Iscriviti alla nostra newsletter

BLOG

NORVEGIA

Le Isole Lofoten

Certamente le restrizioni ai viaggi sorte durante il periodo della pandemia hanno svantaggiato le destinazioni intercontinentali a favore di quelle del Vecchio Continente, ma forse hanno anche fatto scoprire, o riscoprire, mete di grande interesse che coloro che di norma cercavano principalmente destinazioni di mare avevano messo un po' nel dimenticatoio. Sicuramente la Norvegia, grazie alla varietà di paesaggi che offre, dal leggendario Capo Nord ai fiordi più belli del mondo al punto da essere inseriti tra i patrimoni dell'umanità dell'UNESCO, è tra i paesi che più hanno beneficiato di questo rinnovato interesse per i paesi europei. Il caratteristico villaggio di pescatori di Nusfjord - Copyright Pianeta Gaia Vertiginose rocce di n

28/06/2022

NORVEGIA

Vita, morte e miracoli del passaporto - VII

...segue  In chiusura di questa serie di articoli sui passaporti, vi racconto una disavventura capitatami durante uno dei tanti attraversamenti di frontiere. Nel 2018 volli provare ad entrare in Abkhazia passando dal posto di confine nei pressi di Zugdidi, in Georgia, lo stato di cui faceva parte prima del breve ma sanguinoso conflitto – con feroci casi di pulizia etnica contro i Georgiani che vi abitavano ormai da oltre un secolo - che nel 1991 portò lo staterello spalleggiato dalle truppe russe a dichiararsi indipendente. La Georgia non ha mai riconosciuto, come è appena ovvio, l'indipendenza dell'Abkhazia ma sul web avevo letto di uno che era riuscito ad attraversare da quella frontiera. Volli provarci anch'io. (foto pixabay) La cosa p

21/06/2022

MAURITANIA

Il treno più lungo del mondo

A partire dal 1963, il “treno del deserto” della Mauritania, lungo anche fino di 3 km, trasporta milioni di tonnellate di minerali di ferro durante la sua attraversata di 704 kilometri nel Sahara. Non è proprio un treno merci come tutti gli altri. Di norma il convoglio è costituito da 3 o 4 locomotive a diesel che trainano tra i 200 e 210 vagoni del peso di 84 tonnellate l’uno. È stato calcolato che in un anno questo treno trasporti oltre 16 milioni di tonnellate di ferro. Dromedari selvaggi nei pressi dei binari - Copyright Pianeta Gaia Nel 1976 la Mauritania si annesse il Sahara Occidentale, causando la reazione del Fronte Polisario che scatenò continui attacchi alla linea ferroviaria, vitale per l’economia mauritana, rendendo

14/06/2022

MAURITANIA

Vita, morte e miracoli del passaporto - VI

...segue  Potrebbe sembrare, come tutti i documenti ufficiali, un freddo pezzo di carta ma invece il mondo dei passaporti è un mondo a colori, tendenzialmente scuri perché si sporcano di meno di quelli chiari. I più diffusi sono quelli dalla copertina blu (attualmente utilizzato da 83 paesi), tipica degli Stati Uniti (benché in passato abbiano avuto anche “periodi” rossi e verdi) e in generale di tutto il continente americano ma anche di tutti quei che paesi che, in questo modo, intendono manifestare la propria vicinanza alla superpotenza nordamericana. In Europa prevalgono documenti con la copertina rossa (67 gli stati che ne fanno uso), per la precisione color “borgogna”, un colore individuato nel 1981 per distinguersi dal blu

07/06/2022
Vita, morte e miracoli del passaporto - IV

...segue Avveniristica una caratteristica dei passaporti norvegesi, dal look molto minimalista, disegni color pastello di sottofondo diversi in ogni pagina e lo stemma nazionale dorato nella copertina, non a caso concepito nel 2020 da una società di design: se illuminati da una luce ultravioletta, riproducono tra le pagine un'aurora boreale. Anche quello canadese sotto la stessa luce rivela immagini nascoste quali la classica foglia d'acero, un galeone in mare, i fuochi d'artificio su Ottawa e le immancabili cascate del Niagara. Pure il recentissimo nuovo passaporto del Belgio (emesso a partire dal 7 febbraio 2022) nasconde figure rivelabili solo con una luce UV: si tratta di personaggi dei fumetti, vere icone nazionali q

