menu

HOME

PERU
Perù: il Camino Inca
Pillole di viaggio
Mirabili paesaggi andini ricoperti di vegetazione - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
01/12/2018

Perù: il Camino Inca

Oggi sveglia all’alba ma è per una buona ragione. Ci attende una di quelle esperienze che ti accompagnano poi per sempre, oggi il programma prevede il trekking lungo il Camino Inca fino a Machu Picchu. È una mattina frizzante a 2.700 metri nella località di Ollantaytambo. Un nome difficile da pronunciare che ci ricorda che siamo nel cuore della Valle Sacra degli Inca, la valle scavata tra le Ande peruviane dal fiume Urubamba e che collega l’antica città di Cusco - che fu prima capitale dell'Impero Inca e successivamente centro del potere dei Conquistadores spagnoli - e la mitica cittadella di Machu Picchu. Il sito Inca di Ollantaytambo - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Siamo carichi e pronti. È anche vero che abbiamo scelt

  Leggi ►
CAMBOGIA
La Mia Cambogia - III
Diari di Viaggio
La grandiosa piramide di Prasat Thom
24/03/2018

La Mia Cambogia - III

9° giorno Stesso orario e stesso autista del giorno precedente, oggi è il turno del circuito grande, ovvero i monumenti riconducibili ad Angkor ma più lontani, un giro che si interseca con quello del percorso corto e che può essere interconnesso ad esso, ma che non da la possibilità di vedersi in modo non dico da archeologo professionista ma nemmeno esaustivo il tutto in una sola giornata. Tappa al Thida Speam Neak Rest per colazione poi prima sosta al Pre Rup nella zona denominata Mebon Orientale. Qui, una volta saliti sul tempio, la vista della foresta è ben più impressionante visto che nei dintorni non si scorgono né altre costruzione né persone. Il Mebon Orientale a sua volta oltre a denominare la zona è un tempio,

  Leggi ►
CAMBOGIA
La Mia Cambogia - II
Diari di Viaggio
Il treno di bambù di Battambang
10/03/2018

La Mia Cambogia - II

5° giornoColazione a spizzichi e bocconi poi trattato il noleggio con conducente di un motoremorque iniziamo la visita dei dintorni della città dopo esserci assicurati un passaggio in nave per il giorno dopo verso Siem Reap. Il conducente ci consiglia di far subito tappa all’escursione con treno di bambù, tutta al sole e viste le temperature prossime ai 35° già nella mattinata meglio seguire il suo consiglio. Il treno di bambù è formato da due rulli sui quali viene posta una tavola di bambù, al rullo posteriore vien collegato un piccolo motore a cinghia che spinge il mezzo, visto che il binario è unico quando si incontrano altri “convogli” uno viene smontato e spostato per far strada. Una maniera pratica, veloce ed

  Leggi ►
IRAN
Perché andare in Iran
Dove e Perché
Le classiche silhouette di due donne iraniane vestite col chador - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
04/11/2017

Perché andare in Iran

PERCHÉ ANDARE IN IRANL'Iran altro non è che l'erede dell'antica Persia e dei suoi imperi, che hanno lasciato importanti vestigia e un'eredità culturale importantissima. Alcuni storcono il naso quando sentono parlare di Iran perché per molti anni è stato inserito nella lista dei paesi canaglia (e Trump sta facendo di tutto per farcelo tornare) a seguito dei fatti del 1979 quando Kohmeini prese il potere dopo la fuga dello Scià. Da allora le cose sono cambiate, il paese è da decenni fuori da guerre, non subisce attentati e il flusso turistico è in deciso aumento, cosa largamente apprezzata da una popolazione estremamente ospitale e giovane (il 70% degli iraniani ha meno di 35 anni), molto più esterofila di quanto

  Leggi ►
ITALIA - TUNISIA - TURCHIA
Le abitazioni tradizionali più belle del mondo - V
Curiosità
I Sassi di Matera - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
24/12/2016

Le abitazioni tradizionali più belle del mondo - V

Torno a parlarvi di questo argomento che ho affrontato approfonditamente, ma non certo esaurito, in passato. Stavolta vi voglio parlare delle abitazioni troglodite, cioè di quelle ricavate nella roccia, una formula abitativa usata spesso come rifugio in tempi di guerra o come espediente per sopravvivere in condizioni climatiche particolarmente avverse, perché sottoterra le temperature sono meno fredde in inverno e meno calde in estate. È un modo di abitare non solo utilizzato in epoca preistorica ma anche per tutto il prosieguo dei tempi fino ai giorni nostri, al punto che esistono ancora diversi siti, alcuni ormai ridotti a siti archeologici ma altri tutt'ora abitati. I Sassi di Matera - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Partiamo senza andare tanto lonta

  Leggi ►
ARMENIA
Le khachkar, le onnipresenti croci armene
Pillole di viaggio
Una khachkar in un prato - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
09/07/2016

Le khachkar, le onnipresenti croci armene

Se andate in Armenia, un paese fuori dai grandi circuiti turistici ma davvero interessante, non potrete fare a meno di imbattervi in tantissime khachkar, le croci in pietra di origine medievale – che in realtà hanno più l'aspetto di una stele - che sono una delle espressioni tipiche di questo piccolo paese dal passato importante. Un patrimonio artistico e culturale talmente importante da essere stato inserito dall'UNESCO nella lista dei Patrimoni Culturali Intangibili. Una khachkar in un prato - Archivio Fotografico Pianeta Gaia La profonda religiosità del popolo armeno, in una regione storicamente dominata da potenze islamiche come quella ottomane e persiana, è costata un elevato tributo di sangue, come ben sa chi conosce la storia del g

