menu

UGANDA, LA TERRA DEI GORILLA

AFR-193

UGANDA, LA TERRA DEI GORILLA

Viaggi di gruppo con guida locale 15 giorni Su Richiesta Richiedi un preventivo
MAPPA ITINERARIO
Gen
Feb
Mar
Apr
Mag
Giu
Lug
Ago
Set
Ott
Nov
Dic
Quando Andare
07:49
+1 ore
sono richieste vaccinazioni
richiesto
INFORMAZIONI

Un itinerario classico che permette di visitare in modo completo il paese che non offre solamenti lo spettacolo unico dei gorilla di montagna - presenti solo qui e in Rwanda - ma di apprezzare gli altri magnifici parchi, quali il Queen Elisabeh Park, i maestori paesaggi di montagna spesso ricchi di piantagioni di tè e caffe con sullo sfondo i crateri dei vulcani a testimoniare che Rift Valley attraversa il paese 

Gli itinerari consigliati sono dei percorsi da noi suggeriti alla scoperta delle culture e delle meraviglie che il nostro mondo offre e che spesso non sappiamo osservare. A volte derivano dai viaggi di gruppo che abbiamo organizzato direttamente, ossia dai viaggi con piccoli gruppi di Amici/Viaggiatori che organizziamo in giro per il mondo, altre volte dall'esperienza e dall'amore per il paese di chi lavora con noi oppure dai nostri corrispondenti locali.

Questi viaggi possono essere personalizzati sulle vostre esigenze, scegliendo la categoria delle strutture e l'assistenza che desiderate avere. Potrete scegliere di viaggiare, avendo sempre al vostro fianco guide professionali, trasferimenti privati e un'assistente 24h su 24, oppure vivere la destinazione in massima libertà, ma con la sicurezza di un punto di riferimento in loco sempre presente.

CONDIVIDI

Un itinerario classico che permette di visitare in modo completo il paese che non offre solamenti lo spettacolo unico dei gorilla di montagna - presenti solo qui e in Rwanda - ma di apprezzare gli altri magnifici parchi, quali il Queen Elisabeh Park, i maestori paesaggi di montagna spesso ricchi di piantagioni di tè e caffe con sullo sfondo i crateri dei vulcani a testimoniare che Rift Valley attraversa il paese 

Gli itinerari consigliati sono dei percorsi da noi suggeriti alla scoperta delle culture e delle meraviglie che il nostro mondo offre e che spesso non sappiamo osservare. A volte derivano dai viaggi di gruppo che abbiamo organizzato direttamente, ossia dai viaggi con piccoli gruppi di Amici/Viaggiatori che organizziamo in giro per il mondo, altre volte dall'esperienza e dall'amore per il paese di chi lavora con noi oppure dai nostri corrispondenti locali.

Questi viaggi possono essere personalizzati sulle vostre esigenze, scegliendo la categoria delle strutture e l'assistenza che desiderate avere. Potrete scegliere di viaggiare, avendo sempre al vostro fianco guide professionali, trasferimenti privati e un'assistente 24h su 24, oppure vivere la destinazione in massima libertà, ma con la sicurezza di un punto di riferimento in loco sempre presente.

Partenze disponibili dai principali aeroporti italiani

La categoria dei lodge può essere personalizzata sulla base delle diverse esigenze

QUOTA DI PARTECIPAZIONE SU RICHIESTA IN BASE ALLA DATA PARTENZA

+ UGANDA: isole Ssese   


UGANDA

 

Breve guida per viaggiare in Uganda e in Rwanda

 

Lingue
Inglese (uff.) Luganda, Swahili

Religioni
33% cattolica, 33% protestante, 18% animista, 16% musulmana

Capitale
Kampala (1.244.000 abitanti, 1.461.600 abitanti nell'area metropolitana)

Fuso Orario
GMT+3: +2 (rispetto all'ora solare italiana); +1 (rispetto all'ora legale italiana)

