menu

BLOG

HOME

Il magico villaggio di Palangan

Data: 16/09/2017 IRAN Categoria: Pillole di viaggio
Il magico villaggio di Palangan
Le case una sopra l'altra di Palangan - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Immaginatevi tre ripide colline le cui scoscese pendici si riuniscono attorno alle rive del fiume Tangi Var e che sulle erte di questa apparentemente inospitale conca vi vengano costruite casupole di sassi, legno e terra letteralmente una sopra l'altra, con il tetto di una che fa letteralmente da cortile per quella soprastante, in uno scenario che, se non l'avessi davanti agli occhi, penserei fosse il parto della mente di un presepaio napoletano afflitto da deliri di onnipotenza. Le case una sopra l'altra di Palangan - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Invece quello che ammiro esiste veramente: è Palangan, pittoresco villaggio della regione del Kurdistan Iraniano, forse il più bello dei villaggi tradizionali dell'antica Persia ma non l'unico real   Leggi ►

I monasteri dipinti della Bucovina - I

Data: 05/08/2017 ROMANIA Categoria: Pillole di viaggio
I monasteri dipinti della Bucovina - I
La chiesa dipinta di Voronet - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Quando Stefano il Grande (da queste parti chiamato Stefan cel Mare) vinse una decisiva battaglia contro i Turchi oltre 5 secoli fa, decise di ricordare l’evento con la costruzione di un monastero dalle mura riccamente affrescate. Poi ne vinse un’altra e fece erigere un altro monastero, idem per la terza vittoria e così via, fino alla 46ima sconfitta impartita agli Ottomani. La chiesa dipinta di Voronet - Archivio Fotografico Pianeta Gaia Fu così che la Bucovina, una piccola regione boscosa situata a ridosso del confine tra l’Ucraina meridionale e la Romania settentrionale della regione della Moldavia (da non confondersi con l’omonimo e confinante stato), visse questo anomalo boom edilizio, riconosciuto nel 1993 dall’UNESCO che dichiar&o   Leggi ►

Islanda, di Alessandro ed Elisa

Data: 08/07/2017 ISLANDA Categoria: Gli Sposi Raccontano
Islanda, di Alessandro ed Elisa
Lo spettacolo della Jökulsárlón

Ci presentiamo siamo Alessandro ed Elisa. Ci siamo sposati da poco (20/05/2017) e abbiamo deciso contro il parere di molti di fare un viaggio di nozze diverso dai soliti tour guidati verso le mete più comuni. Volevamo qualcosa di diverso, qualcosa che ci potesse far rimanere a bocca aperta. Così scartando le mete più battute, abbiamo deciso di comune accordo di andare in un’isola a nord del mondo, poco sotto il circolo polare artico. Selfie con la "puffetta", la Chevrolet Spark nostra compagna di viaggio L’Islanda. Ottimamente consigliati dall’agenzia viaggi, pianifichiamo un giro attorno all’isola da farsi in una decina di giorni spostandosi giornalmente con l'auto. Punto di partenza e arrivo Reykjavík, capitale d   Leggi ►

La paradossale Transnistria - II Il Conflitto

Data: 17/06/2017 MOLDAVIA Categoria: Diari di Viaggio
La paradossale Transnistria - II Il Conflitto
Militari nella zona cuscinetto tra le due frontiere - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

... segue L'area moldava al di là del fiume Nistro divenne una delle zone in cui l'opera di “russificazione” dell'URSS venne spinta maggiormente grazie all'apertura della maggior parte dell'industrie della repubblica e, conseguentemente, con la maggior immigrazione di dirigenti e maestranze di origine russa. A completare il quadro vi è il fatto che a Tiraspol aveva sede la 14a armata dell'esercito russo. Quando Gorbachov aprì la porta alla liberalizzazione politica, la Moldavia, sulla scia della corsa al nazionalismo tipico di quel momento storico, decise di abbandonare il russo e l'alfabeto cirillico come lingue ufficiali in favore del moldavo/romeno scritto con caratteri latini, cosa che sollevò le proteste della mi   Leggi ►

Stati Uniti, di Marco e Francesca - II

Data: 10/06/2017 STATI UNITI (USA) Categoria: Gli Sposi Raccontano
Stati Uniti, di Marco e Francesca - II
Veduta della Grande Mela

segue... Ed eccoci a New York. Veduta della Grande Mela Il volo notturno ci ha catapultato nella mitica Grande Mela. Trasferimento in taxi sino all’hotel W New York sulla Lexington tra la 49esima e la 50esima strada. La stanza assegnata è di dimensioni ridotte, diciamo molto accogliente. Il tempo di posare le valigie e giù in strada per respirare aria buona nel polmone verde della città, il Central Park. Arrivati a circa metà del famoso parco cittadino decidiamo di fare tappa al celebre American Museum of Natural History. La giornata scorre veloce e in men che non si dica è già pomeriggio. Dedichiamo questa parte alla visita della Midtown East, dalla quinta sino al palazzo di vetro dell’ONU passando per Grand Central Term   Leggi ►

Stati Uniti, di Marco e Francesca - I

Data: 27/05/2017 STATI UNITI (USA) Categoria: Gli Sposi Raccontano
Stati Uniti, di Marco e Francesca - I
La piccola Torre Eiffel dell'Hotel Paris, Las Vegas

Il nostro viaggio di nozze inizia il 24 aprile dall’aeroporto di Milano Malpensa; il volo diretto a New York ci accompagna pieni di sogni e aspettative a destinazione. Arrivati al JFK dobbiamo affrontare qualche imprevisto per l’accesso negli Stati Uniti. Il controllo passaporti della sposina richiede più tempo del previsto, vai a capire il perché, e per poco l’aereo diretto a Las Vegas non parte senza di noi! L’arrivo a Las Vegas rimarrà tra i nostri ricordi preferiti. Una volta noleggiata l’auto ci immettiamo nella mitica Strip. Fantastici hotel si susseguono davanti alle nostre facce stupefatte. Decidiamo quindi di lasciare i nostri bagagli in hotel, la prima notte la trascorriamo al MGM Grand, e tuffarci in mezzo alla folla che ri   Leggi ►

Stati Uniti di Arianna e Stefano

Data: 06/05/2017 STATI UNITI (USA) Categoria: Gli Sposi Raccontano
Stati Uniti di Arianna e Stefano
L'isola di Alcatraz

Il viaggio della vita!Decidere dove trascorrere il nostro viaggio di nozze non è stato complicato. Avevamo le idee molto chiare fin da subito. La competenza e la gentilezza di Sara hanno solo reso l’organizzazione ancora più semplice. Il viaggio in breve: Torino - Amsterdam - San Francisco - Phoenix – Grand Canyon - Monument Valley - Antelope Canyon - Las Vegas – Cape Canaveral – Washington D.C. – New York – Milano. 19 giorni, 5 voli (di cui 3 interni), un treno, 8 hotel… Ma noi siamo matti quindi non fateci caso! L'isola di Alcatraz Il volo con KLM è andato benissimo nonostante le 11 ore di volo da Amsterdam a San Francisco. Fortunatamente il volo era quasi vuoto quindi ci siamo appropriati di quattro sedili. Sa   Leggi ►

Istantanee dalla Mongolia - IV

Data: 29/04/2017 MONGOLIA Categoria: Pillole di viaggio
Istantanee dalla Mongolia - IV

segue...   Valle dell’Orkhon nei dintorni di Karhkorin. Questa zona è già molto più aperta al turismo, raggiungibile in una giornata di jeep dalla capitale, offre grandi campi attrezzati e un centro con saltuari possibilità di collegamento a internet (ma non fateci troppo affidamento). Solitamente un’ora di collegamento costa sui 500t, ma le possibilità di accesso sono solo nei centri abitati, quindi rarissime. Alle spalle di questa vallata sorge l’enorme mappa che rappresenta le diverse estensioni del regno mongolo, da un piccolo punto nel mezzo di un continente fino a lambire il Danubio a Vienna.   Il Campo gher di Khairkhan nella Mongolia centrale. Qui le notti sono fredde, ma le tende sono dotate di   Leggi ►

Istantanee dalla Mongolia - III

Data: 15/04/2017 MONGOLIA Categoria: Pillole di viaggio
Istantanee dalla Mongolia - III

segue...   Un’aquila reduce da un giro di caccia, tranquilla e mansueta ma libera a pochi passi fa sempre il suo effetto. La caccia con l’aquila è una tradizione della parte kazaka della Mongolia, si svolge regolarmente in inverno (e negli alti Altai significa farlo a -60°, in quei luoghi c’è stato il più grosso sbalzo termico della terra, in un inverno toccati i -63° ed in una estate i +40°), ma per mantenere allenati gli animali si procede a qualche “giro di prova” anche in altri periodi. Qui siamo nella Valle dell’Orkhon, non è facile incontrare addestratori all’opera, ovviamente alla prima visione la sosta è risultata obbligatoria, anche se il personaggio non è stato di t   Leggi ►

Istantanee dalla Mongolia - II

Data: 01/04/2017 MONGOLIA Categoria: Pillole di viaggio
Istantanee dalla Mongolia - II

segue...  Benvenuti nella steppa mongola! La popolazione vive nelle gher, vita nomade dedita all’allevamento del bestiame da curare con massima dedizione nei mesi estivi per far sì che durante i gelidi inverni resistano col poco che troveranno per alimentarsi. Se gli inverni son troppo lunghi e gelidi ci saranno le carestie (zud), le bestie moriranno e così termineranno le possibilità di sostentamento per le famiglie nomadi. Queste vivono nelle gher che hanno quasi tutte un pannello fotovoltaico e la parabola per ricevere il segnale televisivo, anche nel bel mezzo del nulla. In un luogo come quello nella foto non si trova nulla nel raggio di almeno 50 km, senza strade e con sentieri raramente tracciati, ma all’interno della gher c’&egra   Leggi ►

Istantanee dalla Mongolia - I

Data: 18/03/2017 MONGOLIA Categoria: Pillole di viaggio
Istantanee dalla Mongolia - I
Il Palazzo Verde di Bogd Khan

Il viaggio si è svolto in estate quando le condizioni climatiche sono più amiche. L’inverno è particolarmente ostico, con temperature che possono toccare il -60°, sommate ai collegamenti di fatto inesistenti permetterebbero una visita solo a chi possa permettersi tempi lunghissimi. La vita nella capitale sta assumendo connotati occidentali con tantissimi locali, ristoranti e divertimenti, ma usciti da Ulaanbaatar il nulla che tanto bene rappresenta la Mongolia diventa padrone assoluto della situazione, quindi occorre attrezzarsi. Nella parte del Gobi-Altai non esistono ancora infrastrutture per ospitare i viaggiatori, occorre far campo in autonomia o accordarsi coi nomadi per essere ospitati nelle loro gher, dalla zona del Gobi risalendo verso la ca   Leggi ►

Messico del Nord e Bassa California - VIII

Data: 12/11/2016 MESSICO Categoria: Diari di Viaggio
Messico del Nord e Bassa California - VIII
Il Palacio Nacional de Bellas Artes, Città del Messico

29° giornoArriviamo a Morelia dopo 12:45 di viaggio, oltre ad un’ora recuperata di fuso, con un bus andiamo in centro, ma è una soluzione che sconsiglio perché i bus girano sulle direttive prossime al centro senza entrarci, a differenza dei piccoli combi che vanno ovunque e costano uguale. Dopo un lungo girare a piedi, troviamo da dormire allo storico Hotel Señorial, storico in tutto perché sembra uscire dritto dritto dagli anni '40 senza nessuna variazione, né alle camere né al patio su cui queste danno. Nei dintorni è pieno di comedor, ne scegliamo uno a caso lunga la Jimenez angolo Tapia (sono senza nome) dove cadiamo sulla specialità locale, gigantesche quesadillas preparate al momento e fritte, ripiene, ol   Leggi ►

Messico del Nord e Bassa California - VII

Data: 29/10/2016 MESSICO Categoria: Diari di Viaggio
Messico del Nord e Bassa California - VII
Non è Baja California senza cactus