  Leggi ►
ALBANIA - MONTENEGRO
Montenegro e Albania - IV (fine)
Diari di Viaggio
Berat, la città delle mille finestre - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
02/07/2016

Montenegro e Albania - IV (fine)

13° giornoColazione in hotel, dove alcuni presentano i primi segni di malattia, così in due gatti andiamo a visitare Berat, altra città patrimonio mondiale dell’UNESCO, e conservata come un museo durante il regime di Hoxha. Saliamo dalla Kala per iniziare la visita, una vecchia cittadella fortificata ancora abitata, quindi tra le sue strette viuzze mentre si cercano le viste più sorprendenti ci si imbatte negli abitanti, solitamente tutti piuttosto anziani come le loro auto almeno Euro-10! Praticamente ogni singola casa meriterebbe la visita, da non perdere la vista su Gorica e per comprendere bene le pitture e le icone che decorano in lungo e largo l’Albania il museo Onufri, dal cui nome deriva una colorazione del rosso. Scendendo attraversiamo il pont

  Leggi ►
ALBANIA - MONTENEGRO
Montenegro e Albania - III
Diari di Viaggio
Un incrocio di Argirocastro - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
10/06/2016

Montenegro e Albania - III

9° giornoColazione casalinga e poi partenza per il monastero di Ardenica, a un’ora di distanza da Durazzo, lasciata la quale le strade peggiorano. Qui la vista cade sovente sui celeberrimi bunker che Enver Hoxha fece edificare in ogni dove, valli, montagne e anche spiagge ne son piene. Il monastero è un angolo di quiete dimenticato dal tempo, all’interno nella parte posteriore si possono ammirare icone di notevole fattezza, dove spicca un rosso intenso di cui più avanti capiremo l’origine. Per arrivare ad Apollonia il percorso è breve, ma la visita che tanto dovrebbe incantare per quanto mi riguarda lascia molto a desiderare. È rimasto poco da ammirare, o meglio tanto è ancora da scavare, è più l’importanza del lu

  Leggi ►
ALGERIA
Sahara algerino - IV (fine)
Diari di Viaggio
L'alba sull'Assekrem
23/04/2016

Sahara algerino - IV (fine)

14° giorno Siam tutti svegli ben prima dell’alba alla ricerca di un caffè caldo, il freddo è stato molto intenso e non si vede l’ora di muoversi. Prima di riattraversare Mertoutek, sulla destra dello uadi principale un chilometro fuori del paese ci sono interessanti pitture rupestri, per trovarle ci aiutano ovviamente gli autisti perché stanno all’interno di ripari naturali dove chi soffre di claustrofobia farà meglio a non entrare, però ci sono alcuni passaggi tra fori e crepe che sono proprio belli da percorrere. In paese facciamo nuovamente scorta di acqua a fianco dell’ufficio del parco e ci dicono che oggi ci sarà un matrimonio tra una ragazza del posto e un ricco cittadino di Tam. Se vogliamo fermarci siamo ospiti

  Leggi ►
ALGERIA
Sahara algerino - III
Diari di Viaggio
Il paesaggio di Tikobaouin
02/04/2016

Sahara algerino - III

9° giorno Siam sempre i primi a far colazione in hotel, poi partiamo passando da Djanet solo per far gasolio prendendo la strada in direzione Illizi. Visitiamo Tikobauin, luogo superbo all’interno dello uadi Asasu, un canyon tra enormi rocce lavorate dal vento in forme incredibili, attraversate da dune che cambiano colore nelle varie illuminazioni del sole. La chicca del luogo è un arco doppio, anzi quasi triplo visto che al di sopra dei due archi c’è una piccola spaccatura che potrebbe essere venduta come il terzo. Qui però par di essere in centro a Londra, c’è gente ovunque, molti han passato qui la fine dell’anno e devono ancora smontare i campi, quindi certi passaggi perdono un po’ di magnificenza. Ma il passaggio di alcuni

  Leggi ►
ALGERIA
Sahara algerino - II
Diari di Viaggio
I colori dell'alba a Tinakacheker
19/03/2016

Sahara algerino - II

5° giorno Lo spettacolo dell’alba sulle montagne di fronte è splendido anche se non vale la magnificenza di Tinakacheker. Consumata colazione e caricate le jeep, occorre dar una mano a una jeep nei paraggi che non riesce a partire. L’autista è un amico dei nostri due autisti (ovvio, si conoscono tutti tra di loro) e sta trasportando due ragazzi francesi preoccupati per le prossime partenze nel deserto, visto che gli incontri sono saltuari. Scendiamo a malincuore dall’altipiano affiancando un’enorme roccia a forma di cammello per percorrere svariati uadi dovendo rientrare lungo il percorso nei paraggi di Tadant. Dallo uadi di Telonfasa si passa per quello di Afalarfal, poi Tihinarar dove incontriamo un ragazzo con al seguito due dromedari (con lui u