Visto di entrata:
Documenti necessari per l'ottenimento del visto

  • Passaporto con validità minima di sei mesi 
  • Due pagine completamente libere.
  • Una fotografia a colori formato tessera recenti.
  • Un modulo compilato in tutte le parti dal titolare del passaporto.
  • Fotocopia del biglietto di andata e ritorno o dichiarazione dell Agenzia di viaggio attestante dell acquisto del biglietto.
  • Fotocopia del certificato di vaccinazione contro la febbre gialla
  • Conferma alberghiera da parte del corrispondente locale

Va richiesto prima della partenza, per via telematica, collegandosi al sito https://visas.immigration.go.ug. Dopo aver inserito i dati e allegato i documenti necessari, il richiedente riceverà entro dieci giorni una ricevuta con codice a barre da presentare al varco di frontiera ugandese dove, a seguito del pagamento della tassa consolare e dell’acquisizione dei dati biometrici, otterrà il visto. Il costo e’ compreso tra US$ 50 e US$200 (a seconda del tipo di visto. Il visto turistico e’ valido anche per Kenya e Ruanda.
Per maggiori informazioni visitare il sito del Directorate of Citizenship and Immigration Control del Ministero dell’Interno ugandese, alla pagina 
http://immigration.go.ug/content/visas-and-passes#

E' anche possibile richiedere il visto direttamente all'ambasciata ugandese in Italia con un costo di circa 80€ comprensivo di diritti consolari e servizio dell'agenzia. La domanda deve essere presentata almeno un mese prima della partenza

Il visto per Rwanda dal 2018 si ottiene direttamente all’ingresso, ovvero all’Aeroporto di Kigali o al confine di Cianika se si arriva dall’Uganda. Il costo è di USD 30 a ogni ingresso.

Nel caso il viaggio includa il Rwanda e/o il Kenya e/o l’Uganda, è possibile richiedere il visto dell’Africa dell’Est al prezzo di USD 100. Se l’ingresso è in Kenya o in Uganda, occorre farne richiesta on-line. 

Il clima
L’Uganda gode generalmente di condizioni climatiche miti, grazie alla sua altezza sul livello del mare, per cui le temperature medie variano tra i 20 e 25 gradi e normalmente le temperature non sono mai troppo elevate. Ci sono due stagioni delle piogge durante l’anno, ovvero tra Novembre e Dicembre e tra Aprile e Maggio. Il Rwanda come caratteristica ha il fatto di trovarsi più alto sul livello del mare rispetto all’Uganda, ovvero un Paese di paesaggi collinari intorno ai 1000/1500 metri di altezza. Le stagioni sono simili a quelle in Uganda, anche se tendenzialmente si avverte di più il clima equatoriale piovoso e umido.

Il turismo e il gorilla tracking in Uganda e in Rwanda sono raccomandati per tutto il periodo dell’anno, per quanto le stagioni secche siano preferibili soprattutto riguardo le condizioni delle strade.

Moneta locale e uso della carta di credito
In Uganda si consiglia di usare la moneta locale, lo scellino ugandese, per effettuare spese personali. Pertanto si consiglia all’arrivo di cambiare Euro, Dollari Americani o Sterline inglesi soprattutto dagli uffici di cambio in centro a Kampala, dove godrai dei migliori tassi di cambio. Prima di viaggiare è raccomandabile di verificare l’attuale tasso di cambio. 

In Rwanda la moneta in uso è il Franco Ruandese, che si può cambiare direttamente a Kigali o alle frontiere. Nel 2018 mediamente 1 Euro viene cambiato a 950 franchi e un Dollaro Americano a 800 franchi.

L’uso delle carte di credito e i relativi servizi non sono molto sviluppati in entrambe i Paesi e le commissioni sulle transazioni arrivano al 5%. Inoltre solo le carte VISA vengono accettate comunemente, mentre più raramente si accettano le Mastercard o American Express. I pagamenti sono effettuati soprattutto in contanti e si potrà prelevare dal bancomat una quantità giornaliera limitata. Si sconsiglia di portare  assegni di viaggio (travellers checks).

