menu

HOME

PORTOGALLO
Il Museo delle Carrozze di Lisbona
Pillole di viaggio
Veduta d'insieme del Museo delle Carrozze di Lisbona - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
16 Novembre 2019

Il Museo delle Carrozze di Lisbona

Uno dei tanti luoghi d'interesse che offre la città di Lisbona, alla quale potreste dedicare un viaggio dedicato oppure una sosta se vi fate scalo – ad esempio – se proseguite per le Azzorre, è il Museo delle Carrozze, situato nel quartiere di Belem. Recentemente trasferito dalla vecchia sede, ormai troppo piccola e poco adatta ad accogliere frotte di visitatori, il museo ora è a poche centinaia di metri dal sito precedentemente utilizzato, in una struttura moderna non solo molto più spaziosa ma anche in grado di offrire ai visitatori un'esperienza più completa, con tanto di audiovisivi. Veduta d'insieme del Museo delle Carrozze di Lisbona - Archivio Fotografico Pianeta Gaia La collezione prese corpo nel 1905, quando la r

  Leggi ►
ESTONIA - LATVIA
Repubbliche Baltiche - II
Diari di Viaggio
Il sacerdote ortodosso benedice l'acqua del lago il giorno precedente alla Trasfigurazione, Obinitsa
09 Novembre 2019

Repubbliche Baltiche - II

segue... 5° giornoSolita colazione abbondante in hotel dove incontriamo pure una nostra concittadina di passaggio tra più stage presso ospedali ed università, prendiamo l’auto per recarci al Museo dell’Automobile, Rīgas Motormuzejs, situato nella periferia nord-est vicino ad una foresta nella quale è stato costruito un circuito con più destinazioni d’uso, dimostrazioni di novità, piccole gare in pista, test e rally. Il museo è una vera perla, sia per auto e moto esposte, sia per la parte multimediale che regala vere chicche, come mostrarsi in parata sull’auto cabrio che fu di Nikita Chruščëv (e poter inviare quella foto via mail direttamente dallo strumento che gestisce il tutto), oppure visionare ogni

  Leggi ►
UGANDA
Gli scimpanzé del Kibale National Park - II
Pillole di viaggio
Uno scimpanzé mentre si riposa su un ramo - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
02 Novembre 2019

Gli scimpanzé del Kibale National Park - II

 segue... Per inoltrarsi nella foresta per vedere gli scimpanzé è caldamente consigliato essere abbigliati in maniera adeguata contro la pioggia, preferibilmente dotati anche di ghette o calzettoni lunghi coi quali ricoprire la parte finale dei pantaloni - rigorosamente non corti - per impedire alle onnipresenti e tutt'altro che docili formiche (come ho avuto modo di verificare per aver inavvertitamente sostato sopra un loro "sentiero") di infilarsi sotto i vestiti. L'incontro con gli animali, nel mio caso, è avvenuto piuttosto velocemente: sono bastate poche decine di minuti di passeggiata nella foresta - sotto la guida dei trackers - per trovare un gruppo di primati che si stava nutrendo in cima agli alberi. La vista non era delle mig

  Leggi ►
LATVIA - LITUANIA
Repubbliche Baltiche - I
Diari di Viaggio
Collina delle Croci, Siauliai
26 Ottobre 2019

Repubbliche Baltiche - I

1° giornoPartiamo da Bologna a bordo di una storica Peugeot 106 con cui abbiamo a suo tempo girammo in lungo e largo i Balcani destinazione Orio al Serio, che raggiungiamo con un’escursione fuori A22 causa coda per incidente. Lasciamo la fida auto in un parcheggio a 2 km dall’aeroporto dove siamo sbarcati velocemente. Il volo Wizz Air per Vilnius è un’alternativa leggermente più economica di Ryanair e ha pure un orario di partenza migliore, la coda per imbarcare il bagaglio non è proprio corta, ma abbiamo tempo e non è un problema. Veloci le pratiche di controllo e ingresso al gate, volo puntuale, devo dire che Wizz ha un servizio migliore di Ryanair, poltrone meno rigide, reticella per depositare oggetti e non fung