  Leggi ►
ALGERIA
Sahara algerino - I
Diari di Viaggio
El Ghessour
27/02/2016

Sahara algerino - I

1° giornoParto di primissima mattina da Bologna in un giorno di grandi difficoltà di trasporti, così in stazione apprendo che il treno che avevo prenotato arriverà chissà quando. Devo comprarmi un nuovo biglietto (di prima mattina le biglietterie sono chiuse) alle biglietterie automatiche non potendo così sfruttare quella già pagato e salgo sul primo treno per Roma, un Freccia Rossa che nasce a Bologna e quindi non porta ritardo. Arrivo comunque a Roma con 70’ di ritardo, ma al volo prendo il Leonardo Express e in 30’ sono a Fiumicino. La coda per il check-in della Air Algeria è corta, e non ci fanno nemmeno problemi a imbarcare bagagli pesanti (cioè gli zaini son leggeri ma le vettovaglie più tutto il cibo &ldq

  Leggi ►
ETIOPIA
Le chiese di Lalibela
Pillole di viaggio
La Chiesa a forma di croce di San Giorgio
05/09/2015

Le chiese di Lalibela

L'incredibile città santa dell'Etiopia

Lalibela è una città del nord dell'Etiopia, a circa 2700 metri di altezza, famosa per le sue chiese monolitiche scavate nella roccia considerate patrimonio dell'umanità dall'UNESCO. È uno dei luoghi più sacri del paese africano, in cui si pratica, fin dagli albori del quarto secolo, il cristianesimo ortodosso etiope, e noto centro di pellegrinaggio. La Chiesa a forma di croce di San Giorgio Secondo una leggenda, il Re Gebre Mesel Lalibela da piccolo venne avvelenato. Andò in coma e durante questo stato ricevette l'ordine celeste di costruire una nuova Gerusalemme. Quando si riprese, mise in atto quanto impartitogli, realizzando gli edifici così come li aveva visti in sogno. La costruzione fu iniziata verso la fine d

  Leggi ►
CAMBOGIA
Il sito archeologico di Angkor
Pillole di viaggio
Monaci buddhisti - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
29/08/2015

Il sito archeologico di Angkor

Cosa visitare nel sito archeologico più importante della Cambogia

Angkor è l'enorme sito archeologico della civiltà khmer, fatto costruire dal re Suryavarman II nel XII secolo, nei pressi della città di Siem Reap. Inserito nell'elenco dei siti patrimonio dell'umanità dell'UNESCO dal 1992 e dal alcuni considerato la "ottava meraviglia del modno", è uno dei siti archeologici più importanti e famosi del mondo, e praticamente il motivo principale per cui i turisti si recano in Cambogia. Statue lungo l'ingresso dalla porta principale - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Il complesso archeologico è enorme: i siti di maggiore importanza sono distribuiti in un'area di 15 km per 6,5 km circa, per un totale di circa 400 chilometri quadrati che racchiudono templi, strutture

  Leggi ►
DJIBOUTI - ETIOPIA
Perché andare in Etiopia
Dove e Perché
Una donna Hamer, Valle del fiume Omo
25/07/2015

Perché andare in Etiopia

Un mondo da scoprire

PERCHÈ ANDARE IN ETIOPIA L'Etiopia è una destinazione turistica in grande crescita, soprattutto presso gli operatori turistici come Pianeta Gaia che cercano di offrire alternative alle destinazioni più battute. Ha moltissimo per attirare i viaggiatori più curiosi: un importante passato che le ha lasciato in eredità molti siti archeologici (è il secondo paese africano, dopo l’Egitto, per qualità e quantità), paesaggi che variano dalla depressione della Dancalia, a -160 metri, alle montagne di Simien, che toccano i 4600 metri, centinaia di chiese e monasteri spesso costruiti in luoghi remoti, il credo cristiano copto e le sue spettacolari manifestazioni, popolazioni che seguono lo stile di vita tradizionale fra le pi

  Leggi ►
UZBEKISTAN
Perché andare in Uzbekistan
Dove e Perché
Il Viale dei Mausolei, Samarkanda - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
07/03/2015

Perché andare in Uzbekistan

PERCHÈ ANDARE IN UZBEKISTAN L'Uzbekistan è una destinazione ancora poco conosciuta dal grande pubblico, nonostante le indubbie bellezze che può offrire al visitatore. Come molti degli stati che facevano parte dell'Unione Sovietica, il paese è vasto e poco abitato ma la maggior parte dei siti interessanti si trova su un ristretto asse centrale e, a parte l'attraversamento del Deserto Rosso – noioso ma non complicato -, gli itinerari non comportano particolari difficoltà. È il paese in cui la celeberrima Via della Seta dà il meglio di sé, con antiche città ricche di strepitose vestigia che raccontano di un passato importante. DIFFICOLTÀ DEL VIAGGIOPraticamente nessuna: i siti sono ben conservati

  Leggi ►
MESSICO - MESSICO
Messico: tra storia e natura
Curiosità
Cenotes
17/02/2015

Messico: tra storia e natura

I luoghi da non perdere

Il Messico è un territorio unico, eclettico e affascinante, dove la natura e la storia si fondono in un paesaggio davvero spettacolare. Un luogo storicamente importante, che oggi è diventato meta di vacanze da sogno, ecco i luoghi da non perdere: Playa del CarmenCittadina costiera che si affaccia sul Mar dei Caraibi e che sa unire la spettacolarità del mare a quella delle antiche testimonianze della civiltà Maya. Originariamente piccolo centro di pescatori, oggi è considerato uno dei luoghi da non perdere quando si visita il Messico. CenotesI Cenotes sono suggestive lagune di acqua dolce conosciute, nate dai processi carsici e conosciute in tutto il mondo come vere e proprie piscine naturali. Questi luoghi sono considerati la porta di

