menu

HOME

STATI UNITI (USA)
Perché andare a New York
Dove e Perché
L'albero di Natale davanti al Rockerfeller Center - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
04 Aprile 2020

Perché andare a New York

PERCHÉ ANDARE A NEW YORKLa Grande Mela è una città che stupisce e affascina tutti. Tutti abbiamo visto in TV tantissimi aspetti di questa strabiliante città e, credetemi, ogni volta in cui ci torno, è sempre una grande scoperta. Grazie ai miei genitori, ho avuto la fortuna di andarci e tornarci più volte. Il mio primo viaggio negli Stati Uniti, nell'ormai lontano 1992 è stato proprio a New York e in Florida. Ricordo ancora lo stupore di camminare con il naso all’insù e non riuscire mai a vedere la cima dei grattacieli. Ero affascinata. Ricordo che allora c'era un po’ di delinquenza, ma dopo l’avvento del sindaco Giuliani è proprio vero che la città è cambiata. Ora puoi andare or

  Leggi ►
Hokkaidō - La via al Mare del Nord
Diari di Viaggio
Primo piatto assaggiato, il jinjisukan, di origine mongola - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
28 Marzo 2020

Hokkaidō - La via al Mare del Nord

Giorno 1° / Chitose Ci troviamo all’aeroporto di Chitose: Vittoria arriva dal caos cosmopolita di Tōkyō, io dal placido tran-tran estivo di Kōbe, entrambe scappate alla tipica afa estiva del Honshū e i suoi 40 gradi. Salutateci dopo tanto tempo lontane, ci dirigiamo al banco noleggio per le auto - primo step fondamentale nella nostra scoperta del Grande Nord giapponese - dove un autista ci attende per portarci al punto pick-up macchine. Finalmente in possesso del nostro mezzo di trasporto per questi nove giorni, Vittoria sperimenta i suoi primi 15 minuti di guida “all’inglese” che ci portano al nostro primo hotel: il Route Inn Chitose Ekimae. Siamo da neppure un’ora e mezza a Chitose, ma l’aria fresca e la voglia di esplorare ci spingono ad

  Leggi ►
Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - V
Diari di Viaggio
Gruppo di leonesse allo Hwange National Park
21 Marzo 2020

Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - V

... segue  17° giornoL’unica spinta ad alzarsi è data dalla presumibile vista sull’infinito che si stacca da quassù. E in effetti così è, sotto di noi un mondo verde tra lo spaccato delle montagne da cui ieri siamo saliti. Col sole sempre più alto tutto s’illumina e terminata colazione spendiamo un po’ di tempo davanti a questo spettacolo e nemmeno il burrone non protetto ci allontana. Raggiungiamo anche il viewpoint sulla gola, bello ma meno spettacolare, poi facciamo tappa agli uffici del parco, zona con almeno una decina di costruzioni, qui vivono numerosi inservienti con le famiglie al seguito (questo in teoria, forse nei periodi di punta presumibilmente), e viene da chiedersi a cosa servano visto che nulla viene

  Leggi ►
MESSICO
Il Messico di Frida Kahlo - III
Pillole di viaggio
Frida assieme al marito Diego Rivera (a sx) e Anson Goodyear (a dx)
14 Marzo 2020

Il Messico di Frida Kahlo - III

... segue Fondamentale è poi il Museo Dolores Olmedo, a Xochimilco, quartiere dichiarato patrimonio UNESCO grazie ai giardini acquatici che rendono famosi i suoi laghetti da almeno 800 anni, cioè da quando il primo signore della cittadella, Acatonalli, creò degli ingegnosi orti galleggianti, le “chinampas”, ricavati in isole artificiali formate da armature di legno e fibre intrecciate che venivano riempite di fanghiglia e terriccio. La ricca filantropa da cui prende nome l’esposizione, alloggiata nell’hacienda di fine XVI che acquistò nel 1962, era amica di Frida Kahlo, Rivera e della sua prima moglie, altra pittrice, Angelina Beloff, e accumulò nel corso degli anni la più grande collezione esistente al m