25° giornoColazione in uno di quei simpatici ristorantini indigeni pieni di locali e vuoti di turisti, l’ideale per partire di slancio andando a noleggiare prima ancora che aprano una Jeep Wrangler. Partiamo immediatamente seguendo gli itinerari che hanno fatto la storia della mitica Baja 1000, alcuni dei quali riproposti anche dalla Lonely Planet in un capitoletto a parte, così da percorrere gli sterrati lungo la costa verso est, attraversare il cabo e scendere poi giù a Cabo San Lucas dal versante ovest. Non c’è un’indicazione che sia una, nonostante Cabo Pulmo sia una delle più grandi attrattive per gli amanti delle immersioni della zona, dalla Mijares occorre prendere la Suarez e andare a sentimento lungo la costa. In una   Leggi ►

Messico del Nord e Bassa California - VI

Data: 15/10/2016 MESSICO Categoria: Diari di Viaggio
Messico del Nord e Bassa California - VI
L'Arco di Cabo San Lucas, il punto in cui l'Oceano Pacifico e il Mar di Cortez s'incontrano

21° giornoColazione alla frutteria di fronte all’hotel, poi ci dirigiamo da Mario’s per il tour delle balene. Partiamo in camioneta con un clima pessimo, nuvole ovunque, qualche rara goccia di pioggia e un vento assassino, ma alternative non ci sono. Per arrivare al luogo dell’imbarco si passa per le saline che stanno tra Guerrero Negro e la laguna Ojo de Liebre, zona paradiso per gli amanti del birdwatching. Si sale su di una lancia ovviamente tutta aperta, vista la giornata i barcaioli ci prestano robuste cerate fatte a poncho da mettere sotto ai giubbotti di salvataggio, poi partenza sprint per attraversare la laguna alla ricerca delle grandiose balene grigie che migrano in inverno da queste parti per partorire i piccoli e per dimorare in un luogo meno freddo dell&   Leggi ►

Messico del Nord e Bassa California - V

Data: 24/09/2016 MESSICO Categoria: Diari di Viaggio
Messico del Nord e Bassa California - V
Una veduta della Barranca del Cobre

 17° giorno Un cielo splendente ci accoglie di prima mattina, facciamo colazione da Cabaña e vedendo com’è la situazione facciamo saltare tutti i programmi e decidiamo di visitare i canyon andando a El Divisadero. Sempre grazie a Mario, che ci organizza la spedizione con alla guida suo cugino, molto più pratico della zona e conoscitore di chiunque si aggiri da queste parti (non certo come lo zio del giorno precedente, mezzo sordo e ben poco pratico) facciamo la prima tappa al cañon su Rio Otorro (1.600 m di dislivello) e iniziamo a prender gusto alle celebri vedute della zona, fino a prima nascoste dalle nuvole. Arrivati a El Divisadero ci addentriamo al recentissimo Parque Adventuras da dove poter scegliere tra varie alternative. Arrivi   Leggi ►

Messico del Nord e Bassa California - IV

Data: 10/09/2016 MESSICO Categoria: Diari di Viaggio
Messico del Nord e Bassa California - IV
Bimba Tarahumara

 13° giorno Ovvia colazione presso la panificadora S. Cruz (il miglior posto per far colazione del viaggio, oltre ad essere nettamente il migliore per qualità/prezzo) e poi visita della città, partendo dalla Mina Eden, la maggior fonte di ricchezza della città. Si trova a fianco della funicolare sul Cerro del Grillo, ma si può accedere anche dall’entrata a sud-ovest, apre alle 9:30, e infilati cuffia igenica e caschetto parte la ricognizione a una vena aurea che ha fatto la fortuna soprattutto della Spagna, per i messicani è stata più una forma di morte precoce di tanti lavoratori che un reale guadagno, anche se la ricchezza portata alla città è sotto gli occhi di tutti. Si scende in ascensore per 40 m poi tra ponti e p   Leggi ►

Messico del Nord e Bassa California - III

Data: 27/08/2016 MESSICO Categoria: Diari di Viaggio
Messico del Nord e Bassa California - III
Come si viaggia su una Ford Willy, Real de Catorce

9° giornoColazione con la solita (per il posto) barbacoa, poi raggiunta la central camionera con un bus locale prendiamo un pulmann Sendor per Matehuala fermata intermedia per raggiungere Real de Catorce. Il pueblo magico di R14 sarà ai più famoso perché è il luogo magico del peyote, quello che si vedeva nel film Puerto Escondido di Salvatores, raggiungibile con un lungo e stretto tunnel nel mezzo della desertica sierra. Lasciata la statale si inizia a salire su di una strada acciottolata e il bus si rompe, un problema alla trasmissione lo mette fuori uso, ne attendiamo un altro più stretto che sarebbe poi quello adatto a passare il tunnel Ogarrio che immette a R14. Attendiamo circa 90’ , poi saliamo sul bus per arrivare in quota ed en   Leggi ►

Messico del Nord e Bassa California - II

Data: 13/08/2016 MESSICO Categoria: Diari di Viaggio
Messico del Nord e Bassa California - II
Paesaggi della Sierra Gorda

5° giornoPartenza alle ore 7 per la Reserva de la Biosfera Sierra Gorda con Rogelio, guida della Sierradventuras. La Reserva si trova nel mezzo di una zona aspra ma è verdissima e coperta di foreste, il viaggio da Querétaro necessita di 3 ore per arrivare a Pinal. Prima però passiamo da Bernal dove ammirare la Peña, il terzo monolite al mondo, che domina il tranquillo pueblo dall’alto di oltre 350 m. Sosta a La Estacion per una ricca colazione a base di gorditas, che sono tacos molto spessi riempiti a piacimento con uova, salsiccia, barbacoa, stufati vari o verdure di ogni tipo, sembra un qualcosa di pesante ma qui tutti fanno una colazione nutrientissima. Prima di Pinal carichiamo un campesino amico di Roge   Leggi ►

Messico del Nord e Bassa California - I

Data: 30/07/2016 MESSICO Categoria: Diari di Viaggio
Messico del Nord e Bassa California - I
El Zocalo con la grande bandiera messicana, Città del Messico

1° giornoVolo Iberia da Bologna, ma al check-in qualcosa non va, siamo fermi e veniamo a sapere che ci sono problemi ai macchinari dei raggi X, così partiamo con 2 ore di ritardo, mantenendole tutte all’arrivo a Madrid. La coincidenza non la perdiamo viste le 4 ore a disposizione, anche se lo spostamento dal terminal dei voli europei (4) a quello degli intercontinentali (4S) richiede circa 30’ , ma sempre con un volo Iberia arriviamo a Ciudad de Mexico (per tutti DF) senza bagagli. Lasciamo come tanti le identificazioni degli zaini e ci avvisano che ci avrebbero ricontattati per segnalare il posto dove farceli consegnare (chi avesse già una prenotazione può lasciarla subito). Le procedure per uscire dall’aereoporto senza bagagli son velo   Leggi ►

Montenegro e Albania - IV (fine)

Data: 02/07/2016 ALBANIA - MONTENEGRO Categoria: Diari di Viaggio
Montenegro e Albania - IV (fine)
Berat, la città delle mille finestre - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

13° giornoColazione in hotel, dove alcuni presentano i primi segni di malattia, così in due gatti andiamo a visitare Berat, altra città patrimonio mondiale dell’UNESCO, e conservata come un museo durante il regime di Hoxha. Saliamo dalla Kala per iniziare la visita, una vecchia cittadella fortificata ancora abitata, quindi tra le sue strette viuzze mentre si cercano le viste più sorprendenti ci si imbatte negli abitanti, solitamente tutti piuttosto anziani come le loro auto almeno Euro-10! Praticamente ogni singola casa meriterebbe la visita, da non perdere la vista su Gorica e per comprendere bene le pitture e le icone che decorano in lungo e largo l’Albania il museo Onufri, dal cui nome deriva una colorazione del rosso. Scendendo attraversiamo il pont   Leggi ►

Australia, di Adina e Roberto - III

Data: 11/02/2016 AUSTRALIA Categoria: Gli Sposi Raccontano
Australia, di Adina e Roberto - III
Una veduta dalla Great Ocean Road

02/08/15Torniamo al Darling a visitare la terza attrattiva, il Wild Life, zoo con consueti koala, crocs e canguri. Di corsa all'aeroporto, destinazione Melbourne. Freddo e pioggia, visitiamo la Federation Square e ceniamo nello storico pub Young and Jackson. Purtroppo l'hotel The Swanston Hotel Melbourne Grand Mercure non è all'altezza: consueta gentilezza del personale, ma camere poco pulite e da ammodernare. Un angolo di Melbourne  03/08/15Passeggiata al Southgate, piacevole nonostante la temperatura, lungo lo Yarra River. Il tram storico 35 permette il giro gratuito della città. Sarebbe bello vedere il Victoria Market, ma era giorno di chiusura. Allora prendiamo l'avveniristica ruota panoramica, forse un po' cara, ma che permette la visua   Leggi ►

Australia, di Adina e Roberto - II

Data: 30/01/2016 AUSTRALIA Categoria: Gli Sposi Raccontano
Australia, di Adina e Roberto - II
I Monti Olgas infuocati al tramonto

27/07/15 - Twin Falls e Jim Jim FallsSi parte prestissimo per la gita organizzata nel cuore del parco, con un pulmino 4x4. Si parte da Cooinda, sulla strada ci fermiamo per una veloce colazione campestre. Si percorre per un'ora una strada dissestata in mezzo alla foresta, poi dopo una breve passeggiata prendiamo il traghetto e percorriamo le gole e poi camminiamo fino alle affascinanti Twin Falls, che sfociano in un bellissimo laghetto verde e blu, dove non dovrebbero esserci coccodrilli... Ai piedi delle Jim Jim Falls Vediamo un curiosissimo uccello "pinguino". Con un mezzo anfibio che per un breve tratto si mette a guadare un corso d'acqua, torniamo indietro e ci fermiamo per un pranzo spartano in mezzo alla foresta. Dopo un altro tragitto sterrato e una lunga   Leggi ►

Australia, di Adina e Roberto - I

Data: 09/01/2016 AUSTRALIA Categoria: Gli Sposi Raccontano
Australia, di Adina e Roberto - I
I celebri Pinnacoli

20-22/07/15PerthL'albergo Miss Maud è carinissimo, con colazione veramente ottima e abbondante. Si consiglia la visita alla Perth Mint, una zecca antica. Una guida solo per noi ci spiega tutto sulla fusione dell'oro e sulle ricchezze mineraria dell'Australia occidentale. Ci facciamo coniare una moneta d'argento personalizzata, bellissimo ricordo della luna di miele.Sulla Bell Tower cittadina ci permettono di suonare alcune delle numerosissime campane. Kings Park offre una bella vista su questa bella e vivace città, di per sé lontana da tutto ma molto vivibile. Lì visitiamo un giardino botanico bello di inverno, ma che deve essere stupendo in periodo di fioritura. Lavori in corso, Perth 23/07/15Gita organizzata in giornata in pullman. Pa   Leggi ►

Islanda in moto, di Marcello - IV

Diario di un viaggio in moto nella selvaggia isola
Data: 05/12/2015 ISLANDA Categoria: Diari di Viaggio
Islanda in moto, di Marcello - IV
Leoni di mare alle Isole Papeyjarderdir

Martedì, 11 agostoL'hotel Framtid di Djupivugur risale ai primi del secolo scorso, caldo e accogliente, si specchia in un porticciolo pieno di pescherecci. A proposito del caldo, in tutti gli alberghi in cui siamo stati i termosifoni delle camere erano sempre accesi, considerando che le temperature notturne non superavano i 3 o 4 gradi. Anche la grande casa rossa adibita a ristorante e biglietteria per le isole Papeyjarferdir risale ai primi del '900. Dopo pranzo prenotiamo due posti sul peschereccio “Hvaast” (60 euro) per dette isole, dove dopo 15 chilometri di “mare” (è meglio non patirlo!), su di un grande scoglio è possibile vedere numerosi leoni marini che dormono. Scesi sull'isola abbiamo fatto una camminata “pazzesc   Leggi ►

Islanda in moto, di Marcello - III

Diario di un viaggio in moto nella selvaggia isola
Data: 14/11/2015 ISLANDA Categoria: Diari di Viaggio
Islanda in moto, di Marcello - III
La cascata di Skaftafell - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

