menu

BLOG

HOME

Laamb, la lotta senegalese più popolare del calcio

Data: 22/04/2017 Categoria: Pillole di viaggio
Laamb, la lotta senegalese più popolare del calcio
Una fase di un incontro di lotta senegalese

Il laamb, noto anche come lotta senegalese, è una delle varianti di lotte tradizionali dell'Africa Occidentale. Praticata inizialmente dall'etnia Serer, ultimamente è divenuto molto popolare in tutto il Senegal e in parte del Gambia, la ristretta enclave all'interno del Senegal, al punto che i suoi campioni sono più popolari, e meglio retribuiti, dei calciatori. Una fase di un incontro di lotta senegalese Il laamb nacque come esercizio preparatorio per i guerrieri Serer e, per via dei valori di cui è investito che spaziano da quello personale a quello sociale, in seguito divenne anche un rito iniziatico. La tradizione di questa lotta è molto antica: uno dei primi lottatori divenuti famosi fu Boukar Djilak Faye, che visse nel XIV seco   Leggi ►

Istantanee dalla Mongolia - III

Data: 15/04/2017 MONGOLIA Categoria: Pillole di viaggio
Istantanee dalla Mongolia - III

segue...   Un’aquila reduce da un giro di caccia, tranquilla e mansueta ma libera a pochi passi fa sempre il suo effetto. La caccia con l’aquila è una tradizione della parte kazaka della Mongolia, si svolge regolarmente in inverno (e negli alti Altai significa farlo a -60°, in quei luoghi c’è stato il più grosso sbalzo termico della terra, in un inverno toccati i -63° ed in una estate i +40°), ma per mantenere allenati gli animali si procede a qualche “giro di prova” anche in altri periodi. Qui siamo nella Valle dell’Orkhon, non è facile incontrare addestratori all’opera, ovviamente alla prima visione la sosta è risultata obbligatoria, anche se il personaggio non è stato di t   Leggi ►

Kushti, la lotta indiana

Data: 08/04/2017 INDIA Categoria: Dove e Perché
Kushti, la lotta indiana
Giovani lottatori di kushti

Il kushti, o pehlwani, è la lotta tradizionale indiana. Sviluppatasi durante l'Impero Moghul (1526-1857), si rifà all'antica malla-yuddha, la violenta lotta - che ammette pugni, calci, morsi e soffocamenti - sorta nell'Asia Meridionale circa 5000 anni fa e in alcune zone dell'India ancora praticata. Il kushti non ammette i colpi violenti e assomiglia molto alla lotta libera, al punto che molti lottatori indiani cresciuti praticando il kushti, hanno poi avuto successo nella gare di lotta alle Olimpiadi. Giovani lottatori di kushti Caratteristica del kushti è l'akhara, la superficie su cui si combatte: nonostante il progresso dei materiali che ha portato tutte le altre discipline di lotta a svolgersi su tappeti di gomma, il kushti si pratica   Leggi ►

Istantanee dalla Mongolia - II

Data: 01/04/2017 MONGOLIA Categoria: Pillole di viaggio
Istantanee dalla Mongolia - II

segue...  Benvenuti nella steppa mongola! La popolazione vive nelle gher, vita nomade dedita all’allevamento del bestiame da curare con massima dedizione nei mesi estivi per far sì che durante i gelidi inverni resistano col poco che troveranno per alimentarsi. Se gli inverni son troppo lunghi e gelidi ci saranno le carestie (zud), le bestie moriranno e così termineranno le possibilità di sostentamento per le famiglie nomadi. Queste vivono nelle gher che hanno quasi tutte un pannello fotovoltaico e la parabola per ricevere il segnale televisivo, anche nel bel mezzo del nulla. In un luogo come quello nella foto non si trova nulla nel raggio di almeno 50 km, senza strade e con sentieri raramente tracciati, ma all’interno della gher c’&egra   Leggi ►

Il combattimento coi bastoni di Nelson Mandela

Data: 25/03/2017 SUDAFRICA Categoria: Curiosità
Il combattimento coi bastoni di Nelson Mandela
Una rappresentazione turistica del combattimento