  Leggi ►
CINA
Meraviglie della Cina: L'Esercito di Terracotta
Pillole di viaggio
Veduta d'insieme dell'Esercito di Terracotta di Xi'an
14/02/2015

Meraviglie della Cina: L'Esercito di Terracotta

 L'Esercito di Terracotta non solo è una delle opere imperdibili per chiunque si rechi in Cina, ma è anche una delle cose più incredibili da ammirare in tutto il mondo, probabilmente la maggior scoperta archeologica del secolo scorso. Veduta d'insieme dell'Esercito di Terracotta di Xi'an Composto da migliaia di statue di terracotta a grandezza naturale, questo esercito ha fatto la guardia sottoterra per oltre due millenni alla tomba di Qin Shi Huang, il primo Imperatore della lunga storia dell'Impero Celeste, salito al trono appena tredicenne e che avrebbe per primo riunito la Cina sotto il suo dominio, in quanto si riteneva che anche da morto avrebbe conservato il suo ruolo di condottiero e quindi avrebbe necessitato della sua numero

  Leggi ►
CINA
Cina: un viaggio tra le meraviglie
Curiosità
La valle di Jiuzhaigou
12/01/2015

Cina: un viaggio tra le meraviglie

I luoghi da non perdere

Luoghi fermi nel tempo, paesaggi mozzafiato, megalopoli futuristiche. La Cina è un luogo dalle mille sfaccettature,  dove ogni angolo è sempre pronto a stupire e ad incantare. Ecco alcuni dei luoghi più belli che non possono mancare nell'itinerario di viaggio tra i paesaggi cinesi.  La grande muraglia cineseCostruita nel terzo secolo a.C. per volere dell’imperatore Quin Shi Huangdi, essa si presenta come un’infinita serie di mura che dovevano servire a difendere il territorio dalle incursioni nemiche. La muraglia è talmente vasta che nemmeno si sa con esattezza quanto possa essere lunga: l’ultima stima parla di 6350 chilometri, con diverse altezze, ma si parla anche di più di 8000 chilometri. La foresta di pietraL

  Leggi ►
GUATEMALA - HONDURAS
Perché andare in Guatemala
Dove e Perché
Il sito Maya di Tikal, immerso nella foresta pluviale - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
13/12/2014

Perché andare in Guatemala

 PERCHÉ ANDARE IN GUATEMALA Paese dal difficile passato ma da decenni aperta e ospitale coi turisti, il Guatemala ha diverse cose da offrire al viaggiatore: antiche chiese coloniali lascito della lunga dominazione spagnola, almeno quelle sopravvissute ai tanti terremoti che hanno colpito questo territorio, strepitose rovine dell'antica civiltà Maya, paesaggi costellati di irrequieti vulcani e coloratissimi mercati. Ideale anche per chi vuole farne la meta della prima parte, quella "culturale", del proprio viaggio di nozze, prima di chiudere con un periodo di relax in una delle tante stupende località caraibiche dei paesi confinanti. DIFFICOLTÀ DEL VIAGGIOBere l'acqua dal rubinetto può, nel migliore dei casi, portare la cos

  Leggi ►
SRI LANKA
Perché andare in Sri Lanka
Dove e Perché
Una spiaggia della costa meridionale - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
24/09/2014

Perché andare in Sri Lanka

PERCHÈ ANDARE IN SRI LANKAUna volta conosciuta come Ceylon e soprannominata Serendipity per il clima equatoriale e la spiritualità della sua gente, questa isola a forma di goccia è un piccolo condensato di quanto può offrire un paese esotico: antichi siti archeologici, lunghe spiagge sabbiose, templi buddhisti, vegetazione lussureggiante, piantagioni esotiche. La sua ricchezza culturale e di paesaggi la rendono destinazione ideale per gli sposi che, prima di una settimana di tutto riposo alle vicine Maldive, vuole concedersi la visita di un interessante paese orientale. DIFFICOLTÀ DEL VIAGGIOBere l'acqua dal rubinetto non è considerato sicuro, meglio farlo da bottiglie col tappo sigillato o con bevande calde come il thè. È co

  Leggi ►
GIORDANIA
Perché andare in Giordania
Dove e Perché
Petra, una delle Sette Meraviglie del Mondo, non può essere esclusa da qualsiasi itinerario in Giordania - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
11/09/2014

Perché andare in Giordania

PERCHÉ ANDARE IN GIORDANIALa Giordania è un paese poco vasto - 530 km dal punto più a nord a quello più a sud, percorribili in autostrada in mezza giornata -, e molte delle cose più interessanti sono distribuite in uno stretto asse centrale, essendo quasi tutto il resto deserto. Da sempre è una delle destinazioni più tranquille del Medio Oriente, al punto che, non disponendo di riserve di petrolio, il turismo è una delle principali risorse. In questo paese vi sono due siti che un viaggiatore non può non voler annoverare tra le sue “conquiste”: la stupenda città nabatea di Petra (una delle Sette Meraviglie del Mondo) e il deserto di Wadi Rum, uno dei più belli del mondo. DIFFICOLTÀ DEL VIAGG

  Leggi ►
ARMENIA
Perché andare in Armenia
Dove e Perché
Il monastero di Khor Virap, su cui incombe la massiccia mole del Monte Ararat - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
03/09/2014