Si prega di tenere presente che se si viaggia con Dollari Americani, occorre portare con sè banconote non precedenti l’anno 2003 altrimenti non verrebbero accettate; inoltre le banconote minori di USD 50 vengono cambiate a un tasso più basso. 

Strade
Le strade in Uganda sono ancora in povere condizioni, soprattutto quelle che collegano tra loro i parchi nazionali, nonostante molti lavori di miglioramento siano in corso e in programma. Kampala è collegata alle altre città in Uganda con strade asfaltate. Per viaggiare si richiedono veicoli 4x4 in buone condizioni. Pertanto si avvisa che il viaggio in Uganda comporta anche lunghi trasferimenti attraverso strade difficili e non asfaltate.

Le strade in Rwanda sono generalmente in buone condizioni e asfaltate, eccetto la strada lungo il Lago Kivu tra Gisenyi, Kibuye e Cyangugu.

Mentre la guida in Uganda è sulla sinistra all’inglese, in Rwanda si guida sulla destra.

I bagagli
Si consiglia di viaggiare con poche valige, meglio quelle morbide, considerando che gran parte del tempo si viaggia a bordo dei veicoli per I trasferimenti. Si raccomanda inoltre di portare con sè nel bagaglio a mano il necessario per il primo giorno, anche nell’eventualità di ritardi nella consegna dei bagagli all’arrivo.

Disposizioni sanitarie
Per viaggiare in Uganda e Rwanda è necessario fare la vaccinazione contro la febbre gialla. La malaria è presente soprattutto nelle zone più basse di altitudine, quali Kampala, il Lago Vittoria, il Lago Mburo. Pertanto si consiglia di viaggiare proteggendosi con repellenti contro le zanzare e vestiti lunghi per la sera. Normalmente ci sono le reti anti-zanzare negli hotels e nei lodge. Come profilassi anti-malarica, si consiglia il Malarone. In generale, si consiglia ai viaggiatori di aggiornare la copertura dei vaccini quali tetano, colera, epatite A, meningite.

Si consiglia di portare con sé le medicine di prima necessità utili al viaggio. In ogni caso lungo il percorso sarà possibile avere accesso a cliniche e farmacie qualora ce ne fosse bisogno.

Cucina
Gli hotels e lodge turistici in Uganda servono cibo di qualità standard e a base di riso, carne, pesce o vegetariano. La cosiddetta “cucina continentale” si ispira soprattutto a quella Britannica. La cucina Mediterranea, con olio d’oliva o pane, non è comune, a parte alcuni ristoranti internazionali a Kampala.

In Rwanda la cucina è variabile tra quella continentale e un’ispirazione alla cucina franco-belga. In generale, in questi Paesi si mangia cibo leggero, non speziato, oltre a molta frutta tropicale.

Hotels
Occorre tenere presente che il livello del servizio negli hotels e nei lodge varia molto tra il livello budget e quello comfort. In ogni caso lo standard dei servizi in questa zona dell’Africa difficilmente si potrà paragonare a quello di alter regioni più sviluppate, per cui si raccomanda pazienza durante l’erogazione dei servizi, come ad esempio la ristorazione, mentre note quail carenza di acqua calda o di elettricità si possono comunemente presentare.

Comunicazioni e internet
Si ricorda che la maggior parte dei luoghi raggiunti lungo gli itinerari in Uganda e Rwanda sono coperti da rete telefonica attraverso i servizi degli operatori locali. In Uganda ci sono quattro operatori al momento: MTN, Airtel, Uganda Telecom.
Internet WIFI è presente in quasi tutti gli hotels e lodge, sebbene con limiti di velocità.

Altre cose da ricordare
Le prese e le spine disponibili in Uganda sono quelle di tipo Inglese a tre entrate. Puoi portare con te l’adattatore necessario. Molti lodge e hotels hanno la corrente attraverso sistemi di generatori o pannelli solari, per cui talora di notte si possono verificare disconnessioni della corrente, soprattutto nei piccoli lodge e hotels. Si consiglia di avere con sè una torcia.

Le prese e le spine in Rwanda sono quelle di tipo europeo, non quelle inglesi.

