informazioni di contatto:

scrivi un messaggio:

Volo:Incluso
Prossima partenza: 31-05-2024 vedi tutte
Durata:11 giorni

Quota 2.700 €

DETTAGLI
Volo:Incluso
Prossima partenza:vedi tutte
Durata:11 giorni
DETTAGLI

Quota 2.700 €

RAJASTHAN E VARANASI

Volo:incluso
Durata:11 giorni

Un viaggio classico per visitare tutti i luoghi più importanti e iconici dell'India del Nord. Partendo da Delhi ci sposteremo verso Jaipur nota anche come la Città Rosa,  uno dei centri più affascinanti dell'India del Nord. Proseguiremo verso Fatehpur Sikri, la capitale Moghul abbandonata per mancanza di acqua e arriveremo ad Agra, la città dove si erge il monumento più famoso al mondo dedicato all'amore: il Taj Mahal.
Usciremo dalla regione del Rajasthan e pertiremo in treno verso Khajuraho con i celebri templi dedicati al kamasutra.
Il viaggio si conclude in uno dei luoghi più misitici al mondo: la città sacra di Varanasi dove gli Indù vanno a morire

Punti di forza:

  • Tour completo del nord dell'India comprendente anche Varanasi
  • Agra, Delhi, Jaipur, Khajuraho
  • Guida locale in lingua italiana
  • Tour confermato minimo due partecipanti
  • Possibilità di richiedere il tour su base privata

La quota comprende

  • Voli internazionali compreso 1 bagaglio in stiva (la quota volo stimata da riconfermare al momento della prenotazione)
  • Assicurazione medico, bagaglio e annullamento Top Pianeta Gaia
  • Sistemazione alberghiera in doppia/twin in camera di categoria prescelta
  • Trattamento di mezza pensione e pernottamento
  • Assistenza all'arrivo e partenza in aeroporto dal nostro corrispondente della Ancient India
  • Servizio di un'auto privata con aria condizionata come da programma
  • Servizio della guida accompagnante parlante italiano
  • Salita al Forte Amber di Jaipur con la Jeep
  • Ingressi ai monumenti, musei, ecc..
  • Biglietto treno Agra/Jhansi in Classe Executive
  • Giro in barca sul fiume Gange a Varanasi
  • Hotel come indicati o similari
  • Tutte le tasse governative

La quota non comprende

  • Mance all'autista, guida, ecc.. si considera circa 8$ al giorno per persona 
  • Bevande, spese extra di genere personale
  • Visto turistico India
  • Tutto quanto non espressamente indicato alla voce "La quota comprende"

Quota 2.700 €per persona

Richiedi informazioni
Prossime partenze:
data quota
31-05-2024 Su Richiesta 2700.00
14-06-2024 Su Richiesta 2700.00
28-06-2024 Su Richiesta 2750.00
12-07-2024 Su Richiesta 2750.00
26-07-2024 Su Richiesta 2750.00
02-08-2024 Su Richiesta 2850.00
09-08-2024 Su Richiesta 2850.00
16-08-2024 Su Richiesta 2850.00

ALTRE QUOTE OBBLIGATORIE

  • 60€ QUOTA ISCRIZIONE
  • TASSE AEROPORTUALI (SOGGETTE A VARIAZIONE FINO ALL’EMISSIONE DEI BIGLIETTI)

QUOTE E SUPPLEMENTI FACOLTATIVI

  • €370 SUPPLEMENTO CAMERA SINGOLA
  • €170 SUPPLEMENTO TOUR PRIVATO (2 PAX)
  • ESTENSOINE MASSIMALI MEDICI

MINIMO PARTECIPANTI

  • VIAGGIO CONFERMATO AL RAGGIUNGIMENTO DI MINIMO 2 PARTECIPANTI (MASSIMO 12 PARTECIPANTI)

TERMINI DI PAGAMENTO

  • ACCONTO 30% AL MOMENTO DELLA CONFERMA
  • SALDO ENTRO 45 GIORNI DALLA PARTENZA

Voli

Partenza dai principali aeroporti italini.

Hotel

città hotel n. notti camera trattamento
DELHI Hyatt Centric 1 Deluxe
JAIPUR Ramada by Windham 2 Standard
AGRA Grand Mercure 1 Superior
ORCCHA Amar Mahal 1 Deluxe
KHAJURAHO Ramada Hotel 1 Standard
VARANASI The Pristine 2 Deluxe

Info Paese - INDIA

Qualunque sia la motivazione che vi spinge a partire per l'India, non rimarrete delusi; l'India è un paese che sa venire incontro alle aspettative più diverse appagando i visitatori più esigenti. Ricordate che l'India è "il Paese dell'Anima" e che i vostri occhi devono riuscire a guardare oltre la prima immagine di povertà e sporcizia per avvicinarsi alla religiosità e filosofia di vita tanto diversa dalla nostra.
Un viaggio in India non è comunque un viaggio semplice, a volte è necessario spirito di adattamento, è sicuramente necessario essere aperti ad una cultura e abitudini differenti dalle nostre

L'india è un paese talmente vasto da poter essere quasi considerato un continente; è impossibile poterlo visitare tutto in un solo viaggio, anche perchè gli spostamenti via terra sono spesso molto lenti. Se viaggiate per la prima volta in India vi consigliamo di scegliere una singola regione (il Rajhastan è ideale come primo viaggio); sarà più facile apprezzare tutte le sfumature di questo paese e farsi tentare da altri viaggi come succede a moltissimi viaggiatori

Documenti e visti
E' necessario il passaporto, con validità residua di almeno 6 (sei) mesi, al momento dell’arrivo via terra o, in caso di richiesta di eVisa, dalla data di presentazione della domanda di visto. Per ulteriori informazioni relative alla validità residua richiesta del passaporto si consiglia di informarsi preventivamente presso l’Ambasciata dell’India a Roma o il Consolato Generale dell’India a Milano o presso il proprio Agente di viaggio.

