menu

HOME

SINGAPORE: Il Gardens by the Bay di Singapore
Pillole di viaggio
12 Maggio 2018

Tutti quanti abbiamo visto e ammirato – magari solo in televisione - l’Albero della Vita costruito all’interno dell’Expo 2015 di Milano ma i più scafati dei nostri viaggiatori si saranno resi conto della non piccola somiglianza con le strutture che sono parte del parco Gardens by the Bay di Singapore, un parco di oltre 100 ettari creato su una superficie bonificata nella ricca isola-stato asiatica realizzato con l’intento di diventare al contempo lo spazio verde più importante, di aumentare la vivibilità e un’attrazione turistica.

 

Gli "alberi" vicino all'ingresso del parco cittadino - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

Gli “alberi” di Singapore sono 18, 12 dei quali all’interno della “foresta” detta Supertree Grove e altri 6 in due gruppi nei giardini Golden e Silver. Hanno altezze diverse, che variano dai 25 ai 50 metri, contro i 37 di quello meneghino. In pratica sono dei giardini verticali che ospitano piante tropicali ma servono anche per creare ombra – Singapore ha sempre un’umidità assai elevata, mediamente sopra all’80% - per quello che è fondamentalmente un parco per i visitatori, sia stranieri che locali.

 

La SuperTree Grove vista dal Marina Sands Bay - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

In cima agli alberi vi sono dei pannelli fotovoltaici che producono energia azzerando l’impatto ambientale, un po’ a imitazione del processo della fotosintesi clorofilliana degli alberi veri. Gli alberi raccolgono anche l’acqua piovana che viene usata per l’irrigazione e le fontane, come gli alberi veri assorbono l’acqua per crescere. Alcuni degli alberi del Supertree Grove sono uniti da una passerella sopraelevata. Ogni sera, alle 19:45 e alle 20:45, si tiene uno spettacolo di luci & musica, un altro punto in comune con la struttura dell’Expo di Milano.

 

La passerella sopraelevata tra gli alberi - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

Non ci solo gli alberi nel parco. Vi sono anche gigantesche serre come la Flower Domela più grande del mondo coi suoi 1,2 ettari e 38 metri di altezza - che riproduce il clima mediterraneo e la Cloud Forest che ricrea le condizioni di una foresta tropicale di montagna, con vegetazione diversa a seconda del livello e tanto di cascata alta 35 metri. Non manca il Giardino dei Bambini, attrezzato con trampolini, ponti sospesi e rinfrescanti giochi d’acqua. Dopo la costruzione dei vicini e discussi complessi del Marina Sands Bay e del Resorts World Sentosa che sono fondamentalmente dei giganteschi casinò, la realizzazione di questo enorme parco ecologicamente valido ha invece avuto solo ripercussioni positive, come testimoniato anche dagli oltre di 6 milioni di visitatori annui.

 



Roberto è un grande appassionato di minoranze, arti e culture extraeuropee e una prolifica penna. Si diverte a raccontare le sue avventure in giro per il mondo su libri autoprodotti e sul nostro blog, arricchendo il tutto con scatti che immortalano volti e posti unici.

TOUR CHE POTREBBERO INTERESSARTI

GIORDANIA
PETRA E LA STRADA DEI RE
Idea di Viaggio - Giordania

La magia di Petra lascia senza fiato anche il viaggiatore più esperto, per poi proseguire con la magia deserto del Wadi Rum e la bellezza del Mar Morto...

SCHEDA VIAGGIO
NAMIBIA
NAMIBIA: DAL KALAHARI ALLE EPUPA FALLS
National Geographic Expeditions
  • Accompagnatore dall'Italia
  • Safari nel parco Etosha
  • Kaokoland: le Epupa Falls e il popolo Himba
  • Damaraland: gli elefanti del deserto
SCHEDA VIAGGIO
NEPAL
TIBET E NEPAL, LA STRADA DELL'AMICIZIA
National Geographic Expeditions
  • Accompagnaotre dall'Italia
  • Guida locale in Italiano in Nepal, inglese in Tibet
  • Kathmandu, Lhasa, Gyantse
  • Shigatse, Sakya, Campo base dell'Everest
SCHEDA VIAGGIO

ALTRI ARTICOLI

12/05/2018

Il Gardens by the Bay di Singapore

Tutti quanti abbiamo visto e ammirato – magari solo in televisione - l’Albero della Vita costruito all’interno dell’...

LEGGI
28/04/2018

Il Marina Sands Bay di Singapore

Molti di voi avranno visitato Singapore, con un viaggio dedicato in un solo giorno o addirittura per appena alcune ore, anche per spezzare u...

LEGGI
24/07/2012

Le posate degli altri

 Gli orientali, per mangiare, usano due bacchette, di norma lunghe meno di 30 centimetri, coi quali i viaggiatori occidentali spesso si...

LEGGI
arrow_drop_up
arrow_drop_up