menu

HOME

LESOTHO - SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - V
Diari di Viaggio
Attraversamento di elefanti al Kruger National Park
07/09/2019

Sudafrica e stati annessi - V

...segue  21° giornoCi svegliamo poco prima dell’alba ma siamo tra gli ultimi, ripieghiamo le tende sul tetto del pick-up e partiamo appena aprono i cancelli per avvistare gli animali nelle prime ore di luce quando dovrebbe essere più facile incontrarli. Prendiamo la H1-2 asfaltata ma non per questo vuota da animali, anzi, rinoceronti ed elefanti paiono felici di mettersi in mostra su queste vie e interrompere il flusso di auto. Un gruppo numerosissimo di elefanti fa impressione, una guida a fianco ci dice di indietreggiare perché secondo lui non sono così tranquilli, ma tutto va per il meglio, prima della deviazione per l’Orpen Dam abbiamo un incontro ravvicinato con una coppia di leoni, ovviamente in totale relax. In questi casi è fac

  Leggi ►
SUDAFRICA - SWAZILAND
Sudafrica e stati annessi - IV
Diari di Viaggio
Paesaggio nella Malolotja National Reserve, Swaziland
24/08/2019

Sudafrica e stati annessi - IV

...segue 16° giornoÈ la prima mattina che ci si sveglia già accaldati, il clima variabile di qualche giorno fa è un lontano ricordo, come ci accennano anche alcuni sudafricani di rientro dal limitrofo Mozambico, solo sole e caldo, tanto caldo. Terminata colazione decidiamo di vedere come sia la vicinissima laguna di Kosy Bay ed appena arriviamo al bordo dell’acqua prendiamo contatto con Ray, una guida che con la sua imbarcazione porta in escursione tra i canali e le lagune. Accettiamo immediatamente questa possibilità di escursione in zona e partiamo nel giro di breve, la barca è dotata di tetto, anche se precario, che ripara da un sole cocente, siamo a bordo con una famiglia italo-sudafricana bianca e una orgogliosamente nera di Soweto, un

  Leggi ►
SUD SUDAN
Sudafrica e stati annessi - III
Diari di Viaggio
Rinoceronti all'iMfolozi Game Reserve
10/08/2019

Sudafrica e stati annessi - III

...segue 11° giorno La pioggia non intende smettere, la notte è un continuo e così la mattina, riposizioniamo le tende sul tetto e partiamo per trovare colazione in un locale della cittadina, pochi avventori in questa mattinata natalizia, tra quelli uno elegantissimo in procinto di entrare in chiesa ma che prima si lava diligentemente le mani in una pozzanghera. Abbiamo nuovamente una gomma bucata, anche questa volta riusciamo ad arrivare da un gommista senza doverla sostituire, per il gommista la festività non esiste, anzi ha più lavoro del solito ma capendo che siamo di passaggio si adopera immediatamente per una cifra talmente bassa che vien da chiederci se abbiamo capito bene, utilizzando il solito metodo del punteruolo. Prendiamo la R61 che se

  Leggi ►
SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - II
Diari di Viaggio
Uno dei ponti sospesi dello Tsitsikamma National Park
13/07/2019

Sudafrica e stati annessi - II

... segue 6° giorno Quando la despertadora ci richiama ai nostri compiti, verifichiamo come la tenda abbia retto perfettamente alla pioggia, tentiamo di prepararci una rapida colazione usando proprio lo spazio coperto che lasciano le 2 tende come riparo, la buona notizia arriva dal cielo, lungo la M2 per Mossel Bay il clima torna ottimo e possiamo visitarci la cittadina che dista 9 km dalla via principale in tutta tranquillità. L’attrattiva principe del posto è il Diaz Museum Complex, insieme di più luoghi e strutture interamente dedicate all’esploratore portoghese e alla sua impresa di primo uomo a circumnavigare il Capo di Buona Speranza. Si visitano musei, sorgenti d’acqua (di primaria importanza stivarla per i lunghi periodi in mare