Se avete visto il film "Il colore della libertà" che racconta il rapporto tra Nelson Mandela e il suo carceriere, ricorderete la scena in cui i due si affrontano in una breve e incruenta lotta con due bastoni. Si tratta della lotta con bastoni tipica degli Nguni, il gruppo etnico che comperende Zulu, Xhosa, Ndebele e Swazi, popoli che vivono in Sud Africa. Realmente appresa da Nelson Mandela - di etnia Xhosa - quand'era un ragazzino, è una forma di difesa che veniva considerata indispensabile da imparare per chi, come è la norma per i giovani delle zone rurali, deve occuparsi e quindi difendere il bestiame di famiglia. Quello dei combattimenti coi bastoni è un tratto comune a molte popolazioni dedite alla pastorizia, come avevamo visto anche quando   Leggi ►

Istantanee dalla Mongolia - I

Data: 18/03/2017 MONGOLIA Categoria: Pillole di viaggio
Istantanee dalla Mongolia - I
Il Palazzo Verde di Bogd Khan

Il viaggio si è svolto in estate quando le condizioni climatiche sono più amiche. L’inverno è particolarmente ostico, con temperature che possono toccare il -60°, sommate ai collegamenti di fatto inesistenti permetterebbero una visita solo a chi possa permettersi tempi lunghissimi. La vita nella capitale sta assumendo connotati occidentali con tantissimi locali, ristoranti e divertimenti, ma usciti da Ulaanbaatar il nulla che tanto bene rappresenta la Mongolia diventa padrone assoluto della situazione, quindi occorre attrezzarsi. Nella parte del Gobi-Altai non esistono ancora infrastrutture per ospitare i viaggiatori, occorre far campo in autonomia o accordarsi coi nomadi per essere ospitati nelle loro gher, dalla zona del Gobi risalendo verso la ca   Leggi ►

Alle Maldive coi bimbi, di Luisa e Alberto

Data: 11/03/2017 MALDIVE Categoria: Pillole di viaggio
Alle Maldive coi bimbi, di Luisa e Alberto
La spiaggia

Siamo tornati da qualche giorno da un soggiorno di una settimana presso il Club Med Plantation D’Albion estremamente piacevole.La struttura curata e pulita è stata all’altezza delle nostre aspettative con due bellissime piscine dotate di una vista spettacolare sul mare. La nostra camera deluxe e quella adiacente dei bambini sono entrambe ben strutturate e dotate di comfort dal mini bar al wifi. La spiaggia di fronte alla struttura La nostra principale richiesta al momento della scelta della vacanza è stata quella di una struttura adatta totalmente ai bambini e alle famiglie, poiché con noi sono venuti i nostri due bimbi di 3 e 4 anni. Il resort ha pienamente soddisfatto questa richiesta, in particolare per la piscina principale avendo una parte in   Leggi ►

Gli agili giganti del sumo

Data: 04/03/2017 GIAPPONE Categoria: Curiosità
Gli agili giganti del sumo
Lo scatto in avanti di due lottatori sotto gli occhi dell'arbitro

Continua il nostro viaggio tra gli sport tipici di varie nazioni del mondo, rimanendo sempre nell'ambito dei combattimenti. Stavolta parliamo del sumo, l'antica lotta giapponese di origine scintoistica che tutti quanti abbiamo visto almeno di sfuggita in televisione, anche perché per vederlo dal vivo bisogna andare dall'altra parte del mondo. Lo scatto in avanti di due lottatori sotto gli occhi dell'arbitro Lo scopo di questa disciplina è quello di buttare fuori l'avversario da una specie di ring detto dohyo dal diametro di 4,5 metri e circondato da una corda, oppure costringerlo a toccare il suolo con qualsiasi parte del corpo che non sia il piede. Al di là dell'aspetto meramente sportivo, sono interessanti i cerimoniali a c   Leggi ►

Immagini dalle Maldive, di Claudia e Andrea

Data: 25/02/2017 MALDIVE Categoria: Pillole di viaggio
Immagini dalle Maldive, di Claudia e Andrea
Pontile di attracco - Villaggio Athuruga, Atollo di Ari, Maldive