10/05/2022
Vita, morte e miracoli del passaporto - III

...segue Ovviamente il passaporto, proprio per la sua importanza, a volte viene ritirato per impedire l'espatrio non autorizzato del detentore – perfino gli iperliberisti statunitensi fecero ricorso a questo mezzo in passato per limitare i viaggi all'estero dell'attivista di colore Paul Robeson – ma anche per questo più volte falsificato. Basti pensare al carnefice delle Fosse Ardeatine, Erick Priebke, riparato grazie a false generalità in Argentina. Non solo criminali si sono avvalsi della protezione di un passaporto falso. Lo Zar Pietro il Grande ne utilizzò uno per lavorare in incognito presso cantieri navali olandesi e inglesi al fine di apprendere le tecniche di costruzione navali e il nostro ex-presidente Sandro Pertini, all'epoca

26/04/2022
Vita, morte e miracoli del passaporto - II

... segue Il bisogno di proteggere i confini ha avuto alti e bassi. Autorità superstatali come la Chiesa rilasciavano carte che assicuravano ingresso e libertà ovunque. Infatti i permessi rilasciati dal Papa erano molto ambiti perché permettevano il superamento di tutti i confini d'Europa. Quando il principe zingaro Andrea progettò di emigrare con la sua gente dall'Altaj all'Europa, per prima cosa si recò a Roma e, avendo convertito tutti i suoi sudditi al Cristianesimo cattolico, ottenne dal Papa il prezioso permesso che permise loro di diffondersi in tutto il Vecchio Continente, anche se poi la riforma di Martin Lutero del XVI secolo lo rese inservibile nei paesi dove prevalse il Protestantesimo. Nell'epoca dei Comuni i documenti di

12/04/2022
Vita, morte e miracoli del passaporto - I

Come tutti ben sappiamo, per viaggiare in Europa basta un documento d'identità ma per entrare in paesi di altri continenti è necessario un passaporto, un documento che tutti noi viaggiatori abbiamo ma che probabilmente non conosciamo a fondo. Il passaporto, così come lo conosciamo adesso, è nato solo dopo la II Guerra Mondiale ma, ovviamente, gli individui viaggiavano in tutto il mondo anche prima, praticamente da sempre. Nondimeno l'importanza dei confini e del controllo delle persone e delle merci che sono autorizzare a varcarli è altrettanto antica. (foto pixabay.com)  Quando è stato emesso il primo documento di viaggio? Difficile stabilirlo con precisione ma già nell'Antico Egitto i Faraoni rilasciavano ai prop

29/03/2022

SRI LANKA

Il sito di Polonnaruwa

Se avete in mente di visitare lo Sri Lanka, non potete non mettere in programma una visita al sito di Polonnaruwa, più o meno al centro della stupenda isola dell'Oceano Indiano, a circa un centinaio di chilometri dal non meno importante sito di Anuradhapura e a soli 55 da Sigiriya. Il Regno di Anudhapura, dopo circa 1200 anni di dominio ininterrotto sull'isola, nel 1017 d.C. venne abbattuto dalla dinastia Tamil dei Chola, che elesse Polonnaruwa come nuova capitale, fino a quando il signore della guerra Kalinga Magha, intenzionato a distruggere la civiltù buddhista nel nord dell'isola, non la fece incendiare nel 1214. In seguito il potere si spostò nell'area di Colombo, l'attuale capitale, e Polonnaruwa fu abbandonata, ma in quel paio abbondante

15/03/2022

SRI LANKA

GIORDANIA

La tollerante Al-Salt

Recentissimo inserimento nell'elenco dei siti patrimonio dell'umanità dell'UNESCO (avvenuto nel 2021), la città di Al-Salt, benché poco conosciuta e spesso non inserita negli itinerari turistici, è una tappa fissa dei nostri tour in Giordania. Abitazioni tradizionali di Al Salt - Copyright Pianeta Gaia Prima capitale del paese mediorientale, ruolo che ha mantenuto fino a quando non è stata scelta come tale Amman, nel 1920, è tuttora una delle città più popolose del paese, abitata da circa 330.000 abitanti. Costruita su tre colline ravvicinate nell'altopiano di Balqa nella Giordania centro-occidentale, la città è stata un importante collegamento commerciale tra il deserto orientale e l'ovest.