Batterie per videocamera o macchina fotografica e schede sono disponibili nei negozi a Kampala come a Kigali. Portare con sè anche la crema a protezione solare, berretto, occhiali da sole, oltre al binocolo per gli avvistamenti nei safari.

Mance
In Uganda e in Rwanda si usa lasciare mance per i servizi ricevuti. E’ cosa gradita ricompensare l’autista - guida che vi segue durante tutto il viaggio, alla fine del programma, se sarete soddisfatti del suo operato. Al termine dei trekking dei gorilla e degli scimpanzè è consuetudine lasciare un pò di mancia ai rangers. Negli hotels e lodges si usa lasciare mance ai portatori e al personale di servizio. Si consiglia di calcolare queste mance in moneta locale, lo scellino ugandese e il franco ruandese. 

Vestiario
Si consiglia di viaggiare con vestiti leggeri e confortevoli, quali magliette, ma senza dimenticare un maglioncino o giacca per la sera, specialmente per le zone di Bwindi, il Lago Bunyonyi o Kisoro, il Parco dei Vulcani e di Nyungwe dove le temperature scendono molto durante la notte. Come scarpe vanno bene i sandali durante i trasferimenti o in auto e scarpe chiuse o da trekking per le attività previste. Il berretto per il sole è inoltre utile.

Si ricorda di portare anche abbigliamento adeguato per il trekking di gorilla e scimpanzè nella foresta di montagna, ovvero scarponcini da trekking semplici, pantaloni comodi lunghi e giacca leggera o poncho per la pioggia, possono essere molto utili un paio di guanti tipo giardinaggio o comunque resistenti

  

IL TREKKING DEI GORILLA

Una delle attrazioni più belle in Uganda, Rwanda e Congo, è quella del trekking dei gorilla di montagna. Questi sono una specie di primati in via di estinzione i cui esemplari si ritrovano solamente in alcune foreste tropicali pluviali di questa regione dell’Africa equatoriale.

I gorilla di montagna sono stati studiati e avvicinati dalla scienza solo negli ultimi decenni, specialmente grazie all’opera di alcuni primatologi, inclusa la famosissima Dian Fossey (“Gorilla nella nebbia”, 1988). Fossey fu uccisa nel 1985 all’età di 52 anni dopo avere passato anni a sensibilizzare il mondo sulla protezione dei gorilla contro il bracconaggio e il commercio illegale.

Le autorità nazionali per la protezione dei parchi naturalistici hanno avviato attività di familiarizzazione di alcune famiglie di gorilla, in modo da abituarle progressivamente ad accettare la presenza di visitatori. Questa attività, cosiddetta “gorilla tracking”, va prenotata con largo anticipo per assicurarsi il permesso individuale necessario. Si svolge con piccoli gruppi di massimo 8 persone al giorno per ciascuna famiglia. Questo consente di salvaguardare la vita dei primati.

La più recente indagine del 2011 ha rivelato che restano circa 1100 individui di gorilla di montagna. Una parte ovvero 420 individui si trovano in Uganda nel Parco Nazionale di Bwindi Impenetrabile, una piccola ma originale foresta tropicale nel Sudovest del Paese. Circa il 40% di questo numero sono stati familiarizzati per ricevere le visite dei turisti, corrispondenti a 13 famiglie in tutto.

Gli altri gorilla di montagna si trovano nell’Area di Conservazione Virunga, che viene divisa tra Uganda, Rwanda e Congo. Al momento ci sono 9 famiglie visitabili dalla parte Rwandese ovvero il Parco dei Vulcani. Nella parte Congolese ci sono oggi 8 famiglie familiarizzate presenti nel 2018 con un numero totale di gorilla di circa 400.

Come preparare il trekking
Il safari dei gorilla è un trekking nella foresta tropicale di montagna. Questa si trova ad altitudini sui 2000 metri in media, per cui occorre essere preparati a notti abbastanza fredde con temperatura bassa e condizioni di umidità elevata. La pioggia qui è un fenomeno comune durante tutto l’anno. Non si può stimare il tempo necessario di camminata per raggiungere la famiglia di gorilla assegnata, dato che questo dipende dai liberi spostamenti dei primati. Ad ogni modo occorre essere preparati a un trekking di circa 5 ore, talvolta lungo sentieri ardui, ripidi sulle montagne dove si trovano i gorilla.