Domenica, 9 agostoDopo una discreta colazione, caricate le moto e usciti dalla zona pedonale occupando il solito marciapiede, momentaneamente deserto, ci avviamo verso il “triangolo d'oro”. Il vento è già teso appena fuori dalla città ma quando superiamo Mosfellsbaer le moto cominciano a beccheggiare come barche a vela e solo il peso del mezzo e il carico sovrastante ci permette di procedere senza intoppi e/o rallentamenti. Il Lago Pingvallavatn ci appare sulla nostra destra, le onde provocate dal forte vento lo fanno sembrare un mare in tempesta. Alcuni ciclisti si tengono al riparo nei fossati lungo la strada in attesa che il vento cessi. Qui tutto passa, per fortuna, velocemente. Arriviamo nei pressi delle località di Gulfoss, Geysir e Pi   Leggi ►

Islanda in moto, di Marcello - II

Diario di un viaggio in moto nella selvaggia isola
Data: 30/10/2015 ISLANDA Categoria: Diari di Viaggio
Islanda in moto, di Marcello - II
La cascata di Gullfoss

Venerdì, 7 agostoDopo un'abbondante colazione a base di salmone affumicato, aringhe in diverse salse, uova sode e pane nero, sotto una pioggia ormai “abituale”, carichiamo le moto delle nostre “poche cose”: io, in particolare, due borse laterali, un enorme saccone centrale e la tanica da cinque litri, quest'ultima per pareggiare in parte il contenuto del serbatoio della “Adventure” del Mauri che “qualche volta” si lamenta delle mie troppe fermate alle pompe di benzina che invece, a mio modesto parere, sono assai rade. Il viaggio verso Blonduos di circa 253 chilometri è da noi chiamato “ la via dei fiordi del nord” poiché passiamo per Akureyri che si trova in fondo all'Eyjajordour, il fiordo pi&ugra   Leggi ►

Islanda in moto, di Marcello - I

Diario di un viaggio in moto nella selvaggia isola
Data: 10/10/2015 ISLANDA Categoria: Diari di Viaggio
Islanda in moto, di Marcello - I
Cascata Dettifoss

Le esperienze più piacevoli, le emozioni più toccanti acquistano valore e rafforzano il loro stesso significato se vissute con un amico. Invito pertanto tutti i possessori di maxi-enduro amanti di sensazioni forti a intraprendere un viaggio in Islanda, possibilmente con un compagno fidato. Terra ancora poco frequentata dal turismo di massa, vero concentrato di forze della natura che si susseguono lungo tutto il viaggio senza essere mai monotone; una varietà sconcertante di colori e di bellezze che offre agli occhi del visitatore vulcani, geyser, ghiacciai, deserti di sabbia nera, tundra, crateri, sorgenti calde, fumarole, imponenti costiere popolate da colonie di uccelli marini, foche, leoni marini e balene di ogni tipo. Il porto di partenza in Danimarca    Leggi ►

Himachal Pradesh - IV

Data: 20/06/2015 INDIA Categoria: Diari di Viaggio
Himachal Pradesh - IV
La spettacolare ambientazione del villaggio di Dhankar

 Per chi vuole, puja ore 6:00 nel nuovo monastero, per me colazione un attimo dopo e poi partenza per il villaggio di Mane da dove affronteremo l’ascensione al Mane Lake (circa 4 ore tra andata e ritorno). Percorsa un strada alquanto sterrata, passato un ponte nel bel mezzo di una scenografica cascata, le jeep ci lasciano e lì inzia la salita da circa 3500 m. Il sentiero presenta una prima parte in forte ascesa in mezzo ad una pietraia a strapiombo sulla valle, vista splendida e scusa per fermarsi a far foto, poi degrada e diventa una salita meno impegnativa. Peccato che il forte sole in breve si nasconda ed inizi a piovere, così quando arriviamo al lago (4100 m) la vista non è il massimo. Ma quassù il tempo cambia velocemente così prima d   Leggi ►

Himachal Pradesh - III

Data: 25/04/2015 INDIA Categoria: Diari di Viaggio
Himachal Pradesh - III
Il villaggio di Nako

7° giorno Solita colazione in hotel, poi si ritorna verso il fondovalle per andare in direzione cinese. Una frana ci ferma dopo poco, ma dopo aver spostato a mano alcune grosse pietre si riesce a proseguire fino a Khanum, un villaggio ad oltre 3500 m pieno di templi e monasteri. La popolazione è particolarmente felice di incontrare gente, si dannano tutti per cercare il lama locale che possiede le chiavi di un monastero che dobbiamo assolutamente vedere. Dopo aver atteso che finisse comodamente di pranzare, ci porta in questo luogo che conserva una antichissima biblioteca contenente libri portati dal Tibet e salvati così da una possibile distruzione. Non contenti di averci aperto anche questo luogo, alcune bambine monache ci portano non si sa bene dove, impariamo poi   Leggi ►

Himachal Pradesh - II

Data: 21/03/2015 INDIA Categoria: Diari di Viaggio
Himachal Pradesh - II
Bus coloratissimi sulle strade himalayane

 4° giornoColazione alle 7:00 in hotel e poi facciamo conoscenza con autisti e guide della Arohi che staranno con noi fino a Manali, ultima tappa nelle montagne. Le jeep sono delle Toyota Qualis, alte e strette, e a detta di tutti gli autisti perfette per le strade che incontreremo. Tutti gli autisti, chi più chi meno, parlano inglese, quindi non faremo scena muta per svariate ore al giorno. Lasciamo immediatamente Shimla, la strada sale e scende con viste sulle piantagioni di mele, qui così famose. Prima sosta a Narkanda, anonimo posto di scambio per camion e corriere, entrambi solitamente molto folkloristici. Prima tappa a Rampur dopo 130 chilometri di strada asfaltata quindi percorsa senza perder tempo per un veloce pranzo (che ci viene preparato per ogni gio   Leggi ►

Himachal Pradesh - I

Data: 28/02/2015 INDIA Categoria: Diari di Viaggio
Himachal Pradesh - I
Il Toy Train per Shimla

1° giornoSveglia di prima mattina a casa di amici che mi ospitano a Busto Arsizio, ed alle 4 è un attimo arrivare all’aereoporto della Malpensa. Col selfcheck di Lufthansa è velocissimo registrarsi, ma non è possibile ottenere la carta d’imbarco per il volo successivo per Delhi con Air India. Il volo per Frankfurt dura poco più di un’ora, tempo giusto per una colazione che non ci viene negata. Nell’enorme hub tedesco occorre muoversi velocemente per arrivare in tempo al gate giusto e la carta d’imbarco ci vien rilasciata direttamente lì, ma alla fine nessun problema e volo in perfetto orario. Il volo AirIndia è con un moderno Boing777, con schermo personale e porta usb a cui è possibile collegare propri appa   Leggi ►

Namibia in autonomia - IV

Data: 11/10/2014 NAMIBIA Categoria: Diari di Viaggio
Namibia in autonomia - IV
Zebre alla pozza, Etosha National Park - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 Il Waterberg Plateau è un altopiano lungo 50 km e largo fino ad un massimo di 16 km, ricco di animali, principalmente erbivori, che merita la visita. In pratica una specie di gabbia naturale, essendo in pratica circondato da dirupi di 200 metri su tutti i lati che solo gli animali più piccoli e agili possono discendere. Viene utilizzato per reinsediare specie a rischio di estinzione e dovrebbero esserci anche ghepardi, bufali, e rinoceronti ma non li abbiamo visti. Il campeggio è ancora una volta strepitoso e da quello sono salito in cima all'altopiano a piedi, in un punto dove non ci sono rischi di incontri percilosi mentre la mia compagna, che non era in forma, si è goduta un pomeriggio a bordo piscina. La mattina dopo siamo partiti la mattina presto   Leggi ►

Namibia in autonomia - III

Data: 13/09/2014 NAMIBIA Categoria: Diari di Viaggio
Namibia in autonomia - III
L'arco allo Spitzkoppe- Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 Welwitschia Drive è una zona di paesaggi lunari, a volte fin troppo desolati. Interessante per le rare forme di vegetazione che sopravvivono in una delle zone più secche del pianeta: licheni e la prodigiosa welwitschia, una strana pianta che si ritiene viva fino a 2000 anni. Non imperdibile ma comunque rimaneva di strada per andare nel Damaraland, più interessante passare di qua che dalla B2 che attraversa Arandis. Per dare un senso maggiore alla deviazione abbiamo lungamente cercato, per piste davvero scalcagnate, lo Tsaobis Leopard Nature Park, visto che nelle mie precedenti visite in Africa non sono mai riuscito a vedere lo sfuggente leopardo. Dopo ore abbiamo trovato una fattoria e chiesto informazioni ma ci hanno detto che non esisteva più. Al ritorno   Leggi ►

Namibia in autonomia - II

Data: 09/08/2014 NAMIBIA Categoria: Diari di Viaggio
Namibia in autonomia - II
Il Fish River Canyon - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 Il Fish River Canyon è una specie di Grand Canyon più piccolo e anche se non è, come recitano i depliant, il secondo più grande del mondo dopo quello nordamericano, merita di essere visto. A circa 130 km di pista da Keetmanshoop, largo fino a 27 km, profondo 500 metri e lungo 160 chilometri, la sua formazione risale a 650 milioni di anni fa. Se valga la pena di fare così tanti chilometri apposta è opinabile, ma a posteriori posso dire che la strada da qui a Sesriem è stata talmente bella che ringrazio il Canyon per avermi attirato fino a sé. Lo si può ammirare da alcuni view point e ovviamente sarebbe più indicato arrivarci con la luce bassa dell'alba o del tramonto e non quella di mezzogiorno come abbiamo fatt   Leggi ►

Namibia in autonomia - I

Data: 26/07/2014 NAMIBIA Categoria: Diari di Viaggio
Namibia in autonomia - I
La surreale foresta di kokerboom, dalle parti di Keetmanshoop - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 Grande circa due volte e mezzo l'Italia, con circa 2.000.000 di abitanti (di cui il 30% nella capitale), la Namibia è uno dei pochi paesi al mondo che offre la possibilità di ammirare il deserto (considerato il più bello del mondo), la savana e i suoi animali (il parco di Etosha è uno dei maggiori parchi africani) e la foresta pluviale (nella stretta lingua di terra del Caprivi). Inoltre è possibile conoscere popolazioni africane come Himba, Boscimani, Herero che ancora seguono lo stile di vita tradizionale. La Namibia si presta molto bene ai viaggi in autonomia: non ci sono problemi di sicurezza (a parte qualche quartiere della capitale), l’inglese è la lingua ufficiale, il paese (per gli standard africani) è piuttosto   Leggi ►

Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - IV (fine)

Data: 27/06/2014 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - IV (fine)
Sacerdoti a Lalibela

 17° giorno Colazione al solito (unico) bar della piazza dove a fianco del solo piatto proposto (uova) completiamo la colazione con le poche cose ancora rimaste. Si continua la visita alle chiese rupestri del Tigrai dividendoci in due gruppi. I più temerari, o meglio i più preparati, affronteranno la chiesa Abuna Yemata Guh che prevede un passaggio nel vuoto assai insidioso (e come tale ci viene confermato al ritorno dai nostri eroi), mentre con un altro gruppo andiamo alla Abuna Gebre Mikael. Le jeep ci lasciano presso un villaggio con tanto di scuola e campo sportivo, forse uno dei complessi migliori visti fuori Addis Abeba, poi senza la solita calca abituale nei paraggi delle chiese rupestri prendiamo un pianoro che costeggia un terrazzamento dove molta gente   Leggi ►

Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - III

Data: 13/06/2014 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - III
Un fedele copto, vestito di bianco

 12° giorno Solita colazione da campo (ma sempre abbondante ed iperenergetica), poi raccolti tutti i bagagli si parte per lasciare la Dancalia e salire verso gli altipiani. Non esiste una strada, s'improvvisa qualcosa lungo il greto di un fiume, in pratica all’interno di un grande canyon. In un punto incui rimane un po’ di acqua, gli autisti quasi in esaltazione ne approfittano per lavare le jeep e soprattutto per togliere il sale dalle parti meccaniche. Poi iniziando la salita il percorso si fa difficile, più volte occorre scendere a spostare grandi pietre per aprirsi un varco dove passare ed anche cambiare le tante gomme che si bucano. In linea d’aria Dallol-Berahile saranno 70km, ma occorrono almeno 6 ore per arrivarci. Qui ci si riabitua   Leggi ►

Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - II

Data: 30/05/2014 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - II
L'Erta Ale, dalla caldera sempre attiva

 7° giorno Di prima mattina si vanno a visitare le saline che fiancheggiano il lago Afera, il cielo è incredibilmente velato ma la temperatura non cambia. Qui, per raccogliere il sale viene portata l’acqua del lago in apposite saline (un tempo la depressione della Dancalia era il fondo del Mar Rosso, una volta ritiratosi non c’è più stata l’acqua ma il sale è rimasto), vi si lavora ancora manualmente ma con mezzi non completamente arcaici come vedremo ad Ahmed Ela, un lavoro duro ma non impossibile, che viene svolto principalmente in inverno. Le saline sono numerose, vengono lavorate una per volta, svuotate con pale che caricano carriole che portano il tutto al di fuori delle saline dove poi il materiale verrà caricato sui   Leggi ►

Amazzonia - XIV (fine)

Data: 16/05/2014 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - XIV (fine)
Ragazza Yagua - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 19 – Invasati capelloni Per una volta non devo alzarmi ad orari infami, visto che prima delle 8:00 non avrò conferme. Colazione in panaderia e ancora una volta sbaglio scelta: una delle due paste scelte è un tale mattone che non riesco a finirla. Col sacchettino in mano torno dove la sera prima avevo cenato: il locale è chiuso ma è aperto quello a fianco e ha due frullatori in bella vista sul tavolo, proprio quello che stavo cercando. Chiedo che succhi prepara: di maracuja e uno mezclado, con maracuja, platano e papaya, di colore rosa. Provo il secondo e, come la sera prima, il bis vien da sé. Me la sto proprio godendo la frutta amazzonica. Finalmente la bigliettaia ha avuto l’agognata conferma: il Rapido passerà verso l   Leggi ►

Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - I

Data: 09/05/2014 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Etiopia: Dancalia e Rotta Storica - I
Sorriso di una ragazza Afar dagli incisivi appuntiti

 1° giorno Da Bologna in treno con un intercity notte raggiungo Roma, dove col Leonardo Express in 30’ sono all’aereoporto di Fiumicino. Da lì con volo Egyptair in 3:15 arrivo a Il Cairo e con pochi controlli mi trovo all’imbarco per Addis Abeba dove arrivo dopo 3:45. All’aereoporto viene applicato il visto senza nessun problema, pratica lunga perché il tutto vien fatto manualmente. Mentre si attende la registrazione del passaporto c’è l’opportunità di cambiare soldi a qualsiasi ora e così son quasi le 4 del mattino quando un pulman della Green Land Tour ci porta verso un hotel recuperato all’ultimo, non troppo lontano (l’aereoporto, una delle uniche costruzioni in condizioni perfette dell&rsqu   Leggi ►

Amazzonia - XIII

Data: 22/04/2014 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - XIII
Donna Bora con le pitture sul volto per la danza - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 18 – Danze Bora Vana preoccupazione la mia, quella se mi sarei svegliato in tempo o meno. Evidentemente quei pochi turisti che dormono qua - visto un biondo barbuto a spasso la sera prima - lo fanno solo per prendere il Rapido e quindi dapprima, verso le 2:00, mi sveglia il baccano infernale del generatore elettrico del hostal che pare installato sotto il mio letto, poi 20 minuti dopo ci pensa la padrona a bussare energicamente alla porta della mia stanza, per quanto non glie lo avessi richiesto. Avevo già preparato lo zaino e alle 2:30 sono in strada. Vedo un mototaxi e chiedo quanto vuole per portarmi all’imbarcadero. Mi chiede 5000 pesos, ieri sera ne avevo pagati solo 3000. Non accetto la maggiorazione notturna: fa fresco, sono in perfetto orario, il   Leggi ►

Amazzonia - XII

Data: 15/04/2014 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - XII
Il fitto della foresta amazzonica - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 17 – A spasso tra le fronde Colazione nella stessa pasticceria di due giorni prima e ancora una volta la pasta che scelgo è un mattone. Giornata un po’ interlocutoria: eccitato dall’aver raggiunto i Matis e poi annebbiato dalla sete, ieri non ho avuto la presenza mentale di pensare che se avessi voluto prendere un Rapido avrei dovuto prenotarlo per tempo. Trovo dove vendono i biglietti e prenoto per il giorno seguente: scenderò a Pevas, un villaggio a circa due terzi del tragitto tra Leticia e Iquitos, dove vivono delle comunità Bora e Huitoto meno turisticizzate di quelle che vivono a ridosso di Iquitos. Ne ho discusso con Hector e mi ha consigliato in quale villaggio recarmi e, come al solito, di chi chiedere. Il “mi manda Picone&rd   Leggi ►

Amazzonia - XI

Data: 26/03/2014 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - XI
Giovane Matis col volto dipinto di rosso, pronto per andare a caccia - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 16 – Giovani Matis Oggi tenterò di incontrare i Matis. Si tratta di un popolo dalla storia piuttosto travagliata: incontattati fino al 1978 quando, dopo tre anni di trattative, accettarono di incontrarsi con i rappresentanti del già citato FUNAI, pagarono ad un prezzo carissimo questa scelta. Originariamente circa in 450, appena cinque anni dopo erano meno di 90, decimati dalle malattie contratte dalla vicinanza coi bianchi per le quali non avevano difese immunitarie. Anche un semplice raffreddore era mortale per loro. A farne le spese furono soprattutto bambini e anziani, questi ultimi portando con sé nella tomba molte delle conoscenze e tradizioni ancestrali. Sull’orlo dell’estinzione, si accamparono in unico insediamento presso un c   Leggi ►

Verso Assen

Data: 11/03/2014 OLANDA Categoria: Diari di Viaggio
Verso Assen
I mulini a vento di Zaanse Schans

 Questo non è un vero e proprio viaggio in Olanda, ma semplicemente il percorso verso uno dei tempi del motociclismo mondiale, il TT-Circuit di Assen. Ovviamente visto il luogo era quasi dovuto un giro tra i canali, i tulipani e le strade secondarie dei Paesi Bassi. Avendo come prima meta l'incredibile diga del Afsluitdijk, ci dirigiamo verso Lelystad entrando in Olanda da Arnhem lungo le autostrade che né in Olanda né in Germania si pagano (ma in Germania mancano sovente le informazioni e chilometriche file sono all’ordine del giorno). In poco più di un’ora raggiungiamo Lelystad, nel Flevoland, zona che si è costituita grazie al duro lavoro di sottrarre terre al mare. Non essendo per nulla luogo turistico, le strutture alberghie   Leggi ►

Amazzonia - X

Data: 08/03/2014 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - X
La "strada" verso Nazareth -Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 15 - No turisti, grazie Colazione in pasticceria con una pasta che fatico a finire da quanto è impegnativa, e controllo la mail. Finalmente l’americano si è fatto vivo: mi dice che i Matis non gli hanno ancora risposto e quindi non mi rimane che andare ad Atalaia do Norte e di chiedere di un anziano di cui mi dà il nominativo. Poi mi dice che nei paraggi si possono visitare anche i Tikuna, e mi spiega come fare a raggiungere il villaggio di Nazareth, e mi consiglia di provare il canopy walking in un parco nei pressi di Leticia. Per avere più tempo possibile per raggiungere i Matis che sono i più lontani, oggi lo dedico a cercare il villaggio Tikuna che mi ha suggerito. Prima di partire mi ero documentato e fra le poche fonti che avev   Leggi ►

Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - III (fine)

Data: 24/02/2014 KYRGYZSTAN - TAGIKISTAN - UZBEKISTAN Categoria: Diari di Viaggio
Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - III (fine)
Un mezzo sull'autostrada del Pamir

 15° giornoColazione e poi partenza per Khorog dove dobbiamo registrarci immediatamente. Nel frattempo ci giriamo il posto, luogo di accesso al Pamir. Qui la figura di riferimento è l’Aga Khan, ismaelita come la locale popolazione e praticamente finanziatore di tutto quello che avviene da queste parti, in primis l’università. Qui a Khorog c’è anche uno dei pochi posti di passaggio ufficiali verso l’Afghanistan, e quindi i controlli sono molteplici. Il mercato è in smobilitazione, allora tanto vale fermarsi per una foto col busto di Lenin che qui non è stato rimosso. Del resto dal dissolversi dell’Unione Sovietica questo angolo di mondo è passato da trovarsi all’interno di una delle maggiori potenze mondi   Leggi ►

Amazzonia - IX

Data: 17/02/2014 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - IX
L'alba sul Rio delle Amazzoni - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 14 – RapidamenteSveglia alle 4:50, preparo lo zaino che con i residui degli abiti comprati ad Iquitos è un po’ più pieno e gli spazi vanno un po’ ripensati. Saluto il portiere che dorme su una poltrona davanti alla porta e prendo il primo mototaxi che mi fa godere un po’ di piacevole frescura. Giunto al porto “El Huelito” non faccio in tempo a scendere che un ragazzino mi propone delle bibite, ben sapendo che il viaggio che sto per affrontare è lungo, anche se so che nel costo del biglietto sono compresi colazione e pranzo, come se fosse un volo. Ne prendo una, al sapore di guaranà: come da queste parti pare essere d’obbligo, è dolcissima e coloratissima, non a caso siamo nella terra d’elezione dell&rs   Leggi ►

Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - II

Data: 07/02/2014 KYRGYZSTAN - TAGIKISTAN - UZBEKISTAN Categoria: Diari di Viaggio
Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - II
Il Viale dei Mausolei a Samarkanda - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 8° giorno Pessima colazione in hotel (coerentemente con la cena) ed in 3h raggiungiamo Samarcanda, fermandoci dalle parti di Jom dove incontriamo un gruppo di motard locali in sella alle loro HH, ovviamente tutti senza casco. Tra loro anche un gruppo di persone a dorso d’asino, come al solito tutti molto gentili e partecipativi. In città ci fermiamo al B&B Furkat, il primo sorto dopo l’indipendenza, dov’è possibile cambiare soldi e dove si pernotta in un luogo dai mille angoli ed anfratti, posto bello e caratteristico e dove son sempre pronti a darti un thè. Come in tutta la città, spesso manca l’alimentazione elettrica, così è consigliabile avere un posto da dormire dotato di almeno 2 finestre che creino un mi   Leggi ►

Amazzonia - VIII

Data: 27/01/2014 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - VIII
Le nere acque del Rio Galvez - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 12 – Curandero Dopo il diluvio occorso nottetempo, continuato fin dopo il sorgere del sole, oggi mi alzo senza speranze. Per colazione ci sono spaghetti e platano. Mi chiedono se ne voglio un po’, forse temendo che un italiano non avvallerebbe mai uno scempio del genere. Al mio sì, Hector commenta: “Roberto come todo”. Poi si sentono annunci, possibilisti sull’arrivo di voli in giornata. Figurati. Invece, dopo aver consultato il Tecnico, ci dicono di non disperare, sia perché basta qualche ora di sole cocente per asciugare la pista e sia perché corre voce che ad Iquitos vi siano sei madedeiros (gente che lavora nel settore del legname) che è ormai da giorni che, come me, aspettano di prendere quel volo e potrebbero nolegg   Leggi ►

Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - I

Data: 23/01/2014 KYRGYZSTAN - TAGIKISTAN - UZBEKISTAN Categoria: Diari di Viaggio
Asia Centrale: Uzbekistan, Tagikistan, Kirghizistan - I
Colonne e preziosa ombra, Samarkanda - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 1° giorno Da Bologna in treno con un intercity notte raggiungo Milano, dove con il Malpensa shuttle che si prende a fianco della stazione raggiungo l’aereoporto. Da lì volo della Turkish per Istanbul e dopo un’attesa di 4h nuovo volo sempre Turkish  per Tashkent, capitale dell’Uzbekistan. Devo dire che in questi momenti di voli con servizi risicati la Turkish non lesina su pranzi e bevute. Finite le procedure di dogana, lunghe soprattutto perché i doganieri hanno grosse difficoltà nel capire il nostro alfabeto e per chi dichiara troppo contante costretto ad un ulteriore modulo, un servizio a noi dedicato ci porta presso l’Hotel Jam-Buh, nella zona sud della città. Le formalità di registrazione sono velocissime,   Leggi ►

