menu

HOME

ESTONIA - LATVIA
Repubbliche Baltiche - II
Diari di Viaggio
Il sacerdote ortodosso benedice l'acqua del lago il giorno precedente alla Trasfigurazione, Obinitsa
09/11/2019

Repubbliche Baltiche - II

segue... 5° giornoSolita colazione abbondante in hotel dove incontriamo pure una nostra concittadina di passaggio tra più stage presso ospedali ed università, prendiamo l’auto per recarci al Museo dell’Automobile, Rīgas Motormuzejs, situato nella periferia nord-est vicino ad una foresta nella quale è stato costruito un circuito con più destinazioni d’uso, dimostrazioni di novità, piccole gare in pista, test e rally. Il museo è una vera perla, sia per auto e moto esposte, sia per la parte multimediale che regala vere chicche, come mostrarsi in parata sull’auto cabrio che fu di Nikita Chruščëv (e poter inviare quella foto via mail direttamente dallo strumento che gestisce il tutto), oppure visionare ogni

  Leggi ►
LATVIA - LITUANIA
Repubbliche Baltiche - I
Diari di Viaggio
Collina delle Croci, Siauliai
26/10/2019

Repubbliche Baltiche - I

1° giornoPartiamo da Bologna a bordo di una storica Peugeot 106 con cui abbiamo a suo tempo girammo in lungo e largo i Balcani destinazione Orio al Serio, che raggiungiamo con un’escursione fuori A22 causa coda per incidente. Lasciamo la fida auto in un parcheggio a 2 km dall’aeroporto dove siamo sbarcati velocemente. Il volo Wizz Air per Vilnius è un’alternativa leggermente più economica di Ryanair e ha pure un orario di partenza migliore, la coda per imbarcare il bagaglio non è proprio corta, ma abbiamo tempo e non è un problema. Veloci le pratiche di controllo e ingresso al gate, volo puntuale, devo dire che Wizz ha un servizio migliore di Ryanair, poltrone meno rigide, reticella per depositare oggetti e non fung

  Leggi ►
LESOTHO - SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - VII
Diari di Viaggio
La spiaggia di Paternoster, Sud Africa
05/10/2019

Sudafrica e stati annessi - VII

segue...  31° giornoVento, vento e vento, prepararci la colazione è impossibile, sistemiamo le tende e prendiamo per Paternoster, uscendo dalla riserva paghiamo il biglietto che all’andata non ci avevano chiesto perché ridotto per chi passa qui la notte. In paese, che notiamo in grande espansione ma con costruzioni sempre identiche alle originali tutte bianche, facciamo colazione al Timeless Caffee e pianifichiamo le visite al promontorio. Tagliamo la montagna in direzione di Stompneus Bay con bella vista dal passo, il paese però ha accesso al mare solo all’interno di quartieri privati, così andiamo verso St. Helena Bay, situazione analoga e se serve chiarire solo indicazioni in afrikaans, a quel punto puntiamo a sud passando Saldanha (

  Leggi ►
LESOTHO - SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - VI
Diari di Viaggio
Strada nell'area di Qiloane, Lesotho
21/09/2019

Sudafrica e stati annessi - VI

...segue  26° giornoCi prepariamo la colazione in cucina, roba da lusso per noi, dopo una nottata di lotta con le zanzare. Fa caldo sull’altipiano, partiamo subito immettendoci sull’A1 verso la capitale, Maseru, con un traffico da giorni di festa. La città, alquanto disordinata, sorge metà verso la collina e l’altra parte verso sud da dove si dipanano le poche strade di questo piccolo e montuoso stato. Prendiamo la strada interna ora asfaltata per Thaba-Bosiu, montagna simbolo della nazione che nei paraggi ha alcune scenari tra i più affascinanti. Passato appunto la piatta montagna lungo vie sterrate, si accede ad alcuni minuscoli villaggi tra i quali Qiloane, e proprio lì si annidano alcune montagne sculture uniche, una delle qua