  Leggi ►
CANADA - STATI UNITI (USA)
Stati Uniti e Canada, di Barbara e Gianluca
Gli Sposi Raccontano
Lo skyline di Boston
19 Ottobre 2019

Stati Uniti e Canada, di Barbara e Gianluca

L’anno scorso eravamo stati a New York per una vacanza e quest’anno, in occasione del nostro matrimonio, abbiamo scelto di tornare negli Stati Uniti. Boston è stata la prima tappa del viaggio ed è la città nella quale prima o poi andremo a vivere, almeno speriamo... Lo skyline di Boston La bellezza delle prime case coloniali della fine del XVI secolo che si incontrano percorrendo il Freedom Trail, un percorso tracciato in terra che permette di visitare il centro cittadino praticamente senza neppure dover utilizzare una mappa, unita alla gentilezza dei cittadini ci ha subito trasportato all’interno di un mondo incredibile. Se non fossimo stati assolutamente certi di trovarci in una città reale sarebbe stat

  Leggi ►
UGANDA
Gli scimpanzé del Kibale National Park - I
Pillole di viaggio
Un maschio adulto di scimpanzé a terra, tra le foglie - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
12 Ottobre 2019

Gli scimpanzé del Kibale National Park - I

L'Uganda è il paese migliore in cui vedere da vicino i grandi primati, non solo i famosi gorilla di montagna ma anche gli scimpanzé, incontrabili in quattro diversi parchi del paese africano: il Kibale National Park, nella Kyambura Gorge all'interno del Queen Elizabeth National Park, presso la Rabongo and Kaniyo Pibidi Forest non lontano dal Murchison Falls National Park e nella Kalinzu Forest. Io li ho ammirati presso il Kibale National  Park che, con i suoi 766 kmq di area protetta, è il sito che accoglie la maggior parte dei visitatori che cercano il contatto con l'animale più simile all'uomo. Un maschio adulto di scimpanzé a terra, tra le foglie - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Il parco è ricoperto da una fitta

  Leggi ►
LESOTHO - SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - VII
Diari di Viaggio
La spiaggia di Paternoster, Sud Africa
05 Ottobre 2019

Sudafrica e stati annessi - VII

segue...  31° giornoVento, vento e vento, prepararci la colazione è impossibile, sistemiamo le tende e prendiamo per Paternoster, uscendo dalla riserva paghiamo il biglietto che all’andata non ci avevano chiesto perché ridotto per chi passa qui la notte. In paese, che notiamo in grande espansione ma con costruzioni sempre identiche alle originali tutte bianche, facciamo colazione al Timeless Caffee e pianifichiamo le visite al promontorio. Tagliamo la montagna in direzione di Stompneus Bay con bella vista dal passo, il paese però ha accesso al mare solo all’interno di quartieri privati, così andiamo verso St. Helena Bay, situazione analoga e se serve chiarire solo indicazioni in afrikaans, a quel punto puntiamo a sud passando Saldanha (

  Leggi ►
RUSSIA
Il Lago Bajkal
Pillole di viaggio
Una veduta dall'alto della Roccia dello Sciamano - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
28 Settembre 2019

Il Lago Bajkal

Il lago Bajkal è un autentico colosso: con una superficie di 31.722 kilometri quadrati (quinto al mondo), una lunghezza di 636 kilometri (inferiore solo al lago Tanganica), una larghezza massima di 79 kilometri (e media di 48) e una profondità massima di 1.642 metri (media di 744) è il più profondo in assoluto nonché quello con il volume d’acqua maggiore, al punto da detenere da solo circa il 20% delle acque dolci del pianeta. Le sue dimensioni da primato sono dovute al fatto che si trova in una fossa tettonica molto profonda: se si calcola che la sua superficie è posizionata a circa 450 metri di altitudine, il fondo del lago è a circa 1200 metri sotto al livello del mare. Riceve qualcosa come 336 immissari ma ha un solo emissario, l&r

  Leggi ►
LESOTHO - SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - VI
Diari di Viaggio
Strada nell'area di Qiloane, Lesotho
21 Settembre 2019