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibia, di Serena e Giovanni
Gli Sposi Raccontano
La Dead Vlei come un miraggio
22/06/2019

Namibia, di Serena e Giovanni

Quello fatto in Namibia è un viaggio che ci porteremo sempre nel cuore, non solo perché è stato il nostro viaggio di nozze, ma perché abbiamo potuto fare il pieno di natura e di bellezza come mai avremmo immaginato. Si è trattato di un viaggio che è stato un crescendo di emozioni e dove ogni tappa ha avuto il potere di lasciarci di volta in volta a bocca aperta. Lo Spitzkoppe infuocato al tramonto Il paese è molto sicuro e ospitale e la nostra scelta è stata quella della formula self drive. Poter visitare il paese seguendo il proprio ritmo non ha prezzo. Abbiamo potuto fermarci nel deserto rosso, nella savana, lungo la Skeleton Coast, spegnere il motore e ascoltare il silenzio. Questa è stata in assoluto una delle pi&

  Leggi ►
CONGO - RUANDA - UGANDA
Alla ricerca dei gorilla di montagna - III
Pillole di viaggio
I trackers aprono la via col machete - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
06/04/2019

Alla ricerca dei gorilla di montagna - III

segue.... Vi racconto la mia visita ai gorilla di montagna della Bwindi Impenetrable Forest. La città più vicina al parco è Kisoro. Se non scegliete la (più costosa) opzione di dormire nei lodge nei pressi dell'ingresso, tenete conto che vi servirà circa un'ora e mezzo con un mezzo 4x4 per arrivare all'ingresso, entro le 8:00 di mattina, orario in cui si formano i gruppi per il cosidetto “gorilla tracking” (rintracciamento dei gorilla). I gruppi abituati alla Bwindi I.P. sono 11: uno al gate meridionale di Nkuringo (quello che ho incontrato), tre gruppi al gate Buhoma a nord, cinque gruppi nella zona di Rushaga e due gruppi nella regione di Ruhjia. Al Mgahinga National Park c'è un solo gruppo e cinque nel Virunga Na

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibiade - VII
Diari di Viaggio
Ippopotamo nel Mamili National Park, Caprivi Strip
30/03/2019

Namibiade - VII

segue...  25° giornoCaldo già di mattina, colazione e via lungo i disastrati sentieri del Mamili National Park, godendoci i passaggi su precari ponti e tra una vegetazione da fitta foresta, quando arriviamo a Wuparu è come se fossimo usciti da un mondo sconosciuto e ancora intonso, senza guai al pick-up, preoccupazione principe visto che qui non c’è possibilità di comunicare con nessuno. Ci sono varie comunità locali in recinti ben tenuti, in confronto al luogo da dove arriviamo noi una civiltà sviluppata e organizzata, ritorniamo sulla C49 (denominata anche M125) che percorriamo in direzione est, la strada ha qualche punto ancora da rifinire ma si può percorrerla comunque tutta su asfalto. Incontriamo un altro check poin

  Leggi ►
CONGO - RUANDA - UGANDA
Alla ricerca dei gorilla di montagna - II
Pillole di viaggio
Una femmina nella Bwindi Impenetrable Forest - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
23/03/2019

Alla ricerca dei gorilla di montagna - II

segue... I gorilla maschi hanno una statura media attorno ai 170 cm, con un peso medio sui 200 kg. Gli esemplari più imponenti di cui si ha notizia sono stati un maschio alto 195 cm di 220 kg ucciso nel 1938. Vi sono report, non confermati, della stessa epoca in cui si narra di un esemplare alto 2,06 metri che raggiungeva i 267 kg. La femmina di solito misura sui 140 cm e pesa la metà di un maschio. Il maschio, oltre che per le dimensioni, è distinguibile anche da un altro fattore: il pelo della schiena che, al raggiungimento della maturazione sessuale che avviene attorno ai 12 anni, acquisisce un colore grigio chiaro, cosa che ha dato origine alla definizione di “silverback” (schiena d'argento) con la quale si individuano i maschi adulti. I gorill