  Leggi ►
LESOTHO - SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - V
Diari di Viaggio
Attraversamento di elefanti al Kruger National Park
07/09/2019

Sudafrica e stati annessi - V

...segue  21° giornoCi svegliamo poco prima dell’alba ma siamo tra gli ultimi, ripieghiamo le tende sul tetto del pick-up e partiamo appena aprono i cancelli per avvistare gli animali nelle prime ore di luce quando dovrebbe essere più facile incontrarli. Prendiamo la H1-2 asfaltata ma non per questo vuota da animali, anzi, rinoceronti ed elefanti paiono felici di mettersi in mostra su queste vie e interrompere il flusso di auto. Un gruppo numerosissimo di elefanti fa impressione, una guida a fianco ci dice di indietreggiare perché secondo lui non sono così tranquilli, ma tutto va per il meglio, prima della deviazione per l’Orpen Dam abbiamo un incontro ravvicinato con una coppia di leoni, ovviamente in totale relax. In questi casi è fac

  Leggi ►
SUDAFRICA - SWAZILAND
Sudafrica e stati annessi - IV
Diari di Viaggio
Paesaggio nella Malolotja National Reserve, Swaziland
24/08/2019

Sudafrica e stati annessi - IV

...segue 16° giornoÈ la prima mattina che ci si sveglia già accaldati, il clima variabile di qualche giorno fa è un lontano ricordo, come ci accennano anche alcuni sudafricani di rientro dal limitrofo Mozambico, solo sole e caldo, tanto caldo. Terminata colazione decidiamo di vedere come sia la vicinissima laguna di Kosy Bay ed appena arriviamo al bordo dell’acqua prendiamo contatto con Ray, una guida che con la sua imbarcazione porta in escursione tra i canali e le lagune. Accettiamo immediatamente questa possibilità di escursione in zona e partiamo nel giro di breve, la barca è dotata di tetto, anche se precario, che ripara da un sole cocente, siamo a bordo con una famiglia italo-sudafricana bianca e una orgogliosamente nera di Soweto, un

  Leggi ►
SUD SUDAN
Sudafrica e stati annessi - III
Diari di Viaggio
Rinoceronti all'iMfolozi Game Reserve
10/08/2019

Sudafrica e stati annessi - III

...segue 11° giorno La pioggia non intende smettere, la notte è un continuo e così la mattina, riposizioniamo le tende sul tetto e partiamo per trovare colazione in un locale della cittadina, pochi avventori in questa mattinata natalizia, tra quelli uno elegantissimo in procinto di entrare in chiesa ma che prima si lava diligentemente le mani in una pozzanghera. Abbiamo nuovamente una gomma bucata, anche questa volta riusciamo ad arrivare da un gommista senza doverla sostituire, per il gommista la festività non esiste, anzi ha più lavoro del solito ma capendo che siamo di passaggio si adopera immediatamente per una cifra talmente bassa che vien da chiederci se abbiamo capito bene, utilizzando il solito metodo del punteruolo. Prendiamo la R61 che se

  Leggi ►
SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - II
Diari di Viaggio
Uno dei ponti sospesi dello Tsitsikamma National Park
13/07/2019

Sudafrica e stati annessi - II

... segue 6° giorno Quando la despertadora ci richiama ai nostri compiti, verifichiamo come la tenda abbia retto perfettamente alla pioggia, tentiamo di prepararci una rapida colazione usando proprio lo spazio coperto che lasciano le 2 tende come riparo, la buona notizia arriva dal cielo, lungo la M2 per Mossel Bay il clima torna ottimo e possiamo visitarci la cittadina che dista 9 km dalla via principale in tutta tranquillità. L’attrattiva principe del posto è il Diaz Museum Complex, insieme di più luoghi e strutture interamente dedicate all’esploratore portoghese e alla sua impresa di primo uomo a circumnavigare il Capo di Buona Speranza. Si visitano musei, sorgenti d’acqua (di primaria importanza stivarla per i lunghi periodi in mare