Occorre portare con sè gli scarponi da trekking, giacca leggera per la pioggia, zaino per portare acqua e il pranzo al sacco, un repellente. Possono essere utili un paio di guanto resistenti (tipo giardinaggio)


PROGRAMMA

giorno 1

KAMPALA


All’arrivo all’Aeroporto Internazionale di Entebbe saremo ad aspettarvi per il benvenuto. Successivo trasferimento a Kampala per il pernottamento in BB, Cassia Lodge – Metropole Hotel.

 

chiudi continua

giorno 2

LE SORGENTI DEL NILO


Dopo la colazione, partenza verso l’est del paese in direzione di Jinja, città situata sul Lago Vittoria, nota per essere il posto in cui si trovano le Sorgenti del Nilo, individuate da J. Speke nel 1864. Pranzo incluso. Visitate le sorgenti del Nilo. Vi dirigerete a Mbale e Sipi, verso il Parco Nazionale del Monte Elgon. Cena e  pernottamento a Sipi, Sipi River Lodge.

chiudi continua

giorno 3

TREKKIN DELLE CASCATE SIPI


Dopo colazione si farà il trekking guidato alle cascate Sipi, quattro spettacolari cascate lungo il fiume Sipi ai piedi del Monte Elgon. Quest’area è molto panoramica, offrendo, fra l’altro, la vista sulle splendide valli della Karamoja. Camminerete attraverso piantagioni di caffè e banane, arrivando alle cascate. Porta con te il pranzo al sacco. Nel pomeriggio sosta per vedere le pitture rupestri di Nyeru vicino a Kumi. Trasferimento a Lira per l’avvicinamento al Parco del Kidepo. Cena e pernottamento Lilian Towers Hotel.

chiudi continua

giorno 4

PARCO NAZIONALE VALLE DEL KIDEPO


Dopo la colazione presto, il viaggio prosegue a Nord via Kitgum per arrivare al Parco Nazionale Valle del Kidepo. Il nome deriva dal fiume omonimo, che scorre in questa regione ai confini tra Sudan e Kenya, tra i paesaggi di montagne e le savane. Uno dei posti più intatti e selvaggi in Africa. Pranzo lungo il pecorso. Cena e pernottamento presso le bandas della UWA (Supplemento for Ngamoru Tented Camp). La struttura è molto modesta ma decorosa, con possibilità di doccia calda e toilette con acqua corrente. Il contatto e l’immersione nella natura sono assicurati.

 

 

chiudi continua

giorno 5

PARCO NAZIONALE VALLE DEL KIDEPO


Dopo la colazione presto al mattino, ci saranno le esplorazioni per il safari fotografico tra le piste del parco, in particolare nella regione della valle del fiume Narus. Nel Kidepo ci sono specie di mammiferi predatori non presenti in altri parchi in Uganda, come il ghepardo, il licaone, il caracal, il kudu. Si annoverano oltre 80 specie di mammiferi e 465 specie di volatili. Oltre al game drive, si possono organizzare nel parco le visite alle case dei Karimojong o manyattas (su richiesta). Pranzo, cena e pernottamento presso le bandas della UWA (Supplemento for Ngamoru Tented Camp)..

 

chiudi continua

giorno 6

KIDEPO - GULU


Dopo colazione altro safari fotografico al parco del Kidepo prima di proseguire il viaggio in direzione del Parco Nazionale delle Cascate Murchison, il più grande nel Paese. Pranzo. Arrivo nel pomeriggio a Gulu, città della regione dell’Acholi, per la cena e il pernottamento al Bomah Hotel o simile.

chiudi continua

giorno 7

PARCO NAZIONALE MURCHISON FALLS


Dopo la colazione, proseguimento del trasferimento per il Parco di Murchison Falls. Pranzo lungo il percorso. All’entrata nel parco, nel pomeriggio, safari fotografico. Cena e pernottamento al Red Chilli Camp – Bwana Tembo Safari Lodge.