  Leggi ►
ZIMBABWE
Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - IV
Diari di Viaggio
Le Mtarazi Falls tra le nuvole, Zimbabwe
07 Marzo 2020

Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - IV

...segue 13° giornoUno scroscio di pioggia non ci viene mai negato, fortuna che all’ora della colazione il sole fa già capolino, continuiamo a visitare il parco con destinazione Fort Chawomera. Fino a Brighton Beach, sorta di piscina naturale sul fiume, il sentiero non è male, dopo diviene niente di più che due solchi tra l’erba, la deviazione per il forte giusto da immaginare. Del forte, come ci avevano detto, ben pochi resti, è piuttosto la posizione a rendere bella la vista in una giornata di sole, anche se qualche nuvola già compare. Usciamo da questo lato di parco per andare nella zona di Pungwe, non raggiungibile internamente. Dalla A14 prendiamo l’indicazione della Pungwe Scenic Drive, questa dopo 4 km svolta a destra e d

  Leggi ►
MESSICO
Il Messico di Frida Kahlo - II
Pillole di viaggio
Un ritratto fotografico di Frida, eseguito dal padre
29 Febbraio 2020

Il Messico di Frida Kahlo - II

... segue La tappa iniziale del viaggio nel Messico di Frida Kahlo non può che essere Coyoacán, il sobborgo barocco della capitale eletto nel XVI secolo da Hernan Cortés a propria dimora definitiva, un tranquillo quartiere dal variopinto aspetto coloniale fulcro, a partire da fine '800, di una vivace scena bohémien che espresse l’Estridentismo e animava le viuzze squillanti di giallo e di rosso, l’ombra fresca del Jardín Hidalgo, le piazzette chiuse da incantevoli chiese barocche. La Casa Azul, alla lettera “casa azzurra”, è la luminosa dimora dell’infanzia di Frida dove lei, alla morte dei genitori, nel 1941, tornò con Rivera, creando un cenacolo artistico frequentato da person

  Leggi ►
SUDAFRICA - ZIMBABWE
Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - III
Diari di Viaggio
Vista all'ingresso del Gonarezhou National Park
22 Febbraio 2020

Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - III

... segue  9° giornoCi prepariamo la colazione nel parcheggio della guest house, alle 7:30 la temperatura già oltrepassa i 30°, si prospetta una giornata calda in tutti i sensi. Lasciamo il covo pakistano dopo vari saluti e la richiesta di dire ad amici e conoscenti la bontà del posto, usciamo da Musina seguendo il flusso in lento movimento verso il posto di confine pronti ad affrontare lunghe trafile che iniziano subito. La coda si forma un kilometro prima di incanalarci verso il primo dei controlli, molta gente prosegue a piedi scendendo da ogni mezzo possibile, brutto segno. Un inserviente devia i mezzi in due spazi distinti, noi andiamo in quello più grande proseguendo di fatto diritto, lì ci indicano dove parcheggiare e nient’altro.

  Leggi ►
MESSICO - STATI UNITI (USA)
Il Messico di Frida Kahlo - I
Curiosità
Frida Kahlo nel 1932, fotografata da suo padre
15 Febbraio 2020

Il Messico di Frida Kahlo - I

Frida Kahlo e il Messico. Un’endiadi. Iniziamo con un giudizio di Diego Rivera, il grande pittore muralista che la sposò due volte (nel 1928 e nel 1940, dopo il breve divorzio del 1939), il “grosso rospo”, il marito protettivo, il bambino pingue bisognoso di affetto, quello mai nato, il “Diego. io / Diego. universo / Diversità nell’unità” che, nonostante i tradimenti raffigurati nei dipinti come devastanti coltellate (cfr., Qualche colpo di pugnale, 1935), per un moto spontaneo sapeva far posare la “leggiadra colomba”, – dando quiete alle sue ali fisiche incapaci di sostenere il desiderio di volare innato nella sua anima, in ogni anima -, nel circolo de L’amoroso ab