l visto d'ingresso è necessario, per soggiorni di breve periodo (inferiori a 90 giorni), per turismo, per affari e per cure mediche. Il richiedente del visto deve accertarsi che il proprio passaporto abbia almeno sei mesi di validità residua, dalla data di presentazione della domanda di visto, e due pagine bianche. All’arrivo i viaggiatori devono inoltre dimostrare di disporre di un biglietto di ritorno e risorse sufficienti a copertura del soggiorno. Questi tipi di visto di breve durata possono essere rilasciati online (eVisa) facendo richiesta sul sito https://www.indianvisaonline.gov.in. Non è comunque possibile usufruire dell’eVisa per i titolari di passaporto diplomatico,  di servizio o di laissez-passer, né per i giornalisti che intendono recarsi in India per turismo. L'eVisa consente di fare ingresso e reingresso nel Paese esclusivamente per via aerea. Gli aeroporti da cui è consentito l’ingresso sono: Ahmedabad, Amritsar, Bagdogra, Bengalore, Calicut, Chennai, Chandigarh, Cochin, Coimbatore, Delhi, Gaya, Goa, Guwahati, Hyderabad, Jaipur, Kolkata, Lucknow, Mangalore, Mumbai, Nagpur, Pune, Tiruchirapalli, Trivandrum, Varanasi, Cochin, Goa e Mangalore. L’uscita dal Paese può avvenire da ognuno degli Immigration Check Post autorizzati in India.

Importante: chi dall’India si reca in un altro paese (es. Nepal) e deve rientrare in India al termine del soggiorno, deve richiedere un visto doppio. Vi sono zone soggette a permesso speciale (es. gli stati nell’estremo nord est, al confine con Bangladesh e Myanmar, generalmente chiusi agli stranieri; le isole Laccadive, Andamane e Nicobare; Sikkim; Ladakh).
Le norme relative al rilascio dei visti possono variare è quindi importante verificare sempre col consolato o l'ambasciata i tempi e le regole del rilascio.

Viaggi all’estero di minori 
Si fa presente che la normativa sui viaggi all’estero dei minori varia anche in funzione delle disposizioni nazionali dei singoli Paesi. La recente normativa italiana (novembre 2009) prevede l’obbligatorietà del passaporto individuale anche per i minori e la validità temporale è differenziata in base all’età (ferma restando la validità dei passaporti in cui i minori risultino già iscritti). Si consiglia pertanto di assumere informazioni aggiornate presso la propria Questura, nonché presso le Ambasciate o i Consolati del Paese accreditati in Italia e/o il proprio agente di viaggio.

Vaccinazioni e medicinali
Nessuna vaccinazione obbligatoria. Si consiglia di munirsi di medicinali contro eventuali infezioni intestinali e contro infreddature derivanti da sbalzi di temperatura tra l’esterno e l’interno (aria condizionata in auto e in hotel), di repellenti contro le zanzare e di medicinali personali. Segnaliamo che l’elevata altitudine per i viaggi in Ladakh, Nepal e Bhutan può comportare l’insorgenza del mal di montagna.

Fuso orario
Quando in Italia è in vigore l’ora solare, l’India è 4 ore 30 minuti avanti (con l’ora legale la differenza è di 3 ore 30 minuti).

Corrente elettrica
Viene erogata a 220-240 volt. Le prese sono circolari tripolari. È consigliato un adattatore universale.

Valuta
In India la valuta nazionale è la rupia. Euro e dollari vengono comunemente cambiati nelle banche e negli hotel. Le maggiori carte di credito sono accettate quasi ovunque. I bancomat si trovano invece solo nelle grandi città e comunque non sono molto diffusi.

Lingua
Non esiste un’unica lingua indiana: 22 sono le lingue ufficiali e quasi 1.000 i dialetti… La lingua del paese diviene così l’inglese, usato in tutto quanto è di interesse pubblico. L’hindi viene parlato principalmente nel nord del paese.

Voli interni
Ivoli interni sono operati sia dalla Air India che da altre compagnie private quali Jetairways. Questi voli possono a volte subire ritardi o sospensioni, senza preavviso rendendo quindi necessaria una variazione del programma originale, non imputabile all'organizzatore che provvederà, tramite il corrispondente locale a riorganizzare nel modo migliore il tour.  Gli orari dei voli interni sono indicativi e possono essere modificati.
IMPORTANTE: alcune compagnie private che operano le tratte interne accettano bagagli in stiva sino a 15 Kg e non 20. Al momento dell'imbarco può quindi essere richiesto il pagamento di un extra bagaglio se il peso è superiore ai 15 Kg

Clima e abbigliamento
In India esistono fondamentalmente tre stagioni.

  • La stagione calda (fine aprile/maggio/giugno): le temperature che possono salire fino a 40° ed oltre.
  • La stagione umida o dei monsoni (giugno/settembre): ha inizio dalle regioni sud occidentali (Laccadive, Kerala) e per l’inizio di luglio raggiunge l’intero paese, con intensità variabile (es. Rajasthan parte desertica), ad eccezione del Ladakh; una seconda scarica d’acqua si ha sul Tamil Nadu e sul Kerala a novembre e all’inizio di dicembre.
  • La stagione fresca (ottobre/ marzo): il clima è piacevole in tutto il Paese, nel  Nord del Paese (Rajasthan, Delhi …) l’escursione termica è abbastanza elevate e la sera le temperature possono raggiungere a 5/6 c°; durante il giorno se non vi è il sole le temperature possono rimanere intorno ai 12/15°, è bene quindi viaggiare con dei pile comodi e caldi. Nelle regioni ai piedi dell’Himalaya la temperatura si fa decisamente fredda; sull’Himalaya l’aria è limpida e al mattino sono ben visibili le montagne; all’estremo sud la temperatura diventa gradevolmente tiepida per poi lasciare il passo, verso fine febbraio, di nuovo alla stagione calda. Nei mesi di dicembre/gennaio è consigliato qualche capo più pesante se si viaggia nell’India del Nord (Rajasthan/Varanasi).

