menu

BLOG

HOME

Impressioni di Brasile, di Pia Rosa

Data: 14/10/2017 BRASILE Categoria: Dove e Perché
Impressioni di Brasile, di Pia Rosa
L'incredibile paesaggio del Lencois-Maranhenses - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Non so perché, ma del Brasile non avevo aspettative, semplicemente mi sembrava un bel viaggio. Non era di quei viaggi che hai in testa, che desideri fare o che sogni chissà da quanto tempo. Per me, uno di questi era la Patagonia, dai tempi lontani dello splendido libro fotografico “La mia Patagonia” di Bonatti, ricordo inoltre anche le meravigliose immagini ed i colori dei ghiacci da un servizio di Linea Verde ancora condotta da Fazzuoli. Sono al computer a digitare “tour Patagonia accompagnatore dall’Italia”: Pianeta Gaia è saltato fuori così, con un viaggio in Patagonia come avrei voluto e nei giorni delle vacanze natalizie, che, insegnando, sono anche le mie possibili vacanze nel periodo invernale e nel periodo migliore per la Pa   Leggi ►

Giappone e Isole Fiji, di Sonia e Mirco

Data: 07/10/2017 FIJI - GIAPPONE Categoria: Gli Sposi Raccontano
Giappone e Isole Fiji, di Sonia e Mirco
Il tempio di Asakusa di notte, Tokyo

La prima tappa del nostro viaggio è stata Tokyo. Ci siamo concentrati su alcuni quartieri: Shibuya, Ginza, Shinjuku (dove si trovava il nostro hotel Keipo Plaza) e Asakusa. In particolare siamo rimasti affascinati da Asakusa, vecchio quartiere tradizionale nato intorno al tempio Senso-ji, con case di legno basse e negozi di vecchi tessuti e antiquariato locale. Noi abbiamo girato con tanto di yukata, affittato in uno dei negozietti del quartiere. Il tempio di Asakusa di notte, Tokyo Noi in abiti tradizionali giapponesi, Tokyo L’altro quartiere che ci ha affascinato, di sera, è stato Shinjuku, dove alloggiavamo, sicuramente è la zona più turistica della città che di sera si illumina di mille luci e insegne colorate, sembra di essere ca   Leggi ►

Meraviglia della Cina: Le risaie della Spina Dorsale del Drago

Data: 30/09/2017 CINA Categoria: Pillole di viaggio
Meraviglia della Cina: Le risaie della Spina Dorsale del Drago
L'incredibile lavoro degli agricoltori cinese insegue il profilo della colline - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Ormai lo sapete che ho una predilizione per le risaie, uno di quei posti in cui la natura e l'opera dell'uomo a volte si fondono in maniera mirabile. Uno di questi è quello dove si sviluppano le cosiddette risaie terrazzate di Longsheng o di Longji, col fascinoso soprannome di "Risaie della Spina Dorsale del Drago" dovuto alla forma delle cime delle vicine montagne. L'incredibile lavoro degli agricoltori cinese insegue il profilo della colline - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Le risaie si trovano nella contea di Longhsheng, nella provincia cinese del Guangxi, circa un centinaio di chilometri a nord di Guilin, la capitale della provincia famosa per essere il punto di partenza per visitare la non meno spettacolare area del fiume Li. Le risaie sorgono   Leggi ►

Laos - VII

Data: 27/09/2017 LAOS Categoria: Diari di Viaggio
Laos - VII
Il tramonto a Don Khon

25° giornoColazione di fronte alla GH, poi cambiamo base rimanendo sempre nello stesso villaggio ma scegliendo un bungalow che non da direttamente sul fiume ma sul lato interno della via principale, dotato di comode amache sulla terrazza d’ingresso. Il titolare chiamato Papa da tutti fa di tutto, da albergatore ad agenzia di viaggio, internet point e ristoratore, forse per il fatto di accompagnare qui da lui anche una coppia tedesca già incontrata svariate volte lungo il cammino non ci fa pagare il noleggio bici con le quali partiamo per l’esplorazione dell’isola e nel pomeriggio di Don Det. Pagata la tassa di soggiorno, entriamo nella parte ovest di Don Khon e rimiriamo la locomotiva francese che trainava i treni che attraversavano le isole (la storia della co   Leggi ►