  Leggi ►
UGANDA
Un angolo sconosciuto dell'Uganda
Pillole di viaggio
Veduta d'insieme del sito di Katoosa Villas - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
08 Febbraio 2020

Un angolo sconosciuto dell'Uganda

Ci sono luoghi che non appaiono in nessuna guida di viaggio ma che meriterebbero una visita. Uno di questi è il sito dei Martiri di Katoosa Villas. Mi trovavo in Uganda con un mio cmpagno di avventure e, dopo aver invano cercato un bus che ci portasse da Fort Portal al Parco Nazionale di Murchison Falls - a dire il vero, non riuscivamo nemmeno a trovare la stazione del bus, pioveva e le indicazioni che ci davano erano contrastanti -, la fortuna ci accorse in aiuto sotto le sembianze di un corpulento tedesco che stazionava in un bar, seduto al tavolo con una birra. Gli chiedemmo informazioni e costui si rivelò essere uno molto introdotto, che ci avrebbe trovato un autista che ci avrebbe permesso di raggiungere la nost

  Leggi ►
SUDAFRICA
Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - II
Diari di Viaggio
Struzzo al Pilanesberg National Park, Sudafrica
01 Febbraio 2020

Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - II

... segue 5° giornoPrima colazione da campo, sistemate tenda (rapidissima, all’interno si possono lasciare sacco a pelo, cuscino, abiti, è dotata di luci a led per leggere consumando praticamente nulla), sedie, tavole e suppellettili, partiamo alla visita della GR dove abbiamo sostato. L’animale più presente è il waterbuck, ma gnu, zebre, struzzi non mancano. Peccato solo l’invasione di mosche, poi usciamo per dirigerci alla Sterkfontein Caves (visita solo guidata in inglese, dotati di casco di protezione, consigliabile portarsi una torcia se non uno smartphone con led per illuminare) dove visitiamo le grotte, luogo di ritrovamenti degli ominidi che dal luogo traggono il nome. Questa visita assieme a quella di Maropeng se fatta

  Leggi ►
BIRMANIA (Myanmar)
Birmania: la terra dei monaci
Pillole di viaggio
Un monaco in meditazione alla Shewdagon Pagoda di Rangoon
25 Gennaio 2020

Birmania: la terra dei monaci

 La Birmania è uno dei paesi più devoti del mondo: quasi il 90% dei suoi 53 milioni di abitanti si professa buddhista e si calcola che abbia circa mezzo milione di monaci, un incredibile 1% della popolazione, di cui circa 75.000 sono donne. Il Buddhismo che si pratica da queste parti è il Buddhismo Theravada, più rigoroso e ascetico e diffuso nei confinanti Cambogia, Laos, Thailandia e Sri Lanka (da dove proviene) mentre il Buddhismo Mahayana ha avuto più presa in India, Cina, Giappone, Vietnam, Corea e Tibet (dove ha preso una direzione tutta sua potendo definirsi un Buddhismo a sé stante, il Vajrayana). Un monaco in meditazione alla Shewdagon Pagoda di Rangoon Entrare in un monastero è la cosa più normale pe

  Leggi ►
BOTSWANA - SUDAFRICA - ZIMBABWE
Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - I
Diari di Viaggio
Le Orlando Towers di Johannesburg
18 Gennaio 2020

Zimbabwe, Sudafrica e Botswana - I

1° giornoArrivo con buon anticipo all’aeroporto di Bologna per il check-in del volo Iberia destinazione Madrid poiché il check on-line non è stato possibile, non veniva accettata la destinazione finale di Johsnnesburg con questa procedura. Poco male, non c’è nessuno, le pratiche sono velocissime, meno la coda al controllo dei bagagli, ma tutto sommato non c’è da lamentarsi, volo puntuale sia in partenza sia in arrivo. A Madrid, senza bagagli che viaggiano a destinazione, prendiamo le metropolitane per il centro città e in 40 minuti, dopo un cambio a Nuevos Ministerios, ci troviamo non distanti dalla Gran Via. Cielo plumbeo, ci immergiamo nella capitale spagnola passando in Plaza Puert