Come già suggerito da voi, l'isola ha un ottimo rapporto tra qualità e prezzo.Lo staff e il personale sono davvero eccezionali, hanno una cortesia e una professionalità rare.L'isola è pulitissima, così come le stanze che vengono ripassate almeno tre volte al giorno.La varietà e la qualità del cibo sono ottime.Il direttore, italiano, a mio avviso è molto capace di mantenere uno standard elevato di tutti i servizi.L'acqua e la sabbia sono bellissime, ma per questo l'organizzazione non c'entra! Claudia e AndreaVillaggio Athuruga, Atollo di Ari, Maldive Pontile di attracco  Spiaggia e, sullo sfondo, bar sull'acqua  Interno della camera beach bungalow  Idrovolanti  L   Leggi ►

Il Caodaismo, la religione con il proprio esercito

Data: 18/02/2017 VIETNAM Categoria: Pillole di viaggio
Il Caodaismo, la religione con il proprio esercito
Il tempio di Tay Ninh, la San Pietro del Caodaismo

Il Caodaismo è una religione sincretica particolare, che viene praticata solo in un paese al mondo, il Vietnam, dove, grazie ai circa 8 milioni di praticanti, è il terzo credo del paese, dopo il Buddhismo e la Cattolicesimo. L'indiscusso centro di questa confessione è la città di Tay Ninh, nel sud del paese in piena area del delta del Mekong. Qualche decine di migliaia di credenti li si trovano anche in Europa o negli Stati Uniti, ma si tratta quasi esclusivamente di emigranti di origine vietnamita. Il tempio di Tay Ninh, la San Pietro del Caodaismo La religione fu fondata dal funzionario dell'amministrazione coloniale francese, nonché spiritista, Ngo Van Chieu nel 1925, quando affermò che nelle sedute si era manifesta una divinit   Leggi ►

Il Peresehan dell'isola di Lombok

Data: 11/02/2017 INDONESIA Categoria: Curiosità
Il Peresehan dell'isola di Lombok
L'arena del peresehan - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Paese che vai e tipo di lotta che trovi. Dopo aver visto la disciplina dello zurkhané iraniano, oggi vi voglio parlare di un tipo di lotta, il peresehan, in cui mi sono imbattuto per caso mentre visitavo l'isola indonesiana di Lombok, che la maggior parte dei viaggiatori conosce per essere la "vicina" di Bali e per le isole Gili, ora sempre più note presso gli amanti dei paradisi tropicali. L'arena del peresehan - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Il peresehan è un combattimento che si svolge tra due uomini armati di bastoni di bambù e dotati di uno scudo di pelle di bufalo. Come quasi tutte le forme di lotta, la sua nascita si deve alla volontà di allenare i soldati in vista di un possibile conflitto. Però, a differenza   Leggi ►

Zarathustra, che non parlò così

Data: 04/02/2017 IRAN Categoria: Pillole di viaggio
Zarathustra, che non parlò così
Il Tempio del fuoco di Yazd, in Iran - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Almeno non Iran.Lo Zarathustra che molti occidentali conoscono è quello protagonista del libro "Così parlò Zarathustra" del filosofo tedesco Friedrich Nietzsche ma per un'altra fetta di mondo, Zarathustra - a cui Nietzsche s'ispirò per il nome del suo personaggio ma che non ha niente a che fare - rappresenta tutt'altro: il fondatore di una delle religioni più importanti, quella dominante per secoli in tutto il Medio Oriente, dall'Arabia Saudita fino al Pakistan, prima dell'espansione dell'Islam avvenuta nel VII secolo. Il Tempio del fuoco di Yazd, in Iran - Archivio Fotografico Pianeta Gaia La religione dello zoroastrismo, detta anche mazdeisimo, è monoteista e il suo testo sacro è l'Avesta. Il   Leggi ►