Amazzonia - VII

Data: 17/01/2014 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - VII
Bimbo Matsés - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 10 - Attesa Risveglio ad orari antelucani causa numerosi galli nel vicinato. Dennis si improvvisa barbiere e accorcia i capelli al figlioletto Elimel. Il primo annuncio all’altoparlante è che oggi non ci saranno voli da Iquitos. Non capisco il motivo, stanotte non ha piovuto, ieri c’era un gran sole e la pista dovrebbe essere in ottimo stato. Ci rechiamo a chiedere maggiori chiarimenti presso la bottega (sic) in cui si predispongono le operazioni di check-in e la signorina ci dice che l’annuncio si riferiva ad un altro volo. Il nostro non è stato cancellato, anzi è previsto verso mezzogiorno. Speriamo bene. Nel frattempo ci giunge voce che sempre meno gente vuole viaggiare con l’aereo che abbiamo usato all’andata, quello da 6 po   Leggi ►

Amazzonia - VI

Data: 07/01/2014 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - VI
La tarantola, tenacemente aggrappata ad una radice - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 8 – Tarantola sfrattata È l’ultimo giorno di giungla e quindi oggi si andrà un po’ a caccia, per modo di dire. In realtà andare veramente a caccia nella foresta amazzonica con dei turisti impacciati, rumorosi e fotografi, credo sia impresa al limite dell’umano. Prima di partire si “testano” le capacità venatorie. Davanti alla maloca si fanno alcuni tiri di prova con arco e frecce, cercando di colpire una palma. Non me la cavo neanche malissimo: quei pochi tentativi di tiro con l’arco fatti alle feste medievali di Palazzuolo sul Senio a qualcosa sono servite. Poi ci si inoltra nel fitto della vegetazione, stavolta con gli stivali di gomma che arrivano al ginocchio, vista la quantità d’acqua scesa d   Leggi ►

Amazzonia - V

Data: 18/12/2013 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - V
La rana legata per estrarne il veleno. Poi verrà liberata, indenne - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 7 – Storie di caccia e di spiritiStamane vado con Dennis, Canë e Graciela alla chacra, il campo ricavato, col metodo dello taglia e brucia dove una volta c’era la foresta. Vi sono yucca, banane, platani, mango, papaya, tabacco, mais e altre piante che non conosco. Canë raccoglie delle radici di yucca, che fritte non sono molto diverse dalle patate fritte. Poi con l’aiuto di Graciela carica sulla schiena un apparentemente pesante casco di platani che regge grazie ad una fascia vegetale che poggia sulla fronte. Graciela fa lo stesso con un altro casco. Non so se Dunu non si unisca a noi perché non ha ancora recuperato oppure perché lasci questi compiti alle mogli. Rientro alla maloca e, sapendo che mi piacciono le tradizioni, Canë ha rispo   Leggi ►

Amazzonia - IV

Data: 29/11/2013 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - IV
Banane, machete e cuccioli: la vita nella maloca - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 6 – Otorongo!Dennis nella notte si è svegliato e ha seguito il verso di una rana, che chiamano sapo - rospo in castigliano, ma è una rana -, per catturarla. L’ha catturata per mostrarmi, la mattina seguente, la cosiddetta “cerimonia del sapo”. L’animale è stato chiuso in una pentola con delle foglie e adesso, benché non le venga fatto alcun male e dopo verrà liberata, viene legata, tutte e quattro le zampe, a quattro stecchetti affissi nel suolo, come un quattro di spade. Lo scopo è quello di stimolare la secrezione da parte della rana del veleno - per questo viene immobilizzata - che risiede nel dorso e nelle cosce. Per nostra sfortuna la rana ne ha molto poco, si vede che lo ha usato come strumento di difesa di   Leggi ►

Amazzonia - III

Data: 15/11/2013 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - III
La birichina Karen - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 5 – Nella malocaOggi ci trasferiamo da Buen Perù Nuevo presso la maloca (casa tradizionale) che Dunu si è costruita ad alcuni chilometri dal villaggio, verso l’interno, presso la quale vivremo per alcuni giorni. “Non gli piace vivere nel villaggio – mi dice Hector –, troppo rumore”. Prima di partire - sono sempre un po’ lente le partenze - faccio un giro per il villaggio: diverse decine di case (palafitte come quelle di Angamos), un sentiero centrale in cemento, una scuola con un campo sportivo, una scala in cemento che porta al fiume, dove le donne si recano a lavare i panni. Una volta che i ragazzi sono entrati a scuola, non si sente un rumore, tranne qualcuno che ogni tanto spacca della legna con un’ascia. Non c’&   Leggi ►

Amazzonia - II

Data: 01/11/2013 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - II
Piccole canaglie indios - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 3 – Gigante d’acqua Colazione all'americana nel hostal, non compresa nel prezzo della camera, ma solo dalle 7:00 e io, non ancora completamente allineato con l'orario e complice la luce che alle 5:30 già inonda tutto, all'alba faccio un giretto nei paraggi, per vedere il sole sorgere sul Rio delle Amazzoni, come promette il nome del locale per turisti a pochi passi dal mio alberghetto: Dawn on the Amazon (alba sul Rio delle Amazzoni). Intanto cominciano ad arrivare gli scolari della scuola lì a fianco e tutti vengono rapiti dalle immagini, piuttosto discinte, degli idoli televisivi di cui un venditore ambulante propone poster e figurine. Difficile crescere con valori diversi se fin dalla più tenera età i tuoi punti di riferimen   Leggi ►

Amazzonia - I

Data: 18/10/2013 BRASILE - COLOMBIA - PERU Categoria: Diari di Viaggio
Amazzonia - I
Mototaxi a Iquitos - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 1 - Il diavolo ci mette la zampaAll’aeroporto di Bologna, al momento in ampliamento e ristrutturazione, il check-in elettronico adesso è obbligatorio, al punto che chi si mette in fila col biglietto viene invitato a servirsi delle macchine e andare al check-in solo per il bagaglio. Poi però è semplicemente impossibile ottenere tutte le carte d’imbarco, perché la compagnia peruviana Taca, che effettua l’ultimo dei miei voli (quello Caracas-Lima), pare non essere riconosciuta dalla macchina (e c’è un’addetta ad aiutare me e tutti gli altri viaggiatori, molti in difficoltà: non è che sono io impedito a non riuscirci). Quindi mi presento al check-in dove mi mandano il bagaglio direttamente a destinazione (Lima   Leggi ►

Il Vietnam delle montagne - Parte VII (fine)

Data: 16/08/2013 VIETNAM Categoria: Diari di Viaggio
Il Vietnam delle montagne - Parte VII (fine)
I "parastinchi" delle Hmong Nere - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 17 - L'asticella non è mai troppo bassaUltimo giorno tra le montagne del Nord: stasera rientrerò in treno ad Hanoi. Ormai le etnie che volevo vedere, grazie alla mia cocciutaggine, le ho viste: chiaro che mi spiace di non aver visto la parte nord orientale ma non me ne faccio un cruccio, mi sarebbe dispiaciuto maggiormente essermi perso il mercato di Sin Ho, specie dopo aver toccato con mano quanto sia bello e autentico. Ieri sera ho detto al pilota che oggi mi sarebbe piaciuto andare al villaggio di Nam Cang, l'unico in zona abitato dagli Xa Pho, un sottogruppo dei Phu La ma ha detto che era troppo lontano, che non glie l'avremmo fatta in giornata. Non ci credo: il villaggio si trova a 35 km da Sapa, anche ammesso che si viaggi ai 15 km/h (e non è cr   Leggi ►

Lungo la Carretera Austral - Parte IV (fine)

Data: 31/07/2013 ARGENTINA - CILE Categoria: Diari di Viaggio
Lungo la Carretera Austral - Parte IV (fine)
R.N. Payunia, la più grande concentrazione di vulcani al mondo

 25° giorno Colazione in hostal, poi dopo aver rinchiuso gli zaini in sacchi per l’immondizia (son previsti molti chilometri su strade non asfaltate) prendiamo la strada lungo il Rio Limay, molto spettacolare, da dove ci sono belle viste di Bariloche sotto al Cerro Catedral. Poi lasciamo la RN40 per entrare verso Villa Traful ed il suo splendido lago, fino al congiungimento con la Ruta de los Sietes Lagos. Come dice il nome si vedono sette laghi in posizione splendide lungo una strada ancora in pessime condizioni finendo per mangiare molta polvere anche perché molto trafficata. Nonostante sia molto celebre devo dire che lo scenario lungo la valle di Traful è più interessante che questo, ma certo non va perso. Arriviamo a San Martin de los Andes, rid   Leggi ►

Il Vietnam delle montagne - Parte VI

Data: 27/06/2013 VIETNAM Categoria: Diari di Viaggio
Il Vietnam delle montagne - Parte VI
Una giovane Dao Rossa con una vistosa "sciarpa" gialla, Sapa - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 13 - Tappone dolomitico L'unica cosa positiva dell'albergo è che è attaccato al mercato e così la mattina dopo, alzandomi per tempo, riesco a farci un salto, trovandovi oltre alle H'mong Bianche viste all'andata, delle Giay e delle Dao. Ormai da qualche giorno dò buca al pilota al momento della colazione: a casa mia sono abituato ad iniziare la giornata con tè, miele e biscotti e non ce la faccio proprio a sostituirli con i forti sapori vietnamiti. Anche oggi gli lascio scegliere dove fare colazione e poi, quando vedo che la scelta è ristretta alla stessa solita roba di pranzo e cena, gli butto lì un "Ci vediamo dopo" e vado a comprare qualcosa di più affrontabile in un negozietto, di norma una bot   Leggi ►

Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte VII (fine)

Data: 16/06/2013 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte VII (fine)
Maternità Borana - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 17° giorno Oggi vogliamo visitare un villaggio Borana e scattare qualche foto, operazione che si rivela fin da subito poco semplice. I Borana, benché vivano in zone molto meno frequentate rispetto a quelle a ovest di Konso, si dimostrano ben poco concilianti e pretendono di essere pagati più del doppio. A nulla valgono le classiche "finte partenze" che di solito generano un abbassamento delle richieste: non mollano. Dopo aver visitato 3 villaggi col medesimo esito negativo, al quarto riusciamo a scendere a più miti consigli ma i soggetti paiono ugualmente poco amichevoli: senza arrivare agli eccessi dei Nyangatom, i Borana sono un popolo fiero e anche in questo caso, l'asprezza del territorio che abitano, pare influire sul carattere. Non di   Leggi ►

Grand Teton

Data: 03/06/2013 STATI UNITI (USA) Categoria: Diari di Viaggio
Grand Teton
Le aguzze vette della Teton Range

 "Il Grand Teton National Park è uno di quei luoghi che sento mio, che ho vissuto interamente sulla mia pelle, che ho conquistato, che ho voluto conoscere sotto tutti i suoi aspetti più straordinari. Non ho perso un minuto, sono stato un cacciatore di albe, un ritrattista di tramonti, sono stato premiato per la mia tenacia, ho colto tutte le opportunità che mi sono state concesse innalzando questo posto magico nell’Olimpo dei miei luoghi preferiti…” Le frastagliate guglie di granito della Teton Range, principale attrattiva del Grand Teton National Park, lasciano senza fiato. Le dodici vette scolpite dai ghiacciai si elevano oltre i 3600 m di altitudine, incoronate dal singolare profilo del Grand Teton (4131 m). Questo parco è me   Leggi ►

Lungo la Carretera Austral - Parte III

Data: 17/05/2013 ARGENTINA - CILE Categoria: Diari di Viaggio
Lungo la Carretera Austral - Parte III
Il canyon del Rio de las Pinturas - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 17° giorno Colazione in hospedaje e poi risaliti al solito parcheggio dobbiamo cercarci un passaggio per Cruce El Vagabundo. Ci sarebbe stato un bus per Cochrane, ma facendo noi soli pochi km l’autista ha preferito caricare gente che facesse tutta la tratta. Fortunatamente un gruppo di turisti di Santiago sta rientrando, così ci caricano sul loro pick-up scaricandoci un po’ perplessi al crocevia nel bel mezzo del nulla ad attendere un bus che forse passerà 6 ore dopo. Al crocevia non c’è niente, solo le costruzioni degli operai addetti alla manutenzione della C.A., ma visto il periodo sono a casa per le vacanze e le loro baracche son chiuse. Quando inizia a piovere riusciamo ad aprire una specie di voliera coperta dove spostando una cas   Leggi ►