Perché andare in Armenia

PERCHÉ ANDARE IN ARMENIAL’Armenia è un paese piuttosto piccolo ma dalla storia molto importante. La capitale Yerevan è più antica di Roma ed è il paese in cui il Cristianesimo è diventato religione di stato per primo, quasi un secolo prima dell’Impero Romano. Circondato in prevalenza da paesi islamici (Azerbaijan, Turchia e Iran), ha da sempre difeso strenuamente le sue radici culturali, pagando per questo un prezzo molto alto, come dimostra il Genocidio degli Armeni praticato dai Turchi all’inizio del secolo scorso. I siti più importanti da visitare sono le antiche chiese e monasteri, alcune delle quali sono considerate patrimonio dell’umanità dall’UNESCO, dalla caratteristica architettura e spesso dislo

  Leggi ►
CINA
Meraviglie della Cina: la Grande Muraglia Cinese
Pillole di viaggio
La Grande Muraglia a Badaling
23/08/2014

Meraviglie della Cina: la Grande Muraglia Cinese

 Chiunque si appresti ad un viaggio in Cina non può non includere fra le cose imperdibili la Grande Muraglia Cinese. Benché inserita fin dal 1997 nell'elenco dei siti patrimonio dell'umanità dell'UNESCO, è meno conosciuta di quanto ci si potrebbe aspettare. Per moltissimo tempo si è pensato che fosse stata costruita dall'Imperatore Qin Shian Huang - lo stesso che fece costruire l'altrettanto imponente esercito di terracotta - nel 215 a.c. e che fosse lunga circa 6.350 km. Poi nel 2009 delle misurazioni con infrarossi e GPS l'hanno allungata fino a 8.850 km ma appena tre anni dopo queste cifre sono state rivedute e portate a quasi 21.200 km. Questo perché per lungo tempo si è tenuto conto solo della parte gi&

  Leggi ►
BRASILE - CINA - INDIA - ITALIA - GIORDANIA - MESSICO - PERU
Le Meraviglie del Mondo
Pillole di viaggio
Petra, il Tesoro - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
12/07/2014

Le Meraviglie del Mondo

 Uno pensa: "sono sette". Dipende. Perché come spesso succede in queste liste è un attimo farsi prendere la mano, sia perché bisogna vedere chi decide cosa è meglio di cos'altro e poi perché gli esclusi cominciano a sottilizzare, a fare liste di Meraviglie di diverso genere e quindi racappezzarcisi diventa complicato. Vediamo di mettere un po' d'ordine. I primi a concepire tale lista furono gli antichi greci, utilizzando il numero sette che nella loro cultura rappresentava perfezione e completezza. Ovviamente in quella lista vi erano solo monumenti della loro epoca o precedenti e l'area in cui individuarli era ristretta al bacino del Mediterraneo. Quindi abbiamo le: Sette Meraviglie del Mondo AnticoPiramide di Giza

  Leggi ►
ETIOPIA
Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - IV (fine)
Diari di Viaggio
Sacerdoti a Lalibela
27/06/2014

Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - IV (fine)

 17° giorno Colazione al solito (unico) bar della piazza dove a fianco del solo piatto proposto (uova) completiamo la colazione con le poche cose ancora rimaste. Si continua la visita alle chiese rupestri del Tigrai dividendoci in due gruppi. I più temerari, o meglio i più preparati, affronteranno la chiesa Abuna Yemata Guh che prevede un passaggio nel vuoto assai insidioso (e come tale ci viene confermato al ritorno dai nostri eroi), mentre con un altro gruppo andiamo alla Abuna Gebre Mikael. Le jeep ci lasciano presso un villaggio con tanto di scuola e campo sportivo, forse uno dei complessi migliori visti fuori Addis Abeba, poi senza la solita calca abituale nei paraggi delle chiese rupestri prendiamo un pianoro che costeggia un terrazzamento dove molta gente

  Leggi ►
ETIOPIA
Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - III
Diari di Viaggio
Un fedele copto, vestito di bianco
13/06/2014

Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - III

 12° giorno Solita colazione da campo (ma sempre abbondante ed iperenergetica), poi raccolti tutti i bagagli si parte per lasciare la Dancalia e salire verso gli altipiani. Non esiste una strada, s'improvvisa qualcosa lungo il greto di un fiume, in pratica all’interno di un grande canyon. In un punto incui rimane un po’ di acqua, gli autisti quasi in esaltazione ne approfittano per lavare le jeep e soprattutto per togliere il sale dalle parti meccaniche. Poi iniziando la salita il percorso si fa difficile, più volte occorre scendere a spostare grandi pietre per aprirsi un varco dove passare ed anche cambiare le tante gomme che si bucano. In linea d’aria Dallol-Berahile saranno 70km, ma occorrono almeno 6 ore per arrivarci. Qui ci si riabitua

  Leggi ►
IRAN
L'Iran non è l'Iraq
Pillole di viaggio
In Iran si trovano alcuni dei più mirabili esempi di architettura islamica
28/04/2014

L'Iran non è l'Iraq

 Quando scrivo parlo (quasi) sempre di posti che ho conosciuto di persona, questa sarà l'eccezione che conferma la regola. Non sono mai stato in Iran ma lo sento ugualmente un po' "mio", come quei posti che ho visitato, che mi sono rimasti nel cuore e che quando sento notizie al telegiornale che li riguardano ascolto attentamente, come se abitassi lì o dovessi andarci nel giro di poche settimane. A parziale scusante devo premettere che avevo già iniziato la mia "relazione" con l'Iran. Avevo predisposto un itinerario di massima, avevo già preannunciato a compagna e amici che ci sarei andato a breve ma poi, mentre stavo stilando il percorso nel dettaglio, l'amico che avrebbe dovuto unirsi a me mi ha comunicato che doveva ri

