Iscriviti alla nostra newsletter

BLOG

GEORGIA

Rovine d'Abkhazia

 Ogni fotografo ha il suo stile e i suoi soggetti preferiti: c'è chi si dedica ai paesaggi e chi all'architettura, chi fotografa solo volatili e chi si concentra su minuscoli insetti, chi ama la street photography e chi - chiamalo fesso - il nudo artistico. Chi mi conosce un po' sa che a me piace ritrarre la gente ma, ciò nonostante, in Abcasia non ho potuto fare a meno di dedicarmi a un tipo di soggetto per me inconsueto. Vi spiego perché. L'interno dell'ex parlamento di Sukhumi - Archivio Fotografico Pianeta Gaia L'Abcasia, internazionalmente conosciuta come Abkhazia, è un territorio precedentemente appartenente alla repubblica sovietica della Georgia, che nei primi anni '90 - dopo il cro

10/11/2018

GEORGIA

GEORGIA

Fermate d'autobus sovietiche

 Quando una pensa all’architettura del periodo sovietico pensa a pesanti edifici in cemento armato, a strutture magari funzionali ma inevitabilmente pervase di un insito grigiore. C’è un’eccezione a tutto questo, in una nicchia dell’edilizia pubblica d'oltre cortina del tutto inaspettata: le fermate d’autobus. Bambini giocano su una fermata d'autobus a Gudauta (Abkhazia) - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Non di rado concepite da veri e propri artisti, sembrano essere state lo sfogo per gli architetti dell’ex-blocco sovietico, altrimenti costretti a trattenere il proprio estro creativo durante la realizzazione di altre più importanti costruzioni. La funzione utilitaria, quella di offrire riparo ai passeggeri in

20/10/2018

GEORGIA

BIRMANIA (Myanmar)

La foglia d'oro in Birmania

 La foglia d’oro è onnipresente in Birmania e Mandalay è il posto giusto in cui conoscere la storia di questo prodotto precipuo della cultura birmana, ancor più affascinante se si considera la notoria povertà del paese. Martellatori all'opera - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Per ottenere la foglia d’oro del sottilissimo spessore richiesto, serve molto tempo e un duro lavoro, ancora svolto interamente a mano, che ho potuto ammirare in una manifattura locale. Si parte da piccoli lingotti d’oro del peso di circa 55 grammi, ridotti da un estrusore in una striscia più sottile che viene tagliata in 5 pezzi, ognuno dei quali tagliato in 200 pezzi uguali. Ogni pezzo viene messo tra due fogli di resistente carta di bamb&ugra

29/09/2018

BIRMANIA (Myanmar)

PERU

Pia León sotto i riflettori

 Venerdì 10 agosto la chef Pia León ha dato il benvenuto ai primi ospiti a Kjolle, il suo nuovo ristorante a Lima. "Sono passati quattro anni da quando ho iniziato a pensare di avere un posto dove poter esprimere la mia opinione in cucina", ha detto pochi giorni prima dell'apertura. Dal 2009, León ha “co-pilotato” Central, il ristorante noto per essere stato tra i ristoranti più acclamati in Sud America e nel mondo, con il suo partner e marito Virgilio Martínez. I media in gran parte confondono il ristorante con lo stesso Martínez. "Pia è la persona che dirige la cucina, è lei che non ottiene alcun credito, ed è lei che è sempre in cucina a fare il duro lavoro", ha confe

15/09/2018

PERU

BOTSWANA

Botswana in time-lapse

 Vogliamo condividere con voi questo stupendo video in time-lapse, opera di Taylor Fairbank, un giovane e bravissimo film maker inglese. Dal delta dell'Okavango fino al Chobe National Park e al deserto del Namib, il Botswana ospita una delle faune selvatiche più spettacolari del mondo e attraverso questo fantastico reportage vi sembrerà di essere sul posto e quasi sfiorare con la mano i Big Five e le altre meravigliose creature che popolano questo angolo di mondo incontaminato, uno dei pochi rimasto intatto com'è sempre stato. Gustatevelo.  