Per l’abbigliamento è da preferire la praticità piuttosto che l’eleganza. Da ricordare, inoltre, che nei templi si entra con un abbigliamento consono al luogo (gambe e braccia coperte) e senza scarpe (possono essere utili dei calzini in cotone). Nell’India del nord si consiglia un abbigliamento leggero in estate e da mezza stagione in inverno. Nelle zone desertiche l’escursione termica fra il giorno e la notte può essere notevole. Nell’India del sud, dove fa caldo tutto l’anno, sono preferibili capi in cotone (da evitare i tessuti sintetici), senza dimenticare il fattore “aria condizionata”. Consigliati cappellino, occhiali da sole, crema protettiva e repellente contro le zanzare.

Bagaglio
In India il bagaglio dei visitatori in arrivo e in partenza viene accuratamente ispezionato. Anche sui voli interni, durante il tragitto dal checkin all’aereo, il bagaglio a mano subisce fino a tre controlli.

Telefoni
I cellulare hanno una copertura abbastanza capillare su tutto il paese. A seocnda del gestore telefonico possono incontrarsi delle zone senza copertura, ma sono generalmente abbastanza limitate. le telefonate col cellulare sono care. Molte strutture alberghiere sono dotate di wifi

Mance
Negli alberghi e nei ristoranti frequentati dai turisti la mancia è una consuetudine. In caso di gruppo, l’accompagnatore dall'Italia o la guida locale raccoglie una somma tra i partecipanti all’inizio del tour e la distribuisce durante il viaggio. Nel caso di viaggi individuali, non esistendo una tariffa standard, suggeriamo di affidarsi al proprio buon senso, dando la mancia nel caso in cui si sia soddisfatti del servizio prestato da guide, autisti o camerieri.

Tasse aeroportuali
Le tasse aeroportuali sono in genere comprese nel costo del biglietto aereo, internazionale o nazionale. In Nepal invece vengono riscosse direttamente in aeroporto e devono essere pagate in contanti con moneta locale.

Materiale video-fotografico
Si consiglia di rifornirsi in Italia di tutto il materiale video-fotografico occorrente, che non è sempre facilmente reperibile in India oppure può presentare costi molto elevati. Si consiglia anche di proteggere apparecchiature e materiale da polvere o umidità con un semplice sacchetto di plastica. In alcuni siti viene richiesto un pagamento extra per poter fotografare e/o usare la telecamera; alcuni siti consentono l'introduzione di macchine fotografiche, ma non di telecamere.

Sicurezza
Sconsigliamo vivamente, di portare in viaggio gioielli e oggetti di valore in viaggio. Per tutte le informazioni sul paese consigliamo di consultare il seguente sito internet: www.viaggiaresicuri.it

Cucina
La cucina indiana è particolarmente varia ed è sicuramente una delle più raffinate di tutto l’oriente. I piatti più importanti sono a base di carne di agnello (la carne bovina e suina è bandita dalla tavola per motivi religiosi), di pollo, di pesce e di verdure e sono generalmente accompagnati da riso bollito, dal “dhai”, un piatto di lenticchie con yogurt bianco, e da salse tanto gustose quanto piccanti. Viene fatto grande uso di spezie fra cui il curry, il cumino e il coriandolo. Molto noto è il “tandoori chicken”, un piatto di pollo cucinato con una tipica ricetta indiana. La frutta è varia e gustosa con noci di cocco, mango e papaya, mentre i dolci sono spesso a base di miele, pistacchi e mango.
Nella maggior parte degli alberghi i menù sono a buffet che offrono sempre piatti non speziati o piccanti

Acquisti
L’artigianato indiano offre una grande varietà di prodotti, dagli oggetti in marmo intarsiato di Agra alle sete di Varanasi, dai manufatti in bronzo di Madurai alle pietre preziose di Jaipur e ai gioielli in argento del Rajasthan Fra i capi di abbigliamento sono rinomati gli scialli in lana cachemire, i vestiti di Punjab in cotone, le sari (gli abiti tipici delle donne indiane) delle più diverse fatture e colori. Da ricordare anche le miniature su carta di riso, le sculture in legno e i bellissimi tappeti lavorati artigianalmente.

Festività religiose
Le festività religiose in India sono numerosissime, molte delle quali particolarmente spettacolari. Fra le tante si ricordano “Holi” una vivace festa hindu che segna la fi ne dell'inverno, “Muharram”, una festa sciita che dura 10 giorni e che commemora il martirio del nipote di Maometto, la grande festa di Kumbh Mela che ricorda un'antica battaglia tra dei e demoni per il possesso di un vaso (kumbh) e che si tiene ogni tre anni a rotazione in quattro diverse città, la festa di Ganesh Chaturthi, in agosto/ settembre, dedicata al popolare dio Ganesh dalla testa di elefante e “Ditali” (o Deepavali), la festa più allegra del calendario hindu le cui celebrazioni, che si svolgono a novembre, durano 5 giorni. Da ricordare che in coincidenza delle festività religiose possono verificarsi interruzioni nei vari servizi spesso comunicate con brevissimo anticipo.

Autonoleggio
Si sconsiglia assolutamente il noleggio di motocicli, autovetture ed ogni altro tipo di veicolo, poiché in genere non coperti da assicurazioni e carenti nella manutenzione. Inoltre, le condizioni di manutenzione delle strade e la segnaletica sono spesso molto carenti. In alternativa, si suggerisce di richiedere al Corrispondente in loco la disponibilità di vetture con autista. In ogni caso si sconsiglia vivamente di viaggiare nelle ore notturne. La guida è a sinistra con sorpasso a destra. È richiesta la patente internazionale.

Classificazione alberghiera
In India la categoria indicata delle strutture ricettive pubblicate è quella ufficiale riconosciuta dal Dipartimento del Turismo Indiano. Pertanto per le strutture ricettive la cui classificazione non fosse disponibile (n.d.) i testi descrittivi pubblicati corrispondono a quanto comunicatoci dalle strutture stesse in merito alle caratteristiche, servizi e attrezzature offerte. Anche se prevista, la classificazione ufficiale assegnata in loco, non può essere paragonata agli standard europei per la medesima categoria e, a parità di classificazione, possono corrispondere, strutture e/o servizi qualitativamente molto differenti tra loro. Si precisa inoltre che, quando disponibili, nelle stessa struttura ricettiva, possono coesistere sostanziali differenze tra le varie tipologie di camere previste e che alle stesse è consuetudine dei gestori assegnare libere denominazioni.