 

chiudi continua

giorno 8

PARCO NAZIONALE MURCHISON FALLS


Dopo una tazza di caffè, si parte per un game drive mattutino alla ricerca di leoni, giraffe, elefanti, bufali, delle numerose specie di antilopi e dei coloratissimi volatili che popolano il parco. Sarete qui nel settore nord del Murchison, paesaggisticamente il più affascinante e ricco di animali; raggiungerete il Delta del Nilo nel Lago Alberto tra pezzi di savana difficilmente scordabili. Rientro al lodge. Dopo pranzo altra escursione, stavolta in battello: risalirete per 23 km il Nilo, fin quasi a raggiungere la base delle cascate. Godrete della vista di numerosi animali, tra cui ippopotami e tanti coccodrilli (Amin diceva che questa era il “quartier generale dei coccodrilli”), oltre a elefanti, antilopi e numerosissime specie di uccelli. Il giro termina con il breve trekking fino alla “cima delle cascate”, dove il Nilo si restringe fino a quasi soffocarsi in una stretta gola di soli 7 metri prima di compiere un salto di 43 metri. Cena e pernottamento al Red Chilli Camp – Bwana Tembo Safari Lodge.



chiudi continua

giorno 9

VALLEY ALBERTINA / LA CITTà DI FORT PORTAL


Dopo colazione lascerete il parco in direzione sud, passando tra posti stupendi e punti panoramici lungo la Rift Valley Albertina. Proseguite tra verdi piantagioni di canna da zucchero, di tè, di banane, di caffè fino a raggiungere Hoima, capitale del Regno del Bunyoro. Sosta per il pranzo e proseguimento per Fort Portal e la regione dei laghetti craterici Kasenda con arrivo nel tardo pomeriggio. Cena e pernottamento al Nyinabulitwa Country Resort.

chiudi continua

giorno 10

PARCO NAZIONALE DI KIBALE / PARCO NAZIONALE QUEEN ELIZABETH


Dopo colazione ci sarà il trekking degli scimpanzè nel Parco Nazionale della Foresta di Kibale. Qui si possono vedere anche altre specie di primati, tra cui colobi bianchi e neri, scimmie dalla coda rossa, scimmie velvet. Per pranzo avete la possibilità di assaggiare il cibo locale (esperienza molto interessante). Nel pomeriggio, il viaggio attraverso l’Uganda continua verso la “perla” dei Parchi Nazionali, il Queen Elizabeth, il secondo per dimensioni, delimitato a est dal Lago George, a ovest dal Lago Edward e a nord dalla mitica catena montuosa delle “Montagne della Luna”, il Rwenzori. Safari fotografico lungo la strada per il lodge, cena e del pernottamento al Hippo Hill Camp – Bush Camp.

chiudi continua

giorno 11

PARCO NAZIONALE QUEEN ELIZABETH


Dopo colazione Dopo una tazza di caffè davvero presto, sulle 6 e 30, partenza per un game drive nell’ora migliore per ricercare i leoni, il raro leopardo, le mandrie di elefanti e bufali, i kobs ugandesi, la iena maculata. Raggiungerete i punti panoramici dei laghi craterici e della vetta dei Babbuini. Pranzo. Nel pomeriggio godetevi la speciale escursione in battello sul canale naturale Kazinga dove si possono vedere numerosi animali che vanno ad abbeverarsi sulle rive oltre ad una concentrazione eccezionale di volatili. In serata, potrete fare un altro game drive fotografico, prima della cena e del pernottamento al Hippo Hill Camp – Bush Camp.

chiudi continua

giorno 12

PARCO NAZIONALE QUEEN ELIZABETH / BWINDI


Dopo la colazione proseguimento per il sud del parco, Ishasha e per la foresta di Bwindi. Nel settore di Ishasha le estese savane riservano sorprese nei paesaggi incantevoli e nel numero di animali, con mandrie di bufali, elefanti, antilopi topi e cobi ugandesi. La particolarità, tuttavia, è la possibilità di vedere i caratteristici leoni che si arrampicano sugli alberi di Figus nelle ore calde della giornata, per riposarsi. Uno spettacolo ecccezionale.  Arrivo nel parco nazionale di Bwindi,  per la cena e pernottamento al Buhoma Community Rest Camp – Wagtail Eco-Safari Lodge .