01/09/2018

BOTSWANA

LATVIA

Missili puntati verso l'Europa

 A Ligatne, in Lettonia, si trova una straordinaria testimonianza dei tempi della Guerra Fredda. Quello che durante il controllo delle Repubbliche Baltiche da parte dell'Unione Sovietica sembrava solo un centro di riabilitazione all'interno di un parco nazionale, nascondeva in realtà un piccola città sotterranea all'interno della quale avrebbe dovuto rifugiarsi la nomenklatura - di sede nella non distante Riga - del partito in caso di scoppio di un conflitto nucleare. La brava guida con un'improbabile uniforme sovietica - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Realizzata nei primi anni '80, la parte nascosta (e ora visitabile con tour guidati) si sviluppa fino a 9 metri sottoterra ed era protetta non solo dalla segretezza ma anche da uno strato d

21/07/2018

LATVIA

BIRMANIA (Myanmar)

Shinbyu: i figli di Buddha

 Se siete stati in Birmania vi sarà probabilmente capitato, mentre visitavate un tempio buddhista o anche solo mentre eravate su una strada di campagna, di imbattervi in processioni alla cui testa vi erano dei bambini in abiti sgargianti. Si tratta della shinbyu, la cerimonia di ordinazione di un giovane monaco novizio, tipica del Buddhismo Theravada. Una processione con i prossimi novizi a cavallo - Archivio Fotografico Pianeta Gaia In Myanmar la religione è molto importante e ogni buon genitore non può ritenere di aver fatto il bene dei suoi figli maschi se non ha potuto garantire loro la possibilità di abbracciare l’eredità di Buddha, consentendogli di entrare in un kyaung (monastero) all’interno del quale immergersi negli in

23/06/2018

BIRMANIA (Myanmar)

BOSNIA AND HERZEGOVINA

Viaggio nel tempo a Lukomir

 Lukomir è il villaggio più remoto della Bosnia, a circa 110 km dalla capitale Sarajevo e a 1500 mslm, nei pressi del Bjelašnica, il monte più alto del paese nonché il sito in cui si svolsero le gare alpine durante le Olimpiadi Invernali del 1984. Erano altri tempi, la Jugoslavia, benché Tito fosse già scomparso da 4 anni, era ancora un paese unito e il Blocco Sovietico, di cui ufficialmente non faceva parte ma di cui avvertiva indubbiamente l’influenza, era ancora lontano dallo sfaldarsi. Poi ci fu la Guerra dei Balcani, che soprattutto in Bosnia ha avuto la mano pesante. Non a Lukomir, l’unico villaggio che non è stato toccato da quei tragici eventi, troppo isolato e insignificante dal punto di vista strategico

09/06/2018

BOSNIA AND HERZEGOVINA

SINGAPORE

Il Gardens by the Bay

 Tutti quanti abbiamo visto e ammirato – magari solo in televisione - l’Albero della Vita costruito all’interno dell’Expo 2015 di Milano ma i più scafati dei nostri viaggiatori si saranno resi conto della non piccola somiglianza con le strutture che sono parte del parco Gardens by the Bay di Singapore, un parco di oltre 100 ettari creato su una superficie bonificata nella ricca isola-stato asiatica realizzato con l’intento di diventare al contempo lo spazio verde più importante, di aumentare la vivibilità e un’attrazione turistica. Gli "alberi" vicino all'ingresso del parco cittadino - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Gli “alberi” di Singapore sono 18, 12 dei quali all’interno della &ld

12/05/2018

SINGAPORE

SINGAPORE

Il Marina Sands Bay

 Molti di voi avranno visitato Singapore, con un viaggio dedicato in un solo giorno o addirittura per appena alcune ore, anche per spezzare un lungo trasferimento intercontinentale. In entrambi i casi non potrete aver fatto a meno di notare la particolare sagoma del Marina Sands Bay, il casinò più grande del mondo e, alla sua inaugurazione avvenuta nel 2010, l’edificio più costoso mai realizzato, alla spropositata cifra di 8 miliardi dollari. Ai piedi del Marina Sands Bay - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Contiene la più grande sala dedicata al gioco d’azzardo, con 500 tavoli e 1.600 slot machines ma non è solo una struttura per chi ama giocare: ospita anche un albergo da oltre 2500 stanze con gigantesche sale riunioni e spazi

28/04/2018

SINGAPORE

AUSTRALIA

I Monti Olgas

 Quando passai da quelle parti erano ancora noti col nome di Monti Olgas, nome assegnatogli dall'esploratore britannico Ernest Giles in onore della regina Olga di Württemberg, prima che il governo australiano assumesse un atteggiamento più rispettoso nei confronti degli Aborigeni che abitano quella terra da svariate decine di millenni, adottando il nome di Kata Tjuta (in aborigeno "molte teste"). I Monti Olgas visti dall'outback - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Benché come massa di roccia esposta siano più vasti e anche più alti, i Monti Olgas sono un po' i "cugini poveri" della più famosa e fotografata roccia monolitica di Uluru, dalla quale distano circa 25 kilometri: quando si dice "less is mo