Sudafrica e stati annessi - VI

...segue  26° giornoCi prepariamo la colazione in cucina, roba da lusso per noi, dopo una nottata di lotta con le zanzare. Fa caldo sull’altipiano, partiamo subito immettendoci sull’A1 verso la capitale, Maseru, con un traffico da giorni di festa. La città, alquanto disordinata, sorge metà verso la collina e l’altra parte verso sud da dove si dipanano le poche strade di questo piccolo e montuoso stato. Prendiamo la strada interna ora asfaltata per Thaba-Bosiu, montagna simbolo della nazione che nei paraggi ha alcune scenari tra i più affascinanti. Passato appunto la piatta montagna lungo vie sterrate, si accede ad alcuni minuscoli villaggi tra i quali Qiloane, e proprio lì si annidano alcune montagne sculture uniche, una delle qua

  Leggi ►
RUSSIA
La metropolitana di Mosca
Pillole di viaggio
La barocca stazione Komsomol'skaja - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
14 Settembre 2019

La metropolitana di Mosca

Costruita nel 1935, è costituita da 14 linee a scartamento ridotto per una lunghezza totale di 379 kilometri costellati da 222 stazioni, che si prevede che siano portare a 257 entro il 2023. Trasporta più di 3 miliardi di passeggeri all’anno (con una media di circa 8,8 milioni al giorno), quinta metropolitana più frequentata al mondo dopo quelle delle megalopoli asiatiche. Apre alle 5:00 di mattina e propone treni ogni 2 minuti, che scendono ad appena 40 secondi negli orari di punta. La barocca stazione Komsomol'skaja Striature bianche su ghiaccio nero - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Ma non sono questi numeri a renderla unica. Ciò che la differenzia da tutte le altre è la bellezza che ne caratterizza molte stazioni, 44 delle q

  Leggi ►
LESOTHO - SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - V
Diari di Viaggio
Attraversamento di elefanti al Kruger National Park
07 Settembre 2019

Sudafrica e stati annessi - V

...segue  21° giornoCi svegliamo poco prima dell’alba ma siamo tra gli ultimi, ripieghiamo le tende sul tetto del pick-up e partiamo appena aprono i cancelli per avvistare gli animali nelle prime ore di luce quando dovrebbe essere più facile incontrarli. Prendiamo la H1-2 asfaltata ma non per questo vuota da animali, anzi, rinoceronti ed elefanti paiono felici di mettersi in mostra su queste vie e interrompere il flusso di auto. Un gruppo numerosissimo di elefanti fa impressione, una guida a fianco ci dice di indietreggiare perché secondo lui non sono così tranquilli, ma tutto va per il meglio, prima della deviazione per l’Orpen Dam abbiamo un incontro ravvicinato con una coppia di leoni, ovviamente in totale relax. In questi casi è fac

  Leggi ►
GIAPPONE
Cucina, giardini e manga: il Giappone di Ilaria e Giuseppe - IV
Gli Sposi Raccontano
Gardens by the Bay, Singapore - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
31 Agosto 2019

Cucina, giardini e manga: il Giappone di Ilaria e Giuseppe - IV

... segue Infine, non poteva mancare uno dei luoghi più conosciuti e fotografati dell’intero Giappone: il tempio Fushimi Inari e i suoi numerosissimi torii rossi, che corrono per tutto il versante della montagna. La fermata di treno più comoda per arrivarci è sicuramente Inari: appena scesi troverete ad accogliervi un portale enorme. Oltre il santuario iniziano i sentieri costellati da torii rossi. Sono davvero incantevoli, ma anche molto affollati. La lunga fila di torii rossi che ha reso famoso il tempio di Fushimi Inari Se volete godervi un po’ di tranquillità e silenzio vi conviene recarvici in orari adeguati (mattina presto e sera). Per cena abbiamo voluto provare un locale nel quartiere più vivo della c

  Leggi ►
SUDAFRICA - SWAZILAND
Sudafrica e stati annessi - IV
Diari di Viaggio
Paesaggio nella Malolotja National Reserve, Swaziland
24 Agosto 2019