Servizi in India
L’India è un Paese molto affascinante, ricco di culture e paesaggi memorabili ma allo stesso tempo assai complesso.  Gli standard dei servizi in loco non sono equiparabili a standard internazionali ma seguono logiche legate al territorio, e al sistema di ospitalità indiana. La nostra organizzazione, forte di una partnership con un operatore locale consolidata in oltre vent’anni di esplorazioni sul territorio, ha selezionato meticolosamente i migliori alberghi, le guide e gli autisti professionali, gli assistenti qualificati in ogni città e aeroporto, e uno staff in grado di intervenire e risolvere eventuali emergenze. Tuttavia potrà capitare che gli autisti o le guide locali parlino un inglese non perfetto, con un accento non sempre comprensibile. La nostra organizzazione è presente in tutte le località dell’India per fornire assistenza adeguata.

Mezzi e traffico in india
L’India è un Paese antico e moderno insieme. Per quanto faccia ogni anno passi da gigante intensificando la costruzione di infrastrutture che permettano una migliore percorribilità delle strade, rimane sempre un Paese ancorato a vecchi sistemi. 
La nostra organizzazione si avvale di veicoli di nuova generazione (Standard o Deluxe) con aria condizionata, e autisti professionali parlanti inglese o italiano; tuttavia gli standard non sempre assimilabili a quelli occidentali e il traffico caotico, faranno si che anche i trasferimenti più semplici potranno comportare molte ore di viaggio. 
La media di percorrenza sulle normali strade indiane è di 40 km all’0ra circa.

Quota 2.700 €

Introduzione

Un viaggio classico per visitare tutti i luoghi più importanti e iconici dell'India del Nord. Partendo da Delhi ci sposteremo verso Jaipur nota anche come la Città Rosa,  uno dei centri più affascinanti dell'India del Nord. Proseguiremo verso Fatehpur Sikri, la capitale Moghul abbandonata per mancanza di acqua e arriveremo ad Agra, la città dove si erge il monumento più famoso al mondo dedicato all'amore: il Taj Mahal.
Usciremo dalla regione del Rajasthan e pertiremo in treno verso Khajuraho con i celebri templi dedicati al kamasutra.
Il viaggio si conclude in uno dei luoghi più misitici al mondo: la città sacra di Varanasi dove gli Indù vanno a morire

Richiedi Informazioni

Punti di forza:

  • Tour completo del nord dell'India comprendente anche Varanasi
  • Agra, Delhi, Jaipur, Khajuraho
  • Guida locale in lingua italiana
  • Tour confermato minimo due partecipanti
  • Possibilità di richiedere il tour su base privata

Foto di viaggio

5277

Quando partire

  • Gen
  • Feb
  • Mar
  • Apr
  • Mag
  • Giu
  • Lug
  • Ago
  • Set
  • Ott
  • Nov
  • Dic

Richiedi informazioni

  • 1° GIORNO - VEN 31-05-2024 ITALIA - DELHI

    Partenza dall’Italia con il volo di linea intercontinentale.
    Pasti e pernottamento a bordo.

  • 2° GIORNO - SAB 01-06-2024 DELHI (-/-/D)

    Arrivo a Delhi.
    Dopo le formalità doganali e ritiro dei bagagli, incontro con il nostro personale e trasferimento in hotel.
    Dopo un riposino in hotel, incontro con la vostra guida locale parlante italiano e inizio alle visite

    Vecchia e Nuova Delhi: Il primo insediamento nell’aerea di Delhi risale al IX secolo, con la mitica citta’ di Indraprashtra, capitale dei Pandava, gli eroi indù le cui gesta si ritrovano nel poema epico del Mahabharata. Seguì un periodo di feudalesimo con il dominio dei rajaput, aristocratici guerrieri musulmani. Nel corso dei secoli furono costruite sette città che subirono diverse incursioni dai territori circostanti. A partire dal 1526 Humayun e i suoi abili successori estesero l’impero oltre i confini di Delhi, dando luogo ad un tentativo di riunificazione del paese. L’ottava città fu costruita quando l’imperatore Shah Jahan spostò la capitale da Agra a Delhi. A questo periodo risale la costruzione dei principali monumenti della città. Con l’arrivo degli Inglesi Calcutta fu scelta come capitale e solo nel 1911 la capitale fu riportata a Delhi. Il 9 febbraio 1931 il vicerè inglese inaugurò Nuova Delhi su progetto di Sir Edwin Lutyens ed Herbert Baker. La nuova città comprendeva gli edifici del governo, il palazzo sede India Gate che fanno parte della zona di rappresentanza. Nel 1947 Delhi è divenuta la capitale dell’India Indipendente. Le soste saranno previste ai principali luoghi di interesse: la città vecchia (Shahajahanabad), fatta costruire dal potente imperatore Mogul, Shah Jahan, era un tempo circondata da una cinta muraria d’arenaria rossa con quattordici porte di accesso. Affascinante e pittoresco dedalo di viuzze, è divisa in due parti dalla via “dell’Argento”, un susseguirsi colorato e vivace di botteghe e bazar.
    La prima sosta sara’ prevista alla Jama Masjid (La Moschea del Venerdì). Successivamente, passeggiata nei vicoli tortuosi di Old Delhi, dove’ dai molti volti che la città vi mostra, insomma da Delhi, con la sua attrattiva millenaria. Old Delhi infatti, tra il XVII e il XIX secolo fu la capitale dell’India musulmana, quindi ancora oggi custodisce un patrimonio artistico monumentale, tra le fortezze e moschee, oltre che culturale, con i suoi mercati e movimenti. Girare Old Delhi è vivere un’esperienza unica e memorabile! Il fascino di Old Delhi è anche lo street food, assaggiare il cibo di strada da una varietà di luoghi locali e una visita al più grande mercato delle spezie dell'Asia.
    Sucessivamente partenza con auto privata per Rajghat, costruito in onore del Mahatma (grande anima in sanscrito) Gandhi, così chiamato dal grande poeta Tagore. Continuazione con le visite. La sosta sarà prevista al Tempio dei Sikh – Bangla Saheb, Sikhismo. Fondato sul finire del XV secolo nel Punjab da Guru Nanak, la religione Sikh ha unito a una visione del tutto originale anche elementi di altri credi, dando vita a una comunità molto unita e caratterizzata dallo spirito di solidarietà, servizio e condivisione. La parola Sikh, dal sanscrito sishiya, significa il discepolo; e sikh è colui che segue la dottrina dei Dieci Guru e dell'Adi Granth Sahib, il Libro sacro che incarna l'essenza finale del Guru. Il primo dei Dieci Guru fu Nanak, il fondatore, che cercò di conciliare alcuni elementi dell'Induismo con altri dell'Islam e del Cristianesimo e il cui anniversario di nascita si celebra con tutti gli onori ogni anno in occasione del plenilunio del mese di Kartika.La vita sociale dei Sikh si svolge prevalentemente nei Gurudwara, che sono anche scuola, centro di ritrovo e di accoglienza, di formazione e di lavoro sociale, oltre che Tempio. Durante le suggestive cerimonie religiose è particolarmente interessante l'esecuzione degli Shabad, canti, devozionali i cui testi furono composti dallo stesso Guru Nanak e costituiscono una parte dell'Adi Granth Sahib, il libro sacro del Sikhismo.
    Al termine delle visite, rientro in hotel per il check in e sistemazione nella camera.

