menu

BLOG

HOME

Il Sole di Mezzanotte

Data: 25/06/2016 CANADA - FINLANDIA - GREENLAND - ISLANDA - NORVEGIA - RUSSIA - SVEZIA - STATI UNITI (USA) Categoria: Curiosità

Il Sole di Mezzanotte è un fenomeno astronomico che si presenta solo nelle regioni al di là del circolo polare, sia artico che antartico anche se, da un punto di vista turistico, è rilevante solo il primo visto che nell’Antartide gli insediamenti umani sono costituiti quasi esclusivamente da basi scientifiche e quindi ci concentriamo su questo. In assenza di nuvole la luce del giorno conquista il cielo, allunga le giornate al punto di scacciare la notte, regalando una luminosità particolare e calda.

 

 

Il periodo in cui è possibile ammirarlo al suo massimo è il solstizio d’estate, che cade il 20 o il 21 di giugno a seconda degli anni, ma è visibile anche per un numero di giorni precedenti e successivi, variabile in base alla distanza del luogo dal Polo Nord. Il fenomeno si verifica quando l’inclinazione dell’asse di rotazione della Terra raggiungere latitudini superiori rispetto al normale (circa 66° e 33’) tali da non consentirle di scendere sotto all’orizzonte. A 70° gradi di latitudine il sole non tramonta per circa 17 giorni, a 80° per 70 giorni e ai poli, vale a dire a 90°, il sole non sparisce per sei mesi. A causa della rifrazione, anche se non si vede la palla infuocata del sole, spesso c’è sufficiente luce anche in zone più distanti dal sole, come ad esempio in Islanda, al punto che, specie in aree coperte di neve, si parla di Notte Bianca.

 

 

Il Sole di Mezzanotte è un fenomeno affascinante ma per gli abitanti dei luoghi dove si verifica può essere una maledizione: per molti è difficile riposare adeguatamente mentre il sole risplende ancora in cielo, una cosa che può succedere anche ai turisti i quali, alla meno peggio, risolvono il problema nel momento in cui tornano al paese d’origine. Durante il periodo invernale si verifica il fenomeno opposto, la cosiddetta Notte Polare, anche se esistono zone che hanno il Sole di Mezzanotte ma non la Notte Polare per via dei bagliori che, più che a una notte vera e propria, danno luogo a un crepuscolo. Secondo studi clinici, gli abitanti di queste zone possono essere affetti dalla SAD (sigla inglese che sta per Disordine Affettivo Stagionale, detto anche depressione d’inverno), un disturbo psichico che provoca cambiamenti d’umore, perdita delle energie e sintomi di depressione.

 

 

Le regioni in cui questo fenomeno può essere ammirato sono la Norvegia, la Svezia, la Finlandia, la Russia, il Canada, gli Stati Uniti (in Alaska), la Danimarca (in Groenlandia) e, anche solo se per rifrazione, l’Islanda.

 



Roberto è un grande appassionato di minoranze, arti e culture extraeuropee e una prolifica penna. Si diverte a raccontare le sue avventure in giro per il mondo su libri autoprodotti e sul nostro blog, arricchendo il tutto con scatti che immortalano volti e posti unici.

Lascia un commento - Richiedi informazioni



Mappa Climatica

ad ogni stagione il suo viaggio

archivio articoli

arrow_drop_up