  Leggi ►
NORVEGIA - SVALBARD
Svalbard - III
Diari di Viaggio
Pronti alla partenza - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
11 Gennaio 2020

Svalbard - III

Il Polo Nord Europeo

segue... SleddogLa nuova giornata prevede l'escursione con i cani da slitta. Non ho mai fatto questa attività e sono emozionato e curioso. Vengono a prenderci in hotel alle 8.00 e ci portano alla sede per il rito della vestizione. Anche qui tuta caldissma, scarpe Sorel, muffole... Insomma anche oggi potremmo arrivare in giacca, cravatta e ci vestirebbero di tutto punto. Le previsioni erano corrette; oggi è nuvoloso e nevica, ma per contro fa molto meno freddo. Il trasferimento all'allevamento di cani dura circa 30 minuti. Arrivati, sembra di entrare in una cascina dell'Oregon americano. L'allevamento possiede circa 100 cani che al nostro arrivo abbiano, ululano, tirano con forza incredibile la catena a cui sono legati. Non sono arrabbiati o

  Leggi ►
La Piazza Rossa di Mosca
Pillole di viaggio
Cattedrale di San Basilio e Cremlino sulla Piazza Rossa - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
04 Gennaio 2020

La Piazza Rossa di Mosca

Non potete dire di avere visto la Russia se non siete stati almeno una volta nel suo luogo più iconico e rappresentativo: la grande Piazza Rossa di Mosca. Lunga 700 metri e larga 130, non è la più grande del mondo (quella si trova a Dalian, in Cina), nemmeno la più grande d'Europa (è la Piazza della Parata a Varsavia), neppure la più grande di Russia (è la Piazza Kulbysev di Samara) ma neanche la maggiore di Mosca, superata da almeno due piazze cittadine. Eppure tutti la conoscono ed è una delle più visitate del pianeta.Cattedrale di San Basilio e Cremlino sulla Piazza Rossa - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Semplicemente, il motivo per visitarla non sta nelle dimensioni ma nella ricchezza degli edifici che la circon

  Leggi ►
NORVEGIA - SVALBARD
Svalbard - II
Diari di Viaggio
La luce radente di fine giornata - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
28 Dicembre 2019

Svalbard - II

Il Polo Nord Europeo

segue... La giornata in motoslittaIl giorno successivo, il nostro programma prevede un'escursione verso la cost est. Si tratta di una delle escursioni in motoslitta più lunghe; oltre 200 km attraverso lunghissime vallate e alcuni passi per raggiungere la costa est, abitata da orsi  polari e foche lungo il pack. Partenza alle 8:30 e trasferimento alla sede della compagnia di snowmobile. Con un breve briefing ci viene spiegato come comportarci alla guida dei nostri mezzi e poi ci trasferiamo nella sala degli indumenti. Siamo già tutti equipaggiati con le nostre tute da sci, ma il consiglio della nostra guida è quello di sostituire, o meglio aggiungere ai nostri indumenti, le loro tute. In pratica si tratta di tute sim

  Leggi ►
LITUANIA
Repubbliche Baltiche - V
Diari di Viaggio
Il castello di Trakai, Lituania
21 Dicembre 2019

Repubbliche Baltiche - V

segue... 14° giornoAlle 8 di mattina qui tutto è fermo e chiuso, riprendiamo la nostra Sandero e continuiamo la perlustrazione del delta, in auto però occorre uscire e rientrare da ogni isola, così per arrivare a sud fino a Rusnè dobbiamo passare per Šilutė dopo qualche tentativo andato a vuoto. Anche a Rusnè non ci sono posti per far colazione, recupero un caffè in un chiosco che sta aprendo ma non cibo, quello lo troveremo solo dopo aver completato il giro dell’isola di Rusnè rientrando a Šilutė, nei pressi della chiesa. Dal delta partiamo per raggiugere senza soste Kaunas, la capitale cestistica di una nazione votata al basket. Ci arriviamo via strade minori nuovamente, compresi passaggi sterrati, pochi km m

