nostra newsletter

BLOG

Vita, morte e miracoli del passaporto - IV

Caratteristiche e curiosità di un documento imprescindibile per ogni viaggiatore
10 Maggio 2022

...segue

 

Avveniristica una caratteristica dei passaporti norvegesi, dal look molto minimalista, disegni color pastello di sottofondo diversi in ogni pagina e lo stemma nazionale dorato nella copertina, non a caso concepito nel 2020 da una società di design: se illuminati da una luce ultravioletta, riproducono tra le pagine un'aurora boreale. Anche quello canadese sotto la stessa luce rivela immagini nascoste quali la classica foglia d'acero, un galeone in mare, i fuochi d'artificio su Ottawa e le immancabili cascate del Niagara. Pure il recentissimo nuovo passaporto del Belgio (emesso a partire dal 7 febbraio 2022) nasconde figure rivelabili solo con una luce UV: si tratta di personaggi dei fumetti, vere icone nazionali quali Tin Tin, i Puffi e Lucky Luke. La stessa cosa l'hanno fatta gli Australiani sul loro documento di viaggio, sul quale si possono rivelare immagini di canguri in varie pose. Meno tecnologico ma molto simpatico il passaporto finlandese che riporta nelle proprie pagine un alce: se si sfoglia il passaporto – come si faceva da piccoli per ricreare delle piccole scene animate – l'animale sembra camminare. Identica animazione “old style” per il passaporto della Slovenia, scorrendo le cui pagine appare un cavallo che galoppa con in groppa un fantino, omaggio ai noti cavalli bianchi lipizzani, da sempre campioni di equitazione.

 

(foto pixabay)

 

I passaporti si differenziano tra di loro non solo per le caratteristiche fisiche ma anche e soprattutto per la loro “potenza”, determinato dal numero di paesi che consentono l'ingresso al detentore senza richiedere un visto. In base ad accordi bilaterali, ma più spesso unilaterali (non sempre uno stato che accoglie sul proprio suolo i cittadini di un altro stato riceve lo stesso trattamento di ritorno), ogni paese ha una lista di paesi che accolgono i suoi cittadini e una lista di paesi che li accolgono solo dietro rilascio di visto. In alcuni rari casi, vi sono paesi che non accettano a prescindere cittadini di specifiche nazioni: è il caso di IranLibano Kuwait che rifiutano l'ingresso agli Israeliani e, per estensione, a tutti quelli che riportano sul passaporto un timbro di ingresso in Israele, anche se già da tempo le autorità doganali della Terra Santa mettono i loro timbri su un foglio a parte, in modo che ciò non costituisca un limite alla possibilità di viaggiare dei propri visitatori. Attenzione però perché i più ligi controllano se c'è un timbro in uscita da determinati punti di confine terrestri con l'Egitto o la Giordania. Quindi, per evitare questo tipo di sorprese, meglio andare in Israele direttamente in volo e rientrare allo stesso modo. Oppure, è possibile avere due passaporti, uno con i timbri israeliani e l'altro senza. Più o meno è la logica che ho sfruttato quando mi sono recato in Nagorno-Karabakh – un territorio dichiaratosi indipendente dal vicino Azerbaijan - col cui timbro non sarei potuto entrare in seguito nel paese azero: mi feci apporre ugualmente il “prezioso” timbro, tanto il mio passaporto dell'epoca stava per scadere naturalmente a breve, quindi avrei comunque potuto andare in Azerbaijan con quello nuovo.

 

(foto pixabay)

 

Più permissiva la politica cubana di non apporre, dietro richiesta, i timbri sul passaporto, cosa che può essere utile agli Statunitensi visto l'embargo tuttora vigente nei confronti dell'isola caraibica. In Cina si rifiutano di considerare validi i passaporti di Taiwan, che considerano territorio loro, e quindi chi da questa isola necessita di recarsi nella Cina Popolare deve avere un altro documento specifico. Non molto diverso il trattamento riservato agli abitanti di Hong Kong, che fu colonia britannica per un secolo ed è rientrata all'interno dei confini cinesi nel 1997. Molti abitanti dell'ex-colonia dispongono solo del vecchio passaporto britannico che la Cina non considera valido, quindi distribuisce “permessi di rientro a casa” a coloro che, dopo essersi recati nella Cina continentale, intendono tornare a Hong Kong.

 

continua...

 

Vita, morte e miracoli del passaporto - I

Vita, morte e miracoli del passaporto - II

Vita, morte e miracoli del passaporto - III

Tour che potrebbero interessarti

CROCIERA-SPEDIZIONE: ISOLE FALKLAND, SOUTH GEORGIA E ANTARTIDE

A PARTIRE DA

€ 11000.00

Gruppi con Guida locale
Dettagli
ETIOPIA STORICA: ALTRO NORD

A PARTIRE DA

€ 2100.00

Gruppi con Guida locale
Dettagli
PERÙ: SULLE TRACCE DEGLI INCAS

A PARTIRE DA

€ 2800.00

Idee per Viaggi su Misura
Dettagli
CANADA: NATURA MERAVIGLIOSA DEL QUEBEC

A PARTIRE DA

€ 3500.00

Idee per Viaggi su Misura
Dettagli

Altri Articoli

Explore