Il Vietnam delle montagne - Parte V

Data: 10/05/2013 VIETNAM Categoria: Diari di Viaggio
Il Vietnam delle montagne - Parte V
Donna Lo Lo - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 10 - Rivoluzione Giorno uno dopo la Rivoluzione: l'itinerario viene accantonato e adesso si fa come dico io. La guida del Nord Ovest del Vietnam ormai non serve più visto che non va più a est di Bac Ha ma, grazie all'altro libro, ho fatto un elenco delle etnie ancora da vedere nel prosieguo del viaggio, specificando in quali distretti si trovano. Partiti presto, attraversiamo ancora una volta zone dai paesaggi stupendi che, addolciti dalle nebbie mattutine che da queste parti sono una costante, paiono l'ambientazione ideale di favole gotiche se non fosse per le risaie che danno quel tocco di delicatezza. Incontriamo una Dao del tipo che ho visto il giorno prima a Hoang Su Phi che sta stendendo il riso ad essicare su una stuoia: ha un copricapo ricamato   Leggi ►

Nella Valle dell'Omo - Parte VI

Data: 26/04/2013 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Nella Valle dell'Omo - Parte VI
Il mercato di Konso - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 15° giorno Oggi visitiamo i bei villaggi-città e le terre ben coltivate dei Konso, forse il popolo dai costumi meno spettacolari di questa terra, ma non per questo i meno interessanti. Uno dei villaggi-città più famosi è quello di Gesergio, per via di uno spettacolare canyon che lo fiancheggia, costellato di pinnacoli sabbiosi modellati dagli agenti atmosferici, che i locali chiamano pomposamente New York, richiamando queste formazioni alla loro mente i grattacieli della città americana. Divisi in 9 clan ognuno col proprio capo, che poi eleggono un Re, i Konso sono conosciuti come abilissimi coltivatori e lavoratori instancabili, al punto che il governo etiope favorisce il loro spostamento in aree poco sfruttate dal punto di vista agri   Leggi ►

Alaska Highway

Data: 05/04/2013 STATI UNITI (USA) Categoria: Pillole di viaggio
Alaska Highway
Lingue di ghiaccio nel Kluane National Park, nello Yukon

 2451 km nel nulla. Natura selvaggia, animali, qui ognuno fa per sè, si è in balia degli eventi, i collegamenti con la civiltà sono a dir poco sporadici, dormo dove mi pare, guido per 4 giorni molte ore al giorno respirando sensazioni incredibili e godendomi appieno gli aspetti di questo lungo serpente di asfalto, sto percorrendo l'Alaska Highway. Questa incredibile opera umana parte da Dawson City, in British Columbia, per arrivare a Delta Junction, in Alaska, passando per Whitehorse, nello Yukon Territory. L'autostrada venne completata il 21 novembre del 1943, ma non fu accessibile fino all'anno successivo. La sua lunghezza è di circa 2451 Km (che corrispondono a 1523 miglia). Attraversarla è stata un'avventura di per se entusiasman   Leggi ►

Lungo la Carretera Austral - Parte II

Data: 22/03/2013 ARGENTINA - CILE Categoria: Diari di Viaggio
Lungo la Carretera Austral - Parte II
Il Lago General Carrera col Cerro Catedral sullo sfondo

 9° giorno Colazione al hospedaje, poi ci organizziamo per andare a Puerto Chacabuco da dove parte l’escursione alla Laguna San Rafael ma anche per scendere a Chile Chico, un villaggio fuori dalla C.A. sul Lago Carrera raggiungibile solo con l’ennesima barcaza. Trovare posto su questa pare un grande problema, ovviamente non c’è un servizio regolare e dipende dai giorni, alla fine un gentilissima impiegata ci trova un posto tra quelli a disposizione dell’equipaggio così abbiamo questa giornata da sfruttare in pieno. Con un taxi raggiungiamo l’ingresso della Reserva National Coyhaique, da dove parte un sentiero di 9,5 km che raggiunge lagune e miradores. La prima parte in salita regala viste della città e del suo imponente Cerr   Leggi ►

Il Vietnam delle montagne - Parte IV

Data: 12/03/2013 VIETNAM Categoria: Diari di Viaggio
Il Vietnam delle montagne - Parte IV
Ragazza Hmong Floreale dal vistoso copricapo al mercato di Bac Ha - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 7 - Zoccole... Abbandoniamo Cao Son e la prossima tappa notturna sarà a Bac Ha, località che sta diventando di crescente popolarità presso i turisti perché sede di un popolare mercato domenicale. So che sarà più frequentato dai turisti ma ovunque leggo che è bello e quindi non voglio perdermelo. Prima però bisogna arrivarci e per farlo passiamo da dove, secondo la mappa, paiono non esserci strade: in realtà lo stradario riporta solamente le strade carrozzabili, cioè dove possono passare le automobili. Ma c'è sempre una strada che le moto possono percorrere, basta chiedere ai locali, e questo mi fa sembrare più sopportabili i disagi degli scomodi spostamenti in moto, che proprio sulle strade n   Leggi ►

La Cina delle minoranze etniche - Parte VI (fine)

Data: 01/03/2013 CINA Categoria: Diari di Viaggio
La Cina delle minoranze etniche - Parte VI (fine)
Un angolo del quartiere degli hutong di Pechino - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 15° giorno In piedi di buon'ora, frugo nella parte vecchia della cittadina, prima che il grosso della gente che aveva fatto baldoria fino a tardi la notte prima si metta in moto. Dopo colazione prendiamo il bus che ci riporta a Kaili, sul quale salgono gli stessi due ragazzi che avevo notato all'andata, evidentemente venuti alla Festa per conoscere delle ragazze e che ora stanno tornando al loro villaggio. Devono essere stati due giorni fruttuosi: per buona parte del viaggio smanettano sui cellulari per mandare degli sms... Giungiamo a Kaili e troviamo una sistemazione. Benché sia il capoluogo di questa area a forte densità Miao, Kaili è una città prettamente cinese, con i classici edifici in cemento e il traffico asfissiante. Ma i ri   Leggi ►

Fiordland, Nuova Zelanda

Data: 28/01/2013 NUOVA ZELANDA Categoria: Diari di Viaggio
Fiordland, Nuova Zelanda
Milford Sound

 Il primo impatto con Milford Sound, una delle perle del Fiordland National Park, è con un paesaggio lugubre e grigio, avvolto dalle nebbie e stuzzicato da una lieve ma insistente pioggia. In questi luoghi l'acqua è una costante, con una media di precipitazioni di 6.813 mm in ben 182 giorni all'anno, Milford Sound puo' essere considerato alla pari con altri fiordi del parco, come il posto più piovoso della Nuova Zelanda e uno dei più piovosi al mondo. Il fiordo è ora visibile solo in parte, i rilievi sono velati, riesco solo ad intravederne le radici... So che qui è così, ho grandi aspettative da questo luogo soprattutto dopo il cattivo tempo incontrato nell'Isola Nord, voglio essere fiducioso. È ormai sera q   Leggi ►

La Costa Atlantica della Spagna - III

Data: 15/01/2013 SPAGNA Categoria: Diari di Viaggio
La Costa Atlantica della Spagna - III
Cattedrale di Leon, Castilla y Leon

17° giorno Colazione nel bar sotto a Casa Alice: alle 8 di mattina è quasi tutto chiuso, anche i forni tendono ad aprire verso le 10… Poi in autostrada ci dirigiamo a Porto, passando un confine ormai inesistente, con unica accortezza quella di mettere indietro l’orologio di un’ora. Troviamo da dormire nel centrale Residencial Belo Suenho e recuperiamo un po’ di informazioni sulla città dal gestore del posto. Pranziamo in un cafè accorgendoci da subito che in Portogallo, gasolio a parte, i prezzi sono bassissimi. Scendiamo a piedi verso la Ribeira e sempre a piedi attraversiamo il ponte in ferro Don Luis, simbolo della città, nella parte inferiore per andare nella zona delle celeberrime cantine che poi non è più Por   Leggi ►

Lungo la Carretera Austral - Parte I

Data: 11/01/2013 ARGENTINA - CILE Categoria: Diari di Viaggio
Lungo la Carretera Austral - Parte I
Golfo di Ancud, quando le nubi si alzano

 1° giorno Con un volo Iberia da Bologna raggiungo in perfetta puntualità Madrid. Sul volo viene servito un sostanzioso spuntino compreso nel prezzo del biglietto. Arrivo al terminal 4 e con la metro interna raggiungo il terminal 4S, quello da dove partono i voli intercontinentali senza più bisogno di ulteriori controlli doganali. La brutta notizia è che il volo per Santiago risulta in ritardo senza che ne sia specificato il tempo. L’ufficio info non sa dire nulla di più che nei monitor al momento giusto verrà riportata la nuova ora di partenza. Con 3 ore di ritardo l’airbus A340 decolla da Madrid per Santiago, ma ci annunciano subito che nessun minuto verrà recuperato. Al mio fianco siede Camila, una ragazza norvegese che   Leggi ►

Il Vietnam delle montagne - Parte III

Data: 04/01/2013 VIETNAM Categoria: Diari di Viaggio
Il Vietnam delle montagne - Parte III
Una sorridente Dao Tuyen - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 5 - Moccoli Il risveglio è assurdo: già m'è toccato andare a letto piuttosto tardi, ci si mette pure un altoparlante che alle 5 di mattina circa comincia a diffondere invereconde marcette di stampo comunista, manco ci fosse un collettivo richiamo alla reazione fisica di militaresca memoria. Per una buona mezz'ora tiro moccoli all'indirizzo di chi ha partorito questa genialata, evento che, per fortuna, si ripeterà solo un'altra volta nel corso del viaggio. Partiamo in direzione Cao Son che sullo stradario appare col nome di La Pan Tan. Lungo il tragitto ci fermiamo in un piccolo mercato in località ignota frequentato soprattutto da H'mong Floreali, riconoscibili dall'abbigliamento a colori vivaci. Poi, dopo un bivio,   Leggi ►

La Cina delle minoranze etniche - Parte V

Data: 28/12/2012 CINA Categoria: Diari di Viaggio
La Cina delle minoranze etniche - Parte V
Luzhi: scrivere con con un pennello bagnato è un'effimera forma d'arte e un modo per tenersi in forma - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 11° giorno Oggi visitiamo la zona abitata dai Miao dalle Lunga Corna (Chang Jiang Miao), in pratica il vero motivo che mi ha spinto a quasi 400 chilometri di distanza dalla zona dei Miao veri e propri. Sono stati scoperti fuori dai confini cinesi solo nel 1994, quando venne costruita la strada asfaltata che porta a Longga e venne girato il primo documentario che, trasmesso alla tv di stato, sorprese perfino gli stessi cinesi. Sono circa 6000, anche se i Miao in senso esteso sono oltre 7 milioni, ma la loro dispersione nell'enorme e remoto territorio del Guizhou e di alcune provincie confinanti ha finito col generare dei clan con usi e costumi distinti dal ceppo originario. Vivono in appena 12 villaggi a oltre 1600 msl nella zona di Longga, a 60 km da Luzhi, da dove, dopo   Leggi ►

Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte V

Data: 21/12/2012 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte V
Paesaggio della bassa valle del fiume Omo - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 12° giorno In mattinata partiamo per andare a visitare un villaggio del popolo Karo, per il quale in sede di definizione dell'itinerario ho dovuto un po' insistere per includerlo. La pista è la più difficile per chi visita solo questa parte della valle dell'Omo ma è comunque migliore della maggior parte di quelle percorse dall'altra parte. Il nostro pilota, pur essendo piuttosto esperto, non ha molto off road nel suo curriculum. Difatti, mentre zigzaghiamo tra alberi, arbusti e formicai, in una curva sabbiosa perde il controllo del mezzo e finiamo dritti per dritti contro un'acacia. Per fortuna non è di quelle alte ma una specie di rovo, cosa che attutisce l'impatto al punto che, nonostante solo il pilota abbia la cintura a   Leggi ►