  Leggi ►
NORVEGIA - SVALBARD
Svalbard - I
Diari di Viaggio
L'atterraggio sulla Luna - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
14 Dicembre 2019

Svalbard - I

Il Polo Nord Europeo

Un grande sogno si realizza: un viaggio alle Svalbard. Ora, alla maggior parte delle persone il nome Svalbard non dice assolutamente nulla, ma per chi lo conosce, questo luogo assume un fascino e un significato particolare. Le isole Svalbard sono l'insediamento umano più a nord che esista al mondo. A soli 900 km dal Polo Nord, costituiscono un avamposto unico sia per la ricerca - moltissimi centri di ricerca hanno sede qui - sia per gli esploratori del mondo. Per avere un'idea più chiara basti pensare che da Oslo ci vogliono 2 ore e 30 minuti di volo diretto, sempre verso nord, per arrivare a Longyearbyen, il capoluogo... Poco prima di atterrare, un paesaggio mozzafiato - Archivio Fotografio Pianeta Gaia La domanda più comune rimane: ma cosa ci v

  Leggi ►
ESTONIA - LATVIA - LITUANIA
Repubbliche Baltiche - IV
Diari di Viaggio
Tramonto al faro dell'Isola di Kihnu, Estonia
07 Dicembre 2019

Repubbliche Baltiche - IV

segue...  11° giornoUltima colazione a tutto gas, poi dopo aver fatto il check-in del biglietto aereo di ritorno stampandolo in hotel partiamo per Paldiski. Immagino che tutti conoscano questa celebre cittadina di mare… nota solo in seguito all’indipendenza per aver ospitato il “Pentagono Atomico Sovietico” come base appunto dei sottomarini nucleari. Ora di tutto questo c’è ben poca traccia, il Pentagon come era chiamato è crollato e nessuno ad oggi ha ancora pensato di ristrutturarlo, anche se potrebbe divenire un’attrazione turistica. Nell’estrema punta del promontorio qualche casamatta decadente e isolata si vede ancora, ma per farsi un’idea migliore serve salire sul faro Pakri tuletorn dalla cui vetta olt

  Leggi ►
PORTOGALLO
Il Monumento alle Scoperte di Belém
Pillole di viaggio
Il Monumento alle Scoperte sulla riva del Tago - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
30 Novembre 2019

Il Monumento alle Scoperte di Belém

Se passate da Lisbona non potete mancare di fare una visita a Belém, dove sorgono alcuni dei monumenti più iconici di tutto il Portogallo. Uno di questi è indubbiamente il Monumento alle Scoperte. Il Monumento alle Scoperte sulla riva del Tago - Archivio Fotografico Pianeta Gaia L’opera scultorea è imponente: alta 56 metri, lunga 46 metri e larga 20. Non da meno sono le fondamenta, altrettanto profonde. Rivestito di pietre calcaree, il grandioso monumento sembra un bastimento in procinto di salpare per il mare da un momento all’altro, sicuramente una delle suggestioni che i realizzatori dell’opera – commissionata dal dittatore Salazar che governò col pugno di ferro il paese lusitano per 36 anni – volevano imprimere

  Leggi ►
ESTONIA
Repubbliche Baltiche - III
Diari di Viaggio
Il Castello di Alatskivi, Estonia
23 Novembre 2019

Repubbliche Baltiche - III

segue...  8° giornoTerminata colazione è tempo di saluti, foto ricordo e conto da saldare (Hellen non ci fa pagare il servizio guida un po’ perché è stata più con gli inglesi che con noi un po’ perché loro potevano mettere tutto in nota spese…oltre ad offrirci la cena), poi partiamo verso Saatse e da qui lungo la 178, tagliando 2 volte in territorio russo (non c’è frontiera, è solo richiesto da un cartello di non fermarsi e non percorrere la strada a piedi) raggiungiamo Värska dove facciamo tappa al museo Seto Tsäimaja. Il bel museo, metà all’aria aperta, metà al chiuso sorge nei dintorni della parte terminale del Värska lahe, poi ci inoltriamo al punto terminale della

  Leggi ►
arrow_drop_up
arrow_drop_up