  Leggi ►
SUDAFRICA
Sudafrica e stati annessi - I
Diari di Viaggio
Cape Town di notte
29/06/2019

Sudafrica e stati annessi - I

1° giornoEffettuato il check-in on line nelle 24 ore antecedenti il volo, al banco bagagli dell’Emirates dell’aeroporto di Bologna la fila è praticamente inesistente (non così per chi non aveva fatto il check-in on line), così in un attimo registrano gli zaini, ci forniscono le carte d’imbarco (quelle stampate on line si possono anche non portare, non serve nemmeno il .pdf su qualsiasi tipo di device, il check-in on line si collega al numero di passaporto), la carta frequenty flyer dove accumulare miglia e un buono pasto da utilizzare in attesa a Dubai. Le procedure di controllo sono veloci e altrettanto velocemente saliamo su un nuovo Boeing 777-A300 destinazione Dubai dove atterriamo dopo 5:30 ore, pasto e rinfresco già consumati. A dispo

  Leggi ►
ARMENIA
Tra Grande e Piccolo Caucaso - IV
Diari di Viaggio
Il monastero di Khor Virap si staglia di fronte alla mole del Monte Ararat - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
08/06/2019

Tra Grande e Piccolo Caucaso - IV

segue...  13° giornoColazione cercando di trovare uno striminzito posto tra le “beghine” polacche, poi prendiamo la via di Yerevan con più soste nella giornata, iniziando dalla vicina Zorats Karer, sito preistorico datato 3.000 a.c. paragonato vagamente a Stonehenge, ma ben lungi dall’esserlo. Il sito è un circolo di megaliti infissi nel terreno, molti hanno un foro rotondo sulla cima, il cui significato pare vada connesso al movimento degli astri a formare un calendario primordiale. Il paesaggio intorno è aspro e privo di alberi, un deserto nella valle circondato da brulle montagne. Ripartiamo e dopo due ore siamo al complesso monastico di Noravank, situato in una deviazione della strada principale lungo il canyon omonimo. Opera dell&rs

  Leggi ►
RUSSIA
Popoli: I Nenci o Nenets IV - Società, religione e arti
Diari di Viaggio
Un'anziana Nenets, già nonna - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
01/06/2019

Popoli: I Nenci o Nenets IV - Società, religione e arti

L'unità base della famiglia Nenets è il clan esogamico, cioè il gruppo familiare in cui – poiché i Nenets seguono la linea patrilineare per il passaggio da padre a figlio maschio delle proprietà – la moglie proviene da un nucleo familiare diverso, per evitare i problemi legati alla consanguineità in una società in cui i clan passano gran parte dell'anno isolati da altri gruppi familiari. Vista la non facilità nel conoscere possibili fidanzate/i in queste condizioni, i matrimoni venivano spesso concordati fra i vari capi clan, cosa ora meno frequente ma non del tutto scomparsa. Per questo i festival che si tengono alla fine dell'inverno sono eventi socialmente molto importanti

  Leggi ►
ARMENIA - GEORGIA
Tra Grande e Piccolo Caucaso - III
Diari di Viaggio
Il caravanserraglio Selim - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
25/05/2019

Tra Grande e Piccolo Caucaso - III

segue...  9° giornoOggi lasciamo il Tusheti ed il Caucaso in generale, giornata lunga e scenari totalmente distinti, anticipiamo la colazione il più possibile compatibilmente con le esigenze dei proprietari strappando le 7. Anche oggi la giornata è meravigliosa, così mentre stiviamo gli zaini ci rimiriamo uno scenario montano idilliaco, ma preso si parte perché anche col bel tempo i 72 km per lasciarci alle spalle l’Abano Pass sono difficili. A differenza dell’andata ci godiamo maggiormente il panorama e una sosta al passo va comunque rimessa in programma, bel tempo ma fresco, almeno la felpa è necessaria. Raggiungiamo Telavi dopo circa 100 km e quasi 5 ore, per guadagnare tempo facciamo un pranzo al sacco nei paraggi di un distr