 

chiudi continua

giorno 13

TREKKING DEI GORILLA DI MONTAGNA


Presto al mattino entrerete nella foresta di Bwindi per il trekking dei gorilla. Quest’attività comincia alle 8 del mattino dal quartier generale dell’UWA (Uganda Wildlife Authority), dove incontrerete gli altri membri della spedizione nonché le guide e i portatori. Il tempo impiegato e il terreno percorso per incontrare i gorilla varia a seconda dei movimenti di questi meravigliosi primati. Il brivido provocato dall’incontro con questi gentili giganti è una rara, movimentata ed eccitante avventura che vi lascerà un ricordo indelebile. I gorilla sono animali timidi e pacifici. Dovete portare con voi acqua a sufficienza e il pranzo al sacco. Una buona forma fisica è raccomandabile. Cena e pernottamento al Buhoma Community Rest Camp – Wagtail Eco-Safari Lodge.

chiudi continua

giorno 14

LAGO BUNYONYI / PARCO NAZIONALE DEL LAGO MBURO


Dopo colazione spostamento sul Lago Bunyonyi, il lago dei “piccoli volatili”, ricco di isole e dal paesaggio incantevole. Proponiamo di fare un’escursione guidata in canoa per l’osservazione dei volatili e per scoprire villaggi e paesaggi tra le isole. Pranzo a Kabale, la cittadina capoluogo del Kigezi, cosidetta la “Svizzera dell’Africa” per le colline coltivate e terrazzate. Nel pomeriggio, il viaggio prosegue per il Parco Nazionale del Lago Mburo. Al vostro entrare, ci sarà un game drive per poter vedere molte antilopi tra cui impala, elands, topi, bufali e zebra. Cena e pernottamento al Rwakobo Rock Lodge / Arcadia Cottages Mburo.

chiudi continua

giorno 15

LAGO MBURO - ENTEBBE


Dopo colazione ci sarà un safari fotografico oppure un’escursione a piedi guidata dai rangers per osservare da vicino la savana e gli animali del parco. Dopo il pranzo al lodge, terminerete il viaggio  in direzione di Kampala. Farete una sosta lungo la linea dell’Equatore per gli eventuali ultimi acquisti di souvenirs. Sarete infine trasferiti all’aeroporto internazionale di Entebbe per il volo serale di rientro.

 

chiudi continua
preventivo
Sei interessato a questa proposta? RICHIEDI PREVENTIVO

APPROFONDIMENTI DAL NOSTRO BLOG

17/09/2014

Africa: la cucina

Il cibo in Africa è l'elemento base di un rituale di comunione, un'occasione per esprimere valori e simboli della t...

LEGGI
17/09/2014

Gli ingredienti più strani al mondo

 Al mondo esistono ingredienti che probabilmente non useremmo mai nei nostri piatti, e ingredienti di cui non conosciamo nemmeno l'...

LEGGI

ALTRI TOUR CHE POTREBBERO INTERESSARTI

STATI UNITI (USA) STATI UNITI (USA) STATI UNITI DA COSTA A COSTA

Viaggio

STATI UNITI DA COSTA A COSTA
STATI UNITI (USA)

Accompagnatore in italiano - Partenza garantite minimo 2

  • Partenze garantite minimo 2, massimo 28 partecipanti
  • Accompagnatore in italiano per tutto il tour
  • Il meglio della costa est e ovest
  • Tutte le prime colazioni e quattro cene 
  • Tour in 4x4 alla Monument Valley e Lower Antelope Canyon
CILE CILE CILE E ISOLE DI PASQUA