14/04/2018

AUSTRALIA

AUSTRALIA

I Devil's Marbles

 La Stuart Highway è la lunghissima strada che attraversa tutta l'Australia da sud a nord, partendo da Darwin e giungendo fino a Port Augusta. A differenza di quello che si potrebbe pensare dal nome, non è un'autostrada, ma una strada normale, con una sola corsia per senso e senza divisorio. Anzi, è anche piuttosto stretta perché in una strada così lunga, dove a malapena s'incrocia un'auto provenire dal lato opposto ogni mezz'ora, si è ritenuto di risparmiare asfalto e quindi, quando s'incrocia un mezzo - specie se questo è uno dei giganteschi "road train" che possono avere anche quattro o cinque rimorchi - è meglio scendere con la ruota esterna sulla banchina, solitamente ampia alcuni metri.&nbs

31/03/2018

AUSTRALIA

AUSTRALIA

I Bungles Bungles

 Il parco nazionale Purnululu, è uno dei parchi meno visitati d'Australia, sia perché è posizionato in un'area tagliata fuori dalle rotte turistiche più frequentate (a circa 250 km dalla pressoché sconosciuta Kununurra) e sia perché l'accesso via auto è possibile unicamente nella stagione secca con mezzi 4x4 tramite una strada sterrata di 53 km che richiede circa 3 ore per essere percorsa. È più semplice arrivarvi in aereo, come ho fatto io su un CESSNA che svolge regolare servizio per il Purnululu N.P.. Un luogo veramente remoto, al punto che nel prosieguo del viaggio, parlandone con diversi Australiani, tutti mi dissero che li avevano visti in televisione ma non li avevano mai visitati. Partenza dell'

17/03/2018

AUSTRALIA

AUSTRALIA

Uluru/Ayers Rock

 Uluru, nome aborigeno di quella che una volta era più nota come Ayers Rock, è l'imponente massiccio roccioso simbolo dell'Australia, almeno lo era ai miei occhi quando preparai questo viaggio agli antipodi del pianeta, preferendo sacrificare destinazioni come Sidney o la Great Ocean Road - per lo stupore dell'impiegata dell'agenzia viaggi - che invece la quasi totalità di chi visita il paese dei canguri inserisce nel proprio itinerario. Uluru visto dall'outback - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Vederlo per la prima volta è emozionante: di norma ci si arriva in auto e, posizionato com'è a circa 450 km da Alice Springs in un territorio completamente piatto, lo si nota già da lontano e, man mano che ci si avvi

03/03/2018

AUSTRALIA

GIORDANIA

Wadi Mujib

 Se vi trovate in Giordania e avete appena visitato luoghi stupendi ma decisamente desertici come il deserto di Wadi Rum e il sito archeologico dell’antica città nabatea di Petra - la cui visita richiede delle belle scarpinate - potreste aver voglia di ritemprare un po’ le stanche membra o anche solo di godervi un po’ di fresco. Allora, niente di meglio di un’escursione alla gola del Wadi Mujib, dove poter godere della vista di un canyon spettacolare ma anche delle fresche acque che la caratterizzano. L'ingresso nel canyon del Wadi Mujib - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Questo wadi (letto di un corso d'acqua non perenne), citato anche nella Bibbia col nome di torrente Arnon, è uno stretto canyon che partendo dalle montagne di

02/02/2018

GIORDANIA

ROMANIA

Il Cimitero Allegro di Sapanta

 Il mondo è bello perché è vario e può offrirci luoghi apparentemente paradossali, come il cosiddetto Cimitero Allegro di Sapanta, nel distretto del Maramures, in Romania. Il camposanto in questione è famoso per croci di legno scolpite in stile naif e dagli accesi colori. La particolarità che distingue questo cimitero è l'approccio scanzonato con la morte, da sempre argomento solenne se ce n'è uno. Secondo alcune teorie, la leggerezza nel trattare questo tema deriva dalla cultura dei Daci – popolo di origine indoeuropea che stanziava in queste terre prima che fossero conquistate dagli antichi Romani – che credevano nell'immortalità dell'anima e che la morte fosse un momento di gioia, al punto da

