menu

BLOG

HOME

Sud Africa e Zimbabwe, di Stefania e Luca

Data: 21/10/2011 SUDAFRICA - ZIMBABWE Categoria: Gli Sposi Raccontano

DESTINAZIONE: Sud Africa e Zimbabwe

 

DATA DEL VIAGGIO: 07/21 settembre 2011

 

AUTORI: Stefania&Luca

 

COME E PERCHÉ LA SCELTA:

Chi segue gli altri non arriva mai primo” – scritta sulla lattina del Chinotto. La maggior parte dei viaggi di nozze sono a New York, in Australia o in qualche paradiso tropicale. Noi siamo una coppia un po’ atipica. Quello che fanno tutti… noi lo evitiamo come la peste bubbonica. Volevamo vedere l’Africa, non ci eravamo mai stati, avevamo sempre visto foto bellissime. Nella nostra vita di coppia c’è il fotografo [Luca] e l’assistente fotografa [Stefania] che con la scusa di aiutarlo con l’attrezzatura ne approfitta per seguirlo in capo al mondo. E questa volta possiamo veramente dire di essere andati in capo al mondo… il Capo di Buona Speranza!!!

 

 

Ma tutto inizia una dozzina di mesi fa quando dopo aver deciso di sposarci abbiamo anche iniziato a pensare al viaggio di nozze; sinceramente eravamo un po’ indecisi. Il flash l’ha avuto Stefania che, mentre zigzagava per la fiera IdeaSposi, ha incontrato Lucia la quale gli ha parlato dell’Africa con toni entusiasti al punto da emozionarla e convincerla.

 

PianetaGaia ci ha supportato nelle nostre scelte che come al solito non erano le classiche. Ok per la prima settimana nei dintorni di CapeTown ma poi non volevamo il solito Kruger. Ad un certo punto ci hanno proposto, oltre al Sud Africa, lo Zimbabwe. Nessuno prima di noi era stato in luna di miele in Zimbabwe. Ricordando la scritta riportata sulla lattina del Chinotto abbiamo accettato. È stato un viaggio fantastico. Indimenticabile!

 

LE PARTI PIÙ EMOZIONANTI DEL VIAGGIO... E EVENTUALI INTOPPI

Le balene ad Hermanus, il faro di Cape Good Hope, regalare un sorriso ad un ‘senzatetto’ di Cape Town [grazie Maie&Betta]… Il Sud Africa è bello ma è troppo verde, troppo europeo e troppo… bianco.

 

Ci ha invece emozionato lo Zimbabwe… tutto. Il nostro cuore è rimasto là. Tutto lo Zimbabwe è stato un crescendo di emozioni. Impossibile riassumerle in poche righe. Lo Zimbabwe è quello che volevamo veramente vedere… e i ragazzi del Sikumi Tree Lodge sono gente speciale. Con loro abbiamo provato l’emozione di conoscere gente nuova e affezionarci a loro, il piacere di essere trattati come se fossimo membri di una famiglia. Loro sono stati il punto di non ritorno per farci innamorare di quella terra. Dove speriamo di riuscire a tornare al più presto!!! We love Zimb!!!

 

ASSOLUTAMENTE DA NON DIMENTICARE

In Zimbabwe abbiamo trovato quello che cercavamo veramente, l’Africa vera con tutti i suoi ‘pro’ e i suoi ‘contro’. Non il Sud Africa dei bianchi che girano in Lamborghini e dei neri che fanno i lavori più umili, non il Sud Africa dei bianchi che vivono sulla collina ‘in’ e dei neri che vivono su 21 km di downship ai lati dell’autostrada che porta a CapeTown, non il Sud Africa degli estremi opposti di cui, guarda caso, tutte le guide cartacee si dimenticano di raccontare.

 

 

 

Noi cercavamo l’Africa vera, quella dei bambini che ti corrono incontro per salutarti, l’Africa della gente che sorride anche se vive senza acqua né luce e probabilmente è pure analfabeta ma che in pochi istanti può insegnarti più di tanti docenti universitari. L’Africa dove finalmente ci siamo sentiti puntini bianchi in un universo nero ma dove, al contrario di ciò che ci avevano pronosticato, siamo stati accolti con un affetto che raramente nella tanto civile [sarà poi tanto civile?] Europa ci è capitato di sentire. Tutto questo l’abbiamo trovato in Zimbabwe.

 

Il nostro personale consiglio, al ritorno da questo viaggio, potrebbe essere: se cercate un viaggio di relax, un viaggio semplice allora Maldive e New York sono la scelta giusta. Ma se state cercando qualcosa che vi lasci ricordi profondi come cicatrici e belli come il sorriso di un bambino andate in Zimbabwe.

 

Non sarà un viaggio semplice, non sarà un viaggio rilassante ma forse capiterà anche a Voi [come a noi] di piangere come bambini all’imbarco del Victoria Falls Airport… e vi accorgerete che il ‘mal d’Africa’ esiste.

 

Stefania e Luca

 

Nota di Pianeta Gaia: Non pensate che sia finita qui. Cliccando qui entrate nel sito in cui Stefania e Luca vi raccontano dettagliatamente il loro viaggio, giorno per giorno, corredando il tutto con una lunga serie di stupende fotografie. E se ve lo diciamo noi che di foto di viaggio ne abbiamo viste tante, fidatevi...



 

Pianeta Gaia - Viaggiatori per Passione

Lascia un commento - Richiedi informazioni



Mappa Climatica

ad ogni stagione il suo viaggio

archivio articoli

arrow_drop_up