  • 3° GIORNO - DOM 02-06-2024 DELHI - JAIPUR (B/-/D)

    Dopo la prima colazione in hotel, continuazione delle visite di Delhi, passando per i quartieri centrali dove si trovano i Palazzi del Governo; la Porta dell’ India, arco eretto in memoria della prima guerra mondiale, si arriva alla Tomba dell’Imperatore Humanyun, Imperatore mongolo del XVI secolo, è uno dei primi esempi di architettura mongola e ha in seguito influenzato l’architett ura di molti edificiindiani, tra cui il Taj Mahal. Si tratta di un grande mausoleo circondato da un giardino diviso in quattro parti e attraversato da canali d’acqua corrente, che un tempo costituivano il fiume Jamna, che confluiscono nelle vallate circondanti il palazzo. Questo monumento funerario, costruito intorno all’anno 1570 per ordine della vedova di Humayun, Hamida Banu Begum, è stato nominato dall’UNESCO Patrimonio Mondiale dell’Umanità. Nell’edificio del mausoleo spicca la doppia cupola. Oltre ai resti di Humayun, nel complesso troviamo diverse tombe di molti altri esponenti di spicco della dinastia imperiale mongola.
    La seconda sosta sara’ prevista a Qutub Minar, Il primo monumento Islamico costruito a Delhi in ricordo della vittoria del sultano Islamico. Il complesso Qutub, contiene capolavori dell'arte indo-islamica e resti di civiltà molto più antiche. Il suo fulcro è il Qutub Minar, un minareto finemente decorato che risale ai primi anni del 1200. Il complesso comprende anche due moschee, una delle quali, la Quwwatu'l-Islam, è la più antica moschea nel nord dell'India

    Terminate le visite e partenza con auto privata in direzione di Jaipur, capitale del Rajastan e chiamata la città rosà, per il colore dei suoi edifici costruiti in arenaria; proprio i palazzi storici furono dipinti di questo colore nel 1863, in occasione della visita del principe Alberto, consorte della regina Vittoria d’Inghilterra, perché in Rajasthan il rosa e’ considerate di buon auspicio. La pianta cittadina è un mirabile esempio di disposizione urbanistica, tema di studio fin dall’antichità nella cultura Indu. Le regole di progettazione erano dettate dai principi supremi dell’ordine universale, che dovevano riflettersi anche nella disposizione degli edifici, in modo da ricrearne la rappresentazione nel microcosmo di una città. La scelta dei materiali non sfuggiva ai dettami religiosi, infatti la pietra era riservata solo agli edifici sacri, mentre le abitazioni venivano costruite con materiali deteriorabili (legno e argilla soprattutto), poiché solo ciò che era dedicato agli dei doveva rimanere immortale.

    All’arrivo, sistemazione in hotel per il Pernottamento.Cena in hotel.

    Jaipur è famosa per essere una delle città indiane dove meglio si acquistano rubini, zaffiri, acque marine, ecc. Tuttavia ricordiamo che ormai non esiste nessun posto al mondo dove sia possibile fare l’”affare della propria vita” con una manciata di dollari. Per tutti coloro che si intendono di pietre e sanno quindi valutare la purezza o il taglio di una pietra, segnaliamo L’Antiquariato per le pietre preziose e le pietre semi-preziose. L’Osservatorio è uno dei luoghi più curiosi della città. Venne costruito dal guerriero-astronomo JaiSingh, fondatore della città.Prima della sua costruzione, il monarca “più astronomo” che “guerriero” inviò, all’estero, numerosi scolari per studiare le caratteristiche e le peculiarità degli osservatori stranieri. Ne costruì, al loro ritorno, ben cinque. Ad un primo sguardo l’Osservatorio sembra essere un insieme di bizzarre sculture, ma in realtà ogni scultura ha una sua precisa funzione: quella di misurare la posizione delle stelle, l’altitudine, gli azimut o calcolare le eclissi.

  • 4° GIORNO - LUN 03-06-2024 JAIPUR (B/-/D)

    Dopo la prima colazione, l’escursione al Forte Amber situato a circa 10 km da Jaipur. All’arrivo salita sul dorso dell’elefante o con la Jeep (secondo la disponibilità) al forte Amber che si trova arroccato sulle colline di Aravalli. Questo forte dal colore del miele che riflette la sua struttura imponente nel lago Maota, si trova poco fuori Jaipur, su di una collina.