20/01/2018

ROMANIA

BRASILE - COLOMBIA - PERU - VENEZUELA

L'Ayahuasca

 Durante un viaggio nel Perù Amazzonico sono venuto a conoscenza dell'ayahuasca, una sostanza di cui fino ad allora ignoravo l'esistenza. Si tratta di una bevanda allucinogena usata da secoli dagli sciamani e curanderos amazzonici, ottenuta miscelando in un decotto diverse piante, le principali delle quali sono le liane polverizzate di un rampicante detto appunto ayahuasca (Banisteriopsis caapi che chiamerò “liana” per non fare confusione con la bevanda) e le foglie di chacruna (Psychotria viridis). La bevanda contiene dimetiltriptamina (DMT), la stessa sostanza prodotta dal cervello durante la nascita, durante la fase REM del sonno e alla morte, nelle 24 ore successive al decesso. Normalmente gli effetti di questa sostanza sono velocemente annul

06/01/2018

BRASILE - COLOMBIA - PERU - VENEZUELA

GIORDANIA

Il Deserto di Wadi Rum

 Il deserto di Wadi Rum, nel sud della Giordania e non lontanassimo da Petra, è considerato uno dei più belli del mondo anche se qui non sono le dune di sabbia a farla da padrone ma piuttosto le imponenti montagne di basalto, granito e arenaria che lo punteggiano, alte fino a 800 metri rispetto alla pianura desertica sabbiosa. Viste dall'alto sono come isole in un mare di sabbia, alcune stondate, altre più aguzze, immancabilmente scoscese: sono un luogo perfetto per chi si vuole cimentare in trekking o arrampicate. Non è consigliabile la visita in autonomia della zona, anche se non è impossibile, perché servono un mezzo adatto e una buona conoscenza del luogo: non è facile orizzontarsi nel dedalo di canyon di Wadi Rum. L'ar

02/12/2017

GIORDANIA

IRAN

Abyaneh

 Abyaneh è un caratteristico villaggio di montagna che si trova, prendendo una non breve deviazione, sulla strada tra Kashan e Isfahan, due delle città più belle e ricche di monumenti dell'Iran. Le case del villaggio, che ha una storia antichissima risalente a circa 2000 anni fa, sono costruite in mattoni e rivestite da uno strato di paglia e fango rossastro, ottenuto dal terreno locale ricco di minerali ferrosi, che gli hanno fatto meritare il soprannome di Villaggio Rosso. Alcune abitazioni, costruite ai piedi dei Monti Karakas, sono realizzate quasi le une sopra le altre, coi tetti dell'una che fungono da cortile per la casa soprastante. Un angolo del delizioso villaggio di Abyaneh - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Il centro è ca

21/10/2017

IRAN

CINA

Meraviglie della Cina: Le risaie della Spina Dorsale del Drago

 Ormai lo sapete che ho una predilizione per le risaie, uno di quei posti in cui la natura e l'opera dell'uomo a volte si fondono in maniera mirabile. Uno di questi è quello dove si sviluppano le cosiddette risaie terrazzate di Longsheng o di Longji, col fascinoso soprannome di "Risaie della Spina Dorsale del Drago" dovuto alla forma delle cime delle vicine montagne. L'incredibile lavoro degli agricoltori cinese insegue il profilo della colline - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Le risaie si trovano nella contea di Longhsheng, nella provincia cinese del Guangxi, circa un centinaio di chilometri a nord di Guilin, la capitale della provincia famosa per essere il punto di partenza per visitare la non meno spettacolare area del fiume Li. Le risaie s

30/09/2017

CINA

IRAN

Palangan

 Immaginatevi tre ripide colline le cui scoscese pendici si riuniscono attorno alle rive del fiume Tangi Var e che sulle erte di questa apparentemente inospitale conca vi vengano costruite casupole di sassi, legno e terra letteralmente una sopra l'altra, con il tetto di una che fa letteralmente da cortile per quella soprastante, in uno scenario che, se non l'avessi davanti agli occhi, penserei fosse il parto della mente di un presepaio napoletano afflitto da deliri di onnipotenza. Le case una sopra l'altra di Palangan - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Invece quello che ammiro esiste veramente: è Palangan, pittoresco villaggio della regione del Kurdistan Iraniano, forse il più bello dei villaggi tradizionali dell'antica Persia ma non l'unic

16/09/2017

IRAN

Explore