  Leggi ►
CAMBOGIA - LAOS - VIETNAM
Vietnam, Laos e Cambogia, di Gabriella e Orazio
Diari di Viaggio
04/04/2014

Vietnam, Laos e Cambogia, di Gabriella e Orazio

 Eccovi il foto-racconto del tour nel cuore dell'Indocina effettuato da Gabriella e Orazio. Vietnam, Laos e Cambogia, tre paesi apparentemente simili ma ognuno con storia e peculiarità che li differenziano. Destinazioni i cui monumenti antichi, la profonda religiosità e le popolazioni sempre col sorriso fanno venire nostalgia a chi li lascia. Preriscaldamento a Bangkok con visita della città (spesso bloccata da manifestazioni): le case klong sul fiume Chao Phya, un po’ di templi principali come il Wat Trimit e il Palazzo Reale. Il nostro amico Paolo, appassionato fotografo, ha "donato" la sua bella macchina fotografica al dio del fiume Chao Phya, ovvero le è caduta irrimediabilmente in acqua, causa la sua proverbiale

  Leggi ►
KYRGYZSTAN - TAGIKISTAN - UZBEKISTAN
Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - III (fine)
Diari di Viaggio
Un mezzo sull'autostrada del Pamir
24/02/2014

Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - III (fine)

 15° giornoColazione e poi partenza per Khorog dove dobbiamo registrarci immediatamente. Nel frattempo ci giriamo il posto, luogo di accesso al Pamir. Qui la figura di riferimento è l’Aga Khan, ismaelita come la locale popolazione e praticamente finanziatore di tutto quello che avviene da queste parti, in primis l’università. Qui a Khorog c’è anche uno dei pochi posti di passaggio ufficiali verso l’Afghanistan, e quindi i controlli sono molteplici. Il mercato è in smobilitazione, allora tanto vale fermarsi per una foto col busto di Lenin che qui non è stato rimosso. Del resto dal dissolversi dell’Unione Sovietica questo angolo di mondo è passato da trovarsi all’interno di una delle maggiori potenze mondi

  Leggi ►
KYRGYZSTAN - TAGIKISTAN - UZBEKISTAN
Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - II
Diari di Viaggio
Il Viale dei Mausolei a Samarkanda - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
07/02/2014

Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - II

 8° giorno Pessima colazione in hotel (coerentemente con la cena) ed in 3h raggiungiamo Samarcanda, fermandoci dalle parti di Jom dove incontriamo un gruppo di motard locali in sella alle loro HH, ovviamente tutti senza casco. Tra loro anche un gruppo di persone a dorso d’asino, come al solito tutti molto gentili e partecipativi. In città ci fermiamo al B&B Furkat, il primo sorto dopo l’indipendenza, dov’è possibile cambiare soldi e dove si pernotta in un luogo dai mille angoli ed anfratti, posto bello e caratteristico e dove son sempre pronti a darti un thè. Come in tutta la città, spesso manca l’alimentazione elettrica, così è consigliabile avere un posto da dormire dotato di almeno 2 finestre che creino un mi

  Leggi ►
BIRMANIA (Myanmar)
Birmania, di Rossella e Samuele
Gli Sposi Raccontano
Il gigantesco Buddha sdraiato di Yangon
03/02/2014

Birmania, di Rossella e Samuele

 Salve a tutti, è la prima volta che scrivo su un blog e spero di non annoiarvi.Io e Samuele ci siamo sposati nell’ottobre del 2012 e abbiamo deciso solo ora di scrivere un po’ per timidezza, e un po’ per mancanza di tempo. Ma soprattutto abbiamo deciso di raccontarvi il nostro viaggio di nozze per ringraziare Lucia che per noi è veramente un mito. (Adesso lo so cosa starà pensando: esagerati!!!!) Vi giuro che non ci ha pagati per scrivere queste parole, ma ci ha solamente fatto trascorrere delle giornate indimenticabili in una terra così lontana da noi, ma allo stesso tempo così ricca di fascino.Ma ritorniamo al viaggio.Noi siamo di Bologna e la mattina del 17/10 ci siamo svegliati prestissimo per andare a prendere il treno per Mil

  Leggi ►
KYRGYZSTAN - TAGIKISTAN - UZBEKISTAN
Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - I
Diari di Viaggio
Colonne e preziosa ombra, Samarkanda - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
23/01/2014

Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - I

 1° giorno Da Bologna in treno con un intercity notte raggiungo Milano, dove con il Malpensa shuttle che si prende a fianco della stazione raggiungo l’aereoporto. Da lì volo della Turkish per Istanbul e dopo un’attesa di 4h nuovo volo sempre Turkish  per Tashkent, capitale dell’Uzbekistan. Devo dire che in questi momenti di voli con servizi risicati la Turkish non lesina su pranzi e bevute. Finite le procedure di dogana, lunghe soprattutto perché i doganieri hanno grosse difficoltà nel capire il nostro alfabeto e per chi dichiara troppo contante costretto ad un ulteriore modulo, un servizio a noi dedicato ci porta presso l’Hotel Jam-Buh, nella zona sud della città. Le formalità di registrazione sono velocissime,

  Leggi ►
GIORDANIA
Le
Pillole di viaggio
Archivio Fotografico Pianeta Gaia
30/09/2013