Viaggio

CILE E ISOLE DI PASQUA
CILE

Guida locale - Partenza confermata

  • Massimo 15 partecipanti
  • Visita alla colonia di Pinguini Reali e al Torres del Paine
  • L'isola del Chiloè
  • Tour con trasporti privato e guide locali parlanti italiano (salvo Is Pasqua)
  • Il magico nord del Cile con il Tatio Geyser e la Laguna Cejar
INDIA INDIA INCREDIBILE RAJASTAN

Viaggio

INCREDIBILE RAJASTAN
INDIA

Guida in italiano in loco - India - colorful rajastan

  • Gruppi confermabili con minimo 2, massimo 16 partecipantii
  • Accompagnatore in loco in lingua italiana
  • Jaisalmer
  • Giro sul lago Pichola
GIAPPONE GIAPPONE MERAVIGLIE DEL GIAPPONE

Viaggio

MERAVIGLIE DEL GIAPPONE
GIAPPONE

Accompagnatore locale in italiano per tutto il viaggio

  • Partenza garantita con minimo 2 partecipanti, massimo 18
  • Guida locale in italiano per tutta la durata del tour
  • Il contrasto tra la modernità di Tokyo e la tradizione di Kyoto e Nara
  • I paesaggi dipinti di Shirakawa-go e le Alpi Giapponesi
  • 4 pranzi e 5 cene comprese
RUSSIA RUSSIA NAVIGAZIONE DA MOSCA A SAN PIETROBURGO

Viaggio

NAVIGAZIONE DA MOSCA A SAN PIETROBURGO
RUSSIA

Guida in italiano in loco - Russia

Un classico per conoscere le due grandi Capitali russe e la cultura e le tradizioni delle campagne ancora molto radicate che si trovano lungo il percorso.

INDIA INDIA IL TRIANGOLO D'ORO E VARANASI

Viaggio

IL TRIANGOLO D'ORO E VARANASI
INDIA

Accompagnatore locale in italiano

  • Minimo 2 partecipanti massimo 15
  • Guide locali  parlante Inglese, in Italiano  dove possibile
  • Visita di Fatehpur Sikri, suggestiva città fantasma 
  • Partecipazione alla suggestiva cerimoniaaarti”, sulle venerate acque del Gange
INDIA INDIA INDIA DEL SUD: L'INCANTO DEI TEMPLI

Viaggio

INDIA DEL SUD: L'INCANTO DEI TEMPLI
INDIA

SUD TEMPLARE

  • Le spettacolari coste del Golfo del Bengala
  • Le riserve naturali
  • Le tradizioni e gli antichi templi
  • Mini crociera nelle Backwaters

 

UGANDA UGANDA UGANDA, SCALATA AI MONTI RWENZORI

Viaggio

UGANDA, SCALATA AI MONTI RWENZORI
UGANDA

Itinerario consigliato

  • Parco Nazionale dei Monti Rwenzori
  • Itinerario fuori dai circuiti turistici classici
  • Possibilità di scalare il Monte Stanley fino alla cima Margherita
  • Possibili estensioni: 3 giorni Parco Nazionale Queen Elizabeth - 3 Giorni Parco Nazionale Murchison Falls - 3 giorni Gorilla Safari Parco Nazionale di Bwindi
THAILANDIA THAILANDIA PANORAMI THAILANDESI

Viaggio

PANORAMI THAILANDESI
THAILANDIA

Guida locale parlante italiano

  • Guida in loco
  • Partenze minimo 2 persone
  • Chian Mai
  • Pai
  • Mae Hong Son 
  • Chiang Rai
  • Triangolo d'Oro
BOTSWANA BOTSWANA BOTSWANA & VICTORIA FALLS

Viaggio

BOTSWANA & VICTORIA FALLS
BOTSWANA

Itinerario consigliato - Guida in loco

  • Campi di lusso
  • Spostamenti in aereo da un campo all'altro
  • I Parchi di Moremi, Oakawango, Chobe
  • La magia delle Cascate Vittoria
arrow_drop_up