Sudafrica e stati annessi - IV

...segue 16° giornoÈ la prima mattina che ci si sveglia già accaldati, il clima variabile di qualche giorno fa è un lontano ricordo, come ci accennano anche alcuni sudafricani di rientro dal limitrofo Mozambico, solo sole e caldo, tanto caldo. Terminata colazione decidiamo di vedere come sia la vicinissima laguna di Kosy Bay ed appena arriviamo al bordo dell’acqua prendiamo contatto con Ray, una guida che con la sua imbarcazione porta in escursione tra i canali e le lagune. Accettiamo immediatamente questa possibilità di escursione in zona e partiamo nel giro di breve, la barca è dotata di tetto, anche se precario, che ripara da un sole cocente, siamo a bordo con una famiglia italo-sudafricana bianca e una orgogliosamente nera di Soweto, un

  Leggi ►
GIAPPONE
Cucina, giardini e manga: il Giappone di Ilaria e Giuseppe - III
Gli Sposi Raccontano
Il Padiglione d'Oro di Kyoto - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
17 Agosto 2019

Cucina, giardini e manga: il Giappone di Ilaria e Giuseppe - III

... segueHIROSHIMAArrivati a Hiroshima in serata, abbiamo voluto provare uno dei piatti più popolari della città, gli okonomyaki in un locale vicino alla stazione. Hiroshima è una città che ci ha sorpreso e che abbiamo apprezzato molto. Prima di tutto il Museo della Pace è assolutamente da visitare, perché è ben strutturato e molto toccante. Si trova su un’isola al centro del fiume che attraversa la città ed è in prossimità del luogo dove è stata lanciata la bomba nucleare. Il prezzo del biglietto del museo è simbolico e al suo interno il museo è strutturato in diverse mostre e sezioni, tutte davvero molto interessanti. All’esterno si possono ammirare alcuni memoriali ai caduti e la strut

  Leggi ►
SUD SUDAN
Sudafrica e stati annessi - III
Diari di Viaggio
Rinoceronti all'iMfolozi Game Reserve
10 Agosto 2019

Sudafrica e stati annessi - III

...segue 11° giorno La pioggia non intende smettere, la notte è un continuo e così la mattina, riposizioniamo le tende sul tetto e partiamo per trovare colazione in un locale della cittadina, pochi avventori in questa mattinata natalizia, tra quelli uno elegantissimo in procinto di entrare in chiesa ma che prima si lava diligentemente le mani in una pozzanghera. Abbiamo nuovamente una gomma bucata, anche questa volta riusciamo ad arrivare da un gommista senza doverla sostituire, per il gommista la festività non esiste, anzi ha più lavoro del solito ma capendo che siamo di passaggio si adopera immediatamente per una cifra talmente bassa che vien da chiederci se abbiamo capito bene, utilizzando il solito metodo del punteruolo. Prendiamo la R61 che se

  Leggi ►
GIAPPONE
Cucina, giardini e manga: il Giappone di Ilaria e Giuseppe - II
Gli Sposi Raccontano
Un tempio di Nikko
03 Agosto 2019

Cucina, giardini e manga: il Giappone di Ilaria e Giuseppe - II

... segue  NIKKOMentre eravamo a Tokyo abbiamo deciso di fare una breve escursione a Nikko, i cui santuari fanno parte del patrimonio dell’umanità. Arrivati in mattinata a Nikko abbiamo visitato la zona centrale dei santuari, meravigliandoci della natura che li circonda. La visita è iniziata con il santuario shintoista Nikko Toshogu, dedicato a Tokugawa Ieyasu, il fondatore dello shogunato Tokugawa, ultimo shogunato del Giappone, e patrimonio dell'umanità dell’UNESCO, e il santuario Futarasan. Abbiamo poi avuto modo di vedere il tempio Rinnoji, il più importante di Nikko, fondato da Shodo Shonin nell’ottavo secolo. Abbiamo fatto una bella passeggiata nel bosco che circonda il santuario e siamo scesi a piedi la collina per tornare

  Leggi ►
Vite al Circolo: Ekaterina, una Nenet in fuga dalla tundra - II
Pillole di viaggio
Montare una tenda sotto la neve è uno dei compiti di una donna Nenet - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
27 Luglio 2019

