menu

BLOG

HOME

Perché andare alle Isole Svalbard

Cosa vedere e fare nel remoto arcipelago norvegese
Data: 22/08/2015 NORVEGIA - SVALBARD Categoria: Dove e Perché

Quello alle Svalbard è un viaggio straordinario, che non dimenticherete mai. Questo incredibile arcipelago appartenente alla Norvegia è il più accessibile pezzo di terra polare e uno dei posti più spettacolari che possiate immaginare. Giganteschi iceberg e banchi di ghiaccio stritolano il mare mentre ghiacciai e neve congelano cime solitarie.

 

Una famiglia di orsi polari

 

Ma a un'occhiata più ravvicinata, le condizioni meteorologiche proibitive non impediscono al terreno di dare ospitalità a resistentissime forme di vita quali licheni, minuscole erbe e delicati fiori. L'ambiente però è adatto anche per creature di ben altre dimensioni: balene, foche, trichechi, volpi artiche, renne e una gran quantità di orsi polari, al momento presenti nell'arcipelago in numero superiore agli esseri umani.

 

Crociera fra i ghiacci

 

Le Svalbard però non sono una destinazione per tutti, anche per questioni economiche, se non altro perché situate a circa 1000 km dall'aeroporto più vicino e nelle isole di sistemazioni economiche non ce ne sono. Difatti, qua di viaggiatori indipendenti se ne vedono davvero di rado: la maggior parte fa parte di viaggi organizzati. Questo consente non solo di ripartire i costi su più persone ma anche di praticare in gruppo attività che, in un ambiente così difficile, possono facilmente diventare pericolose se non si hanno attrezzatura e conoscenze adeguate, che noi di Pianeta Gaia sapremo fornirvi.

 

Renne, indispensabili per sopravvivere in questo clima

 

Del resto, non avrebbe particolare senso venire fin qua per stare chiusi in albergo. Preparatevi quindi a crociere su navi rompighiaccio, trekking su ghiacciai, escursioni con ciaspole o su slitte a motore o trainate da cani, visite a miniere abbandonate, appostamenti per ammirare l'alba boreale, perfino notti in tenda e spostamenti in elicottero. Tutto dipende da quanto volete approfondire la conoscenza di questa destinazione inusuale, oltre che dal vostro portafoglio.

 

Attenzione: attraversamento orsi polari!

 

Ovviamente, il periodo migliore per recarsi in questa terra davvero remota è l'estate, quando il sole di mezzanotte e gli ultimi lembi della Corrente del Golfo contribuiscono a mitigare le temperature che pur basse raramente scendono sotto lo zero, a differenza della Groenlandia, in buona parte a una latitudine inferiore ma perennemente coperta di ghiacci. Ma non scartate a priori una visita in periodo invernale, periodo in cui la neve e il ghiaccio che tutto ricoprono consentono una miriade di attività che vi terranno al caldo durante la giornata e rendono più facile gli avvistamenti degli orsi polari.

 



Roberto è un grande appassionato di minoranze, arti e culture extraeuropee e una prolifica penna. Si diverte a raccontare le sue avventure in giro per il mondo su libri autoprodotti e sul nostro blog, arricchendo il tutto con scatti che immortalano volti e posti unici.

Lascia un commento - Richiedi informazioni



Mappa Climatica

ad ogni stagione il suo viaggio

archivio articoli

arrow_drop_up