    Forte Amber:
    Seguendo la tradizione degli antichi maharaja, e giunti alla Jai Pol, la porta della vittoria, si entra nel grande cortile. All’interno vi è la “Jai Mandir” la sala della vittoria, con gli appartamenti personali di Jai Singh e del suo harem e la stupenda Sheesh Mahal, la sala degli specchi e diversi altri padiglioni.

    Al termine delle visite, rientro in città e inizio della visita di Jaipur, chiamata “la città rosa”.

    Jaipur:
    Questo colore che distingue la città non risale all’epoca di Jai Singh II° che la fondò nel 1727 ma al 1876, quando l’allora principe di Galles, il futuro Re Edoardo VII°, visitò Jaipur. All’epoca governava il Maharaja Man Singh e questi decise di far dipingere di rosa le case della città, come segno di benvenuto per il principe. Visita al City Palace al cui interno si trova il Jantar Mantar, l’osservatorio astronomico voluto da Jai Singh II°. L’Osservatorio è uno dei luoghi più curiosi della città. Venne costruito dal guerriero-astronomo Jai Singh, fondatore della città.Prima della sua costruzione, il monarca “più astronomo” che “guerriero” inviò, all’estero, numerosi scolari per studiare le caratteristiche e le peculiarità degli osservatori stranieri. Ne costruì, al loro ritorno, ben cinque. Ad un primo sguardo l’Osservatorio sembra essere un insieme di bizzarre sculture, ma in realtà ogni scultura ha una sua precisa funzione: quella di misurare la posizione delle stelle, l’altitudine, gli azimut o calcolare le eclissi.

    Al termine delle visite, passeggiata in centro di Jaipur, nei dintorni di Hawa Mahal (Palazzo Dei Venti) e assaggio del Tipico Street Food (Pakora – Fritelle Vegetali, Samosa) di Jaipur con il Chai (Il Te’) nelle tazze di argilla.
    In serata rientro in hotel per il pernottamento. Cena in hotel.

  • 5° GIORNO - MAR 04-06-2024 JAIPUR - FATEHPUR SIKRI - AGRA (B/-/D)

    Prima colazione in hotel.
    Continuazione del viaggio con auto privata e partenza in direzione di Agra, lungo il tragitto circa 40 Km prima di Agra, si trova una bella città fatta interamente di arenaria rossa e di un'arte stupefacente, conosciuta come Fatehpur Sikri.

    Fatehpur Sikri:
    Durante il 1571-1585, l'imperatore Mughal Akbar costruì la città in memoria del grande santo sufi Sheikh Salim Chisti. Il grande imperatore progettò la città come sua capitale, ma la mancanza d'acqua lo costrinse ad abbandonare la città. Una volta una città fiorente è oggi una città fantasma con circa 30.000 abitanti. Ma nonostante tutto questo, la città conserva la sua ricchezza storica, lo splendore architettonico e l'affascinante combinazione di elementi islamici e indù nel design e nello stile. E' certamente uno dei complessi archeologici meglio conservati e rappresentativi dell’arte Moghul.

    Continuazione del viaggio in direzione di Agra,

    Agra:
    la ex capitale della dinastia Moghul, le cui origini sono incerte è situata a km 220 a sud di Delhi ed era capitale del re Sikander Lodi che qui morì nel 1517. Con la conquista Moghul del 1526 divenne una delle città principali dell’impero, capitale di Akbar fino al 1571, quando questi prima si spostò a Fatehpur Sikri (1571) e poi a Lahore (1585). Akbar tornò ad Agra nel 1599 e qui morì nel 1605. Shah Jahan abbellì la città con grandi monumenti. Nel 1761 i Jat saccheggiarono Agra. Gli Inglesi la conquistarono nel 1803. All’arrivo proseguimento per la visita di Forte Rosso, costruzione di vasta estensione che si affaccia sul fiume Yamuna, iniziata dall’Imperatore Akbar e poi ampliata dai successivi imperatori.Palazzo ideato con una geometria difensiva, è anche costruito principalmente da arenaria rossa. L’imperatore Akbar,quando aveva 14 anni, iniziò il consolidamento del suo impero e come affermazione del suo potere costruì il forte di Agra tra il 1565 e il 1571, al tempo stesso in cui veniva edificata la Tomba di Humayun a Delhi.

    Non tutti i monumenti conservati all’interno sono visitabili, tra cui la Moti Masjid (moschea della perla) in marmo. Si visiteranno la sala delle udienze pubbliche e quella delle udienze private, nonché diversi altri ambienti.
    Terminate le visite, trasferimento in hotel per il Pernottamento. Cena in hotel.

  • 6° GIORNO - MER 05-06-2024 AGRA - JHANSI - ORCCHA (B/-/D)

    Al mattino presto all’alba, visita di Taj Mahal. 

    Taj Mahal:
    Questa imponente tomba di marmo bianco, è il più grande monumento fatto erigere per amore dall'imperatore Shahjahnan, per la sua sposa favorita, Mumtaz, morta durante il parto nel 1631. La costruzione del Taj Mahal fu iniziata nel 1632 e terminata nel 1653. Alla sua realizzazione parteciparono 20.000 persone provenienti dall'India e dall'Asia centrale. I lavori furono diretti dagli architetti Ustad Ahmad Ma'mur Nadir al-Asqr e Ustad Hamid, ad esclusione di quelli della cupola a bulbo di 60 metri di altezza, opera dell'architetto turco Ismail Khan. Alla realizzazione del monumento parteciparono numerosi artisti e architetti, i cui singoli contributi purtroppo sono Impossibili da riconoscereIl mausoleo rivestito di marmo bianco e ornato con delicati motivi floreali in pietre dure policrome, è costruito su una piattaforma larga 250 metri ai cui angoli si innalzano quattro minareti, e sorge in mezzo a giardini e specchi d'acqua, secondo la migliore Tradizione islamicaL’edificio è di forma ottagonale, ed è dominato da una grande cupola a bulbo. Al centro si trova la sala della tomba, con grandi nicchie e porte che si aprono sulle altre sale e che sono decorate con rilievi in marmo bianco, opera dello scultore francese Austin di Bordeaux. Qui tuttavia è ubicata solo una finta sepoltura di Mumtaz, cinta da uno schermo di marmo traforato, incastonato con 43 tipi di pietre semipreziose; accanto il Cenotafio di Shah Jahan. Le tombe dove riposano realmente i corpi di Mumtaz e di Shah Jahan si trovano nella stanza chiusa al piano seminterrato, al di sotto della sala principale (è vietato fotografare la sala interna).

