Segui il nostro Magazine via mail

Inserisci il tuo indrizzo email per seguire questo blog e ricevere notifice dei nuovi articoli per e-mail

BLOG

Gli scimpanzé del Kibale National Park - I

A diretto contatto coi primati più simili a noi
12 Ottobre 2019

 

L'Uganda è il paese migliore in cui vedere da vicino i grandi primati, non solo i famosi gorilla di montagna ma anche gli scimpanzé, incontrabili in quattro diversi parchi del paese africano: il Kibale National Park, nella Kyambura Gorge all'interno del Queen Elizabeth National Park, presso la Rabongo and Kaniyo Pibidi Forest non lontano dal Murchison Falls National Park e nella Kalinzu Forest. Io li ho ammirati presso il Kibale National  Park che, con i suoi 766 kmq di area protetta, è il sito che accoglie la maggior parte dei visitatori che cercano il contatto con l'animale più simile all'uomo.

 

Un maschio adulto di scimpanzé a terra, tra le foglie - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

Il parco è ricoperto da una fitta foresta pluviale, di tanto intanto interrotta da prati e piccole paludi, che si sviluppa a un'altitudine che varia tra i 1100 e i 1590 metri. Il Kibale N.P. ospita anche circa 60 diversi mammiferi, fra cui anche leoni, leopardi, elefanti e ippopotami che però sono difficili da vedere, quindi a farla da padrone sono i primati, presenti con 13 specie tra cui il colobo, la scimmia blu, il babbuino e altre.

 

Turisti a contatto visivo con uno scimpanzé a terra - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

Il contatto con gli scimpanzé è organizzato dalle guide del parco attraverso due escursioni, una al mattino che parte alle 8:00 e una pomeridiana prevista per le 14:00. La certezza di imbattersi in un gruppo di scimpanzé non è garantita ma comunque molto probabile, visto che la media di avvistamenti del parco è superiore al 90%. Alcuni gruppi sono molto abituati ai turisti e si lasciano avvicinare fino a 8/10 metri di distanza quando sono a terra, cosa che di norma avviene quando nutrono i piccoli oppure cacciano.  Per incontrare un gruppo possono essere necessarie anche tre ore di tempo, a seconda di dove gli animali si sono spostati, ma di norma ce ne vuole meno perché il parco dispone di "trackers" che tengono sempre monitorati i gruppi. Per evitare di stressare gli animali, ai turisti è consentito rimanere nei pressi di un gruppo al massimo per un'ora, comunque un tempo più che sufficiente per ammirarli nel loro contesto naturale.

 

Uno scimpanzé tra gli alberi, mentre si nutre di frutta - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

I permessi per queste visite non sono economici, nonostante l'Uganda sia il paese il paese con i prezzi più bassi per vedere i primati: 150$ a testa (a gennaio 2019). I permessi andrebbero prenotati con almeno 72 ore di anticipo, anche se devo ammettere che io mi sono presentato senza prenotazione, trovando tutti i posti già venduti. Dopo un po' di insistenza, il personale del parco mi ha incluso in un gruppo ma vi consiglio di essere più previdenti del sottoscritto. Per gli incontentabili esiste anche la possibilità di unirsi a una "habituation experience", che in pratica permette di trascorrere una giornata assieme ai ricercatori che cercano di abituare alla presenza umana un gruppo non abituato, operazione che può richiedere uno o due anni di tempo. In questo caso la tariffa è di 220$ a partecipante.

 

continua...

 

Tour che potrebbero interessarti

UGANDA, SCALATA AI MONTI RWENZORI (VIA KILEMBE)

27-12-2020

A PARTIRE DA

€ 2500.00

Viaggi su Misura
Dettagli
UGANDA: SAFARI PANORAMA

A PARTIRE DA

€ 3000.00

Viaggi di gruppo
Dettagli

Explore