  Leggi ►
CONGO - RUANDA - UGANDA
Alla ricerca dei gorilla di montagna - I
Pillole di viaggio
Un silverback in mezzo alla vegetazione - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
09/03/2019

Alla ricerca dei gorilla di montagna - I

I maestosi gorilla di montagna, il cui incontro viene definito il “safari più emozionante del mondo”, possono essere ammirati solo in natura perché, nonostante i svariati tentativi portati avanti negli anni '60 e '70, nessun gorilla nato in cattività è sopravvissuto e al momento nessuno zoo al mondo ne detiene un esemplare. Ciò rende la loro protezione ancora più complicata, e la difesa del loro habitat di vitale importanza per la loro conservazione. I luoghi dei gorilla di montagna sono considerati patrimonio dell'Umanità da parte dell'UNESCO. Quelli negli zoo sono gorilla di pianura, molto meno rari e di corporatura meno imponente e pelo rossiccio, solo in Congo ce ne sono circa 100.000 ma se ne possono trovare

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibiade - V
Diari di Viaggio
Leopardo all'Etosha National Park
02/03/2019

Namibiade - V

segue... 7° giornoColazione al camp e benzina al distributore del campeggio, la più cara incontrata ma possibile pagare con carta, prima meta l’Etosha lookout, un posto dove ammirare l’assoluto nulla bianco iridescente del pan, vista che senza occhiali protettivi causa disturbi agli occhi. Pensare ai primi pionieri che arrivavano qui sui loro carri ed intrapresero l’attraversata di questo mare bianco fa paura, nel pan non si scorgono animali, questo spazio incute timore pure a loro. Lasciamo l’area di Halali per entrare in quella di Namutoni, l’est del parco, prima sosta a Springbokfontein (acqua ed animali, principalmente alcefali), da qui prendiamo per Batia schivando elefanti e giraffe che in assoluta tranquillità frequentano la zona

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibiade - IV
Diari di Viaggio
Leonesse alla pozza, Etosha National Park
16/02/2019

Namibiade - IV

segue... 13° giorno Terminata colazione, sistemata la tenda, cerchiamo il ragazzino che gestisce il camp per pagare, ricevere il resto diventa un’impresa, dobbiamo ritornare in paese per cambiare i soldi al market, poi accompagniamo il ragazzino al piccolo villaggio dove risiede già lungo la via per Purros sulla D3707. Preso al bivio la via sulla destra, dopo poco entriamo in un percorso in pessime condizioni, la velocità cala di molto, ci sono da oltrepassare montagne e fiumi, nel letto di questi il 4x4 è fondamentale come lo è l’assale alto, lungo questi 100 km più che la trazione integrale fondamentale è proprio l’alta luce da terra. Entriamo a tutti gli effetti nel Kaokoland e la sua famigerata fama ce lo conferm

  Leggi ►
BOTSWANA - SUDAFRICA
Il deserto del Kalahari - IV
Diari di Viaggio
Mai dimenticare che i leoni nel Kalahari sono in libertà
13/01/2018

Il deserto del Kalahari - IV

16° giornoSveglia senza fretta, colazione e poi si parte con un cambio di mezzo, il grosso camion da deserto ha lasciato la compagnia sostituito da un van più comodo e adatto alle strade asfaltate (ma anche perché destinato a un nuovo viaggio con destinazione Malawi), andiamo in direzione Pretoria, vorremmo fare il giro di questa città o di Johannesburg ma gli autisti non amano andare in centro a queste metropoli - ufficialmente perché ritenute eccessivamente pericolose, con più probabilità perché avrebbero da faticare nel traffico) e alla fine trattiamo una sosta a un mercato artigianale tipico del luogo, scelta che ricade su Hartbeespoort, grande e pieno di negozietti che però esibiscono quasi tutti le medesime cose. C’&eg