    Rientro in hotel per la Prima Colazione.
    Dopo la prima colazione in hotel, trasferimento alla stazione ferroviaria di Agra e viaggio in treno per Jhansi. All’arrivo a Jhansi, assistenza dal nostro personale locale e l’incontro con l’autista e partenza con auto privata per Orchha.
    Orccha si trova nel mezzo della campagna, su un'isola prodotta da un ansa del fiume Betwa, un'antica roccaforte rajput lungamente dimenticata dalla storia e dagli uomini ma che offre numerosi tesori pittorici, architettonici e paesaggistici.La fortezza sorge su di un promontorio roccioso circondato dalla boscosa campagna e dal fiume Betwa. E' un'isola di pace e di tranquillità ed un magnifico esempio di fortezza medievale indo-islamica, dove i muri e le torrette racchiudono giardini, padiglioni e templi. All’arrivo sistemazione in hotel.

    Dopo un riposino in hotel, visita della Fortezza.

    Orchha:
    fu capitale della dinastia Rajput dei Bundela, che governava la regione compresa tra i fiumi Narmada e Yamuna a cui diede nome di Bundelkhand e che in seguito, occupando il vuoto di potere lasciato dal crollo del Sultanato di Delhi, riuscì ad estendere il suo dominio fino a questa zona. La Parola Orchha, significa nascosta, fu fondata dal Raja Rudra Pratap al principio del XVI secolo su di un precedente insediamento abbandonato, che il sovrano circondò di mura e dotò di un ponte ad archi sul fiume, morendo però nel 1531 prima di riuscire a trasferisici. Si visiteranno: il Raj Mahal, il Rai Parveen Mahal e Jahangir Mahal, edificati da vari Maharaja con uno stile che ricorda l’architettura Indo Islamica
    .
    Al termine, rientro in hotel per il Pernottamento. Cena in hotel.

  • 7° GIORNO - GIO 06-06-2024 ORCCHA - KHAJURAHO (B/-/D)

    Dopo la prima colazione in hotel, il viaggio si prosegue per Khajuraho. 

    Khajuraho:
    Splendida sintesi di architettura e scultura, i templi di Khajuraho sono soprattutto celebri, ma ingiustamente, per le sculture erotiche che li adornano, è uno dei complessi più famosi dell'architettura indù di stile Nagara. Degli 85 templi edificati tra il 950 e il 1050 d.C. oggi ne restano una ventina. Scoperti nella giungla dagli Inglesi nel 1840, cominciarono ad essere restaurati solo agli inizi del '900. La loro costruzione si deve ai sovrani rajput Chandela. La dinastia raggiunse il massimo splendore con il re Dhanga (950 - 1008) e sopravvisse prospera fino al 1202, quando le prime incursioni musulmane ne minarono la potenza, che fu poi scemando fino all'annessione dei territori al Sultanato di Delhi nel 1310.

    All’arrivo sistemazione in hotel.
    Pomeriggio proseguimento per le visite dei templi di gruppo occidentale e orientale. Nonostante siano grandiosi esempi di architettura indo-ariana, la loro celebrità è soprattutto legata alle decorazioni erotiche che li ricoprono. I Templi più grandi e notevoli sono il Kandariva Mahadeo e il Tempio di Vishvanatha. Tutti sono costruiti su una terrazza in muratura che talvolta ha agli angoli dei santuari minori.La pianta è in forma di croce con il portico d'ingresso ad est e che conduce alla sala e poi al santuario che custodisce la statua della divinità. La copertura del tempio è un susseguirsi di guglie e torrette, bassa nel portico d'ingresso, per poi crescere sul santuario, che è sormontato da una torre slanciata, il sikhara. Il perimetro esterno è circondato da fregi orizzontali completamente ricoperti di sculture di straordinaria sensualità, ma di grande compostezza ed eleganza, che raffigurano in particolare l'unione sessuale, considerata simbolo dell'unione mistica con la divinità. I personaggi scolpiti, danzatrici, creature celesti, divinità, affascinano per la grazia delle loro movenze, il senso delle proporzioni, la bellezza dei volti.

    Al termine delle visite rientro in hotel per il pernottamento. Cena in hotel.

  • 8° GIORNO - VEN 07-06-2024 KHAJURAHO - VARANASI (B/-/D)

    Prima colazione in hotel.
    Al mattino partenza con auto privata per Varanasi (Benares), una delle città sante dell’India.

    Varanasi:
    La città si trova sulla riva sinistra del Gange, tra la foce del fiume Varuna a nord e quella del fiume Assi a sud da cui il nome Varanasi. Per gli induisti il territorio che si estende tra questi due fiumi e’ il luogo piu’ sacro che ci sia sulla terra. Per comprendere la mistica atmosfera che avvolge Benares è d’obbligo un giro in barca lungo il Gange al sorgere del sole quando arrivano i pellegrini che scendono ai ghat per le abluzioni: uomini, bambini e donne avvolti nei fantasmagorici sari.
    All’arrivo trasferimento in hotel e sistemazione in camera. Cena e Pernottamento in hotel.

    Sucessivamente, giro in riscio’ pedale per raggiungere le gradinate del fiume Gange chiamate I Ghat per assistersi la cerimonia religiosa per gli Indù “ Aarti” , è un rituale indù dedicato alla Dea Madre Ganga, la Dea del più sacro fiume indiano. Quella di Varanasi è suggestiva e commovente: si svolge sul ghat principale dove 7 sacerdoti bramini in riva al fiume compiono all'unisono un ipnotico rituale (cioè la "puja", rituale di offerta), suonando campane, agitando bracieri contenenti il fuoco sacro e spargendo fiori come offerta alla Madre Ganga: che si svolge sulle gradinate del fiume. Al termine, rientro in hotel e Pernottamento.

