menu

HOME

BIRMANIA (Myanmar): Un monastero atipico, tra scimmie e ubriaconi
Pillole di viaggio
04 Giugno 2016
Inserisci la tua email per restare aggiornato sull'uscita dei nuovi articoli

Si tratta del monastero cosiddetto del Monte Popa, in Birmania, anche il Monte Popa vero e proprio è un vulcano estinto non distante. È uno dei luoghi sacri del Buddhismo birmano, quello che nato dalla commistione dell'antico culto dei nat, gli spiriti animisti di origine induista, che il Re Anawrahta fece confluire nel Buddhismo Therevada, a cui si era convertito, poco meno di un millennio fa.

 

Il monastero in cima al Monte Popa - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

I nat sono ancor oggi venerati dalla popolazione birmana, anche se va detto che questo culto, che come tutti quelli animisti attribuisce molta importanza negli elementi della natura, sono più popolari nelle aree rurali che in quelle cittadine, dove viene considerato alla stregua di una vecchia superstizione.

 

Stupa in cima al monastero - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

I nat, da citato re suddivisi in 37 ufficiali, in realtà sono innumerevoli e ce n'è uno per ogni attività umana, come eogni villaggio ha il prorpoi nat protettore. C'è il nat che protegge i bambini, quello che difende dai serpenti, ce n'è perfino uno che in vita era un gran bevitore nonché uno scommettitore sui combattimenti di galli, diventato inevitabilmente il protettore degli ubriachi e dei giocatori d'azzardo.

 

Nat e Buddha - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

Il monastero, eretto in cima a un monolite di roccia che si staglia nella pianura circostante, è raggiungibile perccorendo la lunga scalinata composta da ben 777 scalini. Ma la cosa più ardua, più che l'ascesa, sia resistere alla colonia di irriguardosi macachi che abitano la roccia, sempre alla ricerca di cibo e talmente abituati ai turisti che, se non glie ne danno, il cibo se lo prendono dai più distratti. Gli stessi primati fanno i bisogni dove capita, ovviamente anche sui gradini che, da precetto buddhista, vanno rigorosamente saliti senza scarpe o calzini. Niente paura: tutta la salita è punteggiata di volenterosi che le tengono pulite, chiedendo in cambio una piccola mancia per il servizio reso.

 

Un macaco appoggiato su una trave - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 

Un posto diverso dal solito, meno grandioso delle grandi pagode di Yangon o degli innumerevoli templi di Bagan eppure molto interessante, dove la Birmania tradizionale esplode in tutta la sua particolarità in questo luogo dove si mescolano sacro e profano, dove eleganti statue buddhiste si alternano alle pacchiane figure dei nat, ricoperte di banconote e non di rado con una sigaretta tra le labbra messa da qualche fedele.

Inserisci la tua email per restare aggiornato sull'uscita dei nuovi articoli



ROBERTO (Collaboratore)

Roberto è un grande appassionato di minoranze, arti e culture extraeuropee e una prolifica penna. Si diverte a raccontare le sue avventure in giro per il mondo su libri autoprodotti e sul nostro blog, arricchendo il tutto con scatti che immortalano volti e posti unici.

TOUR CHE POTREBBERO INTERESSARTI

BIRMANIA (Myanmar)
LA TERRA DELLE MILLE PAGODE
Idea di Viaggio

Un viaggio nel tempo che ci porta a conoscere un paese rimasto bloccato da una ditttura che lo ha isolato dal mondo per decenni...

SCHEDA VIAGGIO
BIRMANIA (Myanmar)
BIRMANIA, INCANTO BIRMANO
Accompagnatore dall'Italia - National Geographic Expeditions
  • Accompagnatore dall'Italia
  • Partenza garantita con minimo 10 e massimo 16
  • Tappa al villaggio di Yandabo, situata lungo il fiume Irawwady
  • Visita alle pricipali pagode della Birmania
SCHEDA VIAGGIO

SEGUI IL BLOG VIA MAIL


Inserisci il tuo indirizzo email per seguire questo blog e ricevere notifica dei nuovi articoli per e-mail

Unisciti al 15577 altri iscritti


ALTRI ARTICOLI

11/04/2020

Il libro più grande del mondo

Non intendo parlarvi dell’ultima trilogia di gialli di un autore scandinavo da mettere in valigia o dell’edizione rilegata in pe...

LEGGI
25/01/2020

Birmania: la terra dei monaci

 La Birmania è uno dei paesi più devoti del mondo: quasi il 90% dei suoi 53 milioni di abitanti si professa bud...

LEGGI
29/09/2018

Birmania: Quando la strada per il Paradiso è lastricata d'oro

La foglia d’oro è onnipresente in Birmania e Mandalay è il posto giusto in cui conoscere la storia di questo prodotto pr...

LEGGI
22/09/2018

Un mese in Birmania - VIII

segue... 29° giornoAlle 6 di mattina un taxista che abita nello stesso condominio dell’hotel ci porta in aeroporto dove le pr...

LEGGI
08/09/2018

Un mese in Birmania - VII

segue...  25° giornoColazione approntata in camera, a disposizione scaldacqua elettrico con caffè o the, biscotti rimed...

LEGGI
25/08/2018

Un mese in Birmania - VI

segue... 21° giorno Dopo una lenta colazione (si torna subito alle uova), attraversata la confusione totale del mercato mattut...

LEGGI
arrow_drop_up
arrow_drop_up