Vite al Circolo: Ekaterina, una Nenet in fuga dalla tundra - II

... segue La vita di Ekaterina andò avanti così per tutta la scuola dell'obbligo, con le vacanze estive che – benché significasse poter rivedere i suoi cari – sperava terminassero il prima possibile. Quando era a scuola le piaceva la moda, creare dei vestiti per sé o per le sue bambole, riusciva anche a venderne qualcuno. Ma quando giungeva l'estate doveva tornare dai suoi, a occuparsi delle renne e a vivere in una tenda. Le sembrava di condurre due vite diverse. Finita la nona classe, alla soglia dei 13 anni, avrebbe dovuto tornare definitivamente presso la famiglia e, presumibilmente, condurre una vita come quella di sua madre, nomade al seguito di una mandria di renne nella tundra siberiana. Sua zia aveva già chiesto a sua madr

  Leggi ►
GIAPPONE
Cucina, giardini e manga: il Giappone di Ilaria e Giuseppe - I
Gli Sposi Raccontano
Lo Chiyoda Skyline visto dal Palazzo Imperiale, Tokyo
20 Luglio 2019

Cucina, giardini e manga: il Giappone di Ilaria e Giuseppe - I

Dopo anni di attesa, finalmente abbiamo potuto coronare il nostro sogno di andare in Giappone. Sognato e desiderato da sempre, il viaggio non ci ha assolutamente deluso. Abbiamo avuto modo di vedere grandi metropoli e cittadine di campagna, di assaggiare la cucina tradizionale giapponese, degustare sake e goderci la calma di una tradizionale sala da tè. Il nostro itinerario, 11 giorni complessivi in Giappone, ha seguito queste tappe: Tokyo, Nikko, Takayama, Shirakawa-go, Kanazawa, Hiroshima e Kyoto. Ci sarebbe stato ancora moltissimo da visitare, ma terremo il resto per la prossima volta! Lo Chiyoda Skyline visto dal Palazzo Imperiale, Tokyo TOKYOAtterrati in Giappone, tramite bus ci siamo diretti al nostro hotel di Tokyo, che si trovava sopra la fermata di metro Shim

  Leggi ►
SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - II
Diari di Viaggio
Uno dei ponti sospesi dello Tsitsikamma National Park
13 Luglio 2019

Sudafrica e stati annessi - II

... segue 6° giorno Quando la despertadora ci richiama ai nostri compiti, verifichiamo come la tenda abbia retto perfettamente alla pioggia, tentiamo di prepararci una rapida colazione usando proprio lo spazio coperto che lasciano le 2 tende come riparo, la buona notizia arriva dal cielo, lungo la M2 per Mossel Bay il clima torna ottimo e possiamo visitarci la cittadina che dista 9 km dalla via principale in tutta tranquillità. L’attrattiva principe del posto è il Diaz Museum Complex, insieme di più luoghi e strutture interamente dedicate all’esploratore portoghese e alla sua impresa di primo uomo a circumnavigare il Capo di Buona Speranza. Si visitano musei, sorgenti d’acqua (di primaria importanza stivarla per i lunghi periodi in mare

  Leggi ►
RUSSIA
Vite al Circolo: Ekaterina, una Nenet in fuga dalla tundra - I
Curiosità
Un accampamento Nenet la tramonto - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
06 Luglio 2019

Vite al Circolo: Ekaterina, una Nenet in fuga dalla tundra - I

Ekaterina è una cantante di etnia Nenet, che ho conosciuto a Salehard, la cui vita sembra un romanzo.È nata anni fa (non si dice l'età delle signore) in una chum, una tenda ricoperta di pelli di renna, nella tundra nei pressi di Bovanenkovo. Cercatelo questo posto, se ne avete voglia, su Google Maps. Si trova nel cuore dello Yamal, la grande penisola oltre il Circolo Polare Artico russo. Una landa fredda, inospitale, senza strade, dove d'inverno il termometro scende regolarmente sotto i -30° e solo gente dura come gli allevatori di renne riescono a sopravvivere. Non sempre. Purtroppo sua sorella maggiore, sballottata tra una migrazione e l'altra alle rigide temperature siberiane e con una madre che aveva troppo cose di cui occuparsi per prestare molte c

  Leggi ►
arrow_drop_up
arrow_drop_up