  Leggi ►
BOTSWANA - SUDAFRICA
Il deserto del Kalahari - III
Diari di Viaggio
La surreale Kubu Island, un promontorio pieno di baobab circondato da una distesa di sale
30/12/2017

Il deserto del Kalahari - III

11° giorno Sveglia ben prima dell’alba per un game drive che però come ormai prevedibile non ci permette di veder nulla, poi durante colazione siamo invasi da buceri particolarmente ostici. Smontiamo il campo in tutta fretta e prendiamo la via per Deception Valley, la zona più conosciuta del Kalahari anche per via delle lunghe e celebri ricerche che qui vi fecero Mark e Delia Owens su iene, leoni ed altre specie del posto, da cui scaturì tra i tanti libri specifici anche il più noto "Il Grido Del Kalahari", base per ogni conoscenza desertica di qui. Ma per arrivarci il cammino è lungo, nella prima parte il sentiero è tutto su sabbia cedevole, si procede molto piano, mancano però dune emozionanti da rimirare e solo la

  Leggi ►
BOTSWANA - SUDAFRICA
Il deserto del Kalahari - II
Diari di Viaggio
Un ghepardo lungo il Nossob River
16/12/2017

Il deserto del Kalahari - II

... segue 6° giorno Sveglia e solita colazione cercando di schivare gli agguerriti buceri intenti a colazionare coi nostri cibi, poi smontato il campo si parte in direzione ovest girando attorno ad alcuni pan con protagonisti soprattutto grandi branchi di gnu, che all’occorrenza si lanciano in lunghissimi e spettacolari salti. Il terreno si fa via via più sabbioso, più deserto tradizionale anche se di alte dune vere e proprie non c’è traccia, ma bastano poche decine di metri di salita e per i mezzi diventa un problema procedere. Così impieghiamo parecchio tempo per raggiungere il Nossob Camp Hut che si trova proprio al di là del confine segnato dall’alveo (in questa stagione secco) del Nossob River, pieno di volatili di ogn

  Leggi ►
BOTSWANA - SUDAFRICA
Il deserto del Kalahari - I
Diari di Viaggio
Un dispettoso bucero
25/11/2017

Il deserto del Kalahari - I

1° giorno Da Bologna con un Freccia Rossa raggiungo Milano Centrale, da lì le navette partono ogni 5’ per l’aeroporto di Malpensa. La fila al check-in del volo Turkish Airline per Istanbul è veloce e anche i controlli portan via poco tempo, ma quando siam pronti a partire l’aereo non si muove. Dopo 30’ veniamo informati che un passeggero ha imbarcato con un solo porto d’armi svariate armi, quindi viene fatto scendere e in un secondo tempo viene prelevato anche il suo bagaglio a mano, operazione che impiega circa 90’, mettendoci a rischio per la coincidenza futura. In volo non recuperiamo tempo, ma come da tradizione della compagnia (votata la migliore in Europa) il servizio è ottimo. All’aeroporto Ataturk di Istanbul (

  Leggi ►
SUDAFRICA
Impressioni sul Sudafrica, di Luigia e Luciano
Pillole di viaggio
La Testa del Leone vista dalla Table Mountain
10/12/2016

Impressioni sul Sudafrica, di Luigia e Luciano

Un paese molte volte immaginato, leggendo i libri di Wilbur Smith, oppure le cronache delle spedizioni navali della Compagnia delle Indie o i più recenti fatti relativi all'apartheid. La realtà è ancora più stupefacente! Bar a Pilgrim's Rest La vista della Table Mountain che emerge dalla nebbia, il Capo di Buona Speranza che divide i due oceani e che coraggiosi marinai hanno doppiato nei secoli scorsi per raggiungere le Indie, le colonie di pinguini che suscitano tanta tenerezza, gli stupendi parchi con il fiore simbolo del Paese, la Protea, i magnifici vigneti e l'ottimo vino, fanno apprezzare questa terra! La Testa del Leone vista dalla Table Mountain Le otarie di Hout Bay Naturalmente c'è anche il rovescio della