Il magico villaggio di Palangan

Data: 16/09/2017 IRAN Categoria: Pillole di viaggio
Il magico villaggio di Palangan
Le case una sopra l'altra di Palangan - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Immaginatevi tre ripide colline le cui scoscese pendici si riuniscono attorno alle rive del fiume Tangi Var e che sulle erte di questa apparentemente inospitale conca vi vengano costruite casupole di sassi, legno e terra letteralmente una sopra l'altra, con il tetto di una che fa letteralmente da cortile per quella soprastante, in uno scenario che, se non l'avessi davanti agli occhi, penserei fosse il parto della mente di un presepaio napoletano afflitto da deliri di onnipotenza. Le case una sopra l'altra di Palangan - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Invece quello che ammiro esiste veramente: è Palangan, pittoresco villaggio della regione del Kurdistan Iraniano, forse il più bello dei villaggi tradizionali dell'antica Persia ma non l'unico real   Leggi ►

Laos - VI

Data: 09/09/2017 LAOS Categoria: Diari di Viaggio
Laos - VI
La cascata di Tad Yuang

21° giornoColazione al ristorante dell’hotel poi si parte per il percorso circolare meridionale che sarebbe il giro dell’altopiano di Bolaven. Chi noleggia gli scooter fornisce sempre una mappa dettagliata del percorso ma fondamentale si rivela la descrizione precisissima che si trova sulla LP. L’anello si può fare in quanti giorni si vuole, o meglio si ha a disposizione, perché le estensioni potrebbero essere infinite, noi decidiamo di dedicare tre giorni e di conseguenza regoliamo visite e km in base a questo programma, molto empirico va detto. Si scende verso sud e all’uscita di Pakse si prende per Paksong ma al km 21 (qui tutti i paesi si chiamano col numero dei km, quindi Lak …) si devia verso nord-ovest sulla statale 20 iniziando la vi   Leggi ►

Sibiu, la città con gli occhi

Data: 02/09/2017 ROMANIA Categoria: Pillole di viaggio
Sibiu, la città con gli occhi
Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Sibiu è una città della Transilvania, in Romania, fondata nel 1190 dai Sassoni, la popolazione di origine germanica che ha abitato queste terre per circa otto secoli e quasi del tutto rientrata in Germania al crollo dell'ex Impero Sovietico. Da sempre è una città all'avanguardia: qui sorsero la prima scuola, il primo ospedale, la prima farmacia, la prima biblioteca della Romania e perfino il primo laboratorio omeopatico al mondo.  Vi soggiornarono artisti del calibro di Franz Liszt e Johan Strauss ed è tuttora un vivace centro culturale dove si tengono festival, mostre, spettacoli teatrali e opere liriche, tutti fattori che contribuirono a farla nominare capitale europea della cultura, assieme a Città del Lussemburgo, nel 200   Leggi ►

Laos - V

Data: 26/08/2017 LAOS Categoria: Diari di Viaggio
Laos - V
Le acque verdi del Lago del Gong della Sera

segue...  17° giorno Dopo aver rifornito gli scooter presso un distributore vero e proprio sulla statale 8, partiamo in direzione ovest con sosta al posto panoramico di Sala, indicato sulla via. La vista spazia verso sud e ovest, foreste e montagne che si intersecano, poi da qui inizia la discesa verso Vieng Kham dove si ritorna sulla statale 13, la principale del paese che collega Vientiane a Pakse. Andiamo a sud tra cortili invasi da funghi in essiccazione, cercando la deviazione per Khoun Kong Leng che viene descritto come lo specchio d’acqua più bello del Laos. Indicazioni vere e proprie non esistono, all’altezza del km 29 (seguire le pietre miliari per orizzontarsi) c’è però una via sterrata all’apparenza buona che si ino   Leggi ►

