Segui il nostro Magazine via mail

Inserisci il tuo indrizzo email per seguire questo blog e ricevere notifice dei nuovi articoli per e-mail

BLOG

La Baia di Ha Long

Un luogo imperdibile nel Vietnam
29 Maggio 2015

 

La baia di Ha Long è uno dei siti imperdibili che non possono mancare in qualsiasi itinerario che comprenda il Vietnam. Riconosciuto fin dal 1994 nella lista dei patrimoni dell’umanità stilato dall’UNESCO e secondo alcuni enti una delle Sette Meraviglie della Natura, è una tipologia di paesaggio che non ha eguali al mondo. Qualcosa di simile lo si trova solamente in Cina, nell’area del fiume Li che però è un paesaggio terrestre oppure, ma in maniera molto meno diffusa, in certi arcipelaghi della Thailandia.

 

Veduta di un angolo della baia di Ha Long in una giornata di sole

 

Si tratta, infatti, di un’incredibile numero di isole calcaree, poco meno di 2000, in una baia relativamente piccola. Strette, alte, a volte niente di più di isolati e verticali scogli abitabili solo dalla lussureggiante vegetazione che prospera nel clima umido della baia o da uccelli marini, altre volte più grandi e abitate oppure dotate di stupende spiagge. Molte di queste isole prendono il nome dalla loro forma, come Elefante, Tetto, le Rocce che si baciano e paiono quasi la trasposizione su acqua dei surreali paesaggi di Pandora del film Avatar.

 

Come è consuetudine in Oriente, anche in questo caso c’è una leggenda che spiega questo spettacolare paesaggio: molti anni fa, mentre i vietnamiti lottavano contro i cinesi, gli dei mandarono dei dragoni in soccorso aille genti locali. Queste cominciarono a sputare gioielli che si trasformarono in isoletti e costituirono una muraglia contro gli invasori. Di fatti Ha Long in vietnamita significa “dove il drago scende in mare”. Più prosaicamente si tratta di formazioni geologiche formatesi circa 500 milioni di anni fa e poi circondate dalle acque dell’Oceano Indiano.

 

Le Rocce che si baciano

 

A proposito di guerre, durante la Guerra del Vietnam molti dei canali tra le isole vennero minati dalla marina statunitense, alcuni dei quali sono ancora a rischio e quindi è meglio affidarsi a chi conosce perfettamente l’arcipelago. La zona è abitata da tempo immemore, come dimostrato da reperti di civiltà di diverse migliaia di anni prima di Cristo. In alcune isole vi sono dei villaggi galleggianti di pescatori, ovviamente l’attività principale, che regolarmente si avvicinano alla più grandi imbarcazioni che portano i turisti in crociera per offrire i propri prodotti.

 

Tour che potrebbero interessarti

SPLENDORI DEL LAOS

13-01-2021

A PARTIRE DA

€ 1500.00

Viaggi di gruppo
Dettagli
Vietnam & Cambogia, Scorci Vietnamiti e Il Meglio di Angkor

10-01-2021

A PARTIRE DA

€ 4800.00

National Geographic ExpeditionsViaggi di gruppo
Dettagli

Explore