Zurkhaneh, lo sport degli eroi

Data: 27/01/2017 IRAN Categoria: Curiosità
Zurkhaneh, lo sport degli eroi
In posa per le foto - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Paese che vai, sport che trovi. Esercizi a terra spostando i pesanti "sang" - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Forse non tutti sanno quanti diversi tipi di attività fisica o sportiva esistono nei vari angolo del mondo, in cui ogni cultura li hanno declinate nella maniere più strane e che maggiormente hanno sentito propria. In Iran lo sport tradizionale è il cosiddetto zurkhaneh, il cui nome ufficiale attuale è varzesh-e pahlavani (sport degli eroi), un misto tra ginnastica e lotta, nata come educazione fisica per i soldati - un retaggio della grande tradizione nelle arti marziali dell'Impero Persiano - e in seguito diventata qualcosa di più, che arriva a sconfinare nella meditazione. Le flessioni con gli "shena" - A   Leggi ►

Le abitazioni tradizionali più belle del mondo - VII

Data: 20/01/2017 AUSTRALIA - CINA - FRANCIA - SPAGNA Categoria: Curiosità
Le abitazioni tradizionali più belle del mondo - VII
Ballerine di flamenco nel quartiere di Sacromonte, Granada

Terza e ultima puntata dedicata ai villaggi trogloditi ancora tutt'ora esistenti.Non tutti sanno che a Granada, in Andalusia, c’è il quartiere di Sacromonte con abitazioni scavate nella roccia e dipinte di bianco che accolgono circa 3000 abitanti. Inizialmente costruite e abitate da musulmani ed ebrei cacciati dagli altri quartieri, in seguito sono diventati il luogo prediletto dei gitani di origine indiana. Oltre ad essere delle abitazioni, queste grotte sono diventate popolari anche per essere il luogo dove la comunità locale balla il flamenco, nella varietà gitana detta zambra, che si dice essere stata inventata proprio qui. Ballerine di flamenco nel quartiere di Sacromonte, Granada In Cina, secondo un censimento del 2006, si calcola che circa 40   Leggi ►

Colombia: adesso è il momento!

Data: 14/01/2017 COLOMBIA Categoria: Pillole di viaggio
Colombia: adesso è il momento!
Raccolta del cacao, uno dei prodotti locali più importanti

La Colombia, dopo essere rimasta fuori dal radar del turismo internazionale a causa della pressoché interminabile e sanguinosa guerra civile tra il governo e le forze ribelli del FARC (Fuerzas Armada Revolucionarias de Colombia) iniziata nel 1964, a giugno 2016 ha visto finalmente la fine del conflitto interno grazie all'accordo di pace siglato tra il premier Santos e i leader dei ribelli, negli ultimi anni decisamente in declino anche a causa dei gravi colpi inferti loro recentemente. Questo accordo è valso a Santos il premio Nobel per la Pace, anche se un successivo referendum ha bocciato l'accordo che comunque probabilmente verrà prorogato. Raccolta del cacao, uno dei prodotti locali più importanti Le FARC, di ideologia leninista-marxista, n   Leggi ►

Le abitazioni tradizionali più belle del mondo - VI

Data: 07/01/2017 ARMENIA - IRAN Categoria: Curiosità
Le abitazioni tradizionali più belle del mondo - VI
Il villaggio di Khndzoresk, in Armenia - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Continuiamo il nostro viaggio alla scoperta dei villaggi trogloditi del mondo, insospettabilmente ancora piuttosto numerosi. Il villaggio di Khndzoresk, in Armenia - Archivio Fotografico Pianeta Gaia In Armenia ho visitato il villaggio troglodita di Khndzoresk, abitato fino agli anni '50 del secolo scorso. Ora solo una parte degli ambienti scavati nella roccia sono utilizzati come magazzini o stalle per gli animali. Ciò nonostante fino alla fine dell'Ottocento, con 8.300 abitanti sparsi in 1.800 abitazioni era uno dei villaggi più popolosi dell'Armenia orientale. Oltre alle case scavate nella roccia, vale la pena una visita anche solo per un ponte sospeso da brividi. Un fiabesco angolo del villaggio di Kandovan - Archivio Fotografico Pianeta Gaia&nb   Leggi ►

