menu

HOME

STATI UNITI (USA): Il Ponte di Brooklyn
Cosa c'è da sapere su uno dei più famosi siti di New York
Pillole di viaggio
15 Agosto 2015

Il Ponte di Brooklyn, che supera l'East River e unisce l'isola di Manhattan col quartiere di Brooklyn, è probabilmente il ponte più famoso del mondo. Di sicuro è stato il primo costruito in acciaio ed è stato per molto tempo il ponte sospeso più grande del mondo. Lungo 1825 metri e col piano stradale situato a 41 metri dal pelo dell'acqua, è un'icona del modernismo americano non diversamente dall'Empire State Building, immortalato nei film di Woody Allen e ne I Tre giorni del Condor, in Sex in The City e Transformers e molti altri. E chi non ricorda la ormai un po' datata ma ancora sulla breccia “gomma del ponte” con la sagoma del viadotto sulla confezione del chewing-gum?

 

Una veduta d'insieme del Ponte di Brooklyn - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

Tanta fama è dovuta innanzitutto alle allora innovative tecniche di costruzione ma un po' anche alla lunga sequela di disgrazie che ne ha caratterizzato la storia. La costruzione iniziò nel 1869 sotto la direzione di John August Roebling, che durante un incidente dapprima dovette farsi amputare gli alluci ma s'infettò di tetano e morì poco dopo, facendo appena in tempo a lasciare le consegne al figlio Washington. A questi non andò molto meglio: rimase parzialmente paralizzato per via dell'embolia gassosa che, come lui, colpì molti degli operai che, per costruire le fondamenta, effettuavano immersioni di scavo sottomarine. Le vittime in totale furono 27.

 

La maledizione però non si arrestò coi lavori: una settimana dopo l'inaugurazione, avvenuta nel maggio del 1884, dodici persone vennero schiacciate dalla folla a causa dello spargersi della voce che il ponte stava per crollare. Un allarmismo che il grande circense Barnum contribuì a sconfiggere, facendolo attraversare da una colonna di 21 elefanti.

 

Il ponte è costituito da enormi strutture di granito che contengono le piastre alle quali sono fissati i quattro giganteschi cavi che percorrono il ponte in tutta la sua lunghezza: ognuno è costituito da 5657 metri di filo d'acciaio galvanizzato per resistere alle intemperie. Le due torri in granito e cemento sono alte 300 metri e da esse sembra dipartirsi un groviglio di cavi metallici che, a suo modo, intrappola i turisti come mosche in una colossale ragnatela.

 

Uno degli enormi cavi - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

Visitare il ponte è una passeggiata, nel vero senso del termine: sono circa 2,5 chilometri da un ingresso all'altro, ovviamente il doppio se volete percorrerlo tutto e tornare indietro. Mentre sotto di voi scorrono le auto, potete godervi lo spettacolo dall'alto della pista pedonale, che offre una magnifica veduta sullo skyline di Low Manhattan, specie al tramonto. Attenzione però alle biciclette: la parte a loro riservata è separata da quella dei pedoni solo da una linea di vernice e la combinazione della velocità dei ciclisti e i turisti col naso per aria a guardare tanta meraviglia è piuttosto pericolosa.



ROBERTO (Collaboratore)

Roberto è un grande appassionato di minoranze, arti e culture extraeuropee e una prolifica penna. Si diverte a raccontare le sue avventure in giro per il mondo su libri autoprodotti e sul nostro blog, arricchendo il tutto con scatti che immortalano volti e posti unici.

TOUR CHE POTREBBERO INTERESSARTI

MADAGASCAR
Constance Tsarabanjina
Resort e Villaggi - Madagascar

Una isola da sogno, in uno scenario che stupisce per la bellezza selvaggia della destinazione, le spiagge e il mare dalle mille sfumature. Tsarabanjina non è solo uno splendido, piccolo eco-resort dall’eleganza innata, è il vostro rifugio per allontanarvi dal mondo.

SCHEDA VIAGGIO
MONGOLIA
MONGOLIA, GOBI SCONOSCIUTO
National Geographic Expeditions
  • Accompagnatore dall'Italia
  • Gruppo con minimo 10 - massimo 16 partecipanti
  • Pernottamento in ger (in alcuni campi dotate di servizi privati) 
  • Karakorum, Deserto del Gobi, Ulaanbaatar
SCHEDA VIAGGIO
NAMIBIA
NAMIBIA LUXURY
Africa meridionale
  • Parco Nazionale Etosha
  • Sorgente Twyfelfontein
  • Self Drive
  • Riserva Naturale Namib Rand
  • cittadina di Swakopmund
SCHEDA VIAGGIO

ALTRI ARTICOLI

04/04/2020

Perché andare a New York

PERCHÉ ANDARE A NEW YORKLa Grande Mela è una città che stupisce e affascina tutti. Tutti abbiamo visto in TV tantissimi...

LEGGI
15/02/2020

Il Messico di Frida Kahlo - I

Frida Kahlo e il Messico. Un’endiadi. Iniziamo con un giudizio di Diego Rivera, il grande pittore muralista che la spos&ogra...

LEGGI
19/10/2019

Stati Uniti e Canada, di Barbara e Gianluca

L’anno scorso eravamo stati a New York per una vacanza e quest’anno, in occasione del nostro matrimonio, abbiamo scelto di ...

LEGGI
06/10/2018

Canada e U.S.A. ad hoc, di Raffaella e Corrado

7 Agosto 2018: Dopo soli due giorni per riprenderci dal nostro fantastico e “gatsbyano” matrimonio, siamo pronti per partire all...

LEGGI
27/01/2018

USA: Un po’ di qui e un po’ di là, di Dario e Paola

Destinazione e data del viaggio:USA un po’ di qui e un po’ di là: New York, San Francisco, Los Angeles10-22 gennaio 2018&...

LEGGI
10/06/2017

Stati Uniti, di Marco e Francesca - II

segue... Ed eccoci a New York. Veduta della Grande Mela Il volo notturno ci ha catapultato nella mitica Grande Mela. Trasferi...

LEGGI
arrow_drop_up
arrow_drop_up