Le "carte da parati" di Petra

 Non ci sarebbe bisogno di inventarsi ulteriori motivi per visitare la stupenda antica città nabatea di Petra, non a caso considerata una delle Sette Meraviglie del Mondo. Eppure, visitando gli imponenti edifici scavati nella roccia che caratterizzano il sito archeologico più importante di tutto il Medio Oriente, non si può fare a meno di notare le striature e le variegate colorazioni che assumono, di volta in volta, le pareti in arenaria dei monumenti, quasi fossero delle carte da parati predisposte da Madre Natura per mostrare ai nostri occhi disegni arditi e sfumature che vanno dal bianco al giallo ocra, al rosso acceso a venature bluastre, tutte dovute alla diversa concentrazione degli ossidi durante il processo di consolidamento della roccia. Eccovi una

  Leggi ►
ETIOPIA
Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte VII (fine)
Diari di Viaggio
Maternità Borana - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
16/06/2013

Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte VII (fine)

 17° giorno Oggi vogliamo visitare un villaggio Borana e scattare qualche foto, operazione che si rivela fin da subito poco semplice. I Borana, benché vivano in zone molto meno frequentate rispetto a quelle a ovest di Konso, si dimostrano ben poco concilianti e pretendono di essere pagati più del doppio. A nulla valgono le classiche "finte partenze" che di solito generano un abbassamento delle richieste: non mollano. Dopo aver visitato 3 villaggi col medesimo esito negativo, al quarto riusciamo a scendere a più miti consigli ma i soggetti paiono ugualmente poco amichevoli: senza arrivare agli eccessi dei Nyangatom, i Borana sono un popolo fiero e anche in questo caso, l'asprezza del territorio che abitano, pare influire sul carattere. Non di

  Leggi ►
MESSICO
Messico con Rebi, e non solo...
Diari di Viaggio
Uno dei cenote tipici dello Yucatan
03/01/2013

Messico con Rebi, e non solo...

 Più che un resoconto dettagliato di un viaggio suggestivo e fascinoso tra il 2 e il 13 febbraio 2013 in Messico, queste sono riflessioni su un'esperienza particolare. “Messico ad hoc” era il titolo del nostro programma di viaggio per 15 persone legate tutte da vincoli di parentela voluto e organizzato da Elisa, dello staff di Pianeta Gaia, capogruppo, sorella, nipote, cugina, moglie o nuora di tutti gli altri. In 13 adulti tra i 20 e i 60 anni e due bambini di 3 e 8 anni ci siamo avventurati per 13 giorni in posti lontani e entusiasmanti: dalle città coloniali di Mexico City,  San Cristobal de Las Casas, Campeche e Merida ai siti archeologici pre aztechi e maya di Teothiuacan, Palenque, Uxmal, Chichen-Itza e Tulum; dalle impervie e maestose gol

  Leggi ►
UZBEKISTAN
La Via della Seta, Uzbekistan - Parte III (fine)
Diari di Viaggio
Le mura di Khiva - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
06/07/2012

La Via della Seta, Uzbekistan - Parte III (fine)

 7° - Bioritmi opposti Colazione in una spettacolare stanza cesellata di nicchie di tutte le fogge e anche qui squisite marmellate fresche e altre golosità di questa terra che regala frutta e verdure deliziose, oltre a uova, affettati ed altre più palesi concessioni ai gusti occidentali. La guida è puntuale e cominciamo il giro dei tanti siti storici della città, nonostante qualche problema di stomaco (lo so quello che state pensando, ma non può essere colpa del gelato!) mi infiacchisca non poco. Il giro comincia dal tozzo ma allo stesso tempo raffinato mausoleo Ismail Samani, uno degli edifici più antichi della città essendo stato costruito nel 905. La sua peculiarità consiste nell'elaborata muratura in mattoni

  Leggi ►
BELIZE - GUATEMALA - MESSICO
Messico, Guatemala e Belize
Diari di Viaggio
Sito Maya di Uxmal, Yucatan, Messico
16/06/2012

Messico, Guatemala e Belize

 1° giorno Dall’aereoporto di Bologna con volo Iberia raggiungiamo Madrid, e da lì con Iberworld (servizio molto più scarso, si pagano auricolari ed alcolici) arriviamo in anticipo all’aereoporto di Cancun. Verrete travolti da chi vi propone il taxi per la città, ma ad una cifra infinitamente più bassa c’è il bus per la stazione degli autobus (30 minuti). Da qui in taxi raggiungiamo in 5 minuti Puerto Juarez che è il luogo di partenza per raggiungere Isla del Las Mujeres in 30 minuti. Il centro abitato è attaccato all’attracco, ci sono molti posti dove dormire, noi troviamo posto presso Hotel Osorio che non ha aria condizionata ma le pale e acqua purificata gratis. L’abitato è tranquillo, pi

  Leggi ►
UZBEKISTAN
 La Via della Seta, Uzbekistan - Parte II
Diari di Viaggio
Il Mausoleo Gur-e-Amir dedicato a Tamerlano - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
18/05/2012

La Via della Seta, Uzbekistan - Parte II

 4° giorno - Samarkanda La guida ci prende in consegna al mattino e ci porta subito allo Shah-i-Zinda, che significa "Tomba del Re Vivente". In realtà è un susseguirsi di mausolei, uno più bello dell'altro, lungo uno stretto asse centrale. L'edificio più delizioso è il mausoleo di Shodi Mulk Oko, dedicato ad una sorella e una nipote di Tamerlano, decorato da splendide piastrelle di maiolica talmente ancora perfette da aver necessitato solo in minima parte di quel restauro, a volte fin troppo aggressivo e discutibile, a cui sono stati sottoposti molti monumenti uzbeki. Spostandoci a piedi attraversiamo il bazar, meno vasto di quello di Tashkent ma non meno fornito di leccornie di ogni foggia e colore, apprezziamo il pan