15/02/2022

GIORDANIA

GIORDANIA

L'antica Gerasha

Gerasha (o Jerash), benché sia uno dei siti archeologici più importanti della Giordania e del Medio Oriente, non gode della meritata fama a causa dell'invincibile concorrenza della non distante stupenda città di Petra, scolpita nella roccia dai Nabatei e giustamente considerata una delle Sette Meraviglie del mondo moderno. La grandiosa piazza ovale - Copyright Pianeta Gaia Eppure il passato di questa città nel nord del paese non è da meno di quello del più famoso sito citato: i primi insediamenti risalgono nientemeno che all'Era Neolitica, circa nel 7500 a.C.. Stando alle iscrizioni greche rinvenute in loco, la città sarebbe stata fondata da Alessandro Magno e dal suo generale Perdicca nel 331 a.C. ma altre teorie attribuis

02/02/2022

GIORDANIA

GIORDANIA

La meravigliosa Petra

Scavata direttamente in rocce arenarie che alternano i colori rosso, bianco e rosa, l'antica città di Petra è rimasta sconosciuta al mondo occidentale per secoli e scoperta da un occidentale, travestitosi da beduino, solo nell'Ottocento. Realizzata dai Nabatei – un popolo di abili commercianti arabi che controllarono le rotte commerciali del Medio Oriente prima di essere annessi all'Impero Romano – tra il 400 a.C. e il 106 d.C., è stata la capitale del regno nabateo e un imprescindibile crocevia di scambi. Set cinematografico di “Indiana Jones e l'ultima crociata”, nel 1985 è stata inserita nell'elenco dei siti patrimoni dell'umanità dell'UNESCO e nel 2007 tra le Sette Meraviglie del mondo moderno. 

18/01/2022

GIORDANIA

SRI LANKA

La Roccia di Sigiriya

La roccia di Sigiriya sorge maestosa nel cuore della deliziosa isola di Sri Lanka. Alta 370 metri e circondata da pareti verticali su tutti i lati, è impossibile non notarla da lontano, visibile da diversi chilometri di distanza. Così come non è possibile rimanere insensibili al suo fascino. La Porta dei Leoni - Copyright Pianeta Gaia In antichità era un castello, eretto nel V secolo da re Kashapa, dal quale regnava sull'isola, eleggendolo a palazzo reale. Grandiosa era la cosiddetta Porta dei Leoni, che giustifica il nome del sito in quanto Sigiriya significa “Roccia del Leone”. Della scultura originaria, dotata di un'enorme testa felina attraverso la cui bocca spalancata si accedeva alla parte più protetta del palazzo, rima

04/01/2022

SRI LANKA

INDONESIA

Il complesso di Prambanan

Il Prambanan, situato nell'isola indonesiana di Giava, è un complesso di grandiosi templi induisti antichi, inserito nella lista dei siti patrimonio dell'umanità dell'UNESCO. Gli studi archeologici non hanno ancora stabilito con chiarezza se sia stato fatto costruire dal re Rakai Pikatan, regnante dal 838 al 850 d.C. o dal re Balintung, al potere dal 898 al 910, entrambi della dinastia Sanjaya regnante sul regno di Mataram. La maggior parte degli studiosi propende per il primo, il quale si riteneva la reincarnazione di Shiva e per questo gli dedicò il tempio principale. Il complesso del Prambanan visto dall'esterno - Copyright Pianeta Gaia Come avvenne per il non distante tempio di Borobudur, vicino sia geograficamente (circa 50 km) che cronol

07/12/2021

INDONESIA

INDONESIA

Il Borobudur dell'isola di Giava

Il tempio di Borobudur, nell’isola indonesiana di Giava, è giustamente considerato uno dei più maestosi monumenti del mondo, da alcuni paragonato per grandiosità alle Piramidi di Giza e non a caso inserito nell’elenco dei siti patrimonio dell’umanità dell’UNESCO fin dal 1991. La monumentale mole del Borobudur - Copyright Pianeta Gaia Risalente al IX secolo d.C. e fatto realizzare dalla dinastia dei maharaja Sailendra, è un’opera colossale con una base quadrata di 123 metri di larghezza per lato e un’altezza di 35 metri, costruito a forma di montagna ispirandosi al sacro Monte Merapi, con 10 terrazze disseminate di stupa, la cui successiva ascesa raffigura il cammino spirituale verso il nirvana, tipico deg

23/11/2021

INDONESIA

FAROE ISLANDS

Isole Faroe: l'Eysturoyartunnilin e altri tunnel

L'arcipelago delle Isole Faroe è costituito da 18 isole e collegare le une alle altre, anche in considerazione della non sempre facile navigabilità del mare aperto in cui si trovano, non è impresa semplice. Alcune – tra cui Suduroy, Sandoy e la piccola ma turisticamente frequentata Mykines - sono abbastanza distanziate dal nucleo centrale dell'arcipelago e raggiungibili solo via mare o elicottero. Altre invece sono collegate tra di loro da quattro ponti e tre tunnel sottomarini, oltre ad avere 19 gallerie sulla terraferma per non dover aggirare le onnipresenti - non elevate ma piuttosto ripide - montagne che caratterizzano queste isole. E altri ne sono previsti in futuro, alcuni già in costruzione, altri in fase di progettazione, tra cui quello che