Stati sconosciuti, non riconosciuti e irriconoscibili - IX

Data: 31/12/2016 DANIMARCA - FAROE ISLANDS - GREENLAND - GRAN BRETAGNA Categoria: Curiosità
Stati sconosciuti, non riconosciuti e irriconoscibili - IX
Una spettacolare veduta delle Isole Faroe - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Ultimo articolo di questa serie un po' atipica, ma che speriamo vi abbiamo interessato ugualmente. Una spettacolare veduta delle Isole Faroe - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Alla base della “nascita” di un nuovo stato a volte c'è solo una battuta di spirito. Quando, nel 1947, all'albergo di Montbenoit, cittadina del dipartimento francese della Franca Contea al confine con la Svizzera, si presentò il prefetto di una città vicina, il proprietario Georges Pourchet gli chiese se aveva il permesso per entrare nella Repubblica di Saugeais, composta da 11 comuni e di cui si era autoproclamato presidente. La cosa fece sorridere concittadini, che da allora cominciarono a chiamarlo "presidente". Qualche anno dopo la sua morte, gli a   Leggi ►

Le abitazioni tradizionali più belle del mondo - V

Data: 24/12/2016 ITALIA - TUNISIA - TURCHIA Categoria: Curiosità
Le abitazioni tradizionali più belle del mondo - V
I Sassi di Matera - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Torno a parlarvi di questo argomento che ho affrontato approfonditamente, ma non certo esaurito, in passato. Stavolta vi voglio parlare delle abitazioni troglodite, cioè di quelle ricavate nella roccia, una formula abitativa usata spesso come rifugio in tempi di guerra o come espediente per sopravvivere in condizioni climatiche particolarmente avverse, perché sottoterra le temperature sono meno fredde in inverno e meno calde in estate. È un modo di abitare non solo utilizzato in epoca preistorica ma anche per tutto il prosieguo dei tempi fino ai giorni nostri, al punto che esistono ancora diversi siti, alcuni ormai ridotti a siti archeologici ma altri tutt'ora abitati. I Sassi di Matera - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Partiamo senza andare tanto lonta   Leggi ►

Stati sconosciuti, non riconosciuti e irriconoscibili - VIII

Data: 17/12/2016 SVEZIA - STATI UNITI (USA) Categoria: Curiosità
Stati sconosciuti, non riconosciuti e irriconoscibili - VIII
L'insieme di strutture che costituiscono Ladonia

Continuiamo il nostro excursus tra le bizzarre storie che riguardano le micronazioni.Ai limiti dell'assurdo è la vicenda dell'autoproclamata nazione di Ladonia. Nel 1980 l'artista svedese Lars Vilks iniziò la costruzione di due gigantesche sculture nella riserva naturale del Kullaberg, in Svezia. Poiché erano in una zona di difficile accesso, nessuno se ne accorse per due anni, ma quando si venne a sapere, il consiglio locale dichiarò le sculture degli edifici e pertanto, per via delle norme che impediscono la costruzione nelle riserve naturali, ne ordinò la demolizione. L'artista fece ricorso ma perse la causa e per ripicca proclamò, nel 1996, lo stato di Ladonia. Non pago, tre anni più tardi realizzò un'altra scu   Leggi ►

Impressioni sul Sudafrica, di Luigia e Luciano

Data: 10/12/2016 SUDAFRICA Categoria: Pillole di viaggio
Impressioni sul Sudafrica, di Luigia e Luciano
La Testa del Leone vista dalla Table Mountain

Un paese molte volte immaginato, leggendo i libri di Wilbur Smith, oppure le cronache delle spedizioni navali della Compagnia delle Indie o i più recenti fatti relativi all'apartheid. La realtà è ancora più stupefacente! Bar a Pilgrim's Rest La vista della Table Mountain che emerge dalla nebbia, il Capo di Buona Speranza che divide i due oceani e che coraggiosi marinai hanno doppiato nei secoli scorsi per raggiungere le Indie, le colonie di pinguini che suscitano tanta tenerezza, gli stupendi parchi con il fiore simbolo del Paese, la Protea, i magnifici vigneti e l'ottimo vino, fanno apprezzare questa terra! La Testa del Leone vista dalla Table Mountain Le otarie di Hout Bay Naturalmente c'è anche il rovescio della   Leggi ►

Mappa Climatica

ad ogni stagione il suo viaggio

archivio articoli

arrow_drop_up