  Leggi ►
INDIA
Rajasthan e Varanasi, di Enrico
Diari di Viaggio
Agra, il Taj Mahal
15/04/2012

Rajasthan e Varanasi, di Enrico

DESTINAZIONE E DATA DEL VIAGGIO: India del Nord, tour con i Viaggi dell'Elefante - Partenza 25/09/2011 (10gg) NOME AUTORI: Enrico COME E PERCHÉ LA SCELTA: Forte fascino esercitato dall'oriente e in particolar modo dall'India e un mio personale interesse per l'architettura religiosa e il messaggio spirituale. Certo in un viaggio di gruppo è molto difficile cogliere anche solo le basi del messaggio spirituale, ma sicuramente qualcosa riesci a percepire. Molto dipende molto dalla disponibilità della guida locale. Agra, il Taj Mahal Nel mio caso sapevo abbastanza bene cosa avrei visto avendo amici di famiglia indiani, inoltre conosco bene le basi delle religioni presenti in India a la sua storia per passione personale. Consiglio in ogni

  Leggi ►
BIRMANIA (Myanmar)
Birmania, la terra delle mille pagode
Diari di Viaggio
09/04/2012

Birmania, la terra delle mille pagode

Non so bene come andrà finire il racconto di questo mio viaggio, ma sicuramente se riuscirò a trasmettere solo parte dell'emozione, la serenità e la semplicità da cui si viene pervasi nel visitare questo paese avrò raggiunto il mio scopo. Diciamo che sono un'amante dell'Africa, australe soprattutto, che ho avuto la fortuna di visitare più volte. Parto da qui per dire che la mia aspettativa verso l'Oriente era sicuramente alta, ma non paragonabile a quanto ritenevo si potesse avere dall'Africa, parlando di natura, sincerità della gente, emozione di viaggio e così via. Devo ricredermi, la Birmania mi ha conquistato e spero di poterci tornare prestissimo. Partite pure con aspettative alte, perchè la Birman

  Leggi ►
BIRMANIA (Myanmar)
Birmania, di Lia
Diari di Viaggio
09/04/2012

Birmania, di Lia

 DESTINAZIONE E ITINERARIO: Estremo Oriente: Myanmar (Birmania) Da Yangon (Rangon) in aereo a Heho da qui in bus a Pindaya e successivo imbarco per il lago Inle. Dal lago spostamento in barca e poi in bus per Mandalay. Da Mandalay in bus per un approdo sul fiume Ayeyarwaddy (Irrawaddy) da cui raggiungere in barca Bagan. Rientro in mattinata in aereo a Yangon da cui nel pomeriggio imbarco per l’Italia, Malpensa, via Singapore. Una particolare nota di merito per il resort su palafitte sul lago Inle: struttura semplice, ma con camere spaziose e complete di tutto quanto serve. Il fascino di questo hotel la mattina e al tramonto è veramente unico. DATA DEL VIAGGIO: Dal 19 al 28 novembre 2011 NOME : Lia COME E PERCHÉ LA SCELTA Motivazione iniziale è

  Leggi ►
UZBEKISTAN
La Via della Seta, Uzbekistan - Parte I
Diari di Viaggio
Osservatorio di Ulugh Bek, Samarkanda - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
07/03/2012

La Via della Seta, Uzbekistan - Parte I

 1° giorno - Arrivo nel cuore della notte Prenotato il posto macchina presso il parcheggio che ci è parso fare i prezzi migliori, ci siamo fatti portare all'aeroporto e abbiamo preso il volo per Riga. Solo mezz'ora di stop over nella capitale lituana: ci chiedevamo se ci fosse o meno il rischio che non facessero in tempo a caricare i bagagli sul volo per l'Uzbekistan ma, complice un ritardo di un'ora nella partenza del secondo volo, gli operatori hanno avuto tutto il tempo per farlo. Contiamo sui pasti in volo ma scopriamo che la Air Baltic è una compagnia low cost e che questi non sono compresi: tocca mettere mano al portafoglio per non digiunare per tutta la durata del volo, oltre 8 hh scalo compreso. L'arrivo è ulteriormente sc

  Leggi ►
SIRIA
Siria, di Lia
Diari di Viaggio
Sito archeologico di Apamea
07/11/2011

Siria, di Lia

 DESTINAZIONE: Siria con mete Aleppo ed escursioni a San Simeone ed Ebla; Palmira con sosta durante lo spostamento ad Apamea; Damasco con visita nello spostamento da Palmira al Krak de Chevaliers e ai villaggi di Maalula e Sednaya. Da Damasco poi escursione a Shahba, Suwayda e Bosra. Strutture  di tipo superior scelte dall’agenzia tramite il tour operator ad Aleppo, Palmira, Damasco. DATA DEL VIAGGIO: Dal 13 al 20 marzo 2010 AUTORE: Lia COME E PERCHÈ LA SCELTAInizialmente si doveva andare in Libia ma a causa dei capricci di Gheddafi che decise nel 2010 di non accettare più cittadini dell’UE, l’agenzia  propose mete alternative: la più gettonata dagli iscritti alla Libia, compresa la sottoscritta, è stata la Siria d

  Leggi ►
arrow_drop_up
arrow_drop_up