Usa: i Parchi dell'Ovest & le Hawaii di Antonio e Francesca

Data: 28/11/2012 STATI UNITI (USA) Categoria: Gli Sposi Raccontano
Usa: i Parchi dell'Ovest & le Hawaii di Antonio e Francesca
Monument Valley

 Il nostro viaggio di nozze 5/08/2012 – 27/08/2012 Sognavo di visitare la California e i Parchi Nazionali americani da anni e per fortuna Antonio condivideva il mio desiderio. Ecco quindi che la scelta della destinazione per la luna di miele è stata abbastanza scontata, anche perché il periodo estivo era tutto sommato un buon momento per visitare quegli stati. Volevamo fare un viaggio che unisse natura spettacolare, mare, città e in effetti ci è sembrato di fare mille esperienze in una! Ci siamo affidati a Sara l'esperta americana della Pianeta Gaia (più di 50 viaggi negli USA) che ci ha guidati e consigliati al meglio nell’impostazione dell’itinerario e nella scelta dei pernottamenti. Trattandosi del viaggio di nozze volev   Leggi ►

La Costa Atlantica della Spagna - I

Data: 23/11/2012 SPAGNA Categoria: Diari di Viaggio
La Costa Atlantica della Spagna - I
Castro Urdiales, Cantabria

  1° giorno Partenza di mattina presto da Bologna, tappa a Modena e poi arrivo al confine tra Italia e Francia. Da qui proseguiamo direttamente per Carcassone (direzione Pirenei francesi) che raggiungiamo nel tardo pomeriggio dopo circa 900km. Le file ai caselli, Ventimiglia compresa, sono particolarmente lunghe, unico inconveniente del viaggio assieme ad una fila per un incendio nei paraggi dell’autostrada a metà Francia. Troviamo da dormire presso il Motel Elephant, gestito da 2 freak italiani, lungo la superstrada che dal casello porta in città. La medioevale e fortificata città di Carcassone è un grande richiamo turistico, così nel corso degli anni i sui cortili, i suoi angoli e le sue torri son diventate sedi di negozi, risto   Leggi ►

Il Vietnam delle montagne - Parte II

Data: 10/11/2012 VIETNAM Categoria: Diari di Viaggio
Il Vietnam delle montagne - Parte II
Paesaggio nei pressi del passo di Tram Ton - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 3 - Verso ovest Il treno arriva in orario, alle 06:15. Il pilota dovrebbe aspettarmi all'uscita ma, forse perché sono il primo a mettere piede fuori dalla stazione, lo colgo impreparato e non lo vedo. Cerco allora il Ristorante Terminus dove, in alternativa, dovrebbe trovarsi, ma non trovo nemmeno quello: in compenso ogni vietnamita che incrocio mi chiede, evidentemente ho come un punto interrogativo dipinto sulla fronte, se ho bisogno di un taxi o di un bus. Torno indietro e gli altri turisti usciti dopo di me sono ormai tutti sistemati, chi è salito sul pullman del proprio tour/albergo e chi ha preso il bus che lo porterà a Sapa. Torno spazientito a farmi il giro dei locali della piazza antistante per vedere se almeno becco il ristorante e finalmente i   Leggi ►

La Cina delle minoranze etniche - Parte IV

Data: 26/10/2012 CINA Categoria: Diari di Viaggio
La Cina delle minoranze etniche - Parte IV
Xijiang avvolta in una fiabesca nebbia mattutina - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 8° giorno - Nella terra dei Miao Oggi visitiamo Chejiang che però, essendo vicino ad una strada trafficata, a differenza dell'isolato villaggio di Xiao Huang, ha un po' meno sapore, per quanto sia ugualmente località ben poco frequentata dai tour. C'è una gigantesca Torre del Tamburo, forse la più alta fra quelle viste anche se sembra più moderna di altre, circondata da un vasto prato che è luogo dei momenti comuni della comunità locale e vagando per il villaggio, le cui case hanno una soglia più alta di quelle viste in altri villaggi Dong, si vedono le solite scene di vita quotidiana: nonne che danno la pappa a bimbi recalcitranti; donne che si mettono sotto la finestra per godere della luce del giorno ment   Leggi ►

Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte IV

Data: 14/10/2012 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte IV
Campeggio all'Omo N.P. - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 9° giorno - Percorso spinoso Oggi visita all’Omo National Park. Non che mi aspetti granché, a dire la verità. L’African Parks Conservation, l’ente no profit che si occupa della gestione di parchi faunistici anche in altri paesi del continente, dopo averlo preso in gestione nel 2005, nel 2008 ha rinunciato all’incarico, come avvenuto anche per l’altro parco etiope del Nechisar. In pratica i locali hanno sempre continuato a cacciarvi indiscriminatamente. Secondo il governo etiope avevano firmato un documento (con un’impronta digitale) nel quale rinunciavano a cacciare nel territorio del parco mentre loro sostengono di essere stati costretti a firmare con l’inganno. L’ANP ha cercato di sistemare la diatriba, in prati   Leggi ►

Marocco: Fes, Meknes e il Medio Atlante

Data: 02/10/2012 MAROCCO Categoria: Diari di Viaggio
Marocco: Fes, Meknes e il Medio Atlante
Folla di fedeli musulmani

 L’inizio di questo viaggio è anticipato dai primi tumulti in Nord Africa. Le manifestazioni si susseguono in Tunisia e Algeria. Gli albori della primavera Araba che di lì a pochi mesi esploderà in tutta la sua irruenza. Non ho mai avuto problemi con gli aerei. Anzi, credo di poter dire che volare mi piaccia molto. O forse mi piace l’idea a cui l’associo, l’inizio di un viaggio. Il volo della Ryanair che collega Orio al Serio a Fes  è affollato. Io e Giulia troviamo posto in fondo, sediamo in penultima fila. La scortesia del personale di terra non ha aiutato a metterci di buon umore. Il fatto che una compagnia sia low-cost non dovrebbe autorizzare certe scene per una borsetta di troppo. Noi abbiamo superato tutti i controll   Leggi ►

Il Nord Ovest Argentino - IV

Data: 20/09/2012 ARGENTINA Categoria: Diari di Viaggio
Il Nord Ovest Argentino - IV
La Laguna Rodeo

 19° giorno  Col colectivo raggiungiamo Ponte Negro, luogo ultimo dove arrivano i mezzi pubblici per las Lagunas de Yala. Sul chilometraggio da farsi a piedi in molti son stati vaghi, indicativamente sono sui 6 km, tutti rigorosamente in costante salita, ma si è sui 2000 m massimo, quindi non preoccupatevi dell’altura. La prima laguna, Desaguadero, è privata quindi non c’è accesso. Dopo 5’ si raggiunge la più grande, la Rodeo. Ci sarebbe anche un luogo di ristoro, ma al momento della nostra escursione era chiuso. Da qui si potrebbe intraprendere un trekking che oltrepassa la zona, ma comporta l’ascesa ad una montagna di 3700 m ed in seguito ad una di 5300 m. Decidiamo di continuare verso la terza laguna, Comedora. Prima di a   Leggi ►

Il Vietnam delle montagne - Parte I

Data: 13/09/2012 VIETNAM Categoria: Diari di Viaggio
Il Vietnam delle montagne - Parte I
Risaie terrazzate nei pressi di Sapa - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 Di norma i miei diari iniziano subito col raccontare il viaggio di andata ma stavolta è necessaria una particolareggiata descrizione del mio compagno di avventura: il pilota. Viaggiando da solo, in zone dove l'inglese è sconosciuto e non volendo spendere una barca di soldi per auto a noleggio con autista e guida, ho trovato un'agenzia che mi fornisse di una moto e un pilota parlante inglese. Per una ventina di giorni mi sono fatto il culo quadrato sul sedile posteriore ma ne è valsa davvero la pena. Tutto quello che riporto sul pilota corrisponde al vero, nulla è stato inventato o esagerato per rendere il racconto più divertente. L'ho soprannominato il Vero Vietnamita. Il Vero VietnamitaIn un mio precedente viaggio in Cina, con fina   Leggi ►

Il Nord Ovest Argentino - III

Data: 31/08/2012 ARGENTINA Categoria: Diari di Viaggio
Il Nord Ovest Argentino - III
Il Cono de Arita emerge come un miraggio nel mezzo del Salar de Arizaro

13° giorno  Con un remis (in pratica un taxi) partiamo alle 7 per raggiungere Salta via Valle Calchaquies, Cachi ed il P.N. Los Cardones. Il tutto costa 260p che diviso per 2 diventa più economico di un tour proposto da un’agenzia (che comunque per oggi nessuna propone). Non ci sono mezzi pubblici che facciano tutto il percorso, la valle è veramente dimenticata da tutto e non se ne capisce il motivo visto lo spettacolare paesaggio in cui è incastrata. Qui un tempo c’era il mare, l’emergere delle terre che diede vita alle Ande lascia le formazioni in bella vista e quello che si può ammirare lungo il percorso è impressionante. Si incontrano piccoli paesini, Payagostilla, Angostaco, El Carmen, La Arcadia, Molinos e Seclantas, ricor   Leggi ►

Il Nord Ovest Argentino - II

Data: 16/08/2012 ARGENTINA Categoria: Diari di Viaggio
Il Nord Ovest Argentino - II
Il Fungo, simbolo del P.N. Ischigualasto, conosciuto anche come Valle della Luna

 7° giorno  Visto che a causa delle condizioni atmosferiche non è ancora possibile fare il volo in parapente  decidiamo di lasciare la vivissima Cordoba, ma raggiungere il P.N. Las Quijadas pare complesso. Troviamo così uno spostamento per Villa Dolores con lo stesso autista del giorno precedente. Nella cittadina, incastonata tra la Sierra Centrale e le Ande, fa un caldo indescrivibile e visto che c’è ben poco da vedere decidiamo, come molti, di passare il tempo al bar del terminal dopo aver dibattuto col maletero della nuova situazione cilena. Lui è un cileno espatriato dopo il colpo di stato del 1973 ed ora, morto Pinochet, pensa di rientrare almeno in vacanza in quello che fu il suo paese. Da qui con un bus Tuc arriviamo a San Luis, q   Leggi ►

La Cina delle minoranze etniche - Parte III

Data: 13/08/2012 CINA Categoria: Diari di Viaggio
La Cina delle minoranze etniche - Parte III
Le tre simpatiche canaglie che ci stavano chiaramente sfottendo - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 6° giorno - Prese in giro e festeggiamenti Come da prassi all'alba sono per strada, a godermi l'inizio del giorno dei locali, compresi i bambini che vanno a scuola nel cui cortile troneggia, immancabile, un canestro. Sarà per via di Yao Ming, sarà che in queste zone collinose è più facile ricavare lo spazio per un campo da basket che uno da calcio, fatto sta che qua la pallacanestro è davvero lo sport nazionale: a fine viaggio avrò visto un solo campo di calcio non deserto contro centinaia e centinaia di bambini che buttano la palla verso un cesto. Gironzolando mi imbatto in un macellaio che mentre prepara la carne da vendere deve stare attento che un cane non gli freghi qualche bistecca; bimbi che litigano e poi fanno la pac   Leggi ►

Il Nord Ovest Argentino - I

Data: 07/08/2012 ARGENTINA Categoria: Diari di Viaggio
Il Nord Ovest Argentino - I
La Cattedrale di Cordoba by night

 1° giorno  Dall’aereoporto di Bologna con volo Iberia raggiungiamo Madrid terminal T4, e visto che la coincidenza per Buenos Aires è per il giorno successivo il servizio Madrid Amigo ci trova una sistemazione con tanto di transfert per l’Hotel. Veniamo assegnati al Senator Espaňa, un favoloso hotel mille stelle in piena Gran Via dove immaginiamo una notte qui costerebbe più che tutte quelle che faremo in Argentina a nostre spese. Madrid è imballata di gente, Plaza Mayor, Puerta del Sol e vie limitrofe sono un pullulare di gente per via delle feste imminenti. Ci sono file alle fermate dei bus impressionanti, così ci giriamo tutto quello che possiamo a piedi alla ricerca di giochi di luci da immortalare fotograficamente che le numerosis   Leggi ►

Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte III

Data: 20/07/2012 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte III
Body painting al fiume Magalogne - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 6° giorno - Body painting Oggi si gira a piedi, visitando i villaggi nei dintorni di Benchagi, accompagnati da una scorta armata. Dopo aver attraversato una foresta dove vi sono dipinti Suri sulle rocce nel sentiero, giungiamo al fiume Magalogne dove i locali si recano per diversi motivi. Innanzitutto vi portano le bestie ad abbeverarsi ma anche, cosa che non fanno altrove, usano l'acqua, che ha delle proprietà dovute a qualche fenomeno di tipo vulcanico, per purificarsi l'intestino: bevono a grandi sorsi, usando delle calebasse, e poi attendono che, dopo pochi minuti, l'acqua sortisca l'effetto desiderato e vomitano. L'altro utilizzo è la pittura del corpo, che gli uomini effettuano spalmandosi del fango che poi disegnano fintanto che &egra   Leggi ►

La Via della Seta, Uzbekistan - Parte III (fine)

Data: 06/07/2012 UZBEKISTAN Categoria: Diari di Viaggio
La Via della Seta, Uzbekistan - Parte III (fine)
Le mura di Khiva - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 7° - Bioritmi opposti Colazione in una spettacolare stanza cesellata di nicchie di tutte le fogge e anche qui squisite marmellate fresche e altre golosità di questa terra che regala frutta e verdure deliziose, oltre a uova, affettati ed altre più palesi concessioni ai gusti occidentali. La guida è puntuale e cominciamo il giro dei tanti siti storici della città, nonostante qualche problema di stomaco (lo so quello che state pensando, ma non può essere colpa del gelato!) mi infiacchisca non poco. Il giro comincia dal tozzo ma allo stesso tempo raffinato mausoleo Ismail Samani, uno degli edifici più antichi della città essendo stato costruito nel 905. La sua peculiarità consiste nell'elaborata muratura in mattoni   Leggi ►

La Cina delle minoranze etniche - Parte II

Data: 25/06/2012 CINA Categoria: Diari di Viaggio
La Cina delle minoranze etniche - Parte II
Vecchio Yao - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 4° giorno - Stupende terrazze La sveglia è suonata puntuale per essere pronto all'alba ma fuori è ancora piuttosto buio: tutto coperto di nuvole. Esco ugualmente e comincio la ricerca degli angoli migliori da immortalare. Oltre al sole che esita a fare il suo lavoro, c'è qualcos'altro che gioca a mio sfavore: a metà aprile le risaie dovrebbero essere tutte colme d'acqua, offrendo un ulteriore elemento di spettacolarizzazione alle fotografie, ma questo inverno è stato particolarmente siccitoso e solo con le pioggie di aprile le risaie si stanno colmando d'acqua. Peccato, ma visto da quassù il paesaggio è ugualmente maestoso e mi rincuoro pensando che, se ci fosse il sole, non ci sarebbero quelle nuvolette bi   Leggi ►

Argentina e Cile - IV

Data: 09/06/2012 ARGENTINA - CILE Categoria: Diari di Viaggio
Argentina e Cile - IV
Il Perito Moreno

 25° giorno Con Caltur andiamo a El Chalten, percorso prevalentemente su strada sterrata (ma stanno costruendo quella nuova presumibilmente asfaltata). Il viaggio dura sulle 5 ore. Prima di entrare in paese ci si ferma presso i guardiaparco per le istruzioni comportamentali. Il paesino è già all’interno del parco e bisogna atteneresi scrupolosamente al regolamento. El Chalten è sorto negli ultimi 15 anni, base privilegiata per le ascensioni al Fitz Roy e al Cerro Torre, le 2 montagne simbolo della Patagonia. Una volta lasciati gli zaini presso il nostro hostal ci dirigiamo verso la fine del paese dove parte il sentiero che porta verso il Fitz Roy. Un giro di 11km permette di arrivare ad uno splendido mirandor e di rientrare costeggiando la laguna Capri.   Leggi ►

Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte II

Data: 06/06/2012 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte II
Donna Surma con piattello labiale - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 4° giorno - Problemi logistici Visitiamo la piantagione di caffè di Bebeka. Le piante che danno il prezioso chicco sono piccole ma gradiscono l'ombra e quindi sono circondate da verdi giganti, il paesaggio è umido ma ugualmente gradevole. Ci dirigiamo a sud e comincia la parte più interessante del viaggio. D'ora in avanti, e fino all'attraversamento del fiume Omo, si potrà solo campeggiare. Entriamo in territori sempre meno frequentati, siamo a meno di 10 km dal confine col Sudan e, anche se non li distinguiamo, in questi villaggi ci sono diversi profughi provenienti da quella sfortunata terra. Passiamo dal villaggio di Kuja, a maggioranza Menit, e da Dima, abitato dagli Anuak. Questi ultimi mostrano già diverse di quelle caratt   Leggi ►

La Via della Seta, Uzbekistan - Parte II

Data: 18/05/2012 UZBEKISTAN Categoria: Diari di Viaggio
 La Via della Seta, Uzbekistan - Parte II
Il Mausoleo Gur-e-Amir dedicato a Tamerlano - Archivio Fotografico Pianeta Gaia

 4° giorno - Samarkanda La guida ci prende in consegna al mattino e ci porta subito allo Shah-i-Zinda, che significa "Tomba del Re Vivente". In realtà è un susseguirsi di mausolei, uno più bello dell'altro, lungo uno stretto asse centrale. L'edificio più delizioso è il mausoleo di Shodi Mulk Oko, dedicato ad una sorella e una nipote di Tamerlano, decorato da splendide piastrelle di maiolica talmente ancora perfette da aver necessitato solo in minima parte di quel restauro, a volte fin troppo aggressivo e discutibile, a cui sono stati sottoposti molti monumenti uzbeki. Spostandoci a piedi attraversiamo il bazar, meno vasto di quello di Tashkent ma non meno fornito di leccornie di ogni foggia e colore, apprezziamo il pan   Leggi ►

Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte I

Data: 02/04/2012 ETIOPIA Categoria: Diari di Viaggio
Nella Valle dell'Omo, Etiopia - Parte I
Al ritorno dal mercato - Archivio Fotografio Pianeta Gaia

 1° giorno Partenza il 16 ottobre 2010, voli Bologna-Francoforte e Francoforte-Addis Ababa, con decollo ritardato di mezz'ora perché, quando stavamo per imboccare la pista, una spia non si spegneva e i piloti hanno chiamato i tecnici per i controlli del caso al mezzo. Arrivo nella capitale etiope, so che l'aeroporto è ad appena 5 km dalla città e quindi il taxi non dovrebbe costare molto. Sbrigo le formalità (il visto si ottiene in entrata, pagando 17 euro) e prenoto il taxi, nell'apposito sportello, dove mi dicono che per andare al mio alberghetto si pagano 160 birr (al cambio circa 7 euro). Salgo sul taxi e dopo aver percorso circa 100 metri mi ricordo che la guida consigliava di mettersi d'accordo in anticipo, per evitare incompr   Leggi ►

Argentina e Cile - II

Data: 22/03/2012 ARGENTINA - CILE Categoria: Diari di Viaggio
Argentina e Cile - II
Le abitazioni su palafitte di Castro, Isola di Chiloè

 9° giorno  Con l’organizzazione di Miguel “descansa”Angel procediamo ad un giro dell’isola verso il P.N. e presso alcune delle più antiche chiese in legno dell’isola (si parla siano 150, patrimonio mondiale decretato dall’Unesco). Prima tappa a Nercon, poi Chonchi dove possiamo fermarci anche al museo del paese (ricostruzione di una tipica casa chilote). Da qui partiamo per il parco con sosta a Cucao, ennesima chiesa in legno e visita al cimitero che è la riproduzione del paese, con vie, chiese e case, proprio come fosse luogo di vita. Il P.N. non è niente di più che un insieme di alberi ed erbacce, molto più spettacolare si rivela la spiaggia dei fossili con l’oceano che fa la voce grossa. Miguel h   Leggi ►

Argentina e Cile - I

Data: 12/03/2012 ARGENTINA - CILE Categoria: Diari di Viaggio
Argentina e Cile - I
Il vulcano Osorno visto dai salti di Petrohuè

 Introduzione Il viaggio si è svolto tra dicembre 2005 e gennaio 2006, all’inizio dell’estate australe, il periodo migliore per visitare il sud del continente americano. Il tempo è al suo meglio e le vacanze dei cileni e degli argentini non sono ancora iniziate (vanno indicativamente da metà gennaio a fine febbraio). In entrambi i paesi tutto è molto pratico, semplice e di facile accesso ai viaggiatori, purtroppo l’emergente e rampante economia cilena fa sì che i prezzi si stiano alzando in maniera spaventosa (in un anno il peso si è rivalutato del 25% sull’euro), mentre in Argentina più si risale più i prezzi diventano bassi. I collegamenti sono sempre ottimi, ma per scendere il Cile (in corrisp   Leggi ►

Polinesia e Nuova Zelanda, di Marco e Manuela

Data: 24/01/2012 POLINESIA FRANCESE - NUOVA ZELANDA Categoria: Gli Sposi Raccontano
Polinesia e Nuova Zelanda, di Marco e Manuela
Vista dalla hall

DESTINAZIONE: Polinesia e Nuova Zelanda NOME AUTORI: Marco e Manuela COME E PERCHÉ LA SCELTA DI QUESTO ITINERARIO PER IL VIAGGIO DI NOZZEAvevamo deciso che l’occasione di un bel viaggio, di quelli che raramente si rifanno, era da abbinare ai mondiali di canottaggio in Nuova Zelanda dove mio fratello avrebbe gareggiato. Abbiamo chiesto un po' in giro e ci hanno consigliato Pianeta Gaia per organizzare il viaggio che, essendo Luna di miele, avrebbe fatto anche da Lista Nozze. Ed allora eccoci che con gli amici di Pianeta Gaia organizziamo il tutto, con tutte le attenzioni del caso a location, voli e… budget.  Scegliamo di abbinare alla Nuova Zelanda la Polinesia; era la tappa ideale per ottimizzare voli e costi e, oltretutto, è un parad   Leggi ►

Polinesia e Stati Uniti, di Eva e Danilo

Data: 07/11/2011 POLINESIA FRANCESE - STATI UNITI (USA) Categoria: Gli Sposi Raccontano
Polinesia e Stati Uniti, di Eva e Danilo
San Francisco: il Golden Gate

 DESTINAZIONE: San Francisco - Bora Bora - Tahaa - Papeete - Los Angeles DATA DEL VIAGGIO: dal 12 settembre al 30 settembre 2011 AUTORI: Eva & Danilo COME E PERCHÈ LA SCELTALa California è stata scelta perché non siamo mai stati negli USA e per spezzare un po’ le ore di volo dall’Italia alla Polinesia. L’agenzia ci ha supportato molto in tutta la fase di organizzazione e preparativi della nostra luna di miele, consigliandoci anche su che cosa andare a vedere e fare durante il viaggio. Informazioni che ci sono state molto utili. San Francisco: il Golden Gate LE PARTI PIÙ EMOZIONANTI DEL VIAGGIO... ED EVENTUALI INTOPPILa parte più emozionante del viaggio è certamente la Polinesia, oltre a Bora Bora   Leggi ►

Sud Africa e Zimbabwe, di Stefania e Luca

Data: 21/10/2011 SUDAFRICA - ZIMBABWE Categoria: Gli Sposi Raccontano
Sud Africa e Zimbabwe, di Stefania e Luca

DESTINAZIONE: Sud Africa e Zimbabwe DATA DEL VIAGGIO: 07/21 settembre 2011 AUTORI: Stefania&Luca COME E PERCHÉ LA SCELTA:“Chi segue gli altri non arriva mai primo” – scritta sulla lattina del Chinotto. La maggior parte dei viaggi di nozze sono a New York, in Australia o in qualche paradiso tropicale. Noi siamo una coppia un po’ atipica. Quello che fanno tutti… noi lo evitiamo come la peste bubbonica. Volevamo vedere l’Africa, non ci eravamo mai stati, avevamo sempre visto foto bellissime. Nella nostra vita di coppia c’è il fotografo [Luca] e l’assistente fotografa [Stefania] che con la scusa di aiutarlo con l’attrezzatura ne approfitta per seguirlo in capo al mondo. E questa volta possiamo veramente dir   Leggi ►

Mappa Climatica

ad ogni stagione il suo viaggio

archivio articoli

arrow_drop_up