I monasteri dipinti della Bucovina - II

Data: 19/08/2017 ROMANIA Categoria: Pillole di viaggio
I monasteri dipinti della Bucovina - II
Il monastero di Humor sotto la neve - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

segue...  Il giorno seguente alla visita del monastero di Voronet, ho visitato il monastero di Humor in una cornice insolita: fin dalla sera precedente aveva nevicato copiosamente – nonostante fosse aprile inoltrato – in quella che i locali hanno definito la più grande nevicata dagli anni '60. Si ritiene che questo monastero sia stato il primo ad essere stato affrescato, e i suoi dipinti murali esterni, realizzati nel 1535 da Toma di Suceava, sono considerati i meglio conservati assieme a quelli di Voronet, nonostante gli appena appena 5 mm di strato di gesso sul quale poggiano. I motivi per i quali questi capolavori siano resistiti alle intemperie non è chiarissimo e si ritiene che parte del merito sia dovuto agli inverni freddi ma limpidi.Il monastero di Humor sotto la neve - Arc   Leggi ►

Laos - IV

Data: 12/08/2017 LAOS Categoria: Diari di Viaggio
Laos - IV
L'ingresso alla grotta di Tham Kong Lo

segue... 13° giorno Alle 5:30 puntuali ci facciamo trovare davanti all’agenzia che ci ha venduto il biglietto del local bus per Vientiane e il passaggio in tuk tuk per la fermata, l’impiegato vive all’interno dell’ufficio così è sempre presente, anche a questa ora antecedente l’alba. Dal centro città si raggiunge la statale incontrando “residui” della nottata, gente talmente fuori e felice che fa proprio dire come Vang Vieng sia ancora un luogo utopico. Il local bus parte dalla statale dietro alla vecchia stazione aeroportuale, ferma di fatto ovunque quindi i tempi non vengono proprio rispettati, ma i servizi VIP o similari partono solo di pomeriggio facendo perdere di fatto la giornata, anche perché la cap   Leggi ►

I monasteri dipinti della Bucovina - I

Data: 05/08/2017 ROMANIA Categoria: Pillole di viaggio
I monasteri dipinti della Bucovina - I
La chiesa dipinta di Voronet - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Quando Stefano il Grande (da queste parti chiamato Stefan cel Mare) vinse una decisiva battaglia contro i Turchi oltre 5 secoli fa, decise di ricordare l’evento con la costruzione di un monastero dalle mura riccamente affrescate. Poi ne vinse un’altra e fece erigere un altro monastero, idem per la terza vittoria e così via, fino alla 46ima sconfitta impartita agli Ottomani. La chiesa dipinta di Voronet - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Fu così che la Bucovina, una piccola regione boscosa situata a ridosso del confine tra l’Ucraina meridionale e la Romania settentrionale della regione della Moldavia (da non confondersi con l’omonimo e confinante stato), visse questo anomalo boom edilizio, riconosciuto nel 1993 dall’UNESCO che dichiar&o   Leggi ►

Laos - III

Data: 29/07/2017 LAOS Categoria: Diari di Viaggio
Laos - III
Piana delle giare a Phonsavan

segue... 9° giornoColazione al mercato poi veniamo prelevati dal minivan che ci porterà a Phonsavan direttamente alla guest house. Il primo tratto di strada è lungo la statale 13 che scende verso la capitale, ma l’asfalto è in pessime condizioni e siamo sballottati tra una curva e l’altra. Si procede lentamente, sosta per pranzare prima della deviazione a Phu Khoun, temperatura fredda, e nel frattempo facciamo chiacchere con un italiano che passa 6-7 mesi in viaggio nel sud-est asiatico, eliminando di fatto i costi morti di mantenersi una casa in Italia (in estate lavora in spiaggia a Jesolo dove gli viene dato anche un posto letto). La statale 7 che porta a Phonsavan ha un fondo migliore e con meno curve da percorrere, la parte finale del trasferi   Leggi ►

