menu

HOME

VIETNAM
Il Caodaismo, la religione con il proprio esercito
Pillole di viaggio
Il tempio di Tay Ninh, la San Pietro del Caodaismo
18/02/2017

Il Caodaismo, la religione con il proprio esercito

Il Caodaismo è una religione sincretica particolare, che viene praticata solo in un paese al mondo, il Vietnam, dove, grazie ai circa 8 milioni di praticanti, è il terzo credo del paese, dopo il Buddhismo e la Cattolicesimo. L'indiscusso centro di questa confessione è la città di Tay Ninh, nel sud del paese in piena area del delta del Mekong. Qualche decine di migliaia di credenti li si trovano anche in Europa o negli Stati Uniti, ma si tratta quasi esclusivamente di emigranti di origine vietnamita. Il tempio di Tay Ninh, la San Pietro del Caodaismo La religione fu fondata dal funzionario dell'amministrazione coloniale francese, nonché spiritista, Ngo Van Chieu nel 1925, quando affermò che nelle sedute si era manifesta una divinit

  Leggi ►
VIETNAM
La graziosa Hoi An
Pillole di viaggio
Il Ponte Giapponese, uno dei simboli di Hoi An
19/09/2015

La graziosa Hoi An

Cosa c'è da sapere su questa piccola città vietnamita

La graziosa Hoi An è una delle città più piacevoli dell'intero Vietnam e non mancherete di portarvela nel cuore. In epoca molto remota, durante il regno del Chapma, fu il porto più importante del sud-est asiatico. Pur calando di importanza, mantenne sempre un importante ruolo commerciale, che ebbe un periodo di nuovo fulgore tra il XVI e XVII secolo quando in città presero residenza un melting pot di commercianti di origine cinese, giapponese, indiana ma anche olandese e portoghese. Ciò diede origine a un particolare sincretismo architettonico tra influenze locali e straniere che è la caratteristica di questa città, non a caso dichiarata patrimonio dell'umanità dall'UNESCO.Il Ponte Giapponese, uno dei simboli d

  Leggi ►
VIETNAM
I Tunnel di Cu Chi
Pillole di viaggio
La stretta entrata di un tunnel
13/06/2015

I Tunnel di Cu Chi

La rete sotterranea

Uno dei siti più particolari che avrete modo di visitare in Vietnam sono i tunnel di Cu Chi. Si tratta di una vasta rete sotterranea di gallerie, stanze, dormitori e perfino cucine costruite dai vietcong nei pressi di Saigon e usate durante il conflitto contro gli Stati Uniti, anche se parte di essi era già stata realizzata e utilizzata durante il precedente conflitto contro i Francesi. La visita prevede il rituale indovinello: vi portano in una radura nella foresta ricoperta di foglie e vi dicono: “Qui c'è un'entrata. Scovatela”. Per quanto cerchiate in giro, non troverete un solo indizio che riveli la sua esistenza.La stretta entrata di un tunnel Quando vi sarete arresi, la guida andrà a smuovere le foglie in un punto dove siete p

  Leggi ►
VIETNAM
La Baia di Ha Long
Pillole di viaggio
Veduta di un angolo della baia di Ha Long in una giornata di sole
29/05/2015

La Baia di Ha Long

Un luogo imperdibile nel Vietnam

La baia di Ha Long è uno dei siti imperdibili che non possono mancare in qualsiasi itinerario che comprenda il Vietnam. Riconosciuto fin dal 1994 nella lista dei patrimoni dell’umanità stilato dall’UNESCO e secondo alcuni enti una delle Sette Meraviglie della Natura, è una tipologia di paesaggio che non ha eguali al mondo. Qualcosa di simile lo si trova solamente in Cina, nell’area del fiume Li che però è un paesaggio terrestre oppure, ma in maniera molto meno diffusa, in certi arcipelaghi della Thailandia. Veduta di un angolo della baia di Ha Long in una giornata di sole Si tratta, infatti, di un’incredibile numero di isole calcaree, poco meno di 2000, in una baia relativamente piccola. Strette, alte, a volte niente di p

  Leggi ►
BURKINA FASO - CINA - INDONESIA - GIAPPONE - SUDAFRICA - VIETNAM
Le case tradizionali più belle del mondo - II
Curiosità
L'interno di un tulou, a volte il cortile circolare è una piazza comune, in questo caso, è sfruttato per costruire ulteriori spazi abitativi, in un'incredibile susseguirsi di forme curve - Fujian, Cina
18/10/2014

Le case tradizionali più belle del mondo - II

 Tra le case tradizionali più interessanti prodotte dalle varie culture del pianeta, non si possono non icludere gli stupendi tulou, le case cilindriche degli Hakka, una minoranza etnica della provincia cinese del Fujian. Costruiti in questa strana foggia per motivi difensivi, tra il XII e il XX secolo, compattando terra, bambù, pietre, legno e qualsiasi altro materiale disponibile, sono strutture davvero imponenti, costruite su più piani e capaci di dare tetto ad una ottantina di famiglie. Estremamente solide, capaci di resistere ai terremoti che spesso scuotono queste terre, ben ventilate, calde in inverno e fresche d'estate, rispettano il principio del "da fuori chiuso, da dentro aperto". Nel cortile interno, sul quale si affacciano le balconate c

  Leggi ►
COREA DEL SUD - NORVEGIA - UGANDA - VIETNAM
Gli ingredienti più strani al mondo
Curiosità
Snake Wine - Vietnam
02/09/2014

Gli ingredienti più strani al mondo

Dall'Italia al mondo, dai primi piatti alla frutta

 Al mondo esistono ingredienti che probabilmente non useremmo mai nei nostri piatti, e ingredienti di cui non conosciamo nemmeno l'esistenza. Tuttavia quando si è in visita in un qualsiasi luogo del mondo è quasi dovuto assaggiare le pietanze che caratterizzano il posto. Ogni Paese ha le proprie tradizioni, soprattutto in ambito culinario, per cui ciò che per noi è immangiabile è invece una pietanza prelibata per altri, e viceversa. Di seguito abbiamo raccolto gli ingredienti che noi Italiani non utilizzeremmo mai nei nostri piatti:  Polpo Crudo - Corea del SudGli animali vengono arrotolati vivi, intorno a dei bastoncini e poi inzuppati in una salsa saporita.  Cavallette - UgandaQuesto piatto il sapore sarebbe simile

  Leggi ►
CAMEROON - ETIOPIA - GABON - GIAPPONE - KENYA - MALESIA - VANUATU - VIETNAM
Modificazioni corporee
Pillole di viaggio
Ragazzino Baka, dagli incisivi limati per renderli simili ai canini
15/08/2014

Modificazioni corporee

 Proseguo, e finalmente termino - penserà qualcuno di voi -, il mio excursus nel mondo delle modificazioni corporee messe in atto dalle varie popolazioni del mondo. Dopo avervi raccontato come ci si tatua, ci si dipinge il corpo, lo si perfora o lo si marchi con cicatrici, cos'altro si può fare per decorare il proprio corpo o renderlo veicolo di simboli di passaggio o di status? La fantasia non latita certo... Uno di questi metodi è l'appuntimento dei denti, di solito effettuato sugli incisivi. Sono molte le genti che, soprattutto nel passato, hanno adottato questa tipologia di modificazione corporea. Forse i più famosi sono i Baka, popolazione di ceppo pigmeo del Centro Africa. Ma anche gli Aborigeni australiani o varie genti del Vietnam, dell

  Leggi ►
CAMBOGIA - LAOS - VIETNAM
Vietnam, Laos e Cambogia, di Gabriella e Orazio
Diari di Viaggio
04/04/2014

Vietnam, Laos e Cambogia, di Gabriella e Orazio

 Eccovi il foto-racconto del tour nel cuore dell'Indocina effettuato da Gabriella e Orazio. Vietnam, Laos e Cambogia, tre paesi apparentemente simili ma ognuno con storia e peculiarità che li differenziano. Destinazioni i cui monumenti antichi, la profonda religiosità e le popolazioni sempre col sorriso fanno venire nostalgia a chi li lascia. Preriscaldamento a Bangkok con visita della città (spesso bloccata da manifestazioni): le case klong sul fiume Chao Phya, un po’ di templi principali come il Wat Trimit e il Palazzo Reale. Il nostro amico Paolo, appassionato fotografo, ha "donato" la sua bella macchina fotografica al dio del fiume Chao Phya, ovvero le è caduta irrimediabilmente in acqua, causa la sua proverbiale

  Leggi ►
VIETNAM
Il Vietnam delle montagne - Parte VII (fine)
Diari di Viaggio
I "parastinchi" delle Hmong Nere - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
16/08/2013

Il Vietnam delle montagne - Parte VII (fine)

 17 - L'asticella non è mai troppo bassaUltimo giorno tra le montagne del Nord: stasera rientrerò in treno ad Hanoi. Ormai le etnie che volevo vedere, grazie alla mia cocciutaggine, le ho viste: chiaro che mi spiace di non aver visto la parte nord orientale ma non me ne faccio un cruccio, mi sarebbe dispiaciuto maggiormente essermi perso il mercato di Sin Ho, specie dopo aver toccato con mano quanto sia bello e autentico. Ieri sera ho detto al pilota che oggi mi sarebbe piaciuto andare al villaggio di Nam Cang, l'unico in zona abitato dagli Xa Pho, un sottogruppo dei Phu La ma ha detto che era troppo lontano, che non glie l'avremmo fatta in giornata. Non ci credo: il villaggio si trova a 35 km da Sapa, anche ammesso che si viaggi ai 15 km/h (e non è cr

  Leggi ►
VIETNAM
Il Vietnam delle montagne - Parte VI
Diari di Viaggio
Una giovane Dao Rossa con una vistosa "sciarpa" gialla, Sapa - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
27/06/2013

Il Vietnam delle montagne - Parte VI

 13 - Tappone dolomitico L'unica cosa positiva dell'albergo è che è attaccato al mercato e così la mattina dopo, alzandomi per tempo, riesco a farci un salto, trovandovi oltre alle H'mong Bianche viste all'andata, delle Giay e delle Dao. Ormai da qualche giorno dò buca al pilota al momento della colazione: a casa mia sono abituato ad iniziare la giornata con tè, miele e biscotti e non ce la faccio proprio a sostituirli con i forti sapori vietnamiti. Anche oggi gli lascio scegliere dove fare colazione e poi, quando vedo che la scelta è ristretta alla stessa solita roba di pranzo e cena, gli butto lì un "Ci vediamo dopo" e vado a comprare qualcosa di più affrontabile in un negozietto, di norma una bot

  Leggi ►
VIETNAM
Il Vietnam delle montagne - Parte V
Diari di Viaggio
Donna Lo Lo - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
10/05/2013

Il Vietnam delle montagne - Parte V

 10 - Rivoluzione Giorno uno dopo la Rivoluzione: l'itinerario viene accantonato e adesso si fa come dico io. La guida del Nord Ovest del Vietnam ormai non serve più visto che non va più a est di Bac Ha ma, grazie all'altro libro, ho fatto un elenco delle etnie ancora da vedere nel prosieguo del viaggio, specificando in quali distretti si trovano. Partiti presto, attraversiamo ancora una volta zone dai paesaggi stupendi che, addolciti dalle nebbie mattutine che da queste parti sono una costante, paiono l'ambientazione ideale di favole gotiche se non fosse per le risaie che danno quel tocco di delicatezza. Incontriamo una Dao del tipo che ho visto il giorno prima a Hoang Su Phi che sta stendendo il riso ad essicare su una stuoia: ha un copricapo ricamato

  Leggi ►
VIETNAM
Il Vietnam delle montagne - Parte IV
Diari di Viaggio
Ragazza Hmong Floreale dal vistoso copricapo al mercato di Bac Ha - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
12/03/2013

Il Vietnam delle montagne - Parte IV

 7 - Zoccole... Abbandoniamo Cao Son e la prossima tappa notturna sarà a Bac Ha, località che sta diventando di crescente popolarità presso i turisti perché sede di un popolare mercato domenicale. So che sarà più frequentato dai turisti ma ovunque leggo che è bello e quindi non voglio perdermelo. Prima però bisogna arrivarci e per farlo passiamo da dove, secondo la mappa, paiono non esserci strade: in realtà lo stradario riporta solamente le strade carrozzabili, cioè dove possono passare le automobili. Ma c'è sempre una strada che le moto possono percorrere, basta chiedere ai locali, e questo mi fa sembrare più sopportabili i disagi degli scomodi spostamenti in moto, che proprio sulle strade n

  Leggi ►
VIETNAM
Il Vietnam delle montagne - Parte III
Diari di Viaggio
Una sorridente Dao Tuyen - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
04/01/2013

Il Vietnam delle montagne - Parte III

 5 - Moccoli Il risveglio è assurdo: già m'è toccato andare a letto piuttosto tardi, ci si mette pure un altoparlante che alle 5 di mattina circa comincia a diffondere invereconde marcette di stampo comunista, manco ci fosse un collettivo richiamo alla reazione fisica di militaresca memoria. Per una buona mezz'ora tiro moccoli all'indirizzo di chi ha partorito questa genialata, evento che, per fortuna, si ripeterà solo un'altra volta nel corso del viaggio. Partiamo in direzione Cao Son che sullo stradario appare col nome di La Pan Tan. Lungo il tragitto ci fermiamo in un piccolo mercato in località ignota frequentato soprattutto da H'mong Floreali, riconoscibili dall'abbigliamento a colori vivaci. Poi, dopo un bivio,

  Leggi ►
VIETNAM
Vietnam: motociclette da carico
Curiosità
20/11/2012

Vietnam: motociclette da carico

 I Vietnamiti sono gente industriosa e visto che le automobili sono un lusso che non tutti possono permettersi, occorre arrangiarsi con le motociclette, di gran lunga il mezzo più diffuso. Eccovi alcuni dei più ingegnosi ma anche inquietanti carichi nei quali ci si può imbattere nelle strade di questo paese dalle mille sorprese. 

  Leggi ►
VIETNAM
Il Vietnam delle montagne - Parte II
Diari di Viaggio
Paesaggio nei pressi del passo di Tram Ton - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
10/11/2012

Il Vietnam delle montagne - Parte II

 3 - Verso ovest Il treno arriva in orario, alle 06:15. Il pilota dovrebbe aspettarmi all'uscita ma, forse perché sono il primo a mettere piede fuori dalla stazione, lo colgo impreparato e non lo vedo. Cerco allora il Ristorante Terminus dove, in alternativa, dovrebbe trovarsi, ma non trovo nemmeno quello: in compenso ogni vietnamita che incrocio mi chiede, evidentemente ho come un punto interrogativo dipinto sulla fronte, se ho bisogno di un taxi o di un bus. Torno indietro e gli altri turisti usciti dopo di me sono ormai tutti sistemati, chi è salito sul pullman del proprio tour/albergo e chi ha preso il bus che lo porterà a Sapa. Torno spazientito a farmi il giro dei locali della piazza antistante per vedere se almeno becco il ristorante e finalmente i

  Leggi ►
VIETNAM
Il Vietnam delle montagne - Parte I
Diari di Viaggio
Risaie terrazzate nei pressi di Sapa - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
13/09/2012

Il Vietnam delle montagne - Parte I

 Di norma i miei diari iniziano subito col raccontare il viaggio di andata ma stavolta è necessaria una particolareggiata descrizione del mio compagno di avventura: il pilota. Viaggiando da solo, in zone dove l'inglese è sconosciuto e non volendo spendere una barca di soldi per auto a noleggio con autista e guida, ho trovato un'agenzia che mi fornisse di una moto e un pilota parlante inglese. Per una ventina di giorni mi sono fatto il culo quadrato sul sedile posteriore ma ne è valsa davvero la pena. Tutto quello che riporto sul pilota corrisponde al vero, nulla è stato inventato o esagerato per rendere il racconto più divertente. L'ho soprannominato il Vero Vietnamita. Il Vero VietnamitaIn un mio precedente viaggio in Cina, con fina

  Leggi ►
CINA - GIAPPONE - COREA DEL NORD - COREA DEL SUD - SINGAPORE - THAILANDIA - VIETNAM
Le posate degli altri
Pillole di viaggio
L'ora della pappa - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
24/07/2012

Le posate degli altri

 Gli orientali, per mangiare, usano due bacchette, di norma lunghe meno di 30 centimetri, coi quali i viaggiatori occidentali spesso si esibiscono in infruttuosi e divertenti tentativi di portare il cibo alla bocca. Al di là delle numerose leggende sulla loro origine, è provato che venivano utilizzate in Cina già in epoca Shang (1600-1100 A.C.) e che poi si diffusero in Giappone, Corea, Vietnam, Indonesia e Filippine, dove spesso hanno finito con lo sviluppare alcune differenze nella forma e nell'uso. Va da sé che queste posate, che non permettono di "lavorare" l'alimento come le nostre, richiedono una preparazione del cibo specifica: in particolare la carne viene già predisposta in bocconcini e il riso (di tipo diverso da quello ch

  Leggi ►
BHUTAN - CINA - INDIA - INDONESIA - GIAPPONE - LAOS - NEPAL - NEPAL - PERU - FILIPPINE - VIETNAM
Le risaie più belle del mondo
Curiosità
Risaie attorno al villaggio di Xinjiang, provincia del Guizhou, Cina - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
17/03/2012

Le risaie più belle del mondo

 Questa classifica vuole essere un mio piccolo atto di riconoscenza verso le incessanti fatiche spese dai contadini asiatici che si sono spezzati la schiena per secoli per costruire quello che, a mio modesto avviso, è uno dei più felici connubi tra natura e lavoro dell’uomo. Va da sé che le risaie che più colpiscono il mio e il comune immaginario non sono quelle di pianura, non solo meno spettacolari ma anche più facili da lavorare e che troviamo anche in certe nostre pianure, ma quelle terrazzate che si inerpicano lungo i fianchi di colline o montagne e che, viste di profilo, spesso paiono delle ripide scale per ciclopici scalatori. I momenti migliori per ammirarle sono due: il momento in cui sono allagate, durante il quale offrono la possibil

  Leggi ►
arrow_drop_up
arrow_drop_up