  Leggi ►
BOTSWANA - SUDAFRICA
Sudafrica e Botswana, il fotoracconto di Vincenzo e Graziella
Gli Sposi Raccontano
Vincenzo e Graziella di fronte alle Cascate Vittoria
19/11/2016

Sudafrica e Botswana, il fotoracconto di Vincenzo e Graziella

Siamo lieti di condividere con voi il foto-racconto del viaggio di nozze dei nostri viaggiatori Vincenzo e Graziella, da poco tornati dal Sudafrica. Lucia, Monica,siamo ormai tornati da diversi giorni dal nostro viaggio di nozze che è stato meraviglioso e per questo volevamo innanzitutto ringraziarvi. Crediamo che il nostro viaggio di nozze lo ricorderemo per sempre per la bellezza dei posti in cui siamo stati, l’accoglienza che abbiamo ricevuto dalle persone del posto, le incredibili avventure dei safari (abbiamo visto tutti i cinque big five) e tanto altro. Insomma in Africa vorremo tornarci ancora!  Ore 05:47, un uccellino in cima all'albero si fa abbracciare dai primi raggi di sole, che sorge meravigliosamente sulla savana sudafricana. L'aria sar&agr

  Leggi ►
BRASILE
Brasile, di Alessandro e Simonetta
Pillole di viaggio
I paesaggi surreali del Lencois Maranhenses
19/12/2015

Brasile, di Alessandro e Simonetta

Due nostri partecipanti al tour "Pantanal, Lencois Maranhenses e cascate di Iguazù"

Riposati ma anche ripartiti, da oggi siamo in ufficio!Confermiamo che è andato tutto bene, viaggio, guide e sistemazioni. Tra queste senza dubbio al top l'Hotel Das Cataractas, molto bello e in posizione strategica. Le cascate peraltro sono veramente belle anche per chi ha già visto Niagara e Victoria Falls.Altro resort molto bello è quello di Barreirinhas, l'unico neo è che non parlano inglese ma per noi italiani non è un problema...Quello più "scarso", come prevedibile, è quello di Cuiabà, logisticamente scomodo perché per andare verso la Tranpantaneira si doveva attraversare tutta la caotica città perdendo almeno mezz'ora: l'ideale sarebbe stato l'Araras, che abbiamo visto ed è bel

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibia in autonomia - IV
Diari di Viaggio
Zebre alla pozza, Etosha National Park - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
11/10/2014

Namibia in autonomia - IV

 Il Waterberg Plateau è un altopiano lungo 50 km e largo fino ad un massimo di 16 km, ricco di animali, principalmente erbivori, che merita la visita. In pratica una specie di gabbia naturale, essendo in pratica circondato da dirupi di 200 metri su tutti i lati che solo gli animali più piccoli e agili possono discendere. Viene utilizzato per reinsediare specie a rischio di estinzione e dovrebbero esserci anche ghepardi, bufali, e rinoceronti ma non li abbiamo visti. Il campeggio è ancora una volta strepitoso e da quello sono salito in cima all'altopiano a piedi, in un punto dove non ci sono rischi di incontri percilosi mentre la mia compagna, che non era in forma, si è goduta un pomeriggio a bordo piscina. La mattina dopo siamo partiti la mattina presto

  Leggi ►
BOTSWANA
Botswana, di Michela e Simone
Gli Sposi Raccontano
Uomo San
08/11/2013