  • 9° GIORNO - SAB 08-06-2024 VARANASI (B/-/D)

    Al Mattino presto, intorno alle ore 5.30, si parte con auto privata in direzione dei Ghat di Fiume Gange. Percorrendo le strade in direzione del Gange s’incontrano, gruppetti di pellegrini scalzi che si incamminano verso il fiume, grinzose donne sotto stracci colorati battono con un bastone ceste di vimini davanti alle porte di ogni casa, in questo modo attirano e vi imprigionano il malocchio (il cesto di vimini viene poi bruciato per disperdere le negatività), assonnati barbieri tagliano i capelli a uomini e donne che si radono a zero in segno di devozione, una multiforme umanità si muove alle prime luci dell'alba attratta dal fiume sacro, dove arrivando anche voi e si imbarca per vedere la vita del sacro fiume e dei rituali ad esso dedicato. In barca si toccano le sponde di tutti i più importanti ghat: migliaia di persone si immergono nell'acqua, chi nuota, chi lava i panni, chi abbandona lumini accesi in acqua a cui affida le proprie suppliche. A pochi metri pire funebri scoppiettano bruciando il loro carico umano, santoni pregano, mucche pascolano tra l'immondizia delle sponde in nessun luogo come a Varanasi si percepisce il dualismo tra la vita e la morte. I viaggiatori che si lasceranno permeare dall'atmosfera unica di questo luogo ne usciranno cambiati. Niente è più lo stesso dopo Varanasi. Approfittando dell'ora si continua le visite dalla città vecchia prima che si affollli all'impossibile: scorgerete la cupola d'oro (800 kg d'oro) del Vishwanath Temple, il principale luogo di culto di Varanasi sempre gremito di pellegrini.
    Rientro in hotel per la Prima Colazione.

    Dopo un breve riposo visita di Sarnath, dove Buddha Gauthama pronunciò il suo primo sermone esponendo ai suoi cinque discepoli il dharma, la disciplina delle quattro nobili verità e dell'ottuplice sentiero che porta al dissolvimento della sofferenza e conduce al Nirvana, all'illuminazione (per questo Sarnath è uno dei 4 luoghi sacri del Pellegrinaggio Buddhista, ciascuno rappresentante le tappe fondamentali della sua vita di Buddha Sakyamuni Siddartha Gauthama: Lumbini (il luogo di nascita), Bodhgaya (il luogo del Risveglio), Sarnath (dove predicò il primo sermone e mise in moto la ruota del Dharma), Kusinagar (dove entrò nel Parinirvana = dove lasciò le spoglie mortali). Nel sito archeologico si trova anche uno dei più antichi "stupa" esistenti, edificato dall'Imperatore Ashoka (III Secolo A.C.), il primo convertitosi al buddismo. Il bel museo archeologico conserva una delle principali icone dell'India: il Capitello di Ashoka, un tempo posto in cima ad un pilastro, raffigura 4 leoni orientati verso i punti cardinali (il capitello è l'emblema dell'India e si trova su tutte le banconote ed al centro della bandiera indiana).

    Sucessivamente, giro in risciò Elettrico per raggiungere le gradinate del fiume Gange chiamate I Ghat per assistersi la cerimonia religiosa per gli Indù “Aarti”, è un rituale indù dedicato alla Dea Madre Ganga, la Dea del più sacro fiume indiano. Quella di Varanasi è suggestiva e commovente: si svolge sul ghat principale dove 7 sacerdoti bramini in riva al fiume compiono all'unisono un ipnotico rituale (cioè la "puja", rituale di offerta), suonando campane, agitando bracieri contenenti il fuoco sacro e spargendo fiori come offerta alla Madre Ganga: che si svolge sulle gradinate del fiume.
    Al termine, rientro in hotel per il Pernottamento. Cena in hotel.

  • 10° GIORNO - DOM 09-06-2024 VARANASI - DELHI (-/-/-)

    Prima colazione in hotel.
    Mattinata a disposizione per relax o attività individuali. A seguire trasferimento in aeroporto e viaggio aereo per Delhi. All’arrivo, dopo il ritiro dei bagagli, assistenza dal nostro personale locale e trasferimento in ristorante  per la cena.
    Dopo Cena trasferimento all’aeroporto e viaggio di rientro in Italia.

    NOTA BENE: abbiamo già previsto la camera in appoggio a Dheli in caso di partenza notturne

  • 11° GIORNO - LUN 10-06-2024 DELHI - ITALIA

    Partenza con il volo di Linea Intercontinentale. Pasti e pernottamento a bordo. Arrivo e termine del viaggio

I nostri esperti

l'esperto

Federica Riva

Aperiviaggi

Le live con i nostri Esperti per scoprire le destinazioni più affascinanti raccontate direttamente da chi le programma e visita in prima persona

Prossimi Aperi-Viaggi in programma

Cuba Libre

30-05-202418:30Con Pietro e Gianni

Partecipa
...

Antartide, il Continente bianco

13-06-202418:30Con Andrea

Partecipa
...

Corea del Sud

27-06-202418:30Con Vittoria

Partecipa
...
vedi tuttiStorico Aperiviaggi

Viaggi correlati

  • INDIA
  • Viaggi di Gruppo con Guida Locale
...

31-05-2024 | 10 giorni

A partire da 2.150 €

  • INDIA
  • Viaggi di gruppo con accompagnatore dall'Italia
...

27-12-2024 | 12 giorni

Quota 3.950 €

  • INDIA
  • Viaggi su misura personalizzati
...

9 giorni

A partire da 4.550 €

  • INDIA
  • Viaggi su misura personalizzati
...

18 giorni

A partire da 4.000 €

  • INDIA
  • Viaggi su misura personalizzati
...

11 giorni

A partire da 3.900 €

  • INDIA
  • Viaggi di gruppo con accompagnatore dall'Italia
...

13 giorni

Quota 4.300 €

  • INDIA
  • Viaggi su misura personalizzati
...

10 giorni

A partire da 3.590 €