09/11/2021

FAROE ISLANDS

FAROE ISLANDS

Isole Faroe: la montuosa Eysturoy

L'isola di Eysturoy è la seconda più vasta e la seconda più popolosa delle Isole Faroe, dopo Streymoy ma, come tutte le isole di questo arcipelago ha qualcosa di interessante da offrire al visitatore. Il piccolo fiordo che forma il porto di Gjogv - Copyright Pianeta Gaia Il villaggio più conosciuto è probabilmente quello di Gjogv, nell'estemità nord-orientale dell'isola e abitato da appena 49 anime, famoso per il piccolo fiordo che ha dato vita a un porto naturale particolarmente protetto, raggiungibile con 69 scalini e immancabile soggetto fotografico di tutti i visitatori dell'arcipelago. Le strette e alte pareti gli donano anche ottime qualità acustiche. Una visita la

26/10/2021

FAROE ISLANDS

FAROE ISLANDS

Isole Faroe: la centrale Streymoy

Streymoy è la maggiore delle Isole Faroe: lunga 47 km e larga 10, ospita la capitale Torshavn e, abitata da oltre 23.500 persone, il 45% della popolazione dell'arcipelago. Una visita a questo spettacolare gruppo di isole non può dirsi completa se non la comprende. Gli antichi edifici governativi di Tinganes, la città vecchia della capitale Torshavn - Copyright Pianeta Gaia Tórshavn, fondata nel X secolo da coloni vichinghi che qui si incontravano per questioni commerciali, può essere considerata la capitale più vecchia dell'Europa settentrionale. La parte più antica della città, detta Tinganes, è costituita da vecchie case di legno colorate e in parte coi tetti ricoperti d'erba. Qui si trova il Parlamento,

12/10/2021

FAROE ISLANDS

SPAGNA

3 idee per un viaggio attivo in Andalusia

Sicuramente avrai sentito spesso parlare di questa regione della Spagna per le meravigliose città di Cordoba, Siviglia e Granada, universalmente note per il loro patrimonio storico-artistico legato soprattutto al lungo periodo in cui sono state sotto la dominazione araba. Ma non tutti sanno che al di fuori delle città ci sono esperienze diversissime ed emozionanti per chi vuole spingersi ad esplorare oltre il confine dei luoghi più conosciuti e frequentati dal turismo. Molte di queste attività sono proposte nel nostro programma Andalusia d'autore. In bicicletta nella Via Verde della Sierra 1. La Via Verde della Sierra in biciclettaIn tutta l'Andalusia, come altrove in Spagna e nel resto del mondo, si possono trovare degli antichi percorsi

28/09/2021

SPAGNA

FAROE ISLANDS

Isole Faroe: la spettacolare Vagar

Se mai andrete alle Isole Faroe, probabilmente non vedrete tutte le isole che ne compongono l'arcipelago ma inevitabilmente passerete da Vàgar, se non altro perché è l'unica con un aeroporto nonché, per i pochi che giungono sull'isola via mare dall'Europa, uno dei porti principali. Non vi sono città particolarmente importanti in quest'isola dalla curiosa forma a testa di cane, cosa compensata da alcuni dei più grandiosi siti delle isole che la rendono una tappa imperdibile di chiunque voglia ammirare le bellezze paesaggistiche dell'arcipelago. Una nostra viaggiatrice si gode la vista degli scogli di Drangarnir - Copyright Pianeta Gaia È su una delle sue estremità, quella sud-occidentale, che si ergono

21/09/2021

FAROE ISLANDS

FAROE ISLANDS

Isole Faroe: la stretta Kalsoy

Kalsoy è una delle isole più piccole tra le 18 maggiori che costituiscono questo piccolo ma variegato arcipelago in mezzo all'Oceano Atlantico, a metà strada tra la Scozia e Islanda. Questa stretta fetta di terra è abitata da appena 76 persone e fa parte del distretto di Klaksvik, la seconda città dell'arcipelago situata nella vicina isola di Bordoy, dal cui porto parte il traghetto che la raggiunge 3 o 4 volte al giorno. Il traghetto è piuttosto piccolo, del resto il percorso che copre è breve (circa 20' di navigazione) e in acque riparate, e può ospitare circa una dozzina di veicoli, quindi è bene presentarsi per tempo all'imbarco per evitare che, causa riempimento dei pochi posti, si debba aspettare la parten

07/09/2021

FAROE ISLANDS

Explore