Botswana, di Michela e Simone

 Ero già stata in Namibia e l'Africa, i suoi paesaggi, i suoi colori e i suoi silenzi mi erano rimasti nel cuore... Io e Simone eravamo alla ricerca di un viaggio di nozze che ci facesse vivere per qualche settimana 'fuori dal mondo', un viaggio in grado di regalarci quelle emozioni che solo la semplicità sa donare e così abbiamo pensato quasi subito all'Africa e al Botswana... Forse uno dei più sconosciuti e quindi incontaminati stati dell'Africa... E le nostre aspettative non sono state tradite! Uomo San Arrivati a Maun ci siamo imbarcati sul primo volo charter del viaggio e, superate le prime perplessità sulla sicurezza dello stesso, eccoci volare sugli spazi immensi dell'Africa... In pochi minuti abbiamo lasciato

  Leggi ►
ZIMBABWE
Zimbabwe, di Bartolomeo e Luisella
Diari di Viaggio
18/01/2013

Zimbabwe, di Bartolomeo e Luisella

 Dopo una breve sosta di anticipo ferie, siamo finalmente pronti per il grande viaggio. Quest’anno abbiamo deciso, con altri fortunati o sfortunati, di recarci nello Zimbabwe per dei safari fotografici.  Armati di tutto punto ci prepariamo alla partenza trovando un valido alleato nel Sig. Mario con l’autostop fino all’aereoporto di Caselle. Imbarcati nel primo pomeriggio per Francoforrte, nel tardo pomeriggio saliamo sul piccolo pulmann con le ali (due piani di morbidezza) da 500 posti in direzione Johannesburg per poi finire al pomeriggio ad Harare, la capitale dello Zimbabwe, per un primo stop notturno in hotel. All’arrivo in aereoporto ci accoglie un collaboratore locale, Rocky, che ci seguirà per tutto il viaggio nello Zimbabwe.  I primi in

  Leggi ►
TANZANIA - EMIRATI ARABI
Dubai e Tanzania, di Michele e Francesca
Diari di Viaggio
Leonessa a stretto contatto
23/02/2012

Dubai e Tanzania, di Michele e Francesca

L’Africa è sempre nel nostro cuore, ci mancavano i parchi della Tanzania, che sono stati i più spettacolari di tutti quelli visti fin’ora. Dubai scelta approfittando dello scalo di connessione. Da vedere; sono sufficienti due giorni. L’organizzazione, con il supporto della gentilissima Lucia di Pianeta Gaia è personalizzabile a piacere. Perfetti gli appoggi agli aeroporti, soprattutto in partenza, dove abbiamo evitato tutte le code, passando per corsie preferenziali!! Dagli sfarzi e dal potere del petrolio di Dubai, veniamo catapultati nella natura incontaminata e selvaggia del Tarangire, il primo parco che visitiamo in Tanzania, in compagnia della nostra disponibilissima guida Naftal. Qui abbiamo un primo assaggio di tutto quello

  Leggi ►
SUDAFRICA - ZIMBABWE
Sud Africa e Zimbabwe, di Stefania e Luca
Gli Sposi Raccontano
21/10/2011

Sud Africa e Zimbabwe, di Stefania e Luca

DESTINAZIONE: Sud Africa e Zimbabwe DATA DEL VIAGGIO: 07/21 settembre 2011 AUTORI: Stefania&Luca COME E PERCHÉ LA SCELTA:“Chi segue gli altri non arriva mai primo” – scritta sulla lattina del Chinotto. La maggior parte dei viaggi di nozze sono a New York, in Australia o in qualche paradiso tropicale. Noi siamo una coppia un po’ atipica. Quello che fanno tutti… noi lo evitiamo come la peste bubbonica. Volevamo vedere l’Africa, non ci eravamo mai stati, avevamo sempre visto foto bellissime. Nella nostra vita di coppia c’è il fotografo [Luca] e l’assistente fotografa [Stefania] che con la scusa di aiutarlo con l’attrezzatura ne approfitta per seguirlo in capo al mondo. E questa volta possiamo veramente dir

  Leggi ►
arrow_drop_up
arrow_drop_up