  Leggi ►
GEORGIA
Tra Grande e Piccolo Caucaso - II
Diari di Viaggio
La chiesa di Tsminda Sameba, spettacolarmente posizionata davanti al monte Kazbegh
11/05/2019

Tra Grande e Piccolo Caucaso - II

segue...  5° giorno Piove questa mattina, mentre attendiamo che l’acqua corrente giunga a noi è tempo di colazione che si svolge in un ammezzato coperto ma senza finestre e vetrate, terminata la pratica però ritorna l’acqua, piccola soddisfazione. Visitiamo il mercato centrale decisamente interessante e caratteristico situato in pieno centro lungo via Paliashvili, prevalentemente mercato alimentare, vi è anche qualcosa di vestiario ma non interessante né caratteristico. Lasciamo Kutaisi per andare a Gori celebre unicamente perché città natale di Iosif Vissarionovič Džugašvili che detto così ai più dirà poco ma che conosciuto come Stalin forse qualcosa alla memoria ritorna. Gori è a

  Leggi ►
GEORGIA
Tra Grande e Piccolo Caucaso - I
Diari di Viaggio
Veduta di Ushguli tra le montagne
27/04/2019

Tra Grande e Piccolo Caucaso - I

1° giorno Da Bologna con una Frecciargento raggiungo direttamente l’aeroporto di Fiumicino da dove parte il volo Aegean (la scelta della compagnia è dettata dal fatto che arriviamo in Georgia e ripartiamo dall’Armenia, sono poche le compagnie che servono entrambi i paesi causa problematiche storico/politiche) per Atene. Le pratiche d’imbarco al famigerato terminal 3 sono veloci ma per un problema di spazi aerei partiamo in ritardo, ritardo che non viene recuperato, fortuna che nella capitale greca il tempo di attesa del volo seguente è di svariate ore quindi nessuna problematica di coincidenze andate. Volo di 1:40 con un moderno Airbus (come tutti i voli a seguire), durante il quale si viene serviti di snack e cena, magari la qualità non &egr

  Leggi ►
Namibiade - VIII
Diari di Viaggio
La piatta sagoma del Waterberg Plateau - Archivio Fotografico Pianeta Gaia
13/04/2019

Namibiade - VIII

segue...  29° giornoTerminata la solita colazione da campo rabbocchiamo il serbatoio con le scorte al seguito visto che ora non ci saranno più problemi di reperibilità combustibile, usciamo dal Waterberg Plateau Park e continuiamo lungo la D2512 fino all’incrocio con la C22 (sempre su sterrato) che imbocchiamo in direzione B1 dove svoltiamo verso sud lungo la principale arteria del paese ovviamente asfaltata. Sosta a Okahandja nota per il suo mercato artigianale sicuramente ampio ma talmente ripetitivo da far saltare l’impressione di artigianalità a favore di fatture meccaniche, al solito by Zimbabwe. Qui però il contrattare prezzi è istigato dai venditori stessi, quindi si possono spuntare acquisti interessanti, mentre nei dinto

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibiade - VII
Diari di Viaggio
Ippopotamo nel Mamili National Park, Caprivi Strip
30/03/2019

Namibiade - VII

segue...  25° giornoCaldo già di mattina, colazione e via lungo i disastrati sentieri del Mamili National Park, godendoci i passaggi su precari ponti e tra una vegetazione da fitta foresta, quando arriviamo a Wuparu è come se fossimo usciti da un mondo sconosciuto e ancora intonso, senza guai al pick-up, preoccupazione principe visto che qui non c’è possibilità di comunicare con nessuno. Ci sono varie comunità locali in recinti ben tenuti, in confronto al luogo da dove arriviamo noi una civiltà sviluppata e organizzata, ritorniamo sulla C49 (denominata anche M125) che percorriamo in direzione est, la strada ha qualche punto ancora da rifinire ma si può percorrerla comunque tutta su asfalto. Incontriamo un altro check poin