Maramures: L'Europa rurale che sopravvive in Romania

Data: 22/07/2017 ROMANIA Categoria: Pillole di viaggio
Maramures: L'Europa rurale che sopravvive in Romania
Covoni di fieno, un soggetto tipico del Maramures - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Il Maramures è un distretto settentrionale della regione della Transilvania, al confine con l'Ucraina, e la sua particolarità consiste nel fatto che, a differenza della stragrande maggioranza – per non dire la totalità – delle altre aree agricole europee dove si è passati a un'agricoltura di tipo intensivo che sfrutta i progressi tecnologici dell'industrializzazione, qui sopravvive l'Europa rurale di una volta, dove la popolazione locale coltiva la terra con mezzi semplici, così come semplice è il suo stile di vita. Covoni di fieno, un soggetto tipico del Maramures - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Questo stile di vita legato alla terra e ai suoi ritmi, dove ancora si fa ricorso all'aratura e alla falciat   Leggi ►

Laos - II

Data: 15/07/2017 LAOS Categoria: Diari di Viaggio
Laos - II
Il tak bat, la questa mattutina dei monaci

5° giornoSveglia all’alba per assistere al tak bat, ovvero la questua dei monaci, ma vista la distanza dalla nostra guest house al posto principale del passaggio della questua arriviamo in leggero ritardo e a quel punto tanto vale goderci un’ottima colazione alla francese aspettando che la temperatura si faccia gradevole per iniziare le visite ai tantissimi templi della zona nord di Luang Prabang, che tolto il Wat Xieng Thong son tutti gratuiti. Si susseguono monaci intenti alle funzioni mattutine, quindi pulizia e lavaggio vesti (rigorosamente arancioni come gli asciugamani, stesi in ogni dove nei templi che qui sono ancora una vera e propria città nella città) e mentre scendiamo a sud le nubi iniziano ad alzarsi regalando la vista della collina Phu Si, propr   Leggi ►

Islanda, di Alessandro ed Elisa

Data: 08/07/2017 ISLANDA Categoria: Gli Sposi Raccontano
Islanda, di Alessandro ed Elisa
Lo spettacolo della Jökulsárlón

Ci presentiamo siamo Alessandro ed Elisa. Ci siamo sposati da poco (20/05/2017) e abbiamo deciso contro il parere di molti di fare un viaggio di nozze diverso dai soliti tour guidati verso le mete più comuni. Volevamo qualcosa di diverso, qualcosa che ci potesse far rimanere a bocca aperta. Così scartando le mete più battute, abbiamo deciso di comune accordo di andare in un’isola a nord del mondo, poco sotto il circolo polare artico. Selfie con la "puffetta", la Chevrolet Spark nostra compagna di viaggio L’Islanda. Ottimamente consigliati dall’agenzia viaggi, pianifichiamo un giro attorno all’isola da farsi in una decina di giorni spostandosi giornalmente con l'auto. Punto di partenza e arrivo Reykjavík, capitale d   Leggi ►

La paradossale Transnistria - III L'attualità

Data: 01/07/2017 MOLDAVIA Categoria: Diari di Viaggio
La paradossale Transnistria - III L'attualità
Statua a Lenin nella piazza principale - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Dopo aver raccontato i presupposti che hanno portato alla nascita della Transnitria, andiamo a vedere la paradossale condizione in cui versa il paese attualmente. Tanto per cominciare non è riconosciuta da nessun paese facente parte dell'ONU, nemmeno dalla Russia che, facendolo, si attirerebbe le accuse di averne sobillato l'autoproclamazione di indipendenza. Gli unici due stati che riconoscono la Transnistria sono l'Abcazia e l'Ossezia del Sud, due territori nel Caucaso proclamatesi indipendenti allo stesso modo e ugualmente sostenute dalla Russia. Sono pertanto le uniche due "nazioni" ad avere l'ambasciata a Tiraspol ma non aspettatevi la classica palazzina lussuosa: gli uffici diplomatici sono all'interno di un normalissimo palazzo sulla cui port   Leggi ►

Laos - I

Data: 24/06/2017 LAOS Categoria: Diari di Viaggio
Laos - I
Il Palazzo Reale di Bangkok

1° giorno Il check-in a Malpensa è velocissimo, nonostante l’aereo si rivelerà pieno si fa in un attimo, poi via verso Muscat volando con la Oman Air, la classica compagnia araba dal servizio superbo, airbus con schermo personale, infinita scelta di film (compresi in italiano) e giochi, ingresso USB, possibilità di utilizzo del cellulare per chiamate, sms e navigazione internet via satellite, il costo però non so dirlo visto il mio inutilizzo di tal servizi. Ma osservando come nessuno si sia buttato sulla cosa mi vien da pensare che costi un botto. Si pranza alla carta, e quando vien distribuito il menù viene servito anche il primo rinfresco. Ovviamente viene fornito il comfort kit, cosa ormai dimenticata nelle classi economy del mondo occi   Leggi ►

La paradossale Transnistria - II Il Conflitto

Data: 17/06/2017 MOLDAVIA Categoria: Diari di Viaggio
La paradossale Transnistria - II Il Conflitto
Militari nella zona cuscinetto tra le due frontiere - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

... segue L'area moldava al di là del fiume Nistro divenne una delle zone in cui l'opera di “russificazione” dell'URSS venne spinta maggiormente grazie all'apertura della maggior parte dell'industrie della repubblica e, conseguentemente, con la maggior immigrazione di dirigenti e maestranze di origine russa. A completare il quadro vi è il fatto che a Tiraspol aveva sede la 14a armata dell'esercito russo. Quando Gorbachov aprì la porta alla liberalizzazione politica, la Moldavia, sulla scia della corsa al nazionalismo tipico di quel momento storico, decise di abbandonare il russo e l'alfabeto cirillico come lingue ufficiali in favore del moldavo/romeno scritto con caratteri latini, cosa che sollevò le proteste della mi   Leggi ►

Stati Uniti, di Marco e Francesca - II

Data: 10/06/2017 STATI UNITI (USA) Categoria: Gli Sposi Raccontano
Stati Uniti, di Marco e Francesca - II
Veduta della Grande Mela

segue... Ed eccoci a New York. Veduta della Grande Mela Il volo notturno ci ha catapultato nella mitica Grande Mela. Trasferimento in taxi sino all’hotel W New York sulla Lexington tra la 49esima e la 50esima strada. La stanza assegnata è di dimensioni ridotte, diciamo molto accogliente. Il tempo di posare le valigie e giù in strada per respirare aria buona nel polmone verde della città, il Central Park. Arrivati a circa metà del famoso parco cittadino decidiamo di fare tappa al celebre American Museum of Natural History. La giornata scorre veloce e in men che non si dica è già pomeriggio. Dedichiamo questa parte alla visita della Midtown East, dalla quinta sino al palazzo di vetro dell’ONU passando per Grand Central Term   Leggi ►

La paradossale Transnistria - I La Storia

Data: 03/06/2017 MOLDAVIA Categoria: Diari di Viaggio
La paradossale Transnistria - I La Storia
Un carrarmato come monumento - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Sono sempre stato incuriosito dalle situazioni atipiche e quindi, quasi automaticamente, sono attirato da quei paesi i cui confini sono recenti, poco conosciuti o addirittura discussi. Uno di questi è la Transnistria, e le condizioni in cui versa dà un'idea di a quale paradossi si può giungere quando si vuol perseguire a tutti i costi la strada dell'indipendenza, una percorso che molti partiti - quasi in ogni paese ce n'è uno - dicono di voler intraprendere ma di cui forse non conoscono gli effetti pratici. Un carrarmato come monumento - Archivio Fotografico Pianeta Gaia La Transnistria, parola che significa “al di là del fiume Nistro (o Dnestr)”, è un territorio precedentemente parte della Repubblica Sovietica del   Leggi ►

Mappa Climatica

ad ogni stagione il suo viaggio

archivio articoli

arrow_drop_up