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibiade - VI
Diari di Viaggio
Tramonto sull'Okavango River, Bwabwata National Park, Caprivi Strip
16/03/2019

Namibiade - VI

segue...  21° giornoColazione abbondante presso la guest house, sotto le prime tenui gocce di pioggia (dopo pochi minuti saranno già un lontano ricordo) partiamo sempre lungo la C45 che in alcuni parti è chiusa per lavori, ma questa volta il percorso alternativo corre in buono stato a fianco della via. La C45 non svolta mai, un nastro d’asfalto che taglia longitudinalmente il nord della Namibia a ridosso del confine con l’Angola, qualche villaggio, vari animali che attraversano la via, mucche, capre e asini (questi i più fuori controllo e quindi da oltrepassare a velocità limitata) quando non elefanti, sovente le indicazioni parlano di residence che sono i piccoli villaggi recintati delle comunità locali, con nei paraggi sempre u

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibiade - V
Diari di Viaggio
Leopardo all'Etosha National Park
02/03/2019

Namibiade - V

segue... 7° giornoColazione al camp e benzina al distributore del campeggio, la più cara incontrata ma possibile pagare con carta, prima meta l’Etosha lookout, un posto dove ammirare l’assoluto nulla bianco iridescente del pan, vista che senza occhiali protettivi causa disturbi agli occhi. Pensare ai primi pionieri che arrivavano qui sui loro carri ed intrapresero l’attraversata di questo mare bianco fa paura, nel pan non si scorgono animali, questo spazio incute timore pure a loro. Lasciamo l’area di Halali per entrare in quella di Namutoni, l’est del parco, prima sosta a Springbokfontein (acqua ed animali, principalmente alcefali), da qui prendiamo per Batia schivando elefanti e giraffe che in assoluta tranquillità frequentano la zona

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibiade - IV
Diari di Viaggio
Leonesse alla pozza, Etosha National Park
16/02/2019

Namibiade - IV

segue... 13° giorno Terminata colazione, sistemata la tenda, cerchiamo il ragazzino che gestisce il camp per pagare, ricevere il resto diventa un’impresa, dobbiamo ritornare in paese per cambiare i soldi al market, poi accompagniamo il ragazzino al piccolo villaggio dove risiede già lungo la via per Purros sulla D3707. Preso al bivio la via sulla destra, dopo poco entriamo in un percorso in pessime condizioni, la velocità cala di molto, ci sono da oltrepassare montagne e fiumi, nel letto di questi il 4x4 è fondamentale come lo è l’assale alto, lungo questi 100 km più che la trazione integrale fondamentale è proprio l’alta luce da terra. Entriamo a tutti gli effetti nel Kaokoland e la sua famigerata fama ce lo conferm

  Leggi ►
NAMIBIA
Namibiade - III
Diari di Viaggio
Gli iconici alberi anneriti di Dead Vlei
02/02/2019

Namibiade - III

segue...  9° giornoOre 4:30, la sveglia impone di alzarsi, richiudiamo la tenda e andiamo ad attendere l’apertura dei cancelli per arrivare all’alba a Sossusvlei, il centro del deserto del Namib, luogo iconografico alla massima potenza. Percorriamo al buio buona parte dei 60 km che separano il camp col parcheggio dei mezzi 2x4, strada tutta asfaltata, da qui ci sono 4 km fino al parcheggio dei mezzi 4x4 lungo un percorso di sabbia finissima dove sprofondare è cosa comune. Non bastano le ridotte della trazione integrale, occorre obbligatoriamente sgonfiare le gomme, fatta questa operazione non dico che sia un gioco da ragazzi ma si arriva senza eccessivi problemi cercando di evitare i solchi più profondi lasciati da chi ci ha preceduto. Dal parcheggio

  Leggi